Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

JAZZ ITALIANO: Agosto 1962 - Jazzisti liberi
di Giovanni Masciolini
http://www.masciolinigiovanni.com


Aldo Masciolini e i compagni di viaggio

Sweet Georgia Brown
All The Things You Are
Blues in Sib
I'm in the mood for love
I only have eyes for you
Somebody leaves me
These Foolish Things
Fine and Dandy
Body and Soul
Groovin' High
How High The Moon
C Jam Blues

Aldo Masciolini - sax tenore, clarinetto
Sergio Battistelli - piano
Miro Graziani - piano, batteria
Riccardo Laudenzi - trombone
Ermanno Angeli - contrabbasso

registrato nell'agosto del 1962, in uno scantinato della Basilica di S. Maria degli Angeli di Assisi

Nel lontano 1962 le strade dei quattro ragazzotti Assisani si erano già da tempo divise: Battistelli lavorava a Roma come chimico, Laudenzi, anche lui a Roma, come dirigente dell'ENEL, Graziani gestiva un ristorante "Il Paradiso" ad Assisi: posto d'incontro fra parecchi musicisti fra i quali Armando Trovajoli, mio padre Aldo Masciolini faceva a Padova l'insegnante di scuola guida…

Naturalmente la sera, fino a tarda notte, tutti suonavano chi a Roma e chi a Padova!

D'estate si ritrovavano nella natìa Assisi: parlavano un po' di tutto ma soprattutto di musica, finalmente nell'agosto del '62 decisero di fare una Jam Session fra di loro, una piccola rimpatriata!

I tempi di allora, per i quattro jazzisti, non erano certamente quelli dei moderni musicisti: oggi grandi platee, ottimi strumenti, sale di registrazione con tutti i più sofisticati meccanismi, ieri molto più semplicemente uno scantinato della basilica di Santa Maria degli Angeli in Assisi, molto vino, quattro gatti ad ascoltarli, un piccolo registratore della "Geloso" con relativo microfonino, un pianoforte (pensate che razza di pianoforte...) gentilmente prestato loro dai frati della basilica, altri strumenti rimediati qui e lì…

C'era però la passione, la gioia di suonare, il desiderio di reincontrarsi, ma soprattutto la bravura di questi musicisti.

Durante l'ascolto del CD si sentono le voci di tutti e quattro i ragazzotti: quella di Battistelli, recentemente scomparso, è sempre presente, in ogni caso inconfondibile…

La diversa qualità dell'esecuzione musicale dei brani dipende dal tasso alcolico dei quattro ragazzotti: sempre più alto, massimo alla fine!

ERAVAMO AGLI INIZI DEGLI ANNI '60: FORTUNATAMENTE LA POLITICA CON I RELATIVI "GALOPPINI" NON ERA ANCORA ENTRATA NELLA MUSICA JAZZ, POI, DOPO …

DA QUEL MOMENTO IN POI ALCUNI MUSICISTI NON SONO PIU' STATI "ARTISTI LIBERI": SE LO VOLEVANO ESSERE SONO STATI E SONO TUTT'ORA (SPESSE VOLTE I MIGLIORI), QUASI DEGLI "EMARGINATI", O ANCOR PEGGIO "EMIGRATI"…!!!

Ritornando ai brani della Jam Session indubbiamente alcuni sono buoni altri meno…

In ogni caso personalmente considero "HOW HIGH THE MOON" (Quanto è alta la luna) (), molto buono: è un misto di Swing, di Cool, di animo musicale italiano trasportato in Jazz!

Pensate che Battistelli, riguardo a questa Jamm Session, mi diceva: "Giovanni altre volte abbiamo suonato molto meglio". Io gli rispondevo: "Caro Sergio, per me è sufficiente ascoltarvi in questa, siete grandi!"

BRAVI RAGAZZI, GRAZIE RAGAZZI: POCHE MONETE DALLA VOSTRA MUSICA, MA TANTA LIBERTA'!

E ANCOR PIU' GIOIA DA TUTTI VOI PER TUTTI NOI.

Con grande riconoscenza Giovanni Masciolini


Roma 1947, locale "Alessandra Club" di via Veneto
Franco Chiari – fisarmonica
Carlo Loffredo – contrabbasso
Aldo Masciolini – sax tenore
Enrico Wertmuller – piano (fratello della regista Lina Wertmuller)
Luciano Messina - batteria

 
Recensione di Antongiulio Zimarino pubblicata su JazzConvention

Ci troviamo di nuovo a parlare di "storia del jazz italiano" attraverso un altro cd propostoci da Giovanni Mascolini che sta pazientemente recuperando una "storia" jazzistica italiana attraverso le incisioni in suo possesso. Il Cd è autoprodotto, ma credo che sia un prezioso documento per capire origini e spirito della "storia": si tratta di una "jam session" tenutasi nell'agosto del 1962 nello scantinato della Basilica di S.Maria degli Angeli in Assisi. Storicamente, un documento importante che rende giustizia e riscrive interi capitoli della vicenda del jazz in Italia; musicalmente ci lasci intravvedere competenza, preparazione, aggiornamento dei musicisti italiani di allora, sia pur entro un linguaggio esemplato direttamente dai maestri nordamericani, ma posseduto e partecipato nello spirito e nella qualità. "Jazz" è un modo di essere...

La registrazione è quella che è qualitativamente parlando, ma il documento è interessantissimo e pone molteplici questioni:

Esistono ancora queste cose? 
Esiste ancora la pratica liberatoria e creativa della "jam"?
O forse essa è superata, è ritenuta un comportamento "archeologico"?

Al di là della qualità tecnica dell'esecuzione (da tener presente, che secondo le testimonianze, erano tutti ubriachi.... e si capisce dalle voci...) resta indelebilmente impresso un segno di vitalità e di libertà creativa, un senso di ricerca empatica, un desiderio di vivere la musica nella sua prospettiva collettiva e socializzante che oggi non esiste più, forse.

Non voglio fare la solita polemica dei "bei tempi andati" ma stigmatizzare una condizione culturale tipica del jazz in Italia. C'è una grande differenza tra l'insegnamento del jazz negli States e in Italia: gli americani imparano a suonare "insieme". La musica d'insieme si fa, perché si insegna prima di tutto il rispetto reciproco: non importa suonare o relazionarsi con chi è più o meno "tecnicamente" bravo, importa saper entrare nella logica del contesto, importa provare, consolidarsi, confrontarsi, aprirsi. Nelle scuole di jazz si insegna "musica d'insieme".... Certo, una guida fa bene, ma non si suona musica insieme: si è tutti preoccupati di risolvere quel problema tecnico o sviluppare competenze individuali e capacità, ma il tutto in funzione della gratificazione individuale, dimenticando che l'unica vera grande gratificazione è quella di vedere riconosciute e stimate dagli altri, le proprie capacità creative.
Faccio un esempio locale (area abruzzese) che mi amareggia e mi fa riflettere: esistono talenti notevolissimi, dalle grandi capacità tecniche, creative e interpretative...ebbene, perdono più tempo a dirsi male e a farsi dispetti e ripicche reciproche piuttosto che coordinarsi e mostrare l'enorme potenziale di una autentica "scuola" del jazz italiano. Perché? Egoismi, interessi? Mah, se uno è sicuro delle sue capacità che problema ha nel confrontarsi? E se uno non avesse reali capacità, quanto si potrebbe crescere nel confrontarsi? Ma vi immaginate che immenso potenziale sarebbe se finalmente questi artisti sapessero rispettarsi e lavorare insieme? Ognuno capirebbe i suoi limiti e saprebbe imparare dall'altro, salirebbe il livello tecnico complessivo, la musica diventerebbe una "ricerca continua" nel migliorarsi, si moltiplicherebbero gli interessi sul jazz, attirerebbero attenzioni, quindi possibilità nuove di lavoro, di confronto...ma se questo in regione, pensate un po' nel resto d'Italia, dove tutto è monopolizzato da tre o quattro personaggi: il jazz è nato come "forma musicale di relazione", perché lo si vuol snaturare?

Ben vengano allora i ritorni a questa memoria, come quelli che ci vengono riproposti da queste incisioni ma questo non è un "andare indietro" ma piuttosto, un ritorno allo spirito essenziale. Ah, se ci vorrebbe, una bella sbronza collettiva che ci faccia dimenticare ripicche ed egoismi e ci facesse tornare uniti a fare finalmente il "viaggio insieme". Credo che quei ragazzi di allora possano moralmente insegnarci tante cose, finanche come uscire dalla trappola di autoreferenzialità nella quale i musicisti, soprattutto in Italia, si sono cacciati.

Per concludere direi che dopo l'ascolto di queste cose, se mai nelle vostre vene, nel cuore e nella mente è passato un po' di Charlie Parker potete fare una cosa: telefonate ai musicisti che ritenete i migliori, sbronzatevi leggermente, in serena libertà come questi ragazzi di allora, mettete mano allo strumento e suonate gli standard sbagliando e riprovando, prendendovi in giro o facendovi i complimenti, schiamazzando, sudando, suonando per dire agli altri che siete persone con sentimenti e che di quelli sapete parlare con lo strumento, fatelo anche davanti ad un pubblico, coinvolgendolo nel gioco. Se invece Parker è per voi un ignorante drogato che non sapeva stare nella battuta, lasciate stare questo cd, e mettetevi a studiare il superlocrio, davanti allo specchio dicendovi "… sono il più bravo di tutti …"
Antongiulio Zimarino - JazzConvention






Articoli correlati:
22/01/2011

Sincopato Tricolore (Guido Michelone)- Alceste Ayroldi

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

17/02/2007

Jazz italiano, l'influenza della Civiltà Musicale Afro-Americana nell'Italia dell'immediato secondo dopoguerra: "Lo swing era presente nel repertorio delle più importanti orchestre di ballabili della penisola da almeno una ventina d'anni, e la canzone italiana lo aveva assimilato più o meno inconsciamente dando vita al genere cosiddetto «swing all'italiana»." (Matteo Pagliardi)

02/04/2006

Bye Bye Luciano Fineschi. Ricordando uno dei maggiori esponenti dello swing italiano scomparso nella notte del Fuoco... (Olga Chieffi)

19/02/2006

Nel 2001 Romano Mussolini, in un bar, ci ha rilasciato un'intervista che però non ha mai voluto che venisse pubblicata, per evitare troppa visibilità ed eventuali strumentalizzazioni. Oggi, pubblicandola, abbiamo ritenuto di rendergli omaggio. (Giovanni Masciolini)

15/02/2006

Franco Chiari, vibrafonista, fondatore del Sestetto Swing Roma. Una vita dedicata alla musica, al jazz...(Fabio Chiari)

02/09/2005

Intervista a Giovanni Masciolini, direttore artistico di Assisi Notti Jazz, festival jazz che si terrà nella splendida cittadina umbra dal 5 al 9 settembre.

25/06/2005

Intervista a Franco Cerri: "...La musica è veramente una medicina di cui tutti abbiamo bisogno. Dopo tanti anni non ne posso fare a meno..." (Alceste Ayroldi)

10/10/2004

Gian Carlo Roncaglia noto giornalista, studioso e appassionato di jazz ci ha lasciato lo scorso 28 giugno. Jazzitalia, grazie alla collaborazione di Piemonte-Magazine e della famiglia Roncaglia, pubblica quindici articoli inerenti la storia del jazz a Torino che ha visto transitare in più di cinquant'anni i nomi più prestigiosi italiani e internazionali. (Gian Carlo Roncaglia)

16/07/2004

Emilia Laura Facetti, in arte Laura Villa, ha cantato con i più famosi musicisti brasiliani di jazz-samba trapiantati in Francia negli anni '60. E' stata la prima interprete in Europa dei più noti temi di Tom Jobim, Menescal e dello stesso Sivuca. (Paco Garro jr.)

07/06/2004

Giampiero Boneschi ricorda il trombonista Mario Pezzotta: "Quando prendevamo parte a qualche concerto, ce lo contendevamo per averlo in auto: le sue storie impensabili ma vere erano incredibili..."

06/01/2004

Gorni Kramer, i suoi solisti e i Tre Negri - 3 (Gorni Kramer)

21/10/2003

Intervista a Renato Sellani: "...la musica per me è rimasta un hobby non una vera professione perchè la musica mi stanca...cerco di farla in un modo piuttosto preciso secondo il mio carattere che è troppo sensibile...". (Ernesto Losavio)

14/02/2003

Al Mocambo di Udine, negli anni 40-50, si suonava il be-bop, la notte, per pochi appassionati. Walter Notari era un violinista formidabile che insieme al grande Cesàri, Masciolini, Laudenzi e Graziani suonava fino all'alba in questo locale del nord-est d'Italia... (Giovanni Masciolini)

22/09/2002

Jazz Italiano: Sergio Coppotelli. "Lo swing, l'armonia, la pronuncia, l'improvvisazione, il cuore e la poesia, che non devono mai essere disgiunti dalla tecnica, sono gli elementi fondanti di questa musica, senza i quali il jazz perde tutto il suo fascino."

29/08/2002

Musica Jazz e Arti Visive. L'artista e la sua anima nella musica, nella pittura, nella scultura. (Giovanni Masciolini)

23/03/2002

The Complete TULLIO MOBIGLIA della Riviera Jazz Record. Un documento del jazz italiano del periodo 1941 - 1946.

04/03/2002

Miro Graziani, l'ultimo dei ragazzotti assisani...

12/01/2002

JAZZ ITALIANO: Polvere di Stelle. Il terzo CD di Aldo Masciolini e i suoi compagni di viaggio.

07/12/2001

Alfio Galigani, saxofonista, clarinettista, flautista, tutta la sua vita per la musica, per il jazz. Una testimonianza bella e preziosa.

10/11/2001

Adriano Mazzoletti, un'istituzione del giornalismo jazz italiano, parla di storia, di molti musicisti, dell'amico Cesàri e...non risparmia i critici.

10/10/2001

Oscar Toson, un pianista del jazz italiano: "...suonavamo nei locali, all'una finivamo e allora magari dopo un'insalata di pollo o di riso...due bicchieri di birra, o anche di vino, ci mettevamo in tre o quattro e suonavamo jazz!"

28/06/2001

: Il mito di Umberto Cesàri. Brani audio e articoli.

22/06/2001

Intervista a Guido PISTOCCHI.

05/06/2001

Intervista a Lino Patruno.

17/04/2001

Intervista a Marcello Rosa.

15/03/2001

Intervista a Carlo Loffredo

07/03/2001

Intervista a Riccardo Laudenzi

09/02/2001

Jazz, una passione, una vita (Giampiero Boneschi)

27/01/2001

Jazz in Italy in the 40s (Giampiero Boneschi)

19/01/2001

Il jazz italiano da night dal dopo guerra al 1968 (Giovanni Masciolini)

16/12/2000

Jazz italiano: Sergio Battistelli, lettera ad un amico scomparso.

01/12/2000

Jazz Italiano: Aldo Masciolini, una vita per il jazz con sample audio.







Invia un commento

© 2000 - 2001 Jazzitalia.net - Giovanni Masciolini - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 13.265 volte
Data pubblicazione: 05/09/2001

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti