Jazzitalia - Artisti: Bettina Corradini
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Bettina Corradini
voce

Click here to read the english version

Bettina Corradini è una cantante e compositrice italo francese.

Nata e vissuta a Parigi fino all'età di 25 anni ha studiato pianoforte classico ed Armonia.

con Ernie WattsSi è presto appassionata per i grandi vocalists del Jazz - Ella, Billie, Joni Mitchell, Chet Baker, - ed altre personalissime voci – quelle di Janis Joplin, Patti Smith, Barbara, una straordinaria cantautrice/poetessa francese... e per il genio di Miles, Coltrane, Wayne Shorter, Keith Jarrett. Herbie Hancock, Stevie Wonder – le cui impronte hanno marcato così profondamente il nostro territorio che ci è difficile non incalzarle..

In Francia ha collaborato con una Major come songwriter, scrivendo per altri artisti (una sua canzone, "La vie est un grand cinéma" è stata interpretata da Sofie Kremen in apertura della serata dei Cesar del Cinema Francese 1986); ha cantato la colonna sonora del film "Le Voyage", composta dal clarinettista jazz francese Michel Portal; ha vinto il Premio Charles Cros Prize per la sua ballad "Capitales"; il SiM di Milano 1990 come "miglior cantante" con il suo brano "Pay my Fame".

Nel ‘90 si è trasferita in Nord Italia, terra di origine del padre, dove vive tuttora. La scena Jazz italiana, così ricca di brillanti strumentisti, è stata di grande motivazione per lei, che si è concentrata ulteriormente sulla composizione. Nonostante abbia partecipato come cantante a numerose manifestazioni, solo recentemente ha deciso di registrare i brani che compone, scegliendo per l'incisione, oltre ad una formazione eccellente, uno Special Guest d'eccezione, Ernie Watts, straordinario sax fusion del Charlie Haden Quartet West.

Bettina Corradini | Jazzen Group with Ernie Watts: "Debandade"
(Philology Revelation Series, 2009):

Il progetto:
All'inizio di giugno uscirà questo mio primo disco di jazz, pubblicato da Philology. Ho chiamato questo progetto "DEBANDADE" (Sbando), anche se i miei brani non illustrano certo – e grazie a Dio - la fine del mondo.. Piuttosto, è una definizione di come mi sono sentita questi ultimi tempi..
A livello umano, ti può succedere di voler mollare tutto, di fuggire lontano... mentre la piccola voce dentro ti implora di stare calmo, di tener duro..
A livello musicale, sembra che l'essenziale sia stato fatto.. difficile trovare la propria strada quando si è sotto l'influenza di quei grandi maestri... e io, come molti, sono senza dubbio figlia degli anni settanta, fortemente ispirata da quei gruppi, da quei mostri sacri - del Jazz, del rock, del funk e anche della disco, tutto è degno d'interesse, della Musica - che hanno nutrito le radici che oggi ci tengono così fortemente attraccati al terreno musicale.

A volte hai un senso di vuoto, perché puo' darsi che l'oggi musicale sia solo un passaggio insignificante tra due mondi (da Miles Davis (Alton, 26 maggio 1926 – Santa Monica, 28 settembre 1991) a quale nuova musica?), ti senti impigliato in giri armonici troppo sentiti... e perché sai bene che la musica ti cammina affianco solo quando sei creativo, e onesto.. Allora ci pensi seriamente... finché non trovi una nuova forza, una nuova chiarezza, e non te ne torni, finalmente un po' più sicuro di te, al tuo banco di lavoro, al tuo pianoforte – o ovunque si svolga il tuo lavoro - per una nuova sessione..

L'anno scorso ho avuto l'opportunità di sentire Aisha Ruggieri suonare. Mi sono piaciute molto la sua eleganza, l'eloquenza dei suoi fraseggi, la sua attitudine mentale... mi hanno dato la "scossa giusta", la voglia di fare un disco affidandomi a qualcun altro, per vedere cosa ne sarebbe uscito, visto che componevo senza mai tirar fuori niente dal cassetto..
Aisha ha scritto bei arrangiamenti, fatti per una formazione variabile, dal 4t all'8t, diversa ad ogni brano. Con noi suonavano già Paolo Boninsegna (bass) e Renzo De Rossi (sax) sotto il nome di Jazzen – Jazz Vibration... a loro, si sono quindi uniti Giorgio Zanier (drums), Gianluca Crollo (trumpet) e Titti Castrini (fisarmonica), tutti strumentisti di grande bravura ed esperienza.
E poi ho pensato ad Ernie Watts, di cui adoravo il suono e le idee, ed eccolo partecipare all'incisione...

Review di Aisha Ruggieri (pianista ed arrangiatrice del progetto):
"Quando Bettina Corradini mi chiese di collaborare come pianista e principalmente come arrangiatrice a questo progetto, fu per me una grande scoperta tuffarmi nelle sue composizioni, così spontanee, ricche di idee melodiche e ritmiche, la cui oscillazione costante fra jazz, pop, funk ne rappresenta il punto di forza e di ricerca al tempo stesso.
Questa sua libertà compositiva, scevra di ogni velleità manieristica, si avverte a mio parere in tutto il disco, dove ogni singolo brano viene affrontato con freschezza e senza paura.... la paura può spesso determinare scelte errate, o, addirittura non scelte! In questo esordio di Bettina, non vi è la preoccupazione di fare qualcosa per "piacere a qualcuno", ma solo la ferma volontà di comunicare uno stato d'animo, un pensiero, una melodia nata per caso....la ferma volontà di fare cioè quello che la Musica dovrebbe sempre fare, trasmettere un sentimento.
La composizione in ambito jazzistico nel mondo musicale contemporaneo è talmente ricca di influenze che talvolta ci si sente un po' "persi" in questo mare di suoni; diviene difficile e forse anche un po' inutile scegliere una strada esclusiva per raggiungere una destinazione; evviva ogni influenza, ogni fusione di stili e di personalità musicali!
Ho sempre creduto che la Musica dovesse avere tre caratteristiche: bellezza, onestà e fruibilità e credo che Bettina, in modo molto libero e per l'appunto onesto, sia riuscita a trasmettere in quest'esordio il mondo musicale passionale e tumultuoso che ha dentro, utilizzando le sue diversissime influenze in modo così naturale da dare vita ad un suo linguaggio naturale ed espressivo.
La presenza di musicisti sensibili,eclettici e bravissimi ha contribuito a creare un'interpretazione del repertorio il cui epilogo difficilmente avrebbe potuto essere migliore, essendo il disco inoltre stato registrato in tre giorni....è stato per me un piacere poter lavorare con una musicista di tale sensibilità e apertura mentale e auguro a Bettina Corradini tutto l'ascolto da parte del pubblico che questo disco merita."


Bettina Corradini Jazzen Group
Debandade



Per contatti e informazioni:
Bettina Corradini
email: jazzen@libero.it



Per conoscere i prossimi appuntamenti Live di Bettina Corradini

Questa pagina è stata visitata 2.157 volte
Data ultima modifica: 12/09/2009





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti