Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Jazz italiano: Sergio Battistelli, lettera ad un amico scomparso.
di Giovanni Masciolini

Sergio Battistelli pianista, fisarmonicista e vibrafonista, era nato ad Assisi il 10.05.1923: l'amicizia con Miro Graziani, Riccardo Laudenzi, Aldo Masciolini nasceva già da bambini, ma e' nell'adolescenza che assieme ai tre compagni letteralmente scoppia la passione per il Jazz

Immaginatevi agli inizi degli
anni '40 questi quattro ragazzotti suonare musica a quei tempi considerata "diabolica": sono lì in qualche soffitta, all'aperto, o eventualmente in qualche balera, anche se, le richieste del pubblico erano purtroppo tanghi, valzer e mazurche! 

Dopo il completamento degli studi classici a Perugia il trasferimento a Roma per laurearsi in chimica. Ma non solo lo studio, c'e' anche allora e sempre il Jazz vero. Nel
1942 è uno dei componenti, con la fisarmonica del G.U.F. con Riccardo Rauchi, Umberto Cesari, Bruno Martino, Enzo Grillini e Roberto Spigo. All'arrivo degli alleati suona con vari gruppi comprendenti anche musicisti americani (Bob Raudolf), è presente all'American Expeditionari Station, alla Radio Sud Africana, all'American Red Cross, al Canadian Clubs, divenuti punti di riferimento importanti per i jazzisti italiani.

Nel
1945 fa parte dei "I Sette" della 013. Nel 1946 forma "Sestetto Hot Music" dove sono presenti Franco Mingrino, Carlo Loffredo, Sergio Cafaro poi Umberto Cesari, Aldo Masciolini, Riccardo Laudenzi, in quell'anno viene anche inciso un V-disc oggi introvabile CHI NE AVESSE NOTIZIE POTREBBE COMUNICARMELO.

Effettua varie trasmissioni alla RAI in una delle quali "Sala Imola" viene utilizzata per la prima volta in Italia la chitarra elettrica (Franco Mingrino).

N
el
1950, non disponendo di uno strumento professionale introvabile sul mercato europeo, progetta e costruisce, con l'aiuto di artigiani, un vibrafono intonando personalmente le 37 piastre d'allumino e 37 tubi risonatori.

Nel
1952 è chiamato da Armando Trovajoli e Piero Piccioni, come solista, ad uno dei "Concerti Eclipse" alla radio.

Nel
1954 è chiamato come percussionista di fila nell'Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma per il "Cristoph Colomb" di Darius Milhaud (presente alla prima) sotto la direzione di Gabriele Santini.

Entra poi in molte formazioni jazzistiche per incisioni e concerti: Quintetto Swing, I Sofisticati, Sergio Battistelli Quintetto. Nei periodi di riflessione e di studio amplia e approfondisce il discorso armonico e di percussione con lo studio dei Classici specie Bach, Ravel, Stravinskij, Gershwin.

Nel
1957 è con la Roman New Orleans Jazz Band dove rimane fino al 1978.

Incisioni discografiche con diverse etichette Adventure, Consorti, R.C.A., Ricordi.

Nel giugno del
1959 incide per la R.C.A Italiana (LPM 100 56) un LP durante una famosa "Jam Session" notturna con Trummy Young (tr.b),"Peanuts" Hucko (cl.) e Billy Kyle (p) in Europa con Armstrong per una serie di concerti.

Battistelli ha scritto anche musiche per films, e' sua la colonna sonora del "Cavaliere Inesistente" di Italo Calvino e Pino Zac (Istituto Luce).

Figura in varie antologie specializzate di musica Jazz: Dizionario Universale Curcio, l'album Quaranta Anni di Jazz in Italia di Adriano Mazzoletti, Il Jazz in Italia I° e nella collana I Grandi del Jazz edito dalla Fratelli Fabbri.

N
egli ultimi anni di vita si era appassionato anche all'organo che suonava sistematicamente in varie chiese.

Sia mio padre Aldo Masciolini, che io stesso, dopo gli anni sessanta ci eravamo sentiti poco con Battistelli, ma con la morte di papà nel
'98, iniziava con Sergio una fitta corrispondenza e soprattutto tre, quattro telefonate settimanali dove non parlavamo solo di musica, ma anche d'arte, di fisica, di chimica, di filosofia, insomma di vita.

A metà del mese di settembre di quest'anno, Sergio in ferie ad Assisi, veniva colpito da un attacco cardiaco, ricoverato in ospedale con l'aiuto del nostro amico Riccardo Laudenzi, si era un po' ripreso. Tornato a Roma ci siamo sentiti telefonicamente spesse volte, l'ultima ai primi di novembre:
pensami Giovanni quando sarò ricoverato ancora in ospedale, pensami… 
Era un modo, da parte sua, per esorcizzare la paura, di avere vicino la presenza mentale di un amico: i miei pensieri non sono bastati, sabato 2 dicembre 2000 all'una di notte Sergio Battistelli e' morto in ospedale a Roma, domenica 3 dicembre la sua salma e tornata nella natia Assisi, purtroppo con lui moriva UN SECONDO PADRE. La triste notizia mi e' stata data da Marcello Rosa letteralmente sconvolto!

Riposa Sergio, riposa assieme a Miro Graziani, Aldo Masciolini, Umberto Cesari, riposa assieme a tutti tuoi cari scomparsi, riposa con tutti i jazzisti: per noi non siete morti ma indelebilmente presenti nella nostra memoria e nei nostri cuori.

Con gratitudine Giovanni Masciolini.

A marzo 2001 uscirà CD interamente tratto da una Jam Session ad Assisi del 1962.
Ci saranno tutti i quattro ragazzotti: Sergio Battistelli, Miro Graziani, Aldo Masciolini, Riccardo Laudenzi, si ascolteranno anche le loro voci.

B
uon viaggio Sergio, Giovanni Masciolini.

www.masciolinigiovanni.com
masciolini.giovanni@libero.it
info@masciolinigiovanni.com






Articoli correlati:
22/01/2011

Sincopato Tricolore (Guido Michelone)- Alceste Ayroldi

18/04/2010

Una vita con il sax (Armando Brignolo)- Marco Losavio

17/02/2007

Jazz italiano, l'influenza della Civiltà Musicale Afro-Americana nell'Italia dell'immediato secondo dopoguerra: "Lo swing era presente nel repertorio delle più importanti orchestre di ballabili della penisola da almeno una ventina d'anni, e la canzone italiana lo aveva assimilato più o meno inconsciamente dando vita al genere cosiddetto «swing all'italiana»." (Matteo Pagliardi)

02/04/2006

Bye Bye Luciano Fineschi. Ricordando uno dei maggiori esponenti dello swing italiano scomparso nella notte del Fuoco... (Olga Chieffi)

19/02/2006

Nel 2001 Romano Mussolini, in un bar, ci ha rilasciato un'intervista che però non ha mai voluto che venisse pubblicata, per evitare troppa visibilità ed eventuali strumentalizzazioni. Oggi, pubblicandola, abbiamo ritenuto di rendergli omaggio. (Giovanni Masciolini)

15/02/2006

Franco Chiari, vibrafonista, fondatore del Sestetto Swing Roma. Una vita dedicata alla musica, al jazz...(Fabio Chiari)

02/09/2005

Intervista a Giovanni Masciolini, direttore artistico di Assisi Notti Jazz, festival jazz che si terrà nella splendida cittadina umbra dal 5 al 9 settembre.

25/06/2005

Intervista a Franco Cerri: "...La musica è veramente una medicina di cui tutti abbiamo bisogno. Dopo tanti anni non ne posso fare a meno..." (Alceste Ayroldi)

10/10/2004

Gian Carlo Roncaglia noto giornalista, studioso e appassionato di jazz ci ha lasciato lo scorso 28 giugno. Jazzitalia, grazie alla collaborazione di Piemonte-Magazine e della famiglia Roncaglia, pubblica quindici articoli inerenti la storia del jazz a Torino che ha visto transitare in più di cinquant'anni i nomi più prestigiosi italiani e internazionali. (Gian Carlo Roncaglia)

16/07/2004

Emilia Laura Facetti, in arte Laura Villa, ha cantato con i più famosi musicisti brasiliani di jazz-samba trapiantati in Francia negli anni '60. E' stata la prima interprete in Europa dei più noti temi di Tom Jobim, Menescal e dello stesso Sivuca. (Paco Garro jr.)

07/06/2004

Giampiero Boneschi ricorda il trombonista Mario Pezzotta: "Quando prendevamo parte a qualche concerto, ce lo contendevamo per averlo in auto: le sue storie impensabili ma vere erano incredibili..."

06/01/2004

Gorni Kramer, i suoi solisti e i Tre Negri - 3 (Gorni Kramer)

21/10/2003

Intervista a Renato Sellani: "...la musica per me è rimasta un hobby non una vera professione perchè la musica mi stanca...cerco di farla in un modo piuttosto preciso secondo il mio carattere che è troppo sensibile...". (Ernesto Losavio)

14/02/2003

Al Mocambo di Udine, negli anni 40-50, si suonava il be-bop, la notte, per pochi appassionati. Walter Notari era un violinista formidabile che insieme al grande Cesàri, Masciolini, Laudenzi e Graziani suonava fino all'alba in questo locale del nord-est d'Italia... (Giovanni Masciolini)

22/09/2002

Jazz Italiano: Sergio Coppotelli. "Lo swing, l'armonia, la pronuncia, l'improvvisazione, il cuore e la poesia, che non devono mai essere disgiunti dalla tecnica, sono gli elementi fondanti di questa musica, senza i quali il jazz perde tutto il suo fascino."

29/08/2002

Musica Jazz e Arti Visive. L'artista e la sua anima nella musica, nella pittura, nella scultura. (Giovanni Masciolini)

23/03/2002

The Complete TULLIO MOBIGLIA della Riviera Jazz Record. Un documento del jazz italiano del periodo 1941 - 1946.

04/03/2002

Miro Graziani, l'ultimo dei ragazzotti assisani...

12/01/2002

JAZZ ITALIANO: Polvere di Stelle. Il terzo CD di Aldo Masciolini e i suoi compagni di viaggio.

07/12/2001

Alfio Galigani, saxofonista, clarinettista, flautista, tutta la sua vita per la musica, per il jazz. Una testimonianza bella e preziosa.

10/11/2001

Adriano Mazzoletti, un'istituzione del giornalismo jazz italiano, parla di storia, di molti musicisti, dell'amico Cesàri e...non risparmia i critici.

10/10/2001

Oscar Toson, un pianista del jazz italiano: "...suonavamo nei locali, all'una finivamo e allora magari dopo un'insalata di pollo o di riso...due bicchieri di birra, o anche di vino, ci mettevamo in tre o quattro e suonavamo jazz!"

05/09/2001

Agosto 1962 - Jazzisti liberi. Il racconto di una storica jam session di Masciolini, Laudenzi, Graziani, Battistelli e Angeli.

28/06/2001

: Il mito di Umberto Cesàri. Brani audio e articoli.

22/06/2001

Intervista a Guido PISTOCCHI.

05/06/2001

Intervista a Lino Patruno.

17/04/2001

Intervista a Marcello Rosa.

15/03/2001

Intervista a Carlo Loffredo

07/03/2001

Intervista a Riccardo Laudenzi

09/02/2001

Jazz, una passione, una vita (Giampiero Boneschi)

27/01/2001

Jazz in Italy in the 40s (Giampiero Boneschi)

19/01/2001

Il jazz italiano da night dal dopo guerra al 1968 (Giovanni Masciolini)

01/12/2000

Jazz Italiano: Aldo Masciolini, una vita per il jazz con sample audio.







Invia un commento

© 2000 Jazzitalia.net - Giovanni Masciolini - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 15.303 volte
Data pubblicazione: 16/12/2000

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti