Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Brass Group di Palermo "Musiche del nostro tempo"
Archie Shepp Quintet: I'm a sentimentalist
Palermo, 27 giugno 2003 – Chiesa di Santa Maria dello Spasimo
di Antonio Terzo
photo by Gianmichele Taormina

Archie Shepp, Wayne Dockery, Massimo Faraò, Bobby Durham
Archie Shepp, Wayne Dockery, Massimo Faraò, Bobby Durham

Con incedere lento, cappello grigio a tesa media e sax alla mano, guadagna il palco il mitico Archie Shepp, l'anima più nera del jazz dal sound R&B. Il resto del gruppo si accomoda, lui toglie la giacca per la notevole umidità, quindi assicura il tenore alla tracolla e soffia la sua arte dentro lo strumento: Archie Sheppa tratti un po' spurio, a tratti stridente, il suo sax produce tuttavia un jazz nero, con punte funky-blues d'irresistibile fascino… Noto per le sue interminabili volate solistiche, anche questa volta Shepp non si smentisce, sviscerando ad ogni brano tutto ciò che la sua maestria e la sua sensibilità gli suggeriscono. Il supporto dei compagni di palco e di viaggio, Bobby Durham e Wayne Dockery, anch'essi stimati senatori del jazz, gli consente un fraseggio inesauribile, altresì sottolineato dal Bobby Durhampianismo fluido e ricco d'ispirazioni boppeggianti di Massimo Faraò, unico tasto bianco fra le sfumature grigio-nere dei cromatismi scenici. Sempre Shepp principia God Bless the Child, blues assai intrigante strutturato solo emotivamente come tale, ma reso armonicamente particolare sia dalle frasi molto discorsive e zeppe di sincopi dell'ottimo Dockery, sia dal fantasioso drumming rilasciato da Durham nel suo solo. Poi, con la medesima lentezza con cui aveva fatto ingresso, Shepp sfila il copribocchino e, sostenuto dalla sola percussività delle batterie, svolge dondolandosi un altro lungo assolo, suggellato da un applauso altrettanto generoso. Durham alle spazzole rende ancor più soffusa la cadenza ritmica quasi da night club a tarda ora. Ispiratissimo, quasi lirico si potrebbe definire l'assolo del pianista genovese se non fosse impegnato in un blues, per un'esposizione lucida e coerente. E sorprendentemente per chi ne conosceva solo il registro strumentale, Shepp si produce anche alla voce, modulata esattamente come il sax, con identiche sfumature timbriche ed omologo gioco di tensioni e distensioni dinamiche: fragoroso l'apprezzamento dei presenti.

Poi Blues for Blakey, brano a firma Durham in omaggio al grande Art Blakey, con un'imprescindibile intro di batteria dello stesso autore al rullante, quasi una marcia, per un altro blues dalla struttura armonica "atipica". Ancora un intenso ed aggraziato canto del contrabbasso, con controaccenti ritmici di contrasto rispetto al propulsivo beat di Durham, che con il suo poliritmico rullante parla con la batteria, anzi la fa parlare per sé. E' la volta di The thought of you, una ballad di Erroll Garner della cui introduzione si incarica Massimo Faraò. Wayne DockerySopperendo all'assenza di Ondina Sannino, vocalist che avrebbe dovuto completare l'annunciato quintetto, la voce confidenziale e limpidissima è inaspettatamente quella di Durham, mentre nel solo ad essa si avvicenda quella calda e temperata del tenore del bandleader. Massimo FaraòE' proprio un pezzo di storia del jazz, lo si vede da come si diverte a proporre variamente i pezzi, con gran disinvoltura. Incredibile e suggestivo il falsetto finale del batterista, intonatissimo nonostante l'altezza… e l'età!

Acme dell'esibizione è certamente un classico del repertorio del sassofonista che adesso imbraccia il soprano e dà inizio a Steam, scritta con il cugino a 15 anni: un circolo vizioso a spirale, costruito su due soli accordi a distanza di semitono, su cui il nostro canta pure, sebbene il solo al soprano sia senza dubbio più convincente del singing in tonalità impossibile per la sua estensione non ampissima da settantenne!

Un jazz che torna alle radici, quelle più "afro", quelle più blues, e non c'è persona tra i presenti che non si dondoli o non tenga il tempo con i piedi, le mani, la testa… Certo la rabbia degli anni '70 oggi si è per fortuna attenuata, e conseguentemente anche la sua musica si è resa più disponibile a certi toni meno radicali. Eppure, alla fine di quasi tutti i suoi assolo, Shepp, "padrone" del palco, fa un provocatorio inchino verso il pubblico che, sedotto e "soggiogato", è indotto, praticamente costretto all'applauso, riflesso condizionato dall'inquietante sapore sarcasticamente "rivendicativo"... Ed una dedica alla musica nera per eccellenza, quella il cui carattere rabbioso ha finito per consacrare questo grande musicista nel pantheon della controcultura afromericana, è We Are the Blues, altro blues sanguigno dalla struttura stavolta regolare, durante il quale il sassofonista esprime tutta la propria grinta, invita a battere le mani a ritmo, canta, tenendo il palco da consumato artista e facendosi artefice di un altro trascinante solo. Archie SheppPoi, attraverso gli interventi solistici di ciascuno, rende merito anche ad ogni componente della band.

Una breve uscita di scena, giusto per riprendere fiato e farsi acclamare dalla platea, quindi inizia Round About Midnight, un'esecuzione toccante e magistralmente poetica… Altrettanto emozionante Archie Sheppl'elegante interludio di Faraò, ancora una volta perfettamente all'altezza della titolata compagine cui si trova a fianco, e a ruota, sull'inciso, un avvolgente monologo di Dockery, mentre sul finale più ritmato del celebre tema monkiano si liberano gli animi del gruppo e degli astanti.

Dato l'incitamento del pubblico, il quartetto dovrà prodursi in ben altri due brani, un blues dal ritmo funky e, infine, una pregevole Tomorrow will be another day, accompagnata dal piano, in un feeling intimistico per la profonda e vibrante voce di Shepp, quasi da crooner, ed assolo al soprano che meglio sottolinea le sue corde romantiche: He is a sentimentalist!

Questo l'ultimo appuntamento della rassegna Musiche del nostro tempo organizzata dal Brass Group di Palermo cui abbiamo assistito. Auspicando che anche il prossimo anno la manifestazione ospiti un cast artistico di pari livello, e che Jazzitalia possa dare ancora il proprio contributo divulgativo seguendone i concerti, un particolare ringraziamento vada alla gentile Addetto Stampa del Brass, nonché a tutto lo staff di collaboratori del presidente Garsia, dal ticket office alle relazioni con gli artisti, per la cortese disponibilità.

photo by Gianmichele Taormina





Articoli correlati:
26/04/2014

Nero, free, di sinistra: introduzione: Il legame tra la musica jazz e la politica negli anni Sessanta. Perchè il jazz, in particolare quello etichettato come free, libero, funziona da pietra di paragone estetica per analizzare tout court l'arte del periodo? Perchè diventa uno degli emblemi riconosciuti dell'arte rivoluzionaria? (Franco Bergoglio)

26/09/2011

Le vecchie glorie Richard Davis & Archie Shepp e la presentazione di "Plays Nat King Cole en espanol" del David Murray Cuban Ensemble a Verona Jazz 2011 (Giovanni Greto)

24/10/2010

Il Benny Golson Quartet a Palermo per il Seacily Jazz Festival: La serata organizzata dal Brass Group di Palermo ha visto il grande sassofonista impegnato in due set, il primo con Massimo Farao' e Carmelo Leotta e il secondo con George Cables e John Webber. In entrambi, alla batteria Byron Landham: "C'è ben poco da aggiungere quando si parla di musicisti divenuti leggende del jazz...un quartetto di elevata fattura, che, leader in testa, ha ben meritato l'ovazione finale." (Antonio Terzo)

27/12/2009

Intervista a Gianni Mimmo: "La cosa più importante è aprirsi a se stessi, avere a che fare con una parte con certe volte non vorresti avere, stare con la difficoltà. Se faccio così il mio apporto all'improvvisazione, è doppio: da una parte imprimo una direzione e dall'altra ne assumo la responsabilità." (Stefano Ferrian)

27/05/2007

Gillespie, Blakey, Baker, Petrucciani, Rollins...le jazz pictures di Paolo Ferraresi

10/05/2007

Stagione invernale del Brass di Palermo: "Molto ricco, e davvero molto aperto è stato quest'anno il cartellone del Brass Group palermitano...altrettanto ricca è stata la rassegna intramuraria del Blue Brass presso il ridotto dello Spasimo..." (Antonio Terzo)

09/10/2006

La gallery di Roccella Jonica 2006 (Francesco Truono)

08/10/2006

BlueLocride, l'edizione 2006 di Roccella Jonica: "Superato il ragguardevole traguardo dei cinque lustri, il festival di Roccella, giunto alla sua XXVI edizione, continua a espandersi nel tempo e nello spazio, abbracciando il capoluogo e l'intera Locride ..." (Vincenzo Fugaldi)

25/01/2006

Nuova gallery a cura di Davide Susa con le foto del Festival di Ronciglione Jazz 2005

02/01/2006

Conclusa la 21a stagione concertistica del Brass Group di Trapani che si è tenuta presso l'Auditorium Comunale di Valderice, uno spazio funzionale per le dimensioni contenute e per la buona acustica...(Vincenzo Fugaldi)

04/06/2005

Gianni Coscia & Gianluigi Trovesi per il Brass di Palermo: "...Due favolosi affabulatori di fiabe, suoni, fiati, tasti ed atmosfere… Ed anche di spettatori, attentissimi nel seguire le spiegazioni che di volta in volta introducono ogni brano prima dell'esecuzione..." (Antonio Terzo)

16/04/2005

Eumir Deodato dirige la Orchestra Jazz Siciliana: "...Bell'esperienza vedere all'opera quello che a ragione può essere considerato un pezzo di storia della musica che ha certamente caratterizzato la nostra epoca, ammirare come sia in grado di adattare a qualsiasi organico i brani che lo hanno reso famoso..." (Antonio Terzo)

23/01/2005

Charles Mingus 2002 80th Anniversary: Il ricordo del contrabbassista al Brass Group di Palermo (Antonio Terzo)

09/01/2005

Proseguono gli appuntamenti del Blue Brass con il francese Jean-Loup Longnon e il chitarrista Gigi Cifarelli: "...confronto Francia-Italia al Blue Brass che vede vincitrice l'Italia per mano non soltanto del "Cifa" nazionale, ma anche della sezione ritmica, tutta locale..." (Antonio Terzo)

08/12/2004

Intervista a Jaques Morelenbaum: "...amo la musica, che è una necessità nella mia vita, e ritengo di essere molto fortunato di poter lavorare con qualcosa che amo davvero. La musica per me non ha senso se non si è davvero sinceri, davvero profondi..." (Antonio Terzo)

04/12/2004

Steve Kuhn Trio e Lynne Arriale Trio: "...parte sotto i migliori auspici "Blue Brass", la stagione invernale del Brass Group di Palermo...vero e proprio jazz club che per l'associazione palermitana costituisce quasi un ritorno alle origini..." (Antonio Terzo)

22/10/2004

Sempre attento pure alle tendenze più originali che lo spirito coevo esprime, anche quest'anno il Brass Group di Palermo - Associazione Siciliana per la Musica del Novecento ha proposto la propria stagione Musiche del nostro tempo - estate 2004. (Antonio Terzo)

31/07/2004

La rassegna Terniinjazzfest, giunta alla sua quarta edizione, vede due protagonisti di rilievo: un pezzo di storia del jazz, il grande sassofonista nero-americano Archie Shepp ed un pezzo di storia dell'Umbria, la Cascata delle Marmore. (Antonio Terzo)

17/07/2004

Una rassegna ricca e variegata, quella della stagione concertistica del Brass Group di Palermo, Musiche del nostro tempo 2003/2004, per qualcuno anche troppo, considerato che ha abbracciato dal dixie agli standard, passando per il latin-jazz e giungendo alla musica più moderna e contemporanea.(Antonio Terzo)

10/01/2004

Music is the healing... - Attica Blues (Albert Ayler - Archie Shepp)

24/11/2003

Intervista a Paolo Fresu: "Per me è stato molto facile entrare nel cuore del mondo del jazz...vengo da un paese isolato, da una tradizione familiare assolutamente non di musicisti...a un certo punto mi sono ritrovato a vivere di musica senza neppure averlo deciso.". (Antonio Terzo)

06/07/2003

Stefano Di Battista Quartet: "...il quartetto del grande sassofonista accompagnato da un organico di circa trenta elementi infonde emozione a Palermo con il Round about Roma" (Antonio Terzo)

16/06/2003

Paolo Fresu e l'Orchestra Jazz Sicliana: " ...Abbarbicato su di una sedia, con le ginocchia intrecciate, chino a leggere gli spartiti stesi per terra sulla pedana, non si comprende come Fresu riesca ad alimentare di fiato il diaframma per sostenere quelle emissioni così sottili e leggere..." (Antonio Terzo)

14/06/2003

Archie Shepp - Just In Time Quartet al Dolce Vita Jazz festival 2003: "...Sembrava essere appena uscito dall'ultimo film di Wim Wenders dedicato al blues, L'anima di un uomo, con un panama da vecchio bluesman, quando Archie Shepp si presenta sul palco del Dolce Vita Jazz Festival". (Dario Gentili)

01/06/2003

Giovanni Mazzarino Quintet a Palermo per la rassegna "Musiche del nostro tempo": "...Un jazz tradizionale, combinazione fra l'ortodossia bop e le influenze provenienti dalla musica colta di matrice europea, basato in prevalenza su intense composizioni originali." (AntonioTerzo)

17/05/2003

Esbjörn Svensson Trio (E.S.T.) per la rassegna "Musiche del nostro tempo" a Palermo. Un concerto molto gradito dal pubblico con escursioni che dal jazz arrivano al pop e persino alla musica classica, il tutto sviluppato grazie ad un consistente interplay tra i tre musicisti svedesi. (Antonio Terzo)

11/05/2003

Patricia Barber a Palermo per la rassegna "Musiche del nostro tempo": "...la pianista-cantante chicagoana si accomoda al piano e su un languido accordo di minore settima/nona prende a vocalizzare, misurando ancora l'acustica circolare della chiesa dello Spasimo e creando subito atmosfera." (AntonioTerzo)

03/05/2003

La rassegna "Musiche del nostro tempo" organizzata dal Brass Group di Palermo è stata inaugurata dalla suadente voce di Nnena Freelon in un omaggio alle musiche di Stevie Wonder. (Antonio Terzo)

08/09/2002

Archie Shepp, Bobby Durham, Wayne Dockery e Massimo Faraò a Firenze in una festa privata.





Video:
Dave Douglas Brass Ecstasy: Tiny Desk Concert
A lot of talented artists pass by Bob Boilen's desk. But this was the first time that NPR Music was serenaded by a trumpet, trombone, French h...
inserito il 20/07/2009  da nprmusic - visualizzazioni: 2340
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Great Awakening"
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Great Awakening"...
inserito il 18/06/2009  da KOCHRECORDS - visualizzazioni: 2588
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Bowie"
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Bowie"...
inserito il 18/06/2009  da KOCHRECORDS - visualizzazioni: 2472
Dave Douglas - The View From Blue Mountain
Track 3 from Dave Douglas & Brass Ecstasy, Spirit Moves. Available through Greenleaf Music -- http://www.greenleafmusic.com/store/l... .Video by ...
inserito il 12/05/2009  da GreenleafMusicHQ - visualizzazioni: 2447
Enrico Rava
Enrico Rava eâ?? senzâ??altro il più famoso musicista italiano nel mondo. Enrico, a quasi settanta anni, è ancora cons...
inserito il 26/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3819
brass trumpestra Mcferrin w Haredzie
MCferrin w piwnicy pod harenda...
inserito il 11/10/2008  da andrzejtrb - visualizzazioni: 2261
Jean Luc Ponty
Jean Luc Ponti Le Ciminiere di Catania per Unsolojazz...
inserito il 02/10/2007  da hornitos75 - visualizzazioni: 2655
Joey Baron - Masada Warsaw 1994
Sweet stuff...
inserito il 04/03/2006  da cozmo - visualizzazioni: 2772


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 9.841 volte
Data pubblicazione: 06/09/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti