Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

John Abercrombie Quartet + Dave Douglas Quintet
Dolce Vita Jazz Festival. La Palma, 15 luglio 2003
di
Dario Gentili e Alessandro Marongiu
photo by Alessandro Marongiu


Dolce Vita Jazz Festival 2003

JOHN ABERCROMBIE quartet
John Abercrombie
chitarre
Marc Feldman
violino
Marc Johnson
contrabbasso
Joey Baron
batteria

DAVE DOUGLAS quintet
Dave Douglas -
tromba
Seamus Blake -
sassofono
Uri Caine
fender rhodes
James Genus
contrabbasso
Clarence Penn -
batteria

Marc Feldman, Joey Baron, John Abercrombie - Dolce Vita Jazz FestivalLa proposta del Dolce Vita Jazz Festival per questa sera è davvero intrigante: un doppio concerto divide equamente la scena della Palma. John Abercrombie e Dave Douglas, entrambi a capitanare formazioni di altissimo livello, sono abituati a rappresentare i nomi di spicco di qualsiasi festival jazz, eppure stasera gli spettatori hanno potuto assistere a due concerti in uno.

Il primo set ha presentato la chitarra di John Abercrombie accompagnata dalla formazione del suo ultimo lavoro Joey Baron, John Abercrombie - Dolce Vita Jazz FestivalCat' n' Mouse. La particolarità di questa formazione è la presenza del violino di Marc Feldman, che ha già collaborato con Abercrombie in un altro suo lavoro recente Open Land, e ogni brano suonato stasera, da A Nice Idea tratto dall'ultimo album all'inedita A class trip, ha evidenziato una totale sinergia tra la chitarra e il violino, quasi a voler dimostrare che i due strumenti sono più affini e complementari di quanto si possa comunemente presupporre: Abercrombie e Feldman spesso arpeggiano il tema del pezzo all'unisono ed equamente si dividono la presenza sonora sulla scena. Come ormai caratteristico del suo chitarrismo, Abercrombie alterna sapientemente arpeggi in puro stile jazz con brevi e folgoranti sfuriate rock. I pezzi proposti sono molto raffinati, dalle atmosfere calde, e al contempo hanno una struttura complessa, come ne è testimonianza esemplare la suite di John Abercrombie - Dolce Vita Jazz FestivalFree Piece, da Open Land. Il brano inizia come una ballad molto dolce, il tema è presentato in tutte le sue sfumature dalla suggestiva chitarra di Abercrombie in assoluta solitudine, che, con l'ingresso del gruppo, improvvisamente esplora prima un ritmo decisamente country, per poi "indurirsi" progressivamente; il pezzo cambia ancora stile nel finale con un duetto tra violino e contrabbasso suonato con l'archetto, che conclude Free Piece lasciando approdare nella musica classica questo viaggio senza confini. Il brano che chiude il concerto è una chiosa affidata a un impressionante assolo di batteria di Joey Baron che, prima con le mani e poi con le bacchette, esplora le più recondite potenzialità del suo strumento, lasciando il pubblico letteralmente di stucco.

Dave Douglas, James Genus - Dolce Vita Jazz FestivalSubito dopo l'uscita di John Abercrombie e della sua band le luci si fanno soffuse e sul palco entra lo staff della seconda band che si esibisce stasera. Oltre lo staff vi sono anche i musicisti che controllano il corretto montaggio dei propri strumenti. Tra questi si riconoscono Dave Douglas e Uri Caine. Proprio loro, la punta di diamante dell'avanguardia newyorkese stasera è di scena a "La Palma Club". Non che sia una novità (già in passato si erano esibiti in questo club come è testimoniato dalla confidenza esistente tra loro e Flavio Severini), ma ogni volta che sbarcano qui a Roma c'è da aspettarsi un momento di grande jazz.

Uri Caine, James Genus, Dave Douglas - Dolce Vita Jazz FestivalNeanche stasera tradiscono le aspettative.

I brani in scaletta sono tratti dal penultimo lavoro di Douglas, The Infinite, che, con l'eccezione di Seamus Blake al sax, presenta la medesima formazione di stasera: Uri Caine è al Fender Rhodes, Dave Douglas alla tromba, James Genus al contrabbasso e Clarence Penn alle batterie. Il pezzo esordisce con un intro di tromba molto serrato che poi diventa melodico. Il tutto su una sezione ritmica stile funky. Uri Caine - Dolce Vita Jazz FestivalDopo un po' la tromba inizia la parte improvvisata ed il ritmo rallenta per fare spazio ad un bell'assolo di sax. La sezione fiati esce di scena lasciando dietro di sé un'atmosfera molto calda fatta di Fender Rhodes, di contrabbasso e di batteria. Il finale vede i fiati rientrare e scandire il tema principale.

Nemmeno il tempo di terminare l'applauso che Uri Caine inizia a percuotere i tasti del suo strumento che inizia a produrre un'atmosfera molto rarefatta e dolce. Fa da contrasto una batteria molto vigorosa su cui entrano i fiati che propongono un fraseggio molto lieve. Il ritmo poi accelera e diventa frenetico per poi calare di nuovo per fare spazio ad un assolo di sax. Dave Douglas, Seamus Blake - Dolce Vita Jazz FestivalL'assolo coinvolge talmente tanto il sassofonista che ad un certo punto il microfono gli cade dentro il sax producendo un suono molto particolare. Il finale lo costruisce Uri Caine con un bellissimo assolo di Fender molto vario e ricco di citazioni.

Si prosegue con uno scherzoso brano caratterizzato da un ritmo stile swing e da una semplice melodia anni '40.

A questo punto, Dave Douglas prende il microfono e ci preannuncia il brano successivo che è ancora in lavorazione per il prossimo album. Il brano, ci racconta Dave Douglas, è stato concepito durante una sera passata nei pressi di "Ground Zero" ed è dedicato a tutte le vittime di quell'attentato, nonché alle vittime dei due successivi anni di barbarie. Dave Douglas non è nuovo a questo tipo di esternazioni contro l'attuale governo del suo paese. Come non ricordare quando nell'inverno passato, sempre qui a "La Palma", si scusò personalmente per il comportamento del suo governo ed appese al microfono la bandiera arcobaleno della pace, incitando il popolo europeo a continuare a manifestare contro la guerra. Il pezzo non è molto elaborato ma, in compenso, è molto diretto e suggestivo. Dopo un assolo di tromba è la volta del sax che si produce in una linea melodica molto nitida e pulita. Ancora un assolo di Uri Caine ed infine il ritorno del tema principale.

L'ultimo brano della serata ci propone una ritmica molto funky ed allegra quasi a contrapporsi con il pezzo precedente. Il pezzo è in pieno stile jazz statunitense anni '70, con assoli di sax e di fender dal sapore bluesy.

Il pubblico reclama un bis, magari una jam session con Abercrombie e Douglas insieme, ma per stasera sembra proprio che finisca qui.





Articoli correlati:
09/08/2003

Al Dolce Vita Jazz Festival Uri Caine con il suo Bedrock 3: "Uri Caine è un artista camaleontico in grado di spaziare dal più classico degli stili fino a quello più moderno. Uri Caine è avanguardia, sperimentazione, ironia. E come tale bisogna considerarlo." (Alessandro Marongiu)

08/08/2003

Ornette Coleman Trio al Dolce Vita Jazz Festival 2003. "...Il suo ingresso in scena è accolto dal lungo e sentito applauso che giustamente si concede a un pezzo di storia del jazz..." (Dario Gentili)

24/07/2003

Al Dolce Vita Jazz Festival Wayne Shorter: "L'atmosfera che si respira è elettrica. Il pubblico è impaziente. Cinque minuti prima dell'inizio del concerto qualcuno porta sul palco due sassofoni, un tenore ed un soprano..." (D. Gentili e A. Marongiu)

23/07/2003

Gonzalo Rubalcaba Quartet & David Sanchez al Dolce Vita Jazz festival: "...gli assoli di Rubalcaba, coadiuvati a memoria dalla batteria di Berroa, premono perfettamente amalgamati tutti i tasti del sound cubano, dal mambo alla salsa..." (D. Gentili, A. Marongiu)

23/07/2003

Brad Mehldau Trio al Dolce Vita Jazz festival: "... i suoi pezzi rompono lo schema classico del jazz tema-assoli-tema, sono fluidi e armonicamente organici, senza decise variazioni di ritmo, e le frequenti concessioni che fa al blues, in particolare nel finale dei pezzi, scaturiscono da passaggi quasi impercettibili..." (Dario Gentili)

11/07/2003

Al Dolce Vita Jazz Festival, lo storico Art Ensemble of Chicago: "...mentre Mitchell presenta il gruppo sulle note di Odwalla, come a ogni concerto da ormai trent'anni, la sensazione è di aver assistito a una di quelle celebri performances dal vivo di cui si narra nel mondo del jazz" (Dario Gentili)

09/07/2003

Maria Pia De Vito al Dolce Vita Jazz Festival: "L'ultima immagine del concerto è una processione di spettatori che fa la fila sotto il palco per ringraziare Maria Pia De Vito per le emozioni che ha fatto provare stasera." (Alessandro Marongiu)

04/07/2003

Bossa made in Italy al Dolce Vita Jazz Festival. Rosalia De Souza, trapiantata in Italia da diversi anni, trasmette grazia, sensibilità, accompagnata da musicisti italiani." (Alessandro Marongiu)

24/06/2003

Erik Truffaz al Dolce Vita Jazz Festival "...Erik Truffaz e il suo gruppo entrano quasi furtivamente sul palco del Dolce Vita Jazz Festival, le luci estremamente soffuse e calde quasi nascondono i musicisti, la figura magra e gentile di Truffaz si accomoda su uno sgabello..." (Dario Gentili)

19/06/2003

Piccola Orchestra Avion Travel al Dolce Vita Jazz Festival 2003: "...la Piccola Orchestra Avion Travel ancora una volta ha dimostrato il proprio talento, che dal vivo si arricchisce di un'improvvisazione musicale e teatrale che rende il loro concerto un evento da non perdere." (Dario Gentili)

14/06/2003

Archie Shepp - Just In Time Quartet al Dolce Vita Jazz festival 2003: "...Sembrava essere appena uscito dall'ultimo film di Wim Wenders dedicato al blues, L'anima di un uomo, con un panama da vecchio bluesman, quando Archie Shepp si presenta sul palco del Dolce Vita Jazz Festival". (Dario Gentili)

11/06/2003

Intervista a Flavio Severini: (d.a. Dolce Vita Jazz Festival) "...Il mix di cultura, curiosità, piacere dell'azzardo e passione che ha guidato fin qui la mia vita caratterizzerà il tempo a venire.". (Marco Losavio)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 11.959 volte
Data pubblicazione: 04/08/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti