Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Tore Spano
pianoforte e composizione

Durante una tournèe con il Teatro Lirico di CagliariTore Spano (all'anagrafe Salvatore Spano) nasce a Cagliari nel 1967. Durante l'infanzia apprende i primi rudimenti di teoria musicale e pianoforte da insegnanti privati e all'età di 11 anni si iscrive al Conservatorio di Musica della sua città dove studierà prima pianoforte poi organo.

All'età di otto anni col suo primo insegnante di musicaAll'età sedici anni, grazie all'incontro con il trombonista Paolo Ruju, comincia a suonare jazz tradizionale con la Sagosta Dixieland Jazz Band, attività che svolgerà fino al 1990, collaborando anche con musicisti come Claudio Nisi e Franco Tolomei. Con la Sagosta verrà a contatto per la prima volta con il repertorio di artisti come Louis Armstrong, Bix Beiderbecke, Fats Waller, Benny Goodman, Teddy Wilson, Errol Garner e Billie Holiday. In quel contesto incontra anche il batterista Vittorio Sicbaldi, con il quale darà vita ad un sodalizio artistico ancora esistente suonando con lui in molte località della Sardegna insieme a vari strumentisti e cantanti, tra cui Cristina Lanzi; l'esperienza, oltre ad ampliare il suo repertorio con standards ed evergreens, gli permette di avvicinarsi ad un linguaggio più moderno avendo modo di collaborare, tra gli altri, con Andy Gravish, John Vitale ed Ector Costita, musicisti americani che frequentavano l'allora fertile panorama sardo.

Con la Sagosta Dixieland Jazz Band al Jazz Club di Quartu, CA (a sinistra Paolo Ruju). Foto di Agostino MelaAll'inizio degli anni novanta si dedica a perfezionare lo studio dell'organo classico (diploma nel 1991 al Conservatorio di Cagliari con vot. 9.50/10 e specializzazione biennale allo Sweelinck Conservatorium di Amsterdam, NL) attività che gli varrà una serie di collaborazioni, fino ai giorni nostri, con il Coro e l'Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, oltre ad un discreta attività da solista. Tuttavia, durante la parentesi olandese, ha la possibilità di incrementare la propria esperienza jazzistica partecipando regolarmente a molte jam sessions nella città di Amsterdam, oltre ad esibirsi saltuariamente con i Dominant VI, un sestetto locale di jazz moderno.

Con la Cagliari Dixieland Jazz Band al Festival Jazz della Valtellina (da sinistra Antonello Severino, Marco Argiolas, Vittorio Sicbaldi, Corrado Salis, e ultimo Mauro Sanna)Nel 1995, ritornato a Cagliari, riprende a suonare con la Cagliari Dixieland Jazz Band nata dalle ceneri della Sagosta, ma per veder nascere il primo progetto che lo vede protagonista bisogna aspettare il 1997 quando, con il compagno di sempre Vittorio Sicbaldi, da vita al Quartetto Etcetera (con Marco Argiolas al clarinetto e Corrado Salis al contrabbasso) che, accanto ad un repertorio di tradizione swing, ripropone temi e sonorità affini al jazz italiano degli anni '40. L'esperienza, che culmina con il disco omonimo nel 2000, porterà poi alla creazione della Midnite Blue Band (piccola orchestra di 10 elementi, dove spiccano tra gli altri Mauro Sanna al trombone, Sandro Angiolini al sax tenore e la cantante Rossella Faa) che ripropone il repertorio della grandi orchestre di swing (anni '40 e '50) e nella quale, oltre a suonare il pianoforte, scrive gli arrangiamenti, trascrivendo talvolta i brani direttamente dalle registrazioni d'epoca.

Durante un concerto con gli Acousmatica. Foto di Paolo CherentiCon entrambi i gruppi partecipa ad importanti festival e raduni italiani ed europei, oltre a svolgere una intensa attività concertistica in tutta la Sardegna riscuotendo quasi ovunque un ottimo riscontro di pubblico e di critica. Da considerare, infine, alcune collaborazioni occasionali con altri musicisti sardi come Marco Loddo, Piero Di Rienzo, Sandro Fontoni, Massimo Ferra, Billy Sechi e Francesco Sotgiu.

Contemporaneamente approfondisce lo studio della musica attraverso corsi di Composizione tradizionale e sperimentale (Cagliari), Musica Elettronica (diploma nel 1999 al Conservatorio di Cagliari con vot. 10/10), Direzione d'orchestra (Lugano, CH), Prima di una recita al Teatro Alfieri di Cagliari (a sinistra Mario Faticoni)dando luogo ad una intensa attività compositiva sperimentale: dal 97' al 2001 realizza, talvolta su commissione, diversi lavori per nastro magnetico inseriti in rassegne e festival, installazioni multimediali, produzioni teatrali e video arte, in Italia e in Francia.

Sempre in quegli anni, su incoraggiamento dell'attore Mario Faticoni, lavora nell'ambito teatro musicale ricoprendo ruoli di pianista, preparatore, arrangiatore e direttore, e suonando in decine di recite e spettacoli in grandi e piccoli teatri della Sardegna; tale attività lo metterà a contatto con repertori molto differenti tra loro (come la canzone italiana e napoletana, il futurismo, il cafè-chantal, il teatro brechtiano, la rivista, l'operetta), consentendogli di affrontare in maniera approfondita autori come Kurt Weill, Fiorenzo Carpi, Giorgio Gaber, e altri artisti della musica e del teatro. In questo contesto collabora con musicisti di varia estrazione (come il violinista Lucio Casti, il contrabbassista Massimo Tore e le cantanti Eloisa Deriu ed Elena Pau), ed ha occasione di collaborare con attori, registi, poeti, mimi, ballerini, musicisti rock, pop, folk, etc.,. tra cui il chitarrista Peo Alfonsi. Gli Acousmatica alla fine del concerto (Tore Spano, Joe Murgia, Cinzio Atzori e Vittorio Sicbaldi). Foto di Paolo CherentiSempre in quest'ambito va inquadrata la doppia partecipazione, insieme a diversi amici musicisti, all'annuale Omaggio a Fabrizio De Andrè (Tempio Pausania, SS) con una dozzina di canzoni del cantautore genovese rilette in chiave personale.

Nel 2001 intanto, archiviata la parentesi teatrale, si dedica attivamente alla musica jazz; grazie anche ai preziosi suggerimenti dell'amico pianista e didatta Luca Mannutza studia e analizza in maniera approfondita i grandi autori del passato (come George Gershwin, Jelly-Roll Morton, Duke Ellington, ma anche Thelonious Monk, Bud Powell, John Coltrane, Charles Mingus) cercando di sintetizzare un linguaggio "proprio" e personale, possibilmente colto ma non accademico, leggero ma non banale, moderno ma non estraneo alla tradizione. Questa ricerca (tutt'ora in corso) attuata anche sul piano della scrittura musicale porta nell'anno successivo alla elaborazione di un progetto musicale completamente originale: insieme al sassofonista e compositore Joe Murgia da vita al duo Acousmatica che diventa subito un quartetto con Vittorio Sicbaldi alla batteria e Alessandro "Cinzio" Atzori al contrabbasso. Dopo pochi mesi nasce il disco Suoni e forme (edito da LiveStudio), contenente 10 composizioni originali; presentato a Cagliari e a Milano ottiene delle recensioni che incoraggiano il proseguimento del lavoro negli anni a venire.

Attualmente vive tra Novara e Cagliari, suonando attivamente con il gruppo Acousmatica e collaborando con numerosi musicisti del panorama jazz tradizionale e moderno (tra cui Marco Parodi, Alfredo Ferrario, Michele Bozza). Inoltre lavora occasionalmente come direttore musicale e arrangiatore presso studi di registrazione e associazioni culturali nella produzione di CD-audio, DVD-video e spettacoli dal vivo.

Per contatti e informazioni:
Tore Spano
email: torespano@libero.it
 



Per conoscere i prossimi appuntamenti Live di Tore Spano

Questa pagina è stata visitata 7.651 volte
Data ultima modifica: 07/06/2004





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti