Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�



Ridotto dello Spasimo - Brass Group Palermo
The Art of Trio
Steve Kuhn (p), George Mraz (b), Joey Baron (d) – 16 novembre 2004

Come Together
Lynne Arriale (p), Jay Anderson (b), Steve Davis (d) – 30 novembre 2004
di Antonio Terzo

È partita sotto i migliori auspici "Blue Brass", la stagione invernale del Brass Group di Palermo. Inaugurata la saletta del Ridotto all'interno del complesso monumentale di Santa Maria allo Spasimo, vero e proprio jazz club che per l'associazione palermitana costituisce quasi un ritorno alle origini, il concerto d'apertura, giorno 16 novembre, è stato affidato a The Art of Trio di uno smagliante Steve Kuhn, pianista dai trascorsi illustri che con George Mraz al contrabbasso e Joey Baron alla batteria, ha saputo creare le atmosfere tipiche dei jazz club tradizionali.

Sotto la scritta blu elettrico che campeggia sullo sfondo del club, Kuhn è partito con There is no greatest love, per il quale ha attraversato vari ritmi, tutti puntualmente assecondati dai due compagni di palco, un fiume di citazioni – ironica ma per qualcuno anche fastidiosa quella de "Il Padrino" – pulite e ben incastrate nel lucido fraseggio e nell'armonia del noto standard. Ampi gli spazi melodici solcati dal solo di contrabbasso con eleganza e vene di romanticismo, cui risponde il variegato drumming di Baron, per un dialogo che promana dagli spunti offerti dal piano. Favolosa versione di Ladies in mercedes (Steve Swallow), modulata in accattivante samba, il suo tocco, che istilla modernità, viaggia a ritmo sostenuto e lieve, mentre Mraz, visibilmente non a proprio agio con un contrabbasso non suo, riesce comunque a rendere un assolo ben strutturato.

Fra i pezzi scritti dal pianista, non molti in verità, merita attenzione
Oceans in the sky , introdotto dalle spazzole fra piatti e rullanti, per poi sfociare in un formidabile 6/8. Se ne fa protagonista la dinamicità e policromia di Baron, in stupenda intesa con il bandleader, che gli consente anche un break , questa volta alle bacchette, ma non per questo meno leggiadro. Elevato il lirismo in Stella by starlight , contrabbasso artefice di un sentito intervento enarmonico, piano a tratti stridente che rilascia momenti di grande pathos, indugiando sugli accordi di diminuita. Chiuso il primo set con Superjet di Tadd Dameron, un bop che spezza le dense linee del precedente brano, il concerto si muove lungo i binari della tradizione, e attraverso Speak low, resa in un fast davvero avvincente attaccato ai sedicesimi del piano e agli ottavi di un contrabbasso pieno di brio, si giunge a I thought about you, altra ballad ricca di citazioni e riferimenti.

Culmine del concerto è senza alcun dubbio la parkeriana
Confimation, che le mani nodose di Kuhn espongono con una perla introduttiva in solitario, percorrendo sicure i tasti, lasciando all'era propria del bop i brucianti virtuosismi ed aprire, invece, alle pregevoli rifiniture degli esecutori. Baron, attento a tutti i costrutti del pianista, li ripete marcandone gli accenti sul suo strumento, montando fino a chiamare a sé un fill-in: una forza della natura, non tanto per potenza quanto per l'abilità a padroneggiare ritmicamente i brani. Sul cadenzato applauso finale Kuhn cuce un blues e poi un'arabeggiante The Zoo (dal suo Dedication), struttura semplice su cui s'adagia largo il respiro del contrabbasso, mentre in coda il leader canta anche il testo, con voce secca ed afona, ma intonata.

Dunque un piano-trio certamente retto da Kuhn e Baron, ma in cui Mraz non ha affatto sfigurato.

Altro piano trio, questa volta al femminile, il 30 novembre con Lynne Arriale, a proporre una dimensione più pacata e riflessiva di questa formula abituale ma per nulla facile da affrontare: non a caso la pianista è con il suo trio affiancata a nomi fondamentali per questa minima ma grande formazione. Elegante in un tubino di raso scuro, la Arriale apre con Iko, Iko, composizione olografa tratta dall'ultimo cd Come together che dà titolo al concerto: un funky acustico, lento e sensuale, creato dagli accordi di nona impressi sulla tastiera dalla sua mano sinistra, giusta base per le costruzioni estemporanee prettamente jazzistiche della destra, rapide, precise, mentre Jay Anderson al contrabbasso gioca molto sui tempi sincopati della batteria di Steve Davis. Molto tesa e grave l'introduzione piano-contrabbasso per Alone together, a mettere in luce le qualità di arrangiatrice della musicista di Milwaukee, cui fa riscontro l'incedere pieno di Davis, a sospingere sulle spazzole il contrabbasso verso variazioni del tema. Ariosa Blackbird, della beatlesiana coppia Lennon/McCartney, contrabbasso un po' troppo sotto le righe il cui timbro lascia perplessi, almeno in questo frangente. Ineccepibile, invece, il moto leggero e serrato di Davis che regala al motivo un piglio acoustic-fusion. Segue Calypso, che dei colori caribe ha non soltanto il nome ma pure la freschezza e l'andamento, tinteggiato da Davis e, di qui a poco, dal suo break. Spicca finalmente il contrabbasso, che con fantasiose frasi inframmezzate da triadi riesce ad avere la meglio sul suono impastato dello strumento. Inizio lentissimo per Estate, a scavare sul lato struggente del celebre brano di Bruno Martino, per poi divenire più sensuale, dondolando sulle agili sticks di Davis e sulla sinistra della Arriale, la quale si discosta dall'originaria griglia armonica, indice di un'irrefrenabile tendenza a trovare nuove soluzioni, anche in immediatezza. Si va verso l'intervallo con Seven Steps To Heaven, sulle cui pause si rivela in tutta la sua dinamicità e forza cromatica la consonanza fra pianista e batterista, laddove il walking bass induce piuttosto ad una digressione più boppistica.

Si riparte con gli accordi apparentemente scoordinati di Monk per Bemsha Swing, in un contesto in cui i tre sono volutamente sovrapposti fin quando insieme non giungono al chorus blues, senza rinunciare alle sincopi tipiche dell'introversa creatività monkiana. Più spigliato che nel primo set il contrabbasso, il cui suono sembra perfino più distinto negli scambi con la batteria, in un progressivo "rallentando" finale. Si prosegue con il mambo stretto e vorticoso di Esperanza (da Arise), quindi Come together, ancora Beatles, in un adattamento comunicativo sia per le trovate ritmo-ludiche escogitate in accordo con la batteria, sia per la capacità improvvisativa della nostra, che per fortuna nulla ha a che vedere con la sua rigida compostezza. Ma è con Blue In Green di Evans che il piano della Arriale tocca l'apice del lirismo, contornata dall'hand-drumming di Davis e dalle citazioni di Anderson. Infine Sunburst, altro originale della jazzista, bruciante, a metà fra bop e jazz contemporaneo, dove i tre si esprimono rimarcando ancora le proprie personali caratteristiche: Davis la esplosiva versatilità ritmica, Anderson l'intensità espressiva del suo contrabbasso, la Arriale la brillante interpretazione pianistica.

versione in formato
PDF







Articoli correlati:
19/09/2015

Corinaldo Jazz 2015: "...scelte di alto livello artistico, pur non possedendo i crismi di spettacolarità." (Viviana Falcioni)

24/10/2010

Il Benny Golson Quartet a Palermo per il Seacily Jazz Festival: La serata organizzata dal Brass Group di Palermo ha visto il grande sassofonista impegnato in due set, il primo con Massimo Farao' e Carmelo Leotta e il secondo con George Cables e John Webber. In entrambi, alla batteria Byron Landham: "C'è ben poco da aggiungere quando si parla di musicisti divenuti leggende del jazz...un quartetto di elevata fattura, che, leader in testa, ha ben meritato l'ovazione finale." (Antonio Terzo)

28/10/2009

Mostly Coltrane (Steve Kuhn Trio with Joe Lovano) - Dario Gentili

10/05/2007

Stagione invernale del Brass di Palermo: "Molto ricco, e davvero molto aperto è stato quest'anno il cartellone del Brass Group palermitano...altrettanto ricca è stata la rassegna intramuraria del Blue Brass presso il ridotto dello Spasimo..." (Antonio Terzo)

08/12/2006

Intervista a Steve Kuhn, Eddie Gomez e Billy Drummond: "Io non vedo niente di nuovo oggi ... non c'è nulla di realmente che possa neanche lontanamente essere paragonato a Miles, John Coltrane, Ornette, Charlie Parker ... Secondo me tutto ciò che stiamo facendo oggi è semplicemente provare a personalizzare la musica con cui siamo cresciuti e cercare di suonarne la nostra personale visione. Però non c'è nulla di realmente nuovo, non scopriamo nulla..." (Adriana Augenti)

02/01/2006

Conclusa la 21a stagione concertistica del Brass Group di Trapani che si è tenuta presso l'Auditorium Comunale di Valderice, uno spazio funzionale per le dimensioni contenute e per la buona acustica...(Vincenzo Fugaldi)

04/06/2005

Gianni Coscia & Gianluigi Trovesi per il Brass di Palermo: "...Due favolosi affabulatori di fiabe, suoni, fiati, tasti ed atmosfere… Ed anche di spettatori, attentissimi nel seguire le spiegazioni che di volta in volta introducono ogni brano prima dell'esecuzione..." (Antonio Terzo)

04/05/2005

Steve Kuhn Trio, a La Palma: "...Piuttosto che una estetica musicale preconfezionata, il trio ha cercato soprattutto il divertimento dell'improvvisazione cogliendo il genio del momento..." (Dario Gentili)

16/04/2005

Eumir Deodato dirige la Orchestra Jazz Siciliana: "...Bell'esperienza vedere all'opera quello che a ragione può essere considerato un pezzo di storia della musica che ha certamente caratterizzato la nostra epoca, ammirare come sia in grado di adattare a qualsiasi organico i brani che lo hanno reso famoso..." (Antonio Terzo)

23/01/2005

Charles Mingus 2002 80th Anniversary: Il ricordo del contrabbassista al Brass Group di Palermo (Antonio Terzo)

09/01/2005

Proseguono gli appuntamenti del Blue Brass con il francese Jean-Loup Longnon e il chitarrista Gigi Cifarelli: "...confronto Francia-Italia al Blue Brass che vede vincitrice l'Italia per mano non soltanto del "Cifa" nazionale, ma anche della sezione ritmica, tutta locale..." (Antonio Terzo)

08/12/2004

Intervista a Jaques Morelenbaum: "...amo la musica, che è una necessità nella mia vita, e ritengo di essere molto fortunato di poter lavorare con qualcosa che amo davvero. La musica per me non ha senso se non si è davvero sinceri, davvero profondi..." (Antonio Terzo)

22/10/2004

Sempre attento pure alle tendenze più originali che lo spirito coevo esprime, anche quest'anno il Brass Group di Palermo - Associazione Siciliana per la Musica del Novecento ha proposto la propria stagione Musiche del nostro tempo - estate 2004. (Antonio Terzo)

17/07/2004

Una rassegna ricca e variegata, quella della stagione concertistica del Brass Group di Palermo, Musiche del nostro tempo 2003/2004, per qualcuno anche troppo, considerato che ha abbracciato dal dixie agli standard, passando per il latin-jazz e giungendo alla musica più moderna e contemporanea.(Antonio Terzo)

24/11/2003

Intervista a Paolo Fresu: "Per me è stato molto facile entrare nel cuore del mondo del jazz...vengo da un paese isolato, da una tradizione familiare assolutamente non di musicisti...a un certo punto mi sono ritrovato a vivere di musica senza neppure averlo deciso.". (Antonio Terzo)

09/11/2003

L'America in bianco e nero di Lynne Arriale. La pianista con Jay Anderson e Steve Davis ha trasformato in salotto il Fabula Club. (Olga Chieffi)

06/09/2003

Archie Shepp: "...Con incedere lento, cappello grigio a tesa media e sax alla mano, guadagna il palco il mitico Archie Shepp, l'anima più nera del jazz dal sound R&B..." (Antonio Terzo)

06/07/2003

Stefano Di Battista Quartet: "...il quartetto del grande sassofonista accompagnato da un organico di circa trenta elementi infonde emozione a Palermo con il Round about Roma" (Antonio Terzo)

16/06/2003

Paolo Fresu e l'Orchestra Jazz Sicliana: " ...Abbarbicato su di una sedia, con le ginocchia intrecciate, chino a leggere gli spartiti stesi per terra sulla pedana, non si comprende come Fresu riesca ad alimentare di fiato il diaframma per sostenere quelle emissioni così sottili e leggere..." (Antonio Terzo)

01/06/2003

Giovanni Mazzarino Quintet a Palermo per la rassegna "Musiche del nostro tempo": "...Un jazz tradizionale, combinazione fra l'ortodossia bop e le influenze provenienti dalla musica colta di matrice europea, basato in prevalenza su intense composizioni originali." (AntonioTerzo)

17/05/2003

Esbjörn Svensson Trio (E.S.T.) per la rassegna "Musiche del nostro tempo" a Palermo. Un concerto molto gradito dal pubblico con escursioni che dal jazz arrivano al pop e persino alla musica classica, il tutto sviluppato grazie ad un consistente interplay tra i tre musicisti svedesi. (Antonio Terzo)

11/05/2003

Patricia Barber a Palermo per la rassegna "Musiche del nostro tempo": "...la pianista-cantante chicagoana si accomoda al piano e su un languido accordo di minore settima/nona prende a vocalizzare, misurando ancora l'acustica circolare della chiesa dello Spasimo e creando subito atmosfera." (AntonioTerzo)

03/05/2003

La rassegna "Musiche del nostro tempo" organizzata dal Brass Group di Palermo è stata inaugurata dalla suadente voce di Nnena Freelon in un omaggio alle musiche di Stevie Wonder. (Antonio Terzo)





Video:
Dave Douglas Brass Ecstasy: Tiny Desk Concert
A lot of talented artists pass by Bob Boilen's desk. But this was the first time that NPR Music was serenaded by a trumpet, trombone, French h...
inserito il 20/07/2009  da nprmusic - visualizzazioni: 2340
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Great Awakening"
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Great Awakening"...
inserito il 18/06/2009  da KOCHRECORDS - visualizzazioni: 2587
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Bowie"
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Bowie"...
inserito il 18/06/2009  da KOCHRECORDS - visualizzazioni: 2472
Dave Douglas - The View From Blue Mountain
Track 3 from Dave Douglas & Brass Ecstasy, Spirit Moves. Available through Greenleaf Music -- http://www.greenleafmusic.com/store/l... .Video by ...
inserito il 12/05/2009  da GreenleafMusicHQ - visualizzazioni: 2447
Enrico Rava
Enrico Rava eâ?? senzâ??altro il più famoso musicista italiano nel mondo. Enrico, a quasi settanta anni, è ancora cons...
inserito il 26/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3819
brass trumpestra Mcferrin w Haredzie
MCferrin w piwnicy pod harenda...
inserito il 11/10/2008  da andrzejtrb - visualizzazioni: 2261
Jean Luc Ponty
Jean Luc Ponti Le Ciminiere di Catania per Unsolojazz...
inserito il 02/10/2007  da hornitos75 - visualizzazioni: 2655
Joey Baron - Masada Warsaw 1994
Sweet stuff...
inserito il 04/03/2006  da cozmo - visualizzazioni: 2771


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 7.532 volte
Data pubblicazione: 04/12/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti