Jazzitalia - Io C'ero: Angelique Kidjo
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Angelique Kidjo
Auditorium Parco della Musica - Sala Sinopoli, 29 gennaio 2010
di Fabrizio Ciccarelli

Angélique Kidjo è da molti ritenuta una delle interpreti più sensibili e vitali della musica africana: è una performer originale e di grande personalità e presenza scenica. Secondo Peter Gabriel "dà vita a tutto ciò che tocca" e tanto parrebbe dai dieci cd pubblicati, dalle quattro nominations ai Grammy e dal fatto che il suo "Djin Djin" è stato scelto come Best Contemporary World Music Album del 2008.

N
elle sue scelte ricorda Curtis Mayfield (di cui ha inciso "Move on up"), Otis Redding (che ha riletto in "I got dreams to remember"), Aretha Franklin (di cui ha reinterpretato "Baby I love you"), James Brown (cui rifà il verso in un minuscolo funk ben rivisitato), Cassandra Wilson (ospite nel suo "Oremi", Islands Records, 1998, con Kenny Kirkland, David Sancious, Brandford Marsalis e Kelly Price, e scusate se è poco…).

Per "Djin Djin" (EMI 2207) ha ottenuto la partecipazione di Carlos Santana, Alicia Keys, Brandford Marsalis, Peter Gabriel, Ziggy Marley; magnifico il suo duetto con Joss Stone per un "Gimmie Shelter" che lascia a bocca aperta, sfacciato il suo confrontarsi col "Bolero" di Ravel in "Lon Lon", ma altrettanto impudente era già stata proponendo una versione stralunata di "Woodoo Chile" di Jimi Hendrix o incidendo una ostinata e bellissima "Out of Africa" per un film un po' mieloso come "La mia Africa" di Sidney Pollack. Da quando ha vinto il" Premio Tenco" nel 2009 è conosciuta anche in Italia, e ne siamo felici.. Nanni Moretti ha voluto il suo sound per "Caro diario".

Miriam Makeba il suo punto di riferimento. A proposito della grande artista sudafricana, dice: «All'inizio della mia carriera avevo problemi a cantare. A 12 anni, i vecchi del mio paese iniziarono a darmi della prostituta, perché secondo loro gli strumenti musicali che utilizzavo erano strumenti del diavolo. Avevo un bisogno disperato di una donna africana che aprisse la strada anche per me, mostrandomi che non c'era nulla di male a cantare. In quel momento Miriam Makeba apparve nella mia vita e rese possibile tutto questo».

La Kidjo si presenta sul palco con un abitino afro, naturalmente, con qualche bracciale e qualche collana stile etno, con improbabili capelli colori biondo oro sul suo metro e cinquanta circa. Appare felice. Ma a dirle che la musica ed il mito della serenità tribale potrebbero essere fumo negli occhi per quelle popolazioni i cui i movimenti di emancipazione sono assai deboli, perde la pazienza: "E che possono fare? Tutto è in mano ai bianchi, sono tutti bianchi anche i personaggi delle telenovelas. Per la gente di là la musica è un aiuto ad andare avanti, a sopportare. Preferisco che sentano la musica piuttosto che prendano una pistola o vadano in giro ad ammazzare la gente in nome della religione". E non è passata dall'altra parte, malgrado i tanti mesi che trascorre ogni anno a New York: "prendete la foresta amazzonica, e la distruzione degli alberi: chi sono i responsabili della catastrofe? Europei e americani. Chi ci guadagna? Europei e americani. Chi produce le armi con cui si ammazzano i poveracci delle favelas? Europei e americani. Chi produce le mine "intelligenti" su cui i disgraziati del mondo saltano in aria?". La musica ha forza "guardate cosa è successo con Mandela e il Sudafrica e ditemi non è vero" (Fonte: www.wittgenstein.it).

Ciò che canta è solare fusione fra la cultura del Benin, suo paese d'origine, ed il blues, il jazz, il funk e, soprattutto, la Makossa: un'ibridazione certo non nuova ma innovativa per temi e poetica, un mondo di suoni ed immagini dai contorni onirici, dalle evoluzioni potenti d'una voce ben definita e dinamica, di ampia estensione, ricca di coloriture flessibili nella varietas delle esecuzioni egualmente intense sia in inglese sia in francese ma particolarmente coinvolgenti se in Youtuba, lingua dell'Africa Occidentale parlata da trenta milioni di persone tra Nigeria, Benin e Togo, koiné che lei vuole rappresentare al mondo intero.

Se ne accorge il pubblico, rapito dalla riproposizione di "Samba pa ti" di Carlos Santana, dove l'armonia fra la vocalità e la sonorità del brano disegna con linearità espositiva un modus "incontaminato", perfino per un brano davvero inflazionato come quello chitarrista messicano. Poi una "Petit fleur" di Sidney Bechet di sobria intensità lirica, impressionismo disteso, quasi incantato, nelle sinuosità tipiche della ballad.

E' però quando apre interamente la propria vigoria timbrica nelle curvature melodiche semplici e profonde nell'ormai traditional "Mama Afirika" che l'espressività si trasforma in volontà di contatto fulminante e dialogico con una platea che cede ai richiami della vocalist e sale sul palco per ballare e cantare con lei, secondo un rituale che potrebbe apparire istrionico, da pop star, ma che in realtà è assolutamente africano e tribale, rito liberatorio di energia positiva, di vitalità gioiosa, di pura felicità dell'esserci….cosa mai vista nella Sala Sinopoli, né immaginata o immaginabile in un ambiente come quello dell'Auditorium romano.

Angélique Kidjo nella sua deliziosa compostezza avvolge on stage con i suoi sorrisi, con i riverberi - evocati dai suoi testi – di profumi e profondità affettive che rimandano ogni sensazione al centro vitale d'ognuno di noi, all'inizio della nostra storia biologica: "Mama Afirika", appunto. Il walking potrebbe non aver mai fine: il lirismo astratto, e ora corale, privilegia i cromatismi e le sfumature più sottili, nel modo di una conversazione musicale acrobatica quanto naturale e creativa. Di artifici neanche il sentore, tanto meno nella scelta della strumentazione del quartetto che l'accompagna: chitarre acustiche, una sola elettrica accordata in stile afro beat, basso, tante percussioni variopinte, batteria dal carattere "abrasivo", preparata a dovere per i numerosi controtempi secondo l'uso makossa.

La Kidjo parla, continua a parlare col pubblico e specie con i bambini, racconta e ricorda Miriam Makeba e Fela Kuti e di quanto costoro avessero dimostrato come fosse naturale far musica, con un bastone ed un sasso, con un battito di mani e tutto il corpo in movimento, ciò che con convinzione lei fa e propone alla gente col suo sound così antico e così insopprimibile e attualissimo: come non accontentarla? Impossibile. I suoni senza tempo sono articolazioni visionarie, impalpabili, sfuggenti ad ogni memoria e riferimento razionale: uplifiting music secondo lo schema "intro / groove / climax / outro". La presenza di una melodia principale, attorno a cui ruota la stesura del brano, accompagnata da una esplicita ritmica in 4/4, ma non sempre, dipende poi dall'estro del momento. Riflettiamo sul fatto che questi schemi oggi si chiamano Synth Pop, New Beat, Ambient elettronico, Rock Psichedelico,Trance, Techno, House, e che indicativamente i suoi BPM variano da un minimo di 130 ad un massimo di 170, a seconda dello stile considerato, per far discoteca, e che benissimo non fanno ai ritmi interni del nostro organismo. La Kidjo è molto lontana da quell'ambiente mentale: canta ora per la sua fondazione "Batonga", per l'educazione delle ragazze africane.

E' ambasciatrice UNICEF, lo ricorda e vuole che ognuno ricordi che esiste solo un mondo, per tutti. Naturalmente lo canta scendendo in platea saltellando e sorridendo, stringendo mani, accarezzando i più piccoli con le sue dita minuscole e fortissime, con le quali, poi, prende quelle di Carmen Consoli, con la quale ha inciso "Madre Terra" (Universal Italia 2006). La trascina sul palco: un blues all'insegna di un'estetica non convenzionale secondo la trasparenza delle pulsioni, per una ricerca di emotività non mediata fino in fondo, ispirato ad una simpatica combine nello scambio dei ruoli, nei vicendevoli contrappunti in un contesto di gaia eleganza nei riverberi di luce interiore.

Il blues torna ad essere africano: le ridondanze tipiche della musica tribale, specie quella a carattere sciamanico, irrompono nelle frasi, nella struttura elementare del brano. La sala all'improvviso si fa rossa per l'effetto luce, rossa come un tramonto africano, e chi l'ha visto non potrà mai più dimenticarlo.






Articoli correlati:
24/05/2015

Joshua Redman Trio: "Magnifico concerto con l'impressione che il 'giovane di talento' sia definitivamente trasformato in un artista maturo ed in costante evoluzione..." (Roberto Biasco)

10/05/2015

Brad Mehldau Trio: "...inaspettata economia di mezzi espressivi da parte del pianista, che, a dispetto di capacità tecniche superlative, non va mai oltre i limiti, preferendo toni smorzati ed atmosfere allusive." (Roberto Biasco)

31/08/2014

Stefano Bollani e Hamilton De Holanda: "Due grandi talenti quindi per un concerto che ha immerso il pubblico in un mondo di leggerezza, di romanticismo e di espressività pervaso comunque dal grande virtuosismo dei due artisti." (Nina Molica Franco)

17/08/2014

Herbie Hancock e Wayne Shorter: "Un concerto costruito su un doppio binario in cui Hancock è riuscito a fare qualcosa di interessante grazie alla sua immensa tecnica, mentre Shorter dal canto suo è apparso non particolarmente in forma." (Nina Molica Franco)

09/08/2014

Keith Jarrett: "...una coltre melodica e armonica che ha avvolto il pubblico che senza alcuna resistenza si è lasciato trasportare in quel mondo di luci e ombre." (NIna Molica Franco)

06/07/2014

Walter Beltrami Kernel Panic: "...un concerto energico e travolgente. Un quintetto di forte personalità individuali e con un collettivo animo rock, sperimentale e audace." (Valeria Loprieno)

22/06/2014

Pat Metheny Unity Group: "...un modo nuovo per Pat Metheny di forzare qualunque confine esistente nell'universo musicale e creare, insieme allo Unity Group, qualcosa di inedito e che toglie il fiato e obbliga i sensi ad abbandonarsi al piacere." (Nina Molica Franco)

16/06/2014

Doctor 3 proudly presents "Doctor 3": "...di come i padri abbracciarono i figlioli prodig(h)i. La formula è quella solita: classici del rock/pop rivisitati in chiave jazz, più qualche standard." (Monica Mazzitelli)

08/06/2014

Ambrose Akinmusire Quintet: "Una voce al servizio della musica, una tecnica al servizio dei sentimenti e delle sensazioni, un talento che si sta conquistando un posto d'onore nel jazz mondiale." (Valeria Loprieno)

08/06/2014

Steinar Raknes: "...proprio quando le voci si uniscono che il musicista e il suo contrabbasso diventano un'unica entità." (Nina Molica Franco)

25/05/2014

Uri Caine e Dave Douglas: "Un vero dialogo a tratti delicato, a tratti tumultuoso, ma anche sprezzante e poetico. Un concerto retto sulle contraddizioni nonchè sulla bravura dei musicisti." (Valeria Loprieno)

25/05/2014

Bobo Stenson Trio: "...come tre pittori, dipingono un quadro musicale coinvolgente e denso grazie alle intense pennellate di suono che, anche quando sembrano in contrasto tra di loro, appaiono magicamente armoniche e melodiche." (Nina Molica Franco)

18/12/2011

Colin Vallon Trio all'Auditorium per il Roma Jazz Festival: "...un mix originale e sorprendentemente coerente di musica colta, jazz nordico e gusto melodico balcanico." (Dario Gentili)

07/01/2011

Esperanza Spalding al 34° Roma Jazz Festival, Gezz - Generazione Jazz: "Grande attesa e Sala Petrassi gremita per il ritorno a Roma, a circa un anno di distanza dall'ultima esibizione, della giovane e talentuosa Esperanza Spalding, attesa ad una conferma dal vivo dopo l'uscita del recente ed ambizioso album "Chamber Music Society"...Affiora la sensazione che la Spalding, pur dotatissima, voglia dire "troppo" e tutto insieme: canta, suona, improvvisa, compone i brani e li arrangia, disperdendo energie in troppi rivoli. La musica è veicolo di emozioni, ma in questo modo la tecnica, seppur eccellente, rischia di prendere il sopravvento sui sentimenti." (Roberto Biasco)

31/12/2009

Diana Krall al Roma Jazz festival: "Diana Krall ha dato prova - se ce ne fosse stato bisogno - di essere una cantante e una pianista che può svariare tra generi e stili diversi, imprimendo loro la sua personalità - non soltanto musicale, stando al carisma dimostrato sul palco - e la sua voce inconfondibile, calda e sporca al punto giusto." (Dario Gentili)

27/12/2009

Jack DeJohnette & The Ripple Effect all'Auditorium di Roma: "Di una cosa si può esser certi: è praticamente impossibile assistere per due volte allo stesso concerto se questo ha per protagonista Jack DeJohnette, tale è la varietà e la diversità di progetti musicali di cui è l'ispiratore e il leader." (Dario Gentili)

13/12/2009

Il 14 novembre 2009 Brad Mehldau regala col suo trio - Larry Grenadier al contrabbasso e Jeff Ballard alla batteria - un concerto unico al numeroso pubblico romano dell'Auditorium Parco della Musica. (Laura Mancini)

14/11/2009

Sonny Rollins all'Auditorium di Roma: "...annuncia i propri ingressi con un senso della struttura formalmente perfetto, vigoroso, smarrito nel calore e nell'immediatezza dell'istante, in un pathos che non conosce né fraseggi declamatori né saccenti passi virtuosistici, ma solo passione e senso del divertissement." (Fabrizio Ciccarelli)

04/07/2009

Yaron Herman in piano solo all'Auditorium di Roma: ""Il concerto in piano solo all'Auditorium di Roma è stato un'occasione non soltanto per ascoltarlo nella sua prima esibizione romana, ma anche per capire in cosa si distingue la "composizione in tempo reale" dalla tipica improvvisazione jazz. Herman, infatti, nonostante dimostri di essere a suo agio all'interno della tradizione del pianismo jazz, è un artista che non si può ridurre esclusivamente al jazz..." (Dario Gentili)

26/05/2009

Abdullah Ibrahim in piano solo all'Auditorium di Roma: "...poggia le mani sulla tastiera e la magia inizia. Poche note, essenziali, nulla, assolutamente nulla che possa apparire minimamente superfluo o ridondante, una musica che pretende dagli ascoltatori una attenzione, una concentrazione, una devozione assoluta, una ricerca continua di quelle "note non suonate" - ma certamente "udite" se non dalle orecchie, dalla mente - che diventano parte essenziale del concerto." (Roberto Biasco)

23/06/2007

Anthony Braxton, William Parker e Milford Graves all'Auditorium di Roma: "Che la ricerca dell'interplay venga sacrificata per lasciar libera espressione alla singola personalità dei musicisti è il rischio e il fascino di un concerto estemporaneo e di un'improvvisazione senza compromessi." (Dario Gentili)

14/05/2007

Enrico Rava Quintet all'Auditorium di Roma: "La musica che oggi il trombettista propone, lontana dai più banali stereotipi jazzistici, è frutto di un lungo percorso che dall'inizio degli anni settanta si è spinto fino ad oggi sviluppando - secondo una propria coerenza - un linguaggio personale ed indipendente, una visione della musica fortemente caratterizzata." (Marco De Masi)

25/05/2006

Django Bates in "Autumn Fires & Green Shoots" all'Auditorium di Roma: "Le mani sono padrone assolute della tastiera, coprono ottave molto distanti, a volte si incrociano e la musica procede secondo una logica non-lineare..." (Daniele Mastrangelo)

06/04/2006

Lee Konitz in solo all'Auditorium di Roma: "...La sua improvvisazione non è mai una punteggiatura della progressione armonica di una composizione, mai un riflesso dei colori degli accordi ma procede con una coerenza tale che ciascuna melodia potrebbe esser presa come un tema di una nuova composizione..." (Daniele Mastrangelo)

10/12/2005

John Zorn in 'Acoustic Masada' all'Auditorium di Roma: "...Sicuramente questo concerto è stato una delle più interessanti proposte musicali di jazz delle tante, forse troppe, che hanno riempito i cartelloni dell'estate a Roma..." (Daniele Mastrangelo)

18/07/2005

Ornette Coleman a Roma e Napoli: "Un po' come nella sua musica, Ornette, sembra voler fare a meno del superfluo, di quella patina inconsistente di formalità...Sembra quasi che con il passare degli anni la musica di Ornette sia diventata meno complessa e più 'democraticamente' fruibile." (M. De Masi, F. Ughi)

26/05/2005

Charles Lloyd, Zarik Hussain ed Eric Harland in un omaggio a Billy Higgins: "...per intensità musicale ed emotiva, si è trattato di un concerto straordinario..." (Dario Gentili)

23/05/2005

Stefano Di Battista Quartet all'Auditorium di Roma: "...Il leader non ha sicuramente mostrato una forma eccellente anche se la sua qualità gli permette, anche quando non è in giornata, di mantenere standard molto alti..." (Marco De Masi)

02/10/2004

Dee Dee Bridgewater, propone il suo progetto Latin Landscapes anche all'Auditorium di Roma. (Cristina Spano)

16/04/2004

Michael Brecker Quartet all'Auditorium: "La dimensione solistica di tutti i musicisti diviene una strada per afferrare nella concentrazione del rapporto musicista-strumento-pubblico la sfera più misteriosa e di difficile accesso del fare musica..." (Francesco Lombardo)

11/04/2004

Brad Mehldau Trio a Musica per Roma: "...Mehldau spesso e volentieri si è avventurato ispirato in lunghi assoli solitari, veri e propri brani nel brano..." (Dario Gentili)

24/01/2004

A night with Via Veneto Jazz, il decimo anniversario dell'etichetta romana festeggiato all'Auditorium di Roma con la partecipazione di molti musicisti di rilievo. (Francesco Lombardo)

11/01/2004

Javier Girotto all'Auditorium di Roma: "Pubblico dell'auditorium romano incantato dal musicista argentino, che si è esibito con Daniele Di Bonaventura, Aires Tango e l'orchestra Roma Sinfonietta." (Olga Chieffi)

07/12/2003

Anthony Braxton e Sam Rivers per il Roma Jazz Festival: "Il pubblico romano ha tributato una calorosa accoglienza a un concerto che si può definire tranquillamente un evento e certo un'occasione da non perdere..." (Dario Gentili)

30/11/2003

Danilo Perez Trio per il Roma Jazz Festival: "...un concerto dove Perez ha comunicato, oltre al suo grande talento, anche l'entusiasmo e la sincera gioia di suonare, senza risparmio alcuno, per puro piacere." (Dario Gentili)

27/11/2003

Bojan Z. Trio: "...poco dopo le nove, entrano in scena i tre musicisti ed è subito grande musica. Bojan Z. presenta il suo ultimo album dal titolo 'Transpacifik'...". (Alessandro Marongiu)

09/11/2003

Carla Bley: "Un concerto di gran classe, insomma, che ci ha presentato un'artista che, nonostante una carriera sempre inquieta, dimostra di non conoscere crisi d'ispirazione." (Dario Gentili)

31/10/2003

Egberto Gismonti: "Il suo modo di suonare è lussureggiante, le citazioni e le variazioni di ritmo si susseguono senza soluzione di continuità, spesso le due mani suonano ritmiche diverse sulla tastiera e sulle corde...". (Dario Gentili)





Video:
Angelique Kidjo - Zelie - unplugged
Become a Fan | http://facebook.com/angeliquekidjoOfficial Website | http://kidjo.comThe songs on Angelique Kidjo's new album "Oyo",embrace...
inserito il 06/04/2010  da angeliquekidjo - visualizzazioni: 2973
Angelique Kidjo~Afia
From "õÿö" / OYO2010 Razor & Tie Direct LLCAfia(Angelique Kidjo / Vinicius Cantuaria)Some of the slaves originally from B...
inserito il 30/01/2010  da AfrikiSun - visualizzazioni: 1697
Angelique Kidjo in Benin: stop al traffico di minori
http://www.unicef.it - Il video del viaggio di Angelique Kidjo, cantante e ambasciatrice UNICEF, nel suo paese d'origine: il Benin. La Kidjo ha visita...
inserito il 04/01/2010  da unicefitalia - visualizzazioni: 1578
Carmen Consoli & Angelique Kidjo Emma
Carmen Consoli & Angelique un duetto con l'artista del Benin sul palco di "Africa Unite"...
inserito il 13/10/2009  da GMAIUSCOLA - visualizzazioni: 1513
Martina Franca( Ta)-Summer festival dei 5 Continenti -Angelique Kidjo
Prima serata della ghironda, manifestazione dedicata agli artisti di strada dei 5 continenti, con un ospite d'eccezione. Angelique Kidjo star interna...
inserito il 24/08/2009  da RFmountain - visualizzazioni: 1734
MAMMA AFRIKA Concertone Notte della Taranta 2009 - "Angelique Kidjo"
MAMMA AFRIKA 2:45 am Angelique KIDJO cantando questo imno al suo continente durante il Concertone della Notte della taranta a Melpignano, IL PUBBLICO ...
inserito il 23/08/2009  da 235binelli - visualizzazioni: 2238
Carmen Consoli & Angelique Kidjo "emma"
Carmen Consoli & Angelique un duetto con l'artista del Benin sul palco di "Africa Unite"...
inserito il 16/08/2009  da hamainlove21 - visualizzazioni: 1456
Angelique Kidjo (1) - Time in jazz 2009
Chiesa di San Michele (Berchidda), 15 agosto 2009: esibizione di Angelique Kidjo, cantante del Benin....
inserito il 15/08/2009  da Irenemail - visualizzazioni: 3129
Angelique Kidjo (3) - Time in jazz 2009
Chiesa di San Michele (Berchidda), 15 agosto 2009: esibizione di Angelique Kidjo, cantante del Benin....
inserito il 15/08/2009  da Irenemail - visualizzazioni: 2908
Angelique Kidjo per Festival Oltremare a Portoferraio, Isola d'Elba, in concerto agosto 2009
Grande ed entusiasmante concerto di Angelique Kidjo per Festival Oltremare a Portoferraio, Isola d'Elba. Davvero coninvolgente! In questo video chiama...
inserito il 14/08/2009  da francoelba - visualizzazioni: 1698
GRINTA E RITMO, ANGELIQUE KIDJO FA BALLARE TUTTI
Pienone alla De Laugier per ascoltare la potente voce della vincitrice del Grammy 2008 Angelique Kidjo. Un successo strepitoso, per la gran presenza d...
inserito il 12/08/2009  da rmandrea - visualizzazioni: 2294
Alicia Keys and Angelique Kidjo perform "Afrika" at Mandela Day 2009 from Radio City Music Hall
Alicia Keys and Angelique Kidjo perform "Afrika" at Mandela Day 2009 from Radio City Music HallGo to:http://www.mandeladay.com/events/premiu...
inserito il 30/07/2009  da Mandeladay - visualizzazioni: 1896
Mondomix présente : Angélique Kidjo
Angélique Kidjo est une chanteuse à part. Une puissante source dénergie et de douceur. Le 14 juillet 1960 à Ouidah, petite ville d...
inserito il 15/07/2009  da mondomix - visualizzazioni: 1993
Francesco Surace "Panchito" con Angelique Kidjo - africa
Concerto di Natale 2008 dove Francesco Surace "Panchito" interpreta il brano AFRICA...
inserito il 14/05/2009  da MrByblos91 - visualizzazioni: 2003
Agolo - Angelique Kidjo
Agolo by Angelique Kidjo...
inserito il 07/12/2008  da kozen65 - visualizzazioni: 1499
angélique kidjo : we we
magnifique chanteuse et danseuse, quelle vitalité !...
inserito il 21/11/2008  da joueurdeflutiau - visualizzazioni: 1428
PRI's The World: Angelique Kidjo and Marco Werman
The World's Marco Werman interviews singing and songwriting sensation, Angelique Kidjo. Find out what's on her iPod!To hear the radio version, visit h...
inserito il 29/08/2008  da PRI - visualizzazioni: 1875
Angelique Kidjo - Voodoo Child (Voodoo Chile) - Live - 1999
Angelique Kidjo filmed for Australian TV while on tour in 1999. Sensational cover version of the Jimi Hendrix Classic Voodoo Chile. Awesome band, musi...
inserito il 29/06/2008  da marksydow - visualizzazioni: 2120
Angelique Kidjo - Adouma - Live - 1994
The incredible, multi-Granmmy Award winning Angelique Kidjo performing live on Aussie TV during her tour in 1994. Check the amazing backup singers, an...
inserito il 06/06/2008  da marksydow - visualizzazioni: 1900
Angelique Kidjo - Pearls (feat. Josh Groban) (Live)
Check out this live Angelique Kidjo performance of "Pearls" featuring Josh Groban duetting on vocals....
inserito il 16/05/2008  da angeliquekidjo - visualizzazioni: 1722
UNICEF: Angelique Kidjo in Benin
SÔ-AVA, Benin, 13 September 2007 -- World renowned singer and UNICEF Goodwill Ambassador Angélique Kidjo is in her home country of Benin thi...
inserito il 20/09/2007  da unicef - visualizzazioni: 1684
Angelique Kidjo - Gimme Shelter (feat. Joss Stone)
Angelique Kidjo duets with Joss Stone on this update of the classic Rolling Stones song "Gimme Sheltera" from the Grammy award winning album...
inserito il 17/08/2007  da angeliquekidjo - visualizzazioni: 1741
One on One- Angelique Kidjo- 21July 07- Part 1
This week on One on One, Riz Khan interviews one of Africa's top musical stars....
inserito il 31/07/2007  da AlJazeeraEnglish - visualizzazioni: 1852
Mallaikka
African singer Anngelique Kidjjo from Benin sings love song ballad in Swahil at the Africa Rollback Malaria Concert. English subtitles. On March 12 ...
inserito il 28/04/2007  da equinoxrox - visualizzazioni: 1697
Africa Calling - Angelique Kidjo & Peter Gabriel
FUN...
inserito il 09/04/2007  da idamawatu - visualizzazioni: 2076
Africa Calling - Angelique Kidjo - Tumba (Full Length)
FUN...
inserito il 09/04/2007  da idamawatu - visualizzazioni: 2447
Angelique Kidjo - EPK
Angelique Kidjo's new album, DJIN DJIN, will be in stores May 1st, guest artists including Peter Gabriel, Josh Groban, Alicia Keys, Carlos Santana, Jo...
inserito il 16/03/2007  da angeliquekidjo - visualizzazioni: 1689
Angelique Kidjo - Tumba Live
LIVE AT EDEN - AFRICA CALLING...
inserito il 27/01/2007  da idamawatu - visualizzazioni: 1782


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.870 volte
Data pubblicazione: 16/05/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti