Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Angela Baggi Underground Gospel Project
Scimmie, Domenica 15 febbraio 2004
di Marina Stiletto
foto di Alberto Gottardelli

Arriviamo alle Scimmie con largo anticipo, dobbiamo conquistarci un buon tavolo per assistere al concerto, l'affluenza di pubblico sarà certamente alta. Il locale è uno dei più conosciuti dai milanesi che amano l'atmosfera bohemienne del Naviglio, ed Angela Baggi è un personaggio di sicuro richiamo per chi ama la musica blues, jazz e gospel.

Incontriamo Angela al ristorante, ieri e l'altro ieri sera si è esibita in due concerti tanto belli quanto faticosi, quindi è un po' stanca ma pur sempre fiduciosa di ritrovare la sua grinta una volta sul palco.

Mentre gli artisti si truccano (o meglio "si trasformano") in camerino (in realtà è un bagno), la sala è gremita di un pubblico ancora scomposto e vociante, che rimane tale anche mentre gli artisti salgono sul palco.

Eppure il silenzio si fa pressoché perfetto alle prime note del dolcissimo "Gospel Medley", all'inizio sussurrato da quattro soliste alle cui voci si affiancano man mano quelle degli altri coristi.

ll secondo brano è "Brighter Day", lo canta il gruppo al completo. E' davvero un pezzo "luminoso", gioioso, quasi chiassoso con i battiti di mano degli artisti ai quali ben presto si uniscono quelli del pubblico.

Con "Sow a Seed of Love" è il momento della Baggi, che con la sua voce calda, penetrante, cattura definitivamente l'attenzione del pubblico. Angela riesce ad esprimere la sua anima quando canta!

Andrea Pollione alla tastiera, Marco Mangelli al basso, Salvo Correri alla chitarra e Marcello Bread Schena alla batteria supportano il gruppo composto da 11 coristi (avrebbero dovuto essere in 13 ma due non erano disponibili per la serata) di cui solo 3 uomini, ma il loro ruolo è determinante sia dal punto di vista vocale che come "presenza" sul palcoscenico.

In questo senso Ferdinando Di Martino è una carta vincente per la riuscita dello spettacolo. Ferdinando, grazie alla sua carica di simpatia e di sense of humour, gioca da maestro il ruolo del presentatore e del "padrone di casa". Indubbiamente un artista completo deve essere anche un po' guitto (per usare un termine caro a Dario Fo), e lui senza alcun dubbio lo è!

Sheu Tanimowo è il giovane di colore che con la sua voce e la sua immagine rende ancora più graffiante il dinamico e moderno "Jesus is All": Questo pezzo rap ci trasporta con la fantasia in una strada di New Orleans dove una banda di ragazzini negri balla acrobatiche musiche rap!

Dinamismo e coinvolgimento aumentano con il brano funky "Revolution". L'atmosfera nel locale si scalda, per molti del pubblico diventa difficile stare fermi ai propri tavoli!

Il programma comprende 19 pezzi, ricordarli tutti sarebbe troppo, ma non possiamo dimenticare di menzionare almeno alcuni fra questi. Ad esempio il famoso "Stomp", un brano religioso molto bello e famoso, che ci regala un momento di quiete, di raccoglimento ed è l'occasione per tutte le coriste (Eva Simontacchi, Isabella Casucci, Jenny Tempesta, Elisa Rosselli, Claudia Bernath, Letizia Turrà, Marlena Colecchia) di esibirsi nei loro magnifici assoli.

Lo stesso vale per "When Will I See You Again", brano arrangiato per le voci maschili, ci dà un'occasione particolare per poter apprezzare i toni "caldi" di Ranieri di Biagio, Ferdinando Di Martino e Sheu Tanimowo.

E' impossibile dimenticare "Lovely day", bellissimo, frizzante, un invito al ballo al quale molti del pubblico non sanno negarsi, è che proprio per questo viene riproposto come bis al termine della serata.

La partecipazione del pubblico ci ha colpiti moltissimo. Non è facile mantenere l'attenzione di un auditorium particolare come quello delle Scimmie, dove anche chi davvero desidera ascoltare, è pur sempre facilmente distraibile dalle chiacchiere ai tavoli vicini o dall'andirivieni dei camerieri.

Calorosissimi complimenti dunque ad Angela Baggi ed a tutta la sua band!





Articoli correlati:
25/05/2013

Places (Eva Simontacchi)- Alceste Ayroldi

11/04/2010

Parliamo di Bruno. Intervista a Franca De Filippi. Eva Simontacchi incontra Franca De Filippi con la quale ripercorre alcuni degli aspetti che hanno reso Bruno De Filippi un uomo amato, rispettato e spesso considerato un riferimento come rimarcano le testimonianze dei tanti colleghi e amici qui riportate. Quest'anno Bruno De Filippi avrebbe compiuto 80 anni che sarebbe stato solo un altro dei suoi ambiti traguardi e, purtroppo, l'unico non raggiunto...(Eva Simontacchi)

31/10/2009

Intervista a Ivan Lins: "Quando inizio a comporre, a scrivere lo faccio per altri. In effetti non ho mai scritto canzoni per me, perchè ho iniziato a cantare tardi nella mia carriera. Ho iniziato tutto tardi. Ho iniziato a suonare il piano a 18 anni, poi ho cominciato a scrivere canzoni mentre frequentavo l'università, e non ho mai nemmeno pensato di poter cantare un giorno. Dunque quando iniziavo a scrivere delle canzoni, immaginavo semplicemente che qualcuno le cantasse. E questo è ciò che sento nel cuore ancora oggi." (Eva Simontacchi)

31/10/2009

Ivan Lins al Blue Note di Milano: "La sua semplicità, naturalezza e generosità sono ben evidenti durante le sue esibizioni. Si avverte che è con il suo pubblico in ogni momento, si concede senza riserve e lo fa divertendosi e coinvolgendo il chitarrista Amuedo con sguardi e intese per stabilire al momento tempi e dinamiche." (E. Simontacchi, N. Pazzaglia)

21/06/2009

"...sostegno e respirazione, potenza, proiezione e dinamiche, voce di testa, voce di petto, mix di testa e mix di petto, i quattro tipi di vibrato codificati dalla docente, effetti artistici e improvvisazione vocale sulle scale blues e pentatoniche." al Vocal Power Meeting per istruttori autorizzati tenuto da Elisabeth Howard. (Eva Simontacchi)

11/04/2009

Presso la Divisione ORL dell'Ospedale Fatebenefratelli è ormai attivo, nella sua completezza, il Centro integrato e laser-assistito di video-endo-stroboscopia elettronica delle vie aerodigestive superiori, un Centro Specialistico per visite ed esami consigliabile a tutti coloro che utilizzano la voce cantata e parlata.

24/03/2008

Pure Ecstasy (Eva Simontacchi)

27/01/2008

Matteo Brancaleoni al Blue Note: "Una delle cose più importanti per me è "sentirsi nel brano" rispecchiarsi, trovare una propria chiave di lettura nell'interpretazione essendo onesti con sé stessi e con il pubblico." (Eva Simontacchi)

20/12/2007

Oh Happy Day (Our Christams Songs) (4 Heaven & More)

11/03/2007

Master Class di "American English Diction And Pronunciation" tenuta da Eva Simontacchi: "La dizione è qualcosa a cui non si pensa mai abbastanza, ma il risultato di una buona dizione fa la differenza! La canzone risulta più melodica e scorrevole..." (Paola Piccinetti Aiello)

01/03/2007

Voci e Note di Natale, 4 Heaven & More: "Una fresca ricerca di quella purezza formale del bello assoluto che non tralascia assolutamente le ragioni del cuore: musica americana carica di sentimento latino,anzi, italiano e per questo sincero perchè vero." (Mario Livraghi)

03/02/2007

5 giorni di corso con Mary Setrakian: "...dobbiamo affrontare la sfida di "rimanere nudi" con le nostre emozioni, e questo può sollevare delle difese o può rendere qualcuno insicuro. Ma Mary ha sostenuto ognuno di noi nei nostri percorsi individuali." (Eva Simontacchi)

03/02/2007

Mary Setrakian con la Avant Orchestra, quando Broadway incontra il Jazz in Italia: "Arriva cantando, senza microfono, ma perfettamente udibile, e si avvia verso il palcoscenico per raggiungere l'Orchestra lungo il corridoio centrale tra le poltroncine del Teatro delle Erbe. Carica di energia e positività, la sua comparsa è elettrizzante." (Eva Simontacchi)

03/02/2007

Intervista a Mary Setrakian: "...lavoro sul "bisogno". Il "bisogno" è qualcosa che si ha da piccoli, da bambini. Il bisogno di essere amati, il bisogno di essere visti, il bisogno di essere ascoltati, il bisogno di essere qualcuno. Ci sono molti tipi di bisogno diversi, e l'attore si deve collegare alla sensazione di bisogno e deve cantare e parlare attraverso quella sensazione..." (Eva Simontacchi)

18/07/2004

Intervista a Angela Baggi: "...Per me la musica è un modo per stare vicini e farlo con le persone che hanno una umiltà, una umanità, un modo di sentire la musica che includa tutti quanti: bianchi, rossi, neri tutti assieme..." (Eva Simontacchi)

10/04/2004

Una serata con Bruno De Filippi: "...Louis Armstrong è venuto a sedersi vicino a me...Non sapevo più come fare...avrei voluto toccarlo, parlargli...Balbettavo...con il banjo gli ho accennato l'inizio di una canzone...lui mi ha sorriso, ha preso in mano la tromba e ha incominciato a suonare e cantare..." (Eva Simontacchi)

07/12/2003

Eva Simontacchi, in occasione del laboratorio di tecnica di canto "Vocal Power Singing Method" organizzato dall'A.I.C.I. e tenuto da Elisabeth Howard, ci racconta come si è svolto l'incontro da un punto di vista didattico. Inoltre ha incontrato Elisabeth Howard per una bella intervista in cui la Howard ci racconta la sua intensa vita.







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 8.249 volte
Data pubblicazione: 03/04/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti