Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Bari in Jazz

Pink Freud guest Tomek Duda
29 giugno 2006, Fortino S. Antonio - Bari
Wojciech Mazolewski - basso, electronics
Tomek Zietek - tromba, electronics
Kuba Staruszkiewicz - batteria
featuring Tomek Duda - sax

Anga Diaz -
Echu Mingua
ore 23.00 - Piazza Mercantile
Miguel Anga Diaz - percussions, drums
Felipe Cabrera - double bass
El Indio - voice
Dee Nasty - DJ
Miguel Puntilla - percussions bata
Yaure Muñiz - trumpet


di Alberto Francavilla

Prima edizione di "Mar del jazz", inedita rassegna che riunisce sotto la propria egida cinque festival di altrettanti comuni del barese, grazie all'impegno profuso dagli Assessorati alla Cultura e al Turismo dei comuni coinvolti. Per più di un mese, quindi, Bari, Barletta, Mola, Monopoli e Polignano diventano capitali della musica in Puglia.

Promosso dall'associazione culturale "Art & Network", il progetto si pone l'obiettivo di fornire un'offerta artistica elevata, valorizzare il territorio e dar vita ad uno scambio ed una condivisione di idee e valori tra operatori, organizzatori e spettatori di eventi. Per assicurare un'adeguata qualità all'evento, la direzione artistica dell'evento, affidata a Roberto Ottaviano, coadiuvato da Michelangelo Decorato, Andrea Gargiulo e Giuseppe Berlen. La diffusione della cultura jazzistica voluta dal Comitato Organizzatore è certamente garantita anche dall'accesso gratuito alla maggior parte dei concerti.

"Bari in Jazz", che apre la rassegna, presenta un programma all'insegna dell'interculturalità, che spazia dall'Italia alla Scandinavia, dal Sud-est asiatico ai Balcani, passando per la Francia e la Polonia, e concludendo il proprio percorso nelle sonorità caraibiche. Il festival inoltre esibisce il proprio carattere itinerante, dal momento che si snoda attraverso l'allestimento di tre palchi, disseminati all'interno del Borgo Antico.

L'ultima giornata propone due delle esibizioni sicuramente più interessanti: i Pink Freud e il progetto "Echu Mingua" guidato dal percussionista cubano Miguel Anga Diaz.

Alle 20.30, dunque, appuntamento al Fortino di Sant'Antonio con il trio polacco, accompagnato per l'occasione dal sassofonista Tomek Duda. Il gruppo, sconosciuto alla maggior parte dei presenti, dimostra di essere in grande serata e si afferma probabilmente come rivelazione dell'intera "tre giorni" barese. Grazie alla verve e alla freschezza messe sul palco i ragazzi di Danzica conquistano pienamente il pubblico del Fortino, inizialmente diffidente nei loro confronti.

La loro performance è contraddistinta da un approccio tipicamente "free" e dall'uso spinto dei sintetizzatori, abilmente adoperati dal già citato Duda e dal trombettista Tomek Zietek. La sezione ritmica, composta dal bassista Wojciech Mazolewski e dal batterista Kuba Staruszkiewicz, si preoccupa di mantenere dei tempi scanditi in maniera martellante e ripetuta, che rinviano alle lezioni tipiche dell'elettronica e del Drum'n'bass.

I brani eseguiti seguono generalmente uno schema tipico, con un incipit dedicato costruzione di un'atmosfera cupa, decisamente "metropolitana" ed un crescendo graduale, espresso attraverso l'accelerazione ritmica, su cui si intagliano improvvisamente i fiati e i sintetizzatori; il risultato sono delle melodie mai banali, che ben riflettono le inquietudini tipiche di una certa corrente musicale dell'Europa Orientale.

A fine concerto il pubblico, allargatosi col passare dei minuti, è ormai conquistato e tributa ai Pink Freud il giusto omaggio, sottolineato dal battito di mani e piedi così da seguire il ritmo.

Alle 23, invece, la folla è già tutta in Piazza Mercantile, dove ha avuto modo di ascoltare Admir Shkurtaj, ed è pronta per assistere al nuovo progetto di Miguel Anga Diaz.

Il percussionista cubano, all'esordio come leader, si presenta con un'interessante rivisitazione della tradizione musicale del suo paese. Insieme a lui i connazionali Felipe Cabrera al contrabbasso, il cantante El Indio, il trombettista Yaure Muniz e l'altro percussionista Miguel Puntella. Grazie a questi musicisti, l'identità sonora caraibica non viene mai meno e rimarca la propria funzione di linea conduttrice del progetto; la spinta jazzistica arriva soprattutto da Cabrera e da Muniz, autore di improvvisi fraseggi "calienti" ma sempre puliti.

Le vere star dell'ensemble, tuttavia, oltre naturalmente ad Anga Diaz, sono il dj parigino Dee Nasty e il polistrumentista del Mali Baba Sissoko con il suo tipico talking drums. Il loro apporto è infatti fondamentale nel conferire quel respiro multinazionale alle tracce sonore, grazie al quale "Echu Mingua" può rientrare a pieno diritto nella definizione di world music.

In maniera particolare, si ritiene molto interessante l'inusuale presenza di Dee Nasty, uno dei dj hip-hop più in vista dell'underground parigino; le sue incursioni si sposano perfettamente con le ritmiche afro-cubane, senza mai prevaricarle, creando un universo sonoro che forse non conosce precedenti in questi ambiti apparentemente così diversi tra loro.

Anga Diaz può dunque svolgere la funzione di gran cerimoniere, fungendo più che altro da collante tra le varie personalità del suo ensemble, concedendosi di tanto in tanto trascinanti assoli che coinvolgono il pubblico.

Dal canto loro, gli astanti dimostrano di partecipare attivamente all'atmosfera gioiosa della serata, e al termine serata non si trova quasi nessuno che riesca a rimanere seduto, per una lunga interminabile danza, che trasforma, per una sera, il centro di Bari in una dorata spiaggia caraibica.






Articoli correlati:
30/09/2007

Bari in Jazz 2007: "La rassegna, che si è avvalsa della direzione artistica di Roberto Ottaviano, si è sviluppata per il secondo anno consecutivo lungo gli affascinanti vicoli del Borgo Antico, permettendo ad un pubblico allargato di godere delle esibizioni dei musicisti chiamati in quest'occasione." (Alberto Francavilla)

08/12/2006

Intervista a Steve Kuhn, Eddie Gomez e Billy Drummond: "Io non vedo niente di nuovo oggi ... non c'è nulla di realmente che possa neanche lontanamente essere paragonato a Miles, John Coltrane, Ornette, Charlie Parker ... Secondo me tutto ciò che stiamo facendo oggi è semplicemente provare a personalizzare la musica con cui siamo cresciuti e cercare di suonarne la nostra personale visione. Però non c'è nulla di realmente nuovo, non scopriamo nulla..." (Adriana Augenti)

22/10/2006

Intervista a Robert Glasper: "... molte persone non sanno che io sono un musicista jazz ... ma io ho due lavori a mio nome, e sono due lavori jazz. Ciò che io voglio suonare, ciò che di mio voglio far ascoltare alla gente, è jazz ..." (Adriana Augenti)

14/09/2006

35 anni ... e li dimostrano tutti! La seconda serata del Mola Jazz Festival, headliner di Mar del Jazz, ospita sul palco, montato per l'occasione in Piazza XX settembre, gli Oregon. (Adriana Augenti)

01/09/2006

Il Bizart Trio a Bari in Jazz: "Elevati livelli di fluidità e coesione, impianti ritmici che vanno oltre la tradizione, sapientemente disegnati da Aldo Romano che ha mantenuto costantemente il drumming su quote di alta raffinatezza e poesia." (Alceste Ayroldi)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 4.303 volte
Data pubblicazione: 30/08/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti