Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

JAZZ ITALIANO: Miro Graziani
di Giovanni Masciolini

Miro Graziani, o zio Miro come lo chiamava Leonardo Cesari figlio di Umberto, è il quarto ed ultimo dei quattro ragazzotti assisani: dico è poiché, se pur morto da oltre vent'anni, in me rivive attraverso i ricordi che ho di lui.

Era il più anziano nato infatti ad Assisi nel 1912 ed ivi morto nel 1980, era anche considerato il più sanguigno ma anche il più saggio. L'ultimo ricordo che ho di lui risale al 1965: lo rammento tutto indaffarato nell'allestimento del suo locale, "Il Paradiso", locale oggi purtroppo terremotato.

Trentasei anni sono passati eppure ho ancora indelebilmente impresse, nella mia mente, queste poche immagini: mio padre, mia madre, la moglie di Graziani, Miro entusiasta per l'apertura di questo locale, ed un pittore padovano che spiegava allo stesso Miro i dipinti fatti nel suo locale: erano Cristi sofferenti, grondanti di sangue, indubbiamente anticipatori di quello che sarebbe poi successo più avanti, vedi la distruzione dell'ambiente stesso dovuta al terremoto. Ma al "Paradiso", negli anni in cui è rimasto aperto, molti avvenimenti si sono succeduti, molte cose: le serate con gli amici, il mangiare bene, perché lì si mangiava bene, e poi le serate jazzistiche con i vecchi amici, anche con Armando Trovajoli.

Poi le cose cambiano, fa parte della vita, si evolvono, si trasformano, non so se in meglio o in peggio, in ogni caso intraprendono cammini e strade diverse, ma il ricordo è quello che ci riporta a dei fatti, ad una dimensione che non esiste più nel presente, ma che esiste per chi a tutt'oggi la può raccontare e la può descrivere donando così uno spaccato, perché altri possano portare avanti questa dimensione ai più sconosciuta: per chi non capisce sarà solo un suo problema…

Ad aprile di quest'anno sono andato ad Assisi sulla tomba della famiglia di Graziani: lì c'erano i nomi dei suoi parenti, lì c'era la sua tomba, lì ho deposto tre o quattro fiori gialli, lì mi sono venuti in mente avvenimenti oramai sopravanzati e oltrepassati dal tempo, lì ho comunicato con Miro Graziani. Miro Graziani lo considero uno dei "primi appostoli del jazz italiano", legatissimo al mondo musicale prebellico, allorquando le melodie di Gershwin e di Cole Porter filtravano nell'udire come "lava incandescente". Musicalmente ben preparato resto affascinato dal pianoforte di Trovajoli, suo grande amico, con il quale suonò anche, con il suo quartetto, facendo anche parte di una grande orchestra da palcoscenico per uno spettacolo di Aldo Fabrizi. Sempre con Trovajoli lavorò nell'anteguerra in un locale di Firenze, quando la creatività jazzistica poteva avere il sapore di un irredentismo musicale. Nel dopo guerra, la sua professione era quella di un insegnante scolastico, fece parte di diverse formazioni musicali, nelle quali ebbe successo come batterista, con uno stile ispirato ad uno dei massimi esecutori in America: Gene Krupa.

Ma Miro era pure un buon pianista: ammiratore religioso di Teddy Wilson (l'ispiratore massimo di Trovajoli), con successo poi volle "addentrarsi" nell'arte dell'arrangiamento, arte alla quale finì con dedicare principalmente la sua attività. Chi non ricorda a Perugia la sua Big Band da lui diretta? Una solida formazione, carica di entusiasmo, da lui condotta con carattere molto severo ed esigente, tanto da determinare, con qualche collaboratore, relazioni talvolta anche difficili dato il suo carattere sanguigno, focoso. Della Big Band Perugina divenne direttore nel 1973, ma non riuscì a dirigere il primo concerto… La seguente citazione è tratta dal libro sulla "Perugia Big Band", libro curato da Carlo Pagliacci e da Gianfranco Ticchioni di prossima pubblicazione:

"Graziani era un bravo musicista, generosissimo d'animo, ma anche un tipo sanguigno, focoso, che si adirava per un nonnulla e pretendeva il massimo da tutti. Dirigeva la band come un allenatore di boxe, con un asciugamano intorno al collo, sudando e agitandosi freneticamente proprio perché viveva la musica con una fortissima partecipazione emotiva….il suo carattere impulsivo e, soprattutto, l'idea che si era costruito intorno alla band contribuirono a frenare gli entusiasmi. Il Maestro assisano infatti sognava che la Perugia Big Band improntasse tutta la sua azione al professionismo: voleva che si acquistasse un pullman, divise ufficiali, strumentazioni adeguate e che poi si conducesse proprio la vita dei musicisti, in giro per l'Italia in lungo e in largo a fare concerti. Questo, però, non era possibile in considerazione del fatto che ciascun componente aveva una propria vita professionale da cui ovviamente non poteva né voleva prescindere… Da una parte, dunque, un'interpretazione dell'attività musicale, quella di Miro Graziani, quasi fideista, che portava a considerare la band come un mondo sacro dove le note del pentagramma la facevano da padrone scandendo ritmi e esigenze di vita. Dall'altra una visione più disintasata, più laica, potremmo dire, di uomini che hanno la consapevolezza che il loro avvicinarsi al jazz è frutto non di una passione giovanile bensì di un maturo sentimento che però non può lasciare spazio ad una improvvisazione che non sia squisitamente musicale. Semplicemente, la differenza tra un lavoro ed un hobby. E fu così che, dopo appena qualche settimana di prove, tra la band e l'ottimo musicista Miro Graziani le strade si divisero. Senza drammi, tuttavia. Tanto è vero che non fu un addio definitivo…"

Qualche anno dopo Graziani tornerà a dirigere la Perugina Big Band incidendo un disco dal titolo "Rapsodia Americana". Il suo stile di arrangiamento si ispirava a F. Henderson, pregevoli anche i suoi interventi come pianista solista: sempre equilibrati e mai ispirati da errata presunzione.

Graziani fu "tentato" spesso dalla politica, mondo nei quale la sua onestà, e direi la sua … musicalità morale, finiva regolarmente con l'isolarlo, TANTO ALIENI DA COMPROMISSIONI ERANO IL SUO LIBERO STILE DI VITA E LA SUA SENSIBILITA' UMANA.

Questo è l'ultimo articolo sui jazzisti che ho voluto ricordare. Ringrazio Riccardo Laudenzi, Carlo Pagliacci per la stesura della medesima, ringrazio naturalmente anche tutti gli altri che hanno reso possibile i miei articoli e le mie interviste, vedi Marcello Rosa, Adriano Mazzoletti, Guido Pistocchi, Carlo Loffredo, Lino Patruno, etc., un particolare ringraziamento va a Marco Losavio web master di questo sito: senza di lui tutte queste cose non sarebbero oggi in internet. Il mio ringraziamento va altresì a chi mi ha letto nel bene e nel male. L'artefice principale di queste mie "chiacchierate" è stato mio padre Aldo Masciolini: jazzista dimenticato, come troppi altri, uomo che molto ha sofferto, ma chi non soffre nella vita, musicista che per svariati motivi molti altri lavori ha fatto, maestro elementare, insegnante di scuola guida, operaio etc., ora tutto ciò, quale figlio, glielo dovevo, e non solo a lui, mio padre è morto tre anni e mezzo fa, di fronte alla porta della sua casa, colpito da infarto, meglio forse, colpito da quel male oscuro che in tutti noi "alberga": la difficoltà di essere capiti, ascoltati, accettati, amati, difficoltà che forse io, quale figlio, ho afferrato perfettamente nel brano "Autumn Leaves", orbene nell'ultima nota di questo pezzo lì ho individuato l'ultima foglia che cade, forse la morte: no papà non sei morto in quell'ultimo accordo, la foglia sì che è caduta, è stata indubbiamente l'ultima dell'albero, ma mio caro papà si è posata al suolo, è entrata nella terra per unirsi ad essa… Grazie a te papà ed a tutti i tuoi Compagni di Viaggio!
Giovanni Masciolini – figlio di jazzista





Articoli correlati:
22/01/2011

Sincopato Tricolore (Guido Michelone)- Alceste Ayroldi

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

17/02/2007

Jazz italiano, l'influenza della Civiltà Musicale Afro-Americana nell'Italia dell'immediato secondo dopoguerra: "Lo swing era presente nel repertorio delle più importanti orchestre di ballabili della penisola da almeno una ventina d'anni, e la canzone italiana lo aveva assimilato più o meno inconsciamente dando vita al genere cosiddetto «swing all'italiana»." (Matteo Pagliardi)

02/04/2006

Bye Bye Luciano Fineschi. Ricordando uno dei maggiori esponenti dello swing italiano scomparso nella notte del Fuoco... (Olga Chieffi)

19/02/2006

Nel 2001 Romano Mussolini, in un bar, ci ha rilasciato un'intervista che però non ha mai voluto che venisse pubblicata, per evitare troppa visibilità ed eventuali strumentalizzazioni. Oggi, pubblicandola, abbiamo ritenuto di rendergli omaggio. (Giovanni Masciolini)

15/02/2006

Franco Chiari, vibrafonista, fondatore del Sestetto Swing Roma. Una vita dedicata alla musica, al jazz...(Fabio Chiari)

02/09/2005

Intervista a Giovanni Masciolini, direttore artistico di Assisi Notti Jazz, festival jazz che si terrà nella splendida cittadina umbra dal 5 al 9 settembre.

25/06/2005

Intervista a Franco Cerri: "...La musica è veramente una medicina di cui tutti abbiamo bisogno. Dopo tanti anni non ne posso fare a meno..." (Alceste Ayroldi)

10/10/2004

Gian Carlo Roncaglia noto giornalista, studioso e appassionato di jazz ci ha lasciato lo scorso 28 giugno. Jazzitalia, grazie alla collaborazione di Piemonte-Magazine e della famiglia Roncaglia, pubblica quindici articoli inerenti la storia del jazz a Torino che ha visto transitare in più di cinquant'anni i nomi più prestigiosi italiani e internazionali. (Gian Carlo Roncaglia)

16/07/2004

Emilia Laura Facetti, in arte Laura Villa, ha cantato con i più famosi musicisti brasiliani di jazz-samba trapiantati in Francia negli anni '60. E' stata la prima interprete in Europa dei più noti temi di Tom Jobim, Menescal e dello stesso Sivuca. (Paco Garro jr.)

07/06/2004

Giampiero Boneschi ricorda il trombonista Mario Pezzotta: "Quando prendevamo parte a qualche concerto, ce lo contendevamo per averlo in auto: le sue storie impensabili ma vere erano incredibili..."

06/01/2004

Gorni Kramer, i suoi solisti e i Tre Negri - 3 (Gorni Kramer)

21/10/2003

Intervista a Renato Sellani: "...la musica per me è rimasta un hobby non una vera professione perchè la musica mi stanca...cerco di farla in un modo piuttosto preciso secondo il mio carattere che è troppo sensibile...". (Ernesto Losavio)

14/02/2003

Al Mocambo di Udine, negli anni 40-50, si suonava il be-bop, la notte, per pochi appassionati. Walter Notari era un violinista formidabile che insieme al grande Cesàri, Masciolini, Laudenzi e Graziani suonava fino all'alba in questo locale del nord-est d'Italia... (Giovanni Masciolini)

22/09/2002

Jazz Italiano: Sergio Coppotelli. "Lo swing, l'armonia, la pronuncia, l'improvvisazione, il cuore e la poesia, che non devono mai essere disgiunti dalla tecnica, sono gli elementi fondanti di questa musica, senza i quali il jazz perde tutto il suo fascino."

29/08/2002

Musica Jazz e Arti Visive. L'artista e la sua anima nella musica, nella pittura, nella scultura. (Giovanni Masciolini)

23/03/2002

The Complete TULLIO MOBIGLIA della Riviera Jazz Record. Un documento del jazz italiano del periodo 1941 - 1946.

12/01/2002

JAZZ ITALIANO: Polvere di Stelle. Il terzo CD di Aldo Masciolini e i suoi compagni di viaggio.

07/12/2001

Alfio Galigani, saxofonista, clarinettista, flautista, tutta la sua vita per la musica, per il jazz. Una testimonianza bella e preziosa.

10/11/2001

Adriano Mazzoletti, un'istituzione del giornalismo jazz italiano, parla di storia, di molti musicisti, dell'amico Cesàri e...non risparmia i critici.

10/10/2001

Oscar Toson, un pianista del jazz italiano: "...suonavamo nei locali, all'una finivamo e allora magari dopo un'insalata di pollo o di riso...due bicchieri di birra, o anche di vino, ci mettevamo in tre o quattro e suonavamo jazz!"

05/09/2001

Agosto 1962 - Jazzisti liberi. Il racconto di una storica jam session di Masciolini, Laudenzi, Graziani, Battistelli e Angeli.

28/06/2001

: Il mito di Umberto Cesàri. Brani audio e articoli.

22/06/2001

Intervista a Guido PISTOCCHI.

05/06/2001

Intervista a Lino Patruno.

17/04/2001

Intervista a Marcello Rosa.

15/03/2001

Intervista a Carlo Loffredo

07/03/2001

Intervista a Riccardo Laudenzi

09/02/2001

Jazz, una passione, una vita (Giampiero Boneschi)

27/01/2001

Jazz in Italy in the 40s (Giampiero Boneschi)

19/01/2001

Il jazz italiano da night dal dopo guerra al 1968 (Giovanni Masciolini)

16/12/2000

Jazz italiano: Sergio Battistelli, lettera ad un amico scomparso.

01/12/2000

Jazz Italiano: Aldo Masciolini, una vita per il jazz con sample audio.







Invia un commento

© 2000, 2002 Jazzitalia.net - Giovanni Masciolini - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 11.389 volte
Data pubblicazione: 04/03/2002

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti