Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE ARTICOLI

Schegge di Umbria Jazz 2000
Perugia, luglio 2000
di Vito Mancino
vitous@jazzitalia.net

Non ero mai stato prima ad Umbria Jazz (Uj). 
Spesso ci si fa trattenere dalle voci che circolano qua e là e che dicono che Uj è ormai una manifestazione prettamente commerciale. C'è del vero in questo: in quei giorni a Perugia tutto è un pretesto per far soldi, seminari e clinics comprese (a mio parere).
Tuttavia ho assistito a molti concerti di alto livello e mi viene il dubbio che chi mette in giro queste voci faccia un po' come la famosa volpe che non riesce ad arrivare all'uva…

L'Italia è piena, d'estate, di festival di musica jazz o sedicente tale che spesso lasciano l'amaro in bocca: vai lì per ascoltare il jazz e ti accorgi che stai ascoltando tutto tranne che quella musica. A Uj almeno si ascolta jazz.

I
l primo concerto cui ho assistito però sembrava dare ragione ai detrattori della manifestazione a dire il vero. Si trattava del progetto Vento di
Barbara Casini ed Enrico Rava inciso diversi mesi fa dalla francese Label Bleu .

Quella di UJ 2000 era in pratica l'anteprima live del disco e devo dire che si vedeva. Tutti i musicisti, la Casini compresa, che forse era tra tutti il nome meno noto al pubblico del jazz, erano dei validissimi artisti da cui ci si sarebbero aspettati fuochi d'artificio e invece ciò che si percepiva era fondamentalmente tensione. Soprattutto devo dire da parte della Casini mentre Rava spesso interveniva al microfono per sdrammatizzare migliorando non so quanto le cose.


L'orchestra sinfonica che accompagnava il quintetto, diretta da
Paolo Silvestri, autore peraltro di tutti gli arrangiamenti, sembrava completamente distaccata dal gruppo dei cinque contribuendo ancora di più a trasmettere al pubblico una sensazione di scarso affiatamento. 

L
'impressione che avevo mentre ascoltavo le pur gradevolissime canzoni in portoghese (tutti brani originali) era di essere ad un party di lusso in una villa di qualche straricco Americano o su una nave da crociera dove c'è il complesso che suona, e anche bene, ma è ovvio che non è quello che monopolizza la tua attenzione.

La seconda parte del concerto ha visto il quintetto di Rava supportato da un organico sinfonico ancora più ampio sempre diretto da Paolo Silvestri e infoltito, nella sezione fiati, da alcuni validissimi musicisti prettamente jazz quali il giovane
Daniele Scannapieco.
E qui, devo dire, le cose hanno iniziato a funzionare meglio. Un musicista su tutti merita a mio parere un particolare encomio:
Stefano Bollani che ha saputo in tutti i suoi interventi, dall'accompagnamento all'assolo, dare un tocco di puro genio alla musica che si creava sul palco.
Le canzoni di Battisti, cui era dedicato il concerto, sono molto difficili da rendere godibili in chiave jazzistica (e infatti a volte gli sforzi d'arrangiamento ed esecuzione non erano sufficienti a mascherare qualche momento banale) ma la bellezza pura che Bollani ha tirato fuori dal pianoforte in maniera peraltro così naturale e spontanea ha toccato sia il pubblico esperto che quello, per così dire, meno preparato.
Bravi anche tutti gli altri del quintetto e i musicisti jazz nelle retrovie che hanno dato una scossa alla sezione fiati dell'orchestra che a più riprese, nella parte iniziale, perdeva colpi. Al gruppo si è unito in seconda battuta Roberto Cecchetto che però non ha offerto una delle sue migliori prestazioni a mio personalissimo parere.
Ultima nota di cronaca la presenza di un Mogol visibilmente emozionato ed applauditissimo (scena misto Stranamore-Carramba che sorpresa).

Il giorno dopo è stata la volta del quartetto di
Rosario Giuliani che ormai è una certezza del jazz italiano. 

Tutti i brani suonati erano originali e i quattro musicisti li hanno eseguiti con maestria e disinvoltura degne dei più navigati musicisti di jazz nonostante la loro giovane età. Il leader si divertiva a scherzare col pubblico del teatro Morlacchi (che alle 12 di mattina non era proprio numerosissimo) contribuendo così a creare quasi un'atmosfera da club sempre graditissima agli appassionati del genere.

Non c'è che dire, Giuliani è un portento e rispetto solo all'anno scorso, quando ho avuto modo di ascoltarlo più volte, mi sembra anche molto maturato musicalmente: le sue frasi sono più corpose, più ricche di significati, spesso allusive e divertenti. E poi mi pare che stia imparando a frenare, per il bene della sua stessa musica, l'impeto tecnico che era in precedenza forse l'unico piccolo neo che si scorgeva nelle sue esecuzioni. 
Un bel concerto senza ombra di dubbio.

La sera dello stesso giorno c'era il quintetto di
Dave Holland. Che lezione di musica ragazzi! E' venuto giù il teatro dagli applausi.
Se qualcuno ha voglia di intendere in maniera immediata (nel senso letterale del termine cioè senza mediazione ossia senza che nessun insegnante o libro glielo spieghi) cosa s'intende per interplay basta che si procuri un biglietto per il concerto di questi cinque alieni.

Anche qui i pezzi del repertorio erano tutti originali, tratti dai due dischi incisi dal quintetto. La disinvoltura e il divertimento che si percepivano e sul palco e nella loro musica sono state ancora una volta le componenti più entusiasmanti. In particolare il batterista
Billy Kilson giocava con i ritmi divertendosi come un bambino con i Lego lasciando il pubblico con gli occhi (e le orecchie) fuori dalle orbite e divertendo il leader che a sua volta rispondeva con degli assolo magistrali caratterizzati dall'adorabile ed inconfondibile suono del suo contrabbasso.

Steve Nelson, singolare vibrafonista, è quello che potremmo definire il rifinitore del gruppo, il classico elemento che suona quelle poche note ma sempre al momento giusto. Discreto e veramente molto molto efficace.
Che dire poi dei due fiati.
Chris Potter alternava i tre sassofoni come se nulla fosse dimostrando una versatilità a dir poco invidiabile e costruendo su ognuno di essi delle frasi magistrali che confluivano in memorabili assolo fiume. Il tutto sempre senza scomporsi, con l'aria da ragazzone americano per bene che ha appena finito di studiare al college. Robin Eubanks gli stava dietro passandogli la palla e riprendendosela di tanto in tanto per il diletto del pubblico che ha visto più che ripagate le 30 mila circa del biglietto. 
Indimenticabile.

Successivamente ho assistito al concerto del quintetto
Boltro - Di Battista, gruppo che già conoscevo e del quale avevo già ricevuto un'ottima impressione in precedenza.

Il concerto non ha certamente smentito le mie aspettative. Quasi tutti pezzi originali, spaventosa maestria di Di Battista soprattutto al contralto che mi ha deluso solo in un momento.
Prima di eseguire il celebre
Stars fell on Alabama il saxofonista ha eseguito un assolo introduttivo al pezzo senza l'accompagnamento di altri strumenti. Ebbene la cosa mi è sembrata sterile. Il solo non era particolarmente bello né tanto meno si può dire che Di Battista lo abbia chiuso in maniera magistrale. E' stato un peccato perché il concerto, altrimenti godibilissimo, è stato un po' macchiato da questo episodio. A mio parere s'intende. 

Godibili anche le scenette che Di Battista ha imbastito con la collaborazione del pubblico quando alla richiesta del bis da parte di quest'ultimo ha invitato la platea a ripetere alcune frasi bop alla Parker (che lui suonava al sax) rendendole ogni volta più difficili fino all'impossibile.

Ultimo concerto è stato quello del quartetto di
Pietro Tonolo.
Non mi è piaciuto. Inutile star lì a cercare perifrasi.

Certo Tonolo è considerato a ragione tra i migliori se non il migliore saxofonista italiano e questo è un fatto. 
Tuttavia il concerto di UJ come altri che ho visto di Tonolo è stato glaciale. Già lo so che mi si dirà che sono io che non capisco e bla bla bla. Sarà, ma io credo che se uno suona un'ora (poco più in realtà) e non concede neanche un bis pur richiesto, già si pone male nei confronti del pubblico.

Per carità, i musicisti che lo accompagnavano erano fior di professionisti a partire dallo stesso
Leveratto e le musiche pure interessanti seppur nulla o quasi avessero a che fare col jazz ma non so se vi è mai capitato di andare a sentire un concerto, di ascoltarlo con attenzione...poi il concerto finisce quasi senza che ve ne accorgiate e vi ritrovate in strada senza avere idea di come siano trascorse l'ora o le due ore precedenti. Boh, tabula rasa. 
Q
uesto a me è parso. 
Invito ovviamente chiunque, com'è nello spirito del sito, a dire la propria su questo concerto e anche su tutti gli altri.

Un ultimo consiglio: se andate a UJ non perdetevi le session che si tengono nei club durante la notte. Al
Contrappunto per intenderci e simili…

Quest'anno c'era il gruppo di
Joe Locke che veniva raggiunto di volta in volta dai vari Giuliani, Scannapieco, lo stesso Boltro. Per qualche ora (in media da mezzanotte alle tre-quattro del mattino) vi sembrerà di essere a New York City.

Ultima nota extramusicale: ho comprato i biglietti via Internet dal sito partner di UJ (
www.leonidaniele.it). 
Ben fatto, ottima la presenza della piantina, efficiente e veloce. Grandissimo neo: possibile che il biglietto del Frontone sul posto costa 35.000 e io ho pagato 44.000? Novemila lire su trentacinquemila è più del 25%. E non è finita: i biglietti dei concerti al Pavone e alcuni al Morlacchi costavano sul posto 15.000, altri 17.000. Ebbene sia gli uni che gli altri (15 o 17 insomma) alla fine on line venivano a costare 24.000 lire. Su quelli da 15 la commissione e la prevendita ammontano al 62%. Avete letto bene.

Dunque, a parte i concerti grossi, se vivete in una città "sfigata" come me che abito a Trento in cui non troverete nessun altro mezzo per prenotare i biglietti in anticipo che non sia il web, a parte i concerti importanti dicevo, andate pure tranquilli e comprateli lì che nel pomeriggio i teatri sono mezzi vuoti.

Vito Mancino

Formazioni ascoltate


Enrico Rava-Barbara Casini "Vento"
Enrico Rava tromba
Barbara casini voce
Giovanni Tommaso contrabbasso
Stefano Bollani pianoforte
Roberto Gatto batteria
Orchestra filarmonica fondazione Arturo Toscanini
Arr. e dir. Paolo Silvestri


Enrico Rava "Si viaggiare"
Enrico Rava tromba
Giovanni Tommaso contrabbasso
Stefano Bollani pianoforte
Roberto Gatto batteria
Giampaolo Casati tromba
Mike Applebaum t romba
Luca Begonia trombone
Beppe Caruso trombone
Claudio Allifranchini flauto
Achille Succi clarinetto
Daniele Scannapieco clarinetto
Roberto Cecchetto chitarra
Orchestra filarmonica fondazione Arturo Toscanini
Arr. e dir. Paolo Silvestri


Rosari Giuliani Quartetto
Rosario Giuliani sax alto
Pietro Lussu piano
Pietro Ciancaglini contrabbasso
Lorenzo Tucci batteria

Dave Holland Quintet
Dave Holland contrabbasso
Robin Eubanks trombone
Chris Potter sassofoni
Steve Nelson vibrafono
Billy Kilson batteria

Di Battista - Boltro Quintetto
Stefano Di Battista sax alto
Flavio Boltro tromba
Eric Legnini piano
Rosario Bonaccorso contrabbasso
Bendami Henocq batteria

Pietro Tonolo Quartetto
Pietro Tonolo sassofoni
Bebo Ferra chitarra
Luciano Titi fisarmonica
Pietro Leveratto contrabbasso

Joe Locke quartet
Joe Locke vibrafono
David Hazeltine piano
Essiet Essiet contrabbasso
Tony Reedus batteria





Articoli correlati:
23/07/2017

Umbria Jazz 2017: "...una inversione di tendenza rispetto alle ultime edizioni: meno rock e pop e più jazz e, con Shorter, abbiamo assistito ad uno dei concerti più belli della storia del festival e probabilmente una delle punte più alte della musica afro-americana (jazz e accademica) contemporanea." (Aldo Gianolio)

09/07/2017

Sì della Camera alla "Legge Umbria Jazz": Il Festival avrà un contributo annuo di 1 milione di euro. La nota del Vice Presidente della Fondazione UJ, Stefano Mazzoni

19/06/2016

Lo sviluppo dell'organizzazione concertistica e dei festival jazz dagli anni ottanta ad oggi (prima parte): "Affaire spinoso quello della memoria concertistica e festivaliera del jazz in Italia, perchè la confusione e le gesta leggendarie la fanno da padrone..." (Alceste Ayroldi)

21/09/2014

Umbria Jazz 2014: "In quest'edizione non c'è stato spazio solo per il jazz, ma ogni serata è stata dedicata ad un genere diverso: Funk & Soul Night, Jazz & Brasil Night, Hip hop & Soul Night, New Orleans Night, Piano Night, Ladies night e persino una serata solo per la dance music." (Giusy Casanova)

21/09/2014

Franco Cerri meets Umbria Jazz Clinics 2014: "Il racconto del chitarrista italiano ha incantato gli studenti per la semplicità di comunicazione da lui utilizzata, nonostante la sua grandezza artistica, ma soprattutto perchè ambientato in un periodo lontano da noi, pre e post seconda guerra mondiale..." (Giusy Casanova)

27/10/2013

Umbria Jazz Clinics 2013: 16 anni, partecipare con emozione alle Clinics di Umbria Jazz e portarsi dentro qualcosa che costituirà un ricordo tangibile nel tempo. Racconto di un'esperienza attraverso gli occhi dell'allieva Alessandra Caradonio.

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #1: Chick Corea, Stefano Bollani, Herbie Hancock, John Scofield, Joe Lovano, Esperanza Spalding, Al Jarreau, Paolo Fresu...(Pierfrancesco Falbo)

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #2: Pat Metheny, Sonny Rollins, Wayne Shorter, Ambrose Akinmusire, Lydian Sound Orchestra, Ryan Truesdell Eastman Jazz Orchestra, Kenny Barron, Mulgrew Miller, Eric Reed & Benny Green, Sting...(Daniela Floris)

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

25/07/2010

Due week end ad Umbria Jazz: viaggio per parole ed immagini. Daniela Crevena e Daniela Floris, "l'una fotografando l'altra prendendo spasmodicamente appunti durante ore e ore di musica dal vivo", raccontano due week end ad Umbria Jazz: "Sono stati due week end in cui abbiamo viaggiato tra grandi nomi all'Arena Santa Giuliana, incredibili batteristi, pianisti, sassofonisti, trombettisti, straordinarie voci femminili e personaggi leggendari come Sonny Rollins e Ron Carter, che sono il jazz e che hanno talmente emozionato con la loro musica da farci uscire anche qualche lacrima..." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

25/08/2009

Italian Lessons (Mirko Guerrini) - Dario Gentili

04/08/2009

Da Umbria Jazz 2009: Guinga "Dialetto Carioca" con Gabriele Mirabassi & Lula Galvao; Gianluca Petrella Cosmic Band con Paolo Fresu: cronaca di una rivoluzione Jazz; Chick Corea & Stefano Bollani Duet; Richard Galliano Quartet Feat. Gonzalo Rubalcaba, Richard Bona, Clarence Penn (Enrico Bianchi)

30/07/2008

Bollani "Carioca" e Caetano Veloso: maravilhosa poesia. "Corpo e cuore nel concerto che ha incantato il pubblico dell'Arena Santa Giuliana di Perugia. Stefano Bollani e i componenti del progetto "Carioca" hanno letteralmente elettrizzato i numerosi spettatori mentre Caetano Veloso ha affascinato mettendo insieme poesia e musica." (Enrico Bianchi)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

03/01/2008

Umbria Jazz Winter #15, l'anno del Jazz Made in Italy: "Oltre 60 concerti a pagamento e circa 50 ad ingresso libero, 12 mila le presenze paganti, 165 mila euro gli incassi ai botteghini, 65 mila le presenze complessive, 180 artisti, 80 persone di staff, 25 tecnici, 50 unità di servizio e 210 le persone direttamente impegnate nella organizzazione del festival..." (Marcello Migliosi)

02/07/2007

Diretta da Umbria Jazz. In tempo reale tutti i resoconti e le foto degli eventi della prestigiosa manifestazione. (Marcello Migliosi)

17/02/2007

Lionel Hampton, con tutta la sua energia, insieme alla All Star Big Band e con la partecipazione straordinaria di Dizzy Gillespie, galvanizza il cielo di Perugia nell'edizione 1978 di Umbria Jazz. (Paolo La Farina)

09/02/2007

Umbria Jazz Winter: "La quattordicesima edizione di Umbria Jazz Winter è stata contrassegnata dall'incontro tra il jazz e la canzone d'autore: un binomio che molti anni fa negli Stati Uniti ha prodotti quei famosissimi standards su cui i jazzisti di tutto il mondo continuano ancora oggi ad improvvisare. Questo "fenomeno" ha raggiunto ormai da anni anche nel nostro paese, ed ha contribuito a rafforzare un'identità troppo spesso condizionata dagli stereotipi d'oltre oceano." (Marco De Masi)

29/10/2006

Intervista a Claudio Filippini: "Sono un grande amante del repertorio contemporaneo, quello che va da fine ‘800 in poi, come ad esempio Ravel e Debussy. Poi ovviamente tutta la storia del jazz ha fatto il resto, ma non vorrei tralasciare che sono un fanatico del rock inglese!" (Alberto Francavilla)

18/09/2006

Brad Mehldau, Wayne Shorter, Chick Corea, Ron Carter: ad Umbria Jazz 2006 quattro concerti dove il jazz si è espresso ad altissimi livelli...(Alberto Francavilla)

01/09/2006

"Linguaggio Universale" , la gallery di Francesco Truono su Umbria Jazz 2006.

16/08/2006

Intervista ad Edmar Castaneda: "Sicuramente non è stato facile emergere, vincere lo scetticismo iniziale anche di molti colleghi, ma alla fine ce l'ho fatta. Per me è stato molto importante, inoltre, suonare in un ambiente stimolante come quello jazzistico, e contemporaneamente poter recuperare le mie origini." (Alberto Francavilla)

23/07/2006

Umbria Jazz 2006: le foto e i concerti del più grande festival internazionale (Marcello Migliosi)

15/07/2006

" La Gente del Jazz" , direttamente da Umbria Jazz 2006, una inconsueta gallery. (Francesco Truono)

14/07/2006

La gallery di Umbria Jazz 2006 di Alessia Scali.

11/03/2006

Cafiso, Soweto, Locke...altra gallery di Umbria Jazz Winter (Giorgio Alto)

05/03/2006

Umbria Jazz Winter #13: "Un festival importante, quello di quest'anno, dove hanno trovato spazio musicisti affermati come John Scofield e Bireli Lagrene, ma anche giovani promesse del jazz mondiale come il pianista americano Robert Glasper e gli inglesi Soweto Kinch..." (Marco De Masi)

05/03/2006

Gallery di Umbria Jazz Winter (Francesco Truono)

25/02/2006

Gallery di Umbria Jazz Winter (Elisa Caldana)

08/02/2006

Le foto di Orvieto Jazz Winter 2005 (Daniela Crevena)

15/01/2006

Gallery di Edmar Castenada Trio ad Orvieto Winter (Francesco Truono)

21/09/2005

Tornano insieme i Doctor 3 al Morlacchi in occasione di Umbria Jazz 2005: "...delle loro esibizioni dal vivo s'era davvero sentita la mancanza, l'unico commento che sembra opportuno esprimere è un semplicissimo e benaugurante: bentornati!" (Antonio Terzo)

16/09/2005

Intervista a Francesco Cafiso, l'enfant prodige che vuole crescere: "...Fino ad adesso è stato tutto naturale, senza alcuna forzatura, sia musicalmente che per quanto riguarda la partecipazione ai festival: spero che proceda così..." (Antonio Terzo)

09/09/2005

I Mostri Sacri: Oscar Peterson, Jim Hall e Roy Haynes infiammano l'edizione 2005 di Umbria Jazz...(Antonio Terzo)

01/09/2005

Cassandra Wilson e Terence Blanchard a Umbria Jazz 2005: "Fra i concerti più attesi dell'intera rassegna perugina, è stato anche quello più provato dal maltempo ..." (Antonio Terzo)

28/08/2005

"Ciò che la guerra ha distrutto la musica cerca di ricostruire, passando per il linguaggio, universale della musica...della musica nera! Umbria Jazz, balcanic windows against racism ha preso ufficialmente il via a Belgrado" (Marcello Migliosi)

27/08/2005

Tutta dedicata alle voci la giornata dell'11 luglio a Umbria Jazz '05, con un fitto carnet di orari e teatri. Da Lizz Wright a Madeleine Peyroux, da Al Jarreau a George Benson per finire con Peter Cincotti. (Antonio Terzo)

09/08/2005

Il Berklee College Of Music festeggiava quest'anno il suo ventennale di attività all'interno di Umbria Jazz dove dal momento del suo insediamento ha sempre avuto una sua importante funzione.

20/07/2005

Brad Mehldau a Umbria Jazz 2005: "Ormai non nuovo alle soirées perugine, Brad Mehldau riesce comunque ad incantare il pubblico dell'Umbria Jazz, in qualunque combinazione si presenti, in gruppo o da solo..." (Antonio Terzo)

08/07/2005

The best of Blue Note at Umbria Jazz. Con un doppio CD, Umbria Jazz salda la collaborazione con l'etichetta discografica di New York (Marcello Migliosi)

15/04/2005

Umbria Jazz Winter: "...è il pianoforte a dominare la manifestazione, come può testimoniare anche l'evento jazzistico più significativo del Festival: i Duets di solo piano del 2 gennaio al teatro Mancinelli, con protagonisti Brad Mehldau e Danilo Rea prima e Martial Solal e Stefano Bollani poi..." (Dario Gentili)

29/11/2004

Intervista a Rosa Passos: "...Volevo fare anche io quello che sentivo da Joao. Il caso unito alla mia forza di volontà hanno deciso sul mio futuro di artista e con molta umiltà e ammirazione Joao ha continuato ad ispirarmi..." (Vittorio Pio)

02/11/2004

Umbria Jazz 2004: "Il cartellone firmato per "edizione 2004" dall'immarcescibile direttore artistico Carlo Pagnotta è risultato quindi in perfetta coerenza con il nuovo corso generalista, dettato dalla necessità di riempire anche uno spazio molto grande come quello dell'Arena di Santa Giuliana." (Vittorio Pio)

17/10/2004

Enrico Pieranunzi String Project, propone il suo progetto Les Amants inciso per l'Egea nell'ambito di Umbria Jazz 2004: "...Pieranunzi dà tuttavia ancora una volta testimonianza della sua capacità di rendere una raffinata e coinvolgente sintesi fra jazz, senso lirico e coloriture mediterranee con approccio melodico-cameristico che contraddistinguono ormai il suo stile pacato ed intenso al tempo stesso..." (Antonio Terzo)

04/09/2004

Umbria Jazz 2004, una giornata tipo nella famosa kermesse perugina: "...l'impatto è di quelli che non si dimenticano e l'atmosfera trasuda musica da ogni singola pietra, mattone e sanpietrino del capoluogo umbro..." (Antonio Terzo)

18/08/2003

Bilancio da record per Umbria Jazz 2003, che ha festeggiato i suoi trent'anni con un risultato complessivo di circa centomila presenze e un incasso che è andato ben al di là del milione di euro. (Vittorio Pio)

07/08/2001

John Pizzarelli Trio. Perugia, 20 luglio 2001. L'incontro col chitarrista, le foto, il concerto...

01/08/2001

K. Jarrett, G. Peacock, J. DeJohnette: Perugia, 20 luglio 2001

19/07/2000

K. Jarrett, G. Peacock, J. DeJohnette: Perugia, 15 luglio 2000





Video:
Stepping on stars - Joe Locke Rosario Giuliani Dado Moroni (Egea Records-Umbria Jazz)
Spot nuova uscita discografica 2011 "STEPPING ON STARS" J.LOCKE-R.GIULIANI-D.MORONI(EGEA RECORDS-UMBRIAJAZZ) www.egeamusic.comRegistarto dur...
inserito il 24/12/2010  da EgeaRecordsMusic - visualizzazioni: 4250
ROSENBERG TRIO "Melodie au Crepuscule" Umbria Jazz Winter #17 - Orvieto 2010
...
inserito il 14/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2863
ROSENBERG TRIO "Flamingo - Daphne - Babik" (medley) Umbria Jazz Winter #17 Orvieto 2010
...
inserito il 10/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2678
ROSENBERG TRIO "Strange Eyes" Umbria Jazz Winter #17 - Orvieto 2010
...
inserito il 03/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2431
The Rosenberg Trio (100 anni dalla nascita di Django Reinhardt) @ Umbria Jazz Winter #17
...
inserito il 02/01/2010  da umbriajazz2009 - visualizzazioni: 2563
JIM HALL & BILL FRISEL "Owed to Freddie Green" w/ SCOTT COLLEY JOEY BARON - Umbria Jazz Winter #17
JIM HALL - BILL FRISELL QUARTET, feat. SCOTT COLLEY & JOEY BARON in "Owed to Freddie Green", tratto dall'album Hemispheres . Il titolo d...
inserito il 31/12/2009  da nickingos - visualizzazioni: 3563
McCoy Tyner Trio a Umbria Jazz 09
special guest Bill Frisell Teatro Morlacchi - Perugia...
inserito il 19/07/2009  da umbriajazz2009 - visualizzazioni: 2339
Dave Douglas "Brass Ecstasy" a Umbria Jazz 09
Teatro Morlacchi - Perugia...
inserito il 19/07/2009  da umbriajazz2009 - visualizzazioni: 2421
Ahamad Jamal a Umbria Jazz 09
Teatro Morlacchi - Perugia...
inserito il 18/07/2009  da umbriajazz2009 - visualizzazioni: 2264
Stefano Bollani & Enrico Rava @ Umbria Jazz Winter 2008
Stefano Bollani & Enrico Rava @ Umbria Jazz Winter 2008...
inserito il 03/01/2009  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2362
Joe Locke Quartet @ Umbria Jazz Winter 2008
Joe Locke Quartet @ Umbria Jazz Winter 2008...
inserito il 02/01/2009  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2197
Umbria Jazz Festival, Perugia, Italy: sound check w/ Baptiste Trotignon, Greg Hutchinson and Fabrizio Bosso
Perugia Italy, Umbria Jazz: sound check for Stefano Di Battista w/ B. Trotignon, G. Hutchinson & F. Bosso:Perugia, Italy July 2008...
inserito il 22/07/2008  da SHAKTILUV - visualizzazioni: 3182
Intervista a Enrico Rava a Umbriajazz 2008
Intervista a Enrico Rava a Umbriajazz 2008...
inserito il 16/07/2008  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2215
Herbie Hancock a Umbria Jazz 2008
Herbie Hancock a Umbria Jazz 2008...
inserito il 16/07/2008  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2978
Groovinators Umbria jazz 2006
Mother Tongue (Telesforo-Sidran-Peterson) Teatro Pavone di Perugia 13 luglio 2006, Gegè Telesforo vocal, Dario Deidda bass, Alfonso Deidda sax-ke...
inserito il 14/05/2008  da masaboba - visualizzazioni: 2654
Enrico Rava
Enrico Rava torna a Umbria Jazz con un nuovo progetto che è anche un omaggio ad uno dei jazzmen più amati quanto sfortunati: Chet Baker, di ...
inserito il 08/04/2008  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 2356
Ornette Coleman - Lonely Woman, at Umbria Jazz 07
Ornette Coleman performing Lonely Woman at the Umbria Jazz Festival in Perugia 2007...
inserito il 18/07/2007  da Rachelmillar0610 - visualizzazioni: 2765
Stan Getz - On Green Dolphin Street (1989)
...
inserito il 06/11/2006  da weirdcollector - visualizzazioni: 2886


Invia un commento

© 2000 Jazzitalia.net - Vito Mancino - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 11.182 volte
Data pubblicazione: 16/08/2000

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti