Jazzitalia - Live: Benny Golson 4et
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Benny Golson 4et
Teatro Verdi, Sabato 19 Novembre ore 21.00
di Gabriele Prevato
foto di Elisa Tessarin


Benny Golson - sax tenore
Fritz Pauer - pianoforte
Gilles Naturel - contrabbasso
Douglas Sides - batteria

Questa sera un'ospite d'eccezione per il Padova Jazz Festival, un veterano del jazz assieme al suo quartetto. Benny Golson si presenta in splendida forma nonostante la sua età, è della classe 1929. Elegante e spiritoso introduce il suo quartetto per iniziare immediatamente il concerto fatto di brani suoi divenuti standard, uniti ad altri più o meno noti.
Per uno come lui che ha suonato con i migliori jazzisti della storia non meraviglia più di tanto la rilassatezza sul palco. Meraviglia semmai l'ironia con la quale conduce la sua band lungo un percorso musicale a tratti scontato e al tempo stesso piacevole e stimolante.

Il primo brano è un blues dal titolo Tears Moment: l'esposizione del semplice tema proietta immediatamente il quartetto in un'improvvisazione sobria e raffinata nel quale spicca sicuramente la tecnica e l'estro inventivo del pianista FritzPauer. Nei svariati chorus d'improvvisazione che si concede emerge la sua predilezione al fraseggiare raddoppiando l' ottava nonché il richiamo a diversi cliché del pianismo jazz anni '40 e '50. Segue poi la celebre Whisper Not, dove a spiccare è uno stupendo solo del contrabbassista Naturel, anche lui dotato di impeccabile tecnica ed espressività. Il pubblico tutto riconosce il brano e apprezza sonoramente ad inizio e conclusione dello stesso.

Tra un brano e l'altro Golson si prende del tempo per dialogare col pubblico ed introdurre i brani. E' sorprendente il suo carisma nel comunicare col pubblico spesso esigente. Racconta come fosse successo ieri del tragico evento che ispirò una delle sue più struggenti composizioni, I Remember Clifford, suonata ancora oggi con sentimento e trasporto verso il suo collega Clifford Brown, prematuramente scomparso.

In un altro intermezzo invece confessa con estrema sincerità al pubblico di sapere di non essere tra i migliori sassofonisti del mondo, di dover la sua fortuna soprattutto alla sua penna, e per questo di farsi accompagnare nelle sue lunghe tournée da validi strumentisti per far apparire al pubblico di suonar bene anche lui. E rivolge così un complimento ai componenti del suo quartetto introducendo "Take The A Train" di Duke Ellington, anticipata da una lunga intro del piano che omaggia il compositore con uno splendido medley dei suoi temi più famosi.

Il concerto chiude con Stablemates e Killer Joe per concedere poi un applaudissimo bis che vuole essere un saluto al teatro Verdi ed il suo pubblico, di anno in anno sempre più affezionato alla rassegna di Padova Suona Jazz.






Articoli correlati:
01/02/2015

Volevo essere Bill Evans. Storie di Jazz (Sergio Pasquandrea)- Alceste Ayroldi

14/12/2014

The Swallow Quintet: "Il groove vintage e swingante del quintetto di Steve Swallow ha deliziato la platea patavina con un concerto che riprende in buona parte l'ultimo disco registrato per la ECM..." (Gabriele Prevato)

09/02/2013

XV Padova Jazz Festival: "Ad un deludente David Murray and The Black Saint Quartet si contrappone l'interessante e godibile Rava on the Dance Floor" (Giovanni Greto)

15/01/2012

"L'amore per la melodia rimane importante e l'accenno ai suoi temi più suggestivi ed evocativi è carico di passione ed enfasi senza mai eccedere in pedanteria e manda in visibilio l'intera sala." (Gabriele Prevato)

19/12/2010

13ma edizione del Padova Jazz Festival: La musica e le immagini del Dave Douglas & Keystone, i New Quartet di Gary Burton - con Antonio Sanchez, Scott Colley e il giovane sorprendente talento Julian Lage - e del veterano Charles Lloyd con i solidissimi Jason Moran, Eric Harland e Reuben Rogers. Tre concerti di alto livello e molto apprezzati da un pubblico spesso in visibilio dinanzi alle performance di questi maestri.

24/10/2010

Il Benny Golson Quartet a Palermo per il Seacily Jazz Festival: La serata organizzata dal Brass Group di Palermo ha visto il grande sassofonista impegnato in due set, il primo con Massimo Farao' e Carmelo Leotta e il secondo con George Cables e John Webber. In entrambi, alla batteria Byron Landham: "C'è ben poco da aggiungere quando si parla di musicisti divenuti leggende del jazz...un quartetto di elevata fattura, che, leader in testa, ha ben meritato l'ovazione finale." (Antonio Terzo)

11/01/2008

Benny Golson Quartet a Sansepolcro: "...un artista dallo stile personalissimo e inalterato, che ha saputo attraversare le variegate stagioni del jazz del dopoguerra da protagonista..." (Alessandro Tempi)

24/09/2006

XVII Rassegna Jazz d'Autore ad Orsara tra concerti, seminari e jam session: "...suonare insieme diventa allora un'esperienza creativa ed esplosiva, in grado di muovere energie e mettere in comunicazione le singole sensibilità in un'avventura creativa non ordinaria..." (Michele Ferrara)

22/08/2006

Il Benny Golson quartet al Ronciglione Jazz Festival: "Per una sera Ronciglione ha fatto rivivere le gloriose stagioni di un tempo mettendo in scena la classicità del jazz: una eleganza senza tempo, un grande sfoggio di classe e virtuosismo..." (Franco Giustino)

26/03/2006

Kenny Wheeler Quartet al Padova Porsche Jazz Festival: "Un concerto eccezionale in un teatro con un'acustica incredibile...Applausi sentitissimi e la sensazione di essersi immersi in un morbido sogno, incredibilmente più bello della realtà." (Giovanni Greto)





Video:
Art Farmer & Benny Golson Quintet
Playboy Jazz Festival 1982...
inserito il 07/12/2008  da jaybeearr - visualizzazioni: 1862
Whisper Not - B.Golson quintet 1987
Benny Golson(ts) Freddie Hubbard(tp,fh) Mugrew Miller(p) Ron Carter(b) Marvin Smitty Smith(ds)...
inserito il 13/01/2008  da imesan - visualizzazioni: 1955
Freddie Hubbard - Stablemates
In Bern, 1989 with Benny Golson, James Williams, Peter Washington, and Tony Reedus....
inserito il 11/09/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2097


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.508 volte
Data pubblicazione: 12/02/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti