Jazzitalia - Io C'ero: Paolo Sereno
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Acoustic Franciacorta 2009
Paolo Sereno

Rovato, Chiesa di S. Stefano - 5 settembre 2009
di Nicol Caverna

Sabato 5 settembre è stata una bellissima serata in quel di Rovato, piccolo paesino in provincia di Brescia che ha ospitato nella splendida chiesetta Santo Stefano, una delle tappe del festival Acoustic Franciacorta 2009 con direttore artistico Giorgio Cordini.

La serata è partita con i concerti di Paolo Sereno (fingerstyle) e Accordance Guitar Ensamble (classica), prima del clou con il grande chitarrista statunitense Duck Baker (fingerpicking).

L'intervento live di Paolo Sereno è stato forse la vera sorpresa della serata, viste le reazioni dei presenti. Un pubblico di circa 250 spettatori lo ha seguito per tutto il tempo della sua performance, gratificando il musicista con forti applausi ed acclamazioni. I presenti sono rimasti chiaramente affascinati e coinvolti dalla sua chitarra che parlava da sé in modo virtuosistico e nuovo. Sereno ha utilizzato la chitarra in modo non convenzionale: di lei ha fatto suonare tutto, corde, fasce, cassa armonica, paletta, fondo. Quello stesso pubblico inoltre ha seguito attentamente gli interventi parlati del musicista tra un brano e l'altro, che da presentazioni diventavano talvolta siparietti esilaranti. Uno ‘spettacolo' vero e proprio più che un ‘concerto', nonostante fosse solo un intervento di durata limitata. Ha eseguito otto brani spaziando dal bell'arrangiamento di "Con il Nastro Rosa" (Battisti/Mogol) alla toccante "Forbidden Colours" di Ryuichi Sakamoto, a notevoli brani di sua composizione: "Nottetempo", un raffinato jazz waltz, "Falangi", in cui ha letteralmente pestato la chitarra come una vera e propria percussione, tre brani folk melodici ispirati al mare e alla vita dei pescatori ("Prayer", "Vele di Settembre" e la preziosa ballata "Danza Bianca"). Al termine, un grosso e lungo applauso, ha strappato il bis con la grintosa e virtuosa "Seven Secrets".






Articoli correlati:
24/02/2008

Ho incontrato un "Nobile" di nome Pietro..."...un artista pieno di sorprese, un uomo alla continua ricerca di se stesso, del proprio miglioramento interiore, un uomo che sta cercando con forza e con meravigliato stupore il senso pieno e la direzione corretta del proprio vivere, una persona che non si accontenta dei già buoni risultati raggiunti con la chitarra." (Ernesto Losavio)

29/05/2006

LEZIONI (chitarra): Il Superpicking a' la Dadi (Paolo Sereno)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 2.542 volte
Data pubblicazione: 22/09/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti