Jazzitalia - Io C'ero: Adam Rudolph conduce la Go: Organic Orchestra
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Adam Rudolph conduce la Go: Organic Orchestra
Roulette - New York - 8 marzo 2010
di Liliana Rosano
foto di Charles Daniel Dawson

Adam Rudolph - Go: Organic Orchestra (foto di Charles Daniel Dawson)

U
nico nel suo approccio all'esecuzione e alla composizione, definire semplicemente Adam Rudolph uno dei primi innovatori della World Music non è solo riduttivo. I suoi lavori nella fase di orchestrazione racchiudono in maniera complessa e sofisticata diversi elementi riconducibili alla tradizione del jazz americano e di quello africano.

Con la Go: Organic Orchestra in un concerto che si è tenuto al "Roulette" di New York ha realizzato un progetto unico nella struttura compositiva e negli arrangiamenti. Rudolph ha diretto un'orchestra composta da quasi trenta musicisti in un progetto che andava dall'improvvisazione jazz all'afro jazz dove l'elemento delle percussioni stava alla base di una tessitura compositiva articolata e complessa.

Nelle composizioni di Rudolph la linearità lascia spazio ai suoni sintetici, ai silenzi così come agli intervalli ritmici dove sempre le percussioni dettano il tempo e il ritmo insieme ai fiati, agli archi e alla chitarra di Marco Cappelli con cui Rudolph è impegnato in diversi progetti.

Melodie classiche, suoni linguistici, la scrittura musicale di Rudolph abbraccia la musica nella sua forma più ampia: eclettica nella sua esecuzione, filosofica nella sua creazione. Lo stesso Rudolph ammette che "l'esperienza della musica non è seguire una linea musicale dritta e unica ma creare una pluridimensione i cui diversi suoni e microsuoni si sovrappongono." Per questo la sensazione è quella di essere immersi in un climax musicale che sembra dare luogo ad una spirale. Dentro c'è una ricerca musicale che lascia all'ascoltatore una via immaginaria o immaginifica dove poter approdare. Ricerca musicale, ma non solo, spazio alla creatività. Del resto conclude Rudoph, "la creatività è la forma più grande della religione. Trascende razze, politica e società. E' una di quelle cose che definiscono gli esseri umani".


Adam Rudolph - Go: Organic Orchestra (foto di Charles Daniel Dawson)
Adam Rudolph - Go: Organic Orchestra (foto di Charles Daniel Dawson)
Adam Rudolph - Go: Organic Orchestra (foto di Charles Daniel Dawson)
foto di Charles Daniel Dawson






Articoli correlati:
30/05/2010

Towards The Unknown (Yusef Lateef – Adam Rudolph) - Marco Buttafuoco







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.615 volte
Data pubblicazione: 20/03/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti