Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Piano Solo 2004/2005
Musica per Roma - Auditorium – Roma, 20 gennaio 2005
Abdullah Ibrahim
di Dario Gentili

All'interno della rassegna Piano Solo dell'Auditorium di Roma, stasera è di scena uno dei pianisti più carismatici della storia del jazz: Abdullah Ibrahim.

Nell'ottobre dello scorso anno Ibrahim ha festeggiato settant'anni di un'esistenza intensa, vissuta in simbiosi con la travagliata storia del suo Paese, il Sud Africa.

Durante il 2004, il mondo del jazz e non solo ha tributato molti e diversi omaggi alla musica di Ibrahim, alla sua straordinaria capacità di contaminare il jazz della tradizione americana (Duke Ellington su tutti) con le sonorità e le atmosfere africane, restituendolo così alle sue più intime radici.

Una celebrazione della sua lunga carriera è stato anche il concerto di solo piano di stasera: un percorso nella propria memoria musicale, assolutamente improvvisato, svincolato da ogni scaletta programmatica. Il concerto si è composto in sostanza di due lunghe suite, in cui Ibrahim ha lasciato confluire i suoi temi più celebri, spesso accennandoli appena per riprenderli poi in modo del tutto inatteso. Certo, per chi abbia dimestichezza con le registrazioni di solo piano della sua lunga carriera, era difficile aspettarsi una riproposizione del suo pianismo percussivo e tumultuoso; inoltre, una disorganica e asimmetrica stratificazione dei motivi e delle variazioni di ritmo, che non ha evitato una certa frammentarietà, ha sostituito le lunghe e incisive fughe delle sue vecchie esibizioni live. Tuttavia, ascoltare Ibrahim suonare quegli stessi motivi oggi, a settant'anni, non è stato meno emozionante. Struggente, infatti, è stato percepire un velo di malinconia ammantare l'esuberante, gioiosa e solare sonorità del suo stile.

I brevi momenti in cui Ibrahim ha percosso i tasti del pianoforte, il tamburo di antichi riti africani, non avevano più la funzione di elevare le sue vigorose rivendicazioni e i suoi canti di emancipazione alle altezze dell'inno; le sue proteste restano intensamente melodiche, ma prevale la nostalgia sulla speranza, il passato sul futuro. Comunque, adesso come allora, la musica di Abdullah Ibrahim non ha perso nulla della sua disarmante sincerità e comunicativa.






Articoli correlati:
26/05/2009

Abdullah Ibrahim in piano solo all'Auditorium di Roma: "...poggia le mani sulla tastiera e la magia inizia. Poche note, essenziali, nulla, assolutamente nulla che possa apparire minimamente superfluo o ridondante, una musica che pretende dagli ascoltatori una attenzione, una concentrazione, una devozione assoluta, una ricerca continua di quelle "note non suonate" - ma certamente "udite" se non dalle orecchie, dalla mente - che diventano parte essenziale del concerto." (Roberto Biasco)

31/07/2007

Vicenza Jazz 2007: Andrea Bacchetti in "Omaggio a Ravel e de Falla", Irio De Paula con Fabrizio Bosso, Abdullah Ibrahim in "Senzo - Ancestor", la Egea Orchestra e il "Malian Project" di Dee Dee Bridgewater. (Giovanni Greto)

24/04/2006

Abdullah Ibrahim a Chiassomusica: "Una lunga 'suite' di inni, di ballate e di meditazioni, di melodie senza mai cadere nel mielismo, senza urla di ribellione. Un dolce canto, un inno alla speranza, alla libertà, alla giustizia: i suoi sogni. " (Patrizio Gianquintieri)

01/07/2005

Innovazione e tradizione a Terniinjazz 2005 con i "Sax Pistols" di Francesco Bearzatti "...Un progetto che riesce ad applicare la migliore improvvisazione di matrice jazz ad un repertorio rock moderno..." e il piano di Abdullah Ibrahim: "...Superba, nondimeno, la performance, il cui finale a note sospese merita il sentito applauso dei presenti." (Antonio Terzo)

03/10/2004

Anouar Brahem presenta a Roma il suo ultimo album: "È una musica delicatamente provocatoria, sospesa, dolcissima e malinconica come il ricordo di un'epoca irrimediabilmente perduta, lontana dai ritmi frenetici e dissonanti della contemporaneità..." (Dario Gentili)

03/07/2004

New York Is Now! a Roma, diciotto musicisti, nove formazioni, tre diversi concerti a serata, un totale di nove ore di musica: "...il free è sì rottura e avanguardia, ma anche ritorno alla radice stessa della musica afroamericana, il ritmo. Il jazz è soprattutto ritmo, è la musica in cui trova espressione, senza discriminazione alcuna, tutto ciò che "batte"..." (Dario Gentili)

11/04/2004

Brad Mehldau Trio a Musica per Roma: "...Mehldau spesso e volentieri si è avventurato ispirato in lunghi assoli solitari, veri e propri brani nel brano..." (Dario Gentili)

31/10/2003

Egberto Gismonti: "Il suo modo di suonare è lussureggiante, le citazioni e le variazioni di ritmo si susseguono senza soluzione di continuità, spesso le due mani suonano ritmiche diverse sulla tastiera e sulle corde...". (Dario Gentili)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 6.279 volte
Data pubblicazione: 22/07/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti