Jazzitalia - Live: Bologna Jazz Festival 2012
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Bologna Jazz Festival 2012

15 - 25 novembre 2012
di Eugenio Sibona

Con Ciavarella un concerto per una grande famiglia
Bologna, 15 novembre 2012

Si apre il Bologna Jazz Festival 2012 con Teo Ciavarella: bolognese d'adozione, si è laureato al DAMS e ora dirige l'Alma Jazz Orchestra. Inoltre, ha collaborato con jazzisti come Paolo Fresu e Antonello Salis, nonché alcuni tra i più importanti musicisti italiani (Lucio Dalla, Renzo Arbore e Paolo Conte).
Palcoscenico di questa sera è il Take Five, dove l'anno scorso il pianista originario del Gargano è venuto a suonare assieme a Ellade Bandini, Giuseppe Bassi e Barend Middelhoff, con una modalità molto particolare, ormai rarissima nelle registrazioni: con l'App Sottofondo, senza amplificazioni, che permette di ottenere un suono pulito e naturale. In seguito, il gestore del locale ha realizzato l'ultimo disco di Ciavarella, Live at Take Five, con i brani registrati durante la serata.
Quest'anno c'è una novità. Infatti, per la prima volta assieme a lui ci sono due giovani talenti: al contrabbasso Stefano Senni e alla batteria Marco Frattini. Il piano la fa da padrone, entrando in un'atmosfera quasi mistica. Il clima è intimo, quasi familiare. La scaletta è varia: si comincia con brani del compianto Bruno Martino, poi viene eseguita Panarea, ispirata al Mediterraneo e alla batteria di Frattini. Sembra di sentire le onde del Mediterraneo spruzzare note ai ritmi di una taranta. Dopo, invece, è la volta di Arianna, scritta per il contrabbasso.
La famiglia si allarga e vengono invitati due amici: si comincia con Ugo De Veredicis, che presta la sua voce a un classico del jazz, Giorgia On My Mind. Ciavarella è in vena di scherzi, e ironizza sul lotto, perché i decibel danno i numeri. E i numeri Veredicis li ha, perché dimostra che, persino senza microfono, se c'è il silenzio giusto, una voce brillante può raggiungere chiunque. In seguito, è il turno di una voce ancora più delicata, quella di Anthony Sinibaldi, che interpreta Chet Baker. E' anche tempo di dediche: a un'ospite del locale Ciavarella fa gli auguri di compleanno e omaggia gli amici di Jazzitalia con un brano tratto dall'album che ha realizzato qui: I Can't Get Started. E così finisce. Chissà se con un altro disco.

"I can remember" Massimo Mutti, col trio di Chick Corea
Bologna, 16 novembre 2012


Al Teatro Europauditorium di Bologna va in scena uno dei più prestigiosi appuntamenti della settima edizione del Bologna Jazz Festival. La serata si apre con un ricordo del suo compianto direttore Massimo Mutti, scomparso proprio a pochi mesi dall'inizio della rassegna. Per fortuna, il figlio Federico, che ne continua l'opera, è riuscito a portare in esclusiva nazionale un affezionato Trio del Festival. Il pianista Chick Corea, che era già venuto nel 2007, porta la sua lunga esperienza di sperimentatore di jazz fusion, che dagli anni Settanta lo ha portato a collaborare con grandi artisti come Miles Davis e a vincere diciannove Grammy Award. Con lui ci sono il contrabbassista Christian McBride, che avevamo visto l'anno scorso a Vignola, e il batterista Brian Blade, già collaboratore di musicisti come Brad Mehldau, Wayne Shorter e Bob Dylan.
Si tratta della prima tappa del loro tour e, infatti, l'intesa è ancora in fase di rodaggio: spesso ci si abbandona ad esecuzioni singole, rispetto a prestazioni corali. Corea a volte si ferma e passeggia per il palco per avvicinarsi meglio a Blade, per godersi lo spettacolo. Il batterista forse è fin troppo scatenato, però tiene il tempo in modo eccezionale, infatti "bacchetta" gli spettatori, come se gli volesse dare il tempo. E il pubblico gradisce, con calorosi applausi. Il trio alterna composizioni proprie a brani di Walton, Shorter o Henderson, col quale hanno suonato tutti e tre. È anche la volta di una rarità, uno dei primi pezzi di Thelonius Monk, Work, che non molti suonano.
Corea è un acuto osservatore: non ha bisogno di parlare tanto coi suoi partner o col pubblico. Gli basta qualche attimo di silenzio, di reciproci sguardi. E poi una gestualità eloquente: il pianista è di origini italiane, e si vede. Alza le braccia, sembra voler dire: <<Ci siamo>>. E infatti, giunto il momento dell'immancabile Spain, la folla non si trattiene più e, spontaneamente, comincia a cantare i celeberrimi versi: <<I can remember the rain in December…>>. Fino all'ovazione finale.

A lezione di jazz con i Minor Swing Quintet
Bologna, 17 novembre 2012

Al Take Five è ospite, per il secondo anno consecutivo al Bologna Jazz Festival, un prodotto autentico del vivaio bolognese: i Minor Swing Quintet, capitanati da Laura Masi alla chitarra. Assieme a lei l'altro chitarrista, il giovane Paolo Prosperini, Alessandro Cosentino (violino), Francesco Angelini (pianoforte), e Tommy Ruggero (batteria). Attivi da ben sette anni, recentemente sono riusciti a produrre il loro primo fortunato album, Mapo salato, il cui nome deriva da un frutto molto aspro e la cui creazione è un po' misteriosa: infatti è un ibrido tra il mandarino e il pompelmo. Ma per questi cinque artisti, nati tutti negli anni Ottanta, ricorda quando hanno dovuto mangiarlo nelle mense scolastiche, dando quindi vita a particolari momenti di convivio.
La serata è un'occasione per presentare i brani del loro disco, come Tatango, Drunken Sara, Minor Swing. Il pubblico viene coinvolto e applaude al ritmo della musica, soprattutto con Samba Sabar, che fa riferimento ai ritmi tipici, rispettivamente, di Brasile e Senegal. Ma il clima è troppo familiare per limitarsi a questo: Ruggero vuole di più e sa come ottenerlo, così improvvisa una lezione sulla tecnica da tamburo del Flam e chiede schiocchi delle dita a due e quattro tempi. Oltre che batterista, è anche un buon maestro, perché il pubblico capisce, entra in sintonia con il gruppo e gli dà la base musicale. E il neoinsegnante loda i suoi nuovi alunni: <<Siete il pubblico che va più a tempo>>.
Dopo qualche intermezzo in cui si omaggiano gli standard jazz, si arriva alla conclusione, con l'enigmatica Hungaria, <<dedicata a una terra che nessuno conosce>>. Il vantaggio di stare in locali più piccoli ma intimi rispetto ai teatri, è che la migliore visuale beneficia gestualità o azioni particolari, così i Minor trovano anche il modo per fare una gag: nel bel mezzo di una melodia briosa, i cinque musicisti s'interrompono improvvisamente con pose statuarie, clownesche, con quegli sguardi da boemi che ricordano le tipiche danze gitane delle tribù manouche che hanno ispirato Django Reinhardt, il padre spirituale del quintetto. Questa sorpresa incanta il pubblico. Non vola una mosca, non si sente un respiro: ogni spettatore sta riascoltando mentalmente le musiche che l'hanno colpito ed è in attesa di riempire questo vortice silenzioso che avvolge tutta la platea. Si rimane così per un lunghissimo minuto, in cui ognuno si è sentito preso da quest'atmosfera, ognuno è bloccato, finché il gruppo riprende freneticamente. Magari si potesse davvero fermare il tempo e vivere per sempre serate così.

Spensieratezza ed energia con Omer Avital, il jazzista errante
Bologna, 23 novembre 2012

Per la prima volta alla Cantina Bentivoglio è ospite il contrabbassista Omer Avital, considerato da fan, critici e musicisti internazionali come uno dei più grandi innovatori tra gli artisti della sua generazione. Da giovane aveva scelto la chitarra, per poi mutuarne le tecniche al basso, potendo così suonare con una dolcezza tale che gli permette di ondeggiare tra il flamenco e il blues, passando per il jazz con lo stile di Oscar Pettiford. Cresciuto in Israele, Avital in seguito è andato a New York, in cerca di un luogo più fertile per la ricerca di nuovi spunti. Qui non si è limitato ad affinare la tecnica, ma ha imparato a sfidare le regole del jazz e, con i gruppi che ha formato (Omer Avital Quintet and Ensemble, Yes! Trio, Third World Love, Yemen Blues, The New Jerusalem Orchestra), ha cercato sempre di allontanarsi dagli schematismi delle regole, per trasmettere un senso di gioia e libertà che ogni volta contagia il pubblico. La sua ultima formazione, caratterizzata da un sound "kletzmer", definito dal giornale Der Sonntag "ebreo-arabo etno post-bop", è Omer Avital & His Band Of The East. La compongono Greg Tardy (sax), Nadav Remez (chitarra), Jason Lindner (tastiere) e Daniel Freedman (piano).
In anteprima il gruppo ha suonato dei brani che presto saranno registrati in un nuovo disco. Lindner è frizzante, mentre Remez, comunque bravo, a tratti pare un po' meccanico. Pare quasi in contemplazione, un po' intimidito dal più esperto Tardy, che invece è tecnicamente fluido e fisicamente tarantolato: così, nella prima parte della serata, il vero protagonista è lui. Sembra di vedere un domatore di serpenti, che addomestica la preda con il suo strumento e le fa fare quello che vuole. Si crea così un clima generale di divertimento a ritmi sempre più frenetici, che è proprio la filosofia generale del gruppo. Le prime melodie, in stile yemenita – ebraico, vogliono farci immaginare la comunità ebraica dove Avital ha vissuto: ci vuole descrivere la vita dell'ebreo errante, che raccoglie quanto di meglio si trova in ogni luogo. E, infatti, lo stile non è mai monotono, ma vediamo una varietà di suoni che si sovrappongono e amalgamano tra di loro.
Successivamente, il musicista israeliano racconta la sua maturità, il suo divenire adulto, con brani più personali, dedicati alla sua famiglia. Lui, però, rimane dietro a tutti, nascosto anche scenograficamente, come se volesse solo reggere i fili, dirigere nell'ombra. Ma, finalmente, con Givataim, dedicata alla sua città natale, si prende tutta la scena. C'è solo lui, gli altri musicisti gli fanno spazio e lui dà il meglio di sé. Accenna anche qualche passo di ballo, si ride e si scherza, dando alla serata un tono di spontaneità e spensieratezza.

Il Teatro Europauditorium portato nella 4° dimensione con John Mclaughlin
Bologna, 25 novembre 2012

Nell'ultimo appuntamento del Bologna Jazz Festival, il Teatro EuropAuditorium è stato ipnotizzato dallo spirito esotico di The 4th Dimension, la formazione più recente di John Mclaughlin, storico innovatore della fusion elettrica: inserito fra i "100 migliori chitarristi di tutti i tempi" dalla rivista Rolling Stone, a partire dagli anni Settanta ha guidato la Mahavishnu Orchestra e ha collaborato con musicisti del calibro di Bill Evans, Paco De Lucia, Carlos Santana e Miles Davis (con il quale ha registrato In A Silent Way e Bitches Brew). Stasera, con McLaughlin, Gary Husband alle tastiere, il bassista Etienne M'Bappe e il batterista Ranjiit Barot. Il quartetto ha presentato il suo ultimo disco "Now Here This", che vuole rappresentare la storia e la sintesi della carriera del chitarrista britannico.
A settant'anni il chitarrista britannico è ancora energico: gli piace stare col pubblico, non si limita come altri a poche parole di circostanza, ma ci tiene a esprimere il suo apprezzamento, in un discreto italiano. Non usa molto effetti speciali, gli basta un solo esemplare di quello strumento per cui è diventato famoso, la chitarra, e in Trancefusion' impiega le sue caratteristiche tipiche, correndo rapido sul manico. Melodia e lirismo si fondono, invece, nel blues di Echos From Ten, tipico esempio di jazz modale. Husband, molto istintivo e quasi violento, alterna terzine e rullate con evidente sensibilità ritmica. In The Fine Line sfida Barot, che raccoglie il guanto: più morbido, ma canonico, viene guidato da McLaughlin che, come un direttore d'orchestra, gli dà il tempo per uno scat formidabile. Di guanti è esperto anche Mbappe: le sue mani, avvolte nella seta, si muovono agilmente sul suo basso, tra bizzarre improvvisazioni e attacchi irruenti, con ritmi e suoni da tempesta, da cavalleria: i quattro cavalieri sfornano cambi d'accento e quartine a raffica in duelli musicali entusiasmanti, sempre però nel segno della nobiltà musicale.






Articoli correlati:
17/11/2017

Roma Jazz Festival: I prossimi concerti della XLI Edizione del Roma Jazz Festival che, con il sottotitolo "Jazz is my religion" omaggia i grandi della storia del Jazz.

04/11/2017

Al via la terza edizione di Giordano in Jazz: Chick Corea Inaugura lunedì 6 novembre poi Carla Bley, Dave Douglas, Steve Swallow, Matthew Withaker e molti altri

03/09/2017

Chick Corea e Bela Fleck: "...una fusione della tradizione folk e classica con il jazz ma la loro è una scelta chiara, quella di esplorare l'inesplorato, un dialogo musicale senza tempo o diversità musicali." (Viviana Falcioni)

27/08/2017

Rising Grace (Wolfgang Muthspiel)- Alceste Ayroldi

24/06/2017

Sant'elpidio Jazz Festival,: Per la XVIII Edizione di Sant'elpidio Jazz Festival, Chick Corea & Bela Fleck Duo, Scott Henderson Trio, Greta Panettieri, Musica Nuda e Toquinho

08/12/2016

Barry Harris Trio - Bologna Jazz Festival: "Un concerto emotivamente intenso, specchio di un periodo storico importante, e che il numeroso pubblico ferrarese non ha mancato di apprezzare." (Niccolò Lucarelli)

23/11/2016

Buster Williams Quartet "Something More": "Torrione sold out per una serata di jazz d'autore, profondamente americano ma portavoce di un pensiero liberale moderno." (Niccolò Lucarelli)

13/12/2015

Bennie Maupin Quartet: "Il jazz di Maupin è un libro aperto su una varietà di culture e suggestioni, oscillando dalle radici afroamericane al free, dal bebop all'hard bop." (Niccolò Lucarelli)

29/11/2015

James Farm Quartet (J. Redman, A. Parks, M. Penman, E. Harland): "...un collettivo che esprime una forma di hard bop contemporaneo, che alla raffinatezza formale unisce interessanti considerazioni di stampo sociologico." (Niccolò Lucarelli)

29/11/2015

Johnny O'Neal Trio: "Un concerto intimo, come si addice a un club, che ha il carattere di una serata fra amici, e che dopo il bis scatena un'ovazione d'applausi." (Niccolò Lucarelli)

08/11/2015

Kenny Garrett Quintet: "Il jazzista di Detroit, dopo una carriera trentennale, è ormai un riconosciuto maestro del sax, e non tradisce la sua fama regalando al pubblico un'indimenticabile serata che è la summa del suo credo musicale..." (Niccolò Lucarelli)

28/06/2015

Il Piano B (Teo Ciavarella)- Alessandra Margiotta

28/09/2014

Driftwood (Wolfgang Muthspiel)- Alceste Ayroldi

20/07/2014

Südtirol Jazz Festival 2014: "Dedicato alla Francia, ha consentito di ascoltare una grande quantità di validissimi musicisti d'oltralpe, testimonianza di una scena vivace e artisticamente rilevante." (Vincenzo Fugaldi)

17/11/2013

Newport Jazz Festival - 59ma Edizione: 59ma Edizione di un festival caratterizzato dagli 80 anni di Wayne Shorter e che ha visto sul palco artisti come Chick Corea, Herbie Hancock, Marcus Miller, Esperanza Spalding, Terence Blanchard...(Cristiana Corrado)

27/10/2013

Umbria Jazz Clinics 2013: 16 anni, partecipare con emozione alle Clinics di Umbria Jazz e portarsi dentro qualcosa che costituirà un ricordo tangibile nel tempo. Racconto di un'esperienza attraverso gli occhi dell'allieva Alessandra Caradonio.

30/09/2013

Without a net (Wayne Shorter)- Vincenzo Fugaldi

08/09/2013

Chick Corea, Saverio Tasca trio Mediterre: Un Chick Corea a "cordo di idee" che fa anche cantare il pubblico e l'interessante nuovo progetto Mediterre di Saverio Tasca. (Giovanni Greto)

31/08/2013

Wayne Shorter Quartet feat. Brian Blade, John Patitucci, Danilo Pérez: "Shorter, inossidabile, suona ancora come un ragazzino di vent'anni, e dopo più di mezzo secolo di musica e storia riesce ancora a rinnovarsi..." (Valeria Loprieno)

10/03/2013

Teo Ciavarella & Friends: Le dolci note di Ciavarella scaldano la neve di Bologna, al Bravo Caffè con Cico Cicognani e Lele Barbieri. (Eugenio Sibona)

12/01/2013

Intervista a Paolo Prosperini: "..rimaniamo un paese di nicchia, forse anche per cause geografiche, quindi comunque si fa fatica a crescere." (Eugenio Sibona)

05/01/2013

Jim Hall Trio: "I suoi fraseggi sono minuziosamente ricercati. Ogni scelta non è lasciata al caso ma voluta..." (Pierfrancesco Falbo)

21/10/2012

Brian Blade and The Fellowship Band: "...piena manifestazione di classe e gusto infiniti, che è riuscita a mantenere inalterato per l'intera serata il proprio potere suggestivo." (Vincenzo Rizzo)

09/09/2012

Chick Corea Stefano Bollani Piano Duo: Concerto di alta qualità musicale e di grande spettacolarità...(Andrea Gaggero)

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #1: Chick Corea, Stefano Bollani, Herbie Hancock, John Scofield, Joe Lovano, Esperanza Spalding, Al Jarreau, Paolo Fresu...(Pierfrancesco Falbo)

01/07/2012

L'"International Jazz Day" proclamato dall'Unesco: "Per la prima volta il jazz ha avuto un riconoscimento planetario: l'Italia aderisce allo spirito di quel lodevole consesso internazionale?" (Filippo Bianchi)

06/05/2012

"...la musica scorre fluida e a volte si ha l'impressione di ascoltare un'orchestra...un disegno compositivo estremamente raffinato che spazia nelle molteplici influenze..." (Viviana Falcioni)

08/04/2012

Roy-Alty (Roy Haynes) - Alceste Ayroldi

18/03/2012

Fahir Atakoglu, simbolo di integrazione: Per un musicista è bello poter condividere la musica con quante più persone possibili, è importante per il nostro spirito. E' ciò per cui viviamo." (Eugenio Sibona)

11/02/2012

Insieme al celebre contrabbassista, il pianista Mulgrew Miller e il chitarrista Kevin Eubanks: "...eleganza ed esperienza, l'attenzione certosina alle dinamiche, e la rilassatezza nell'esecuzione." (Gabriele Prevato)

11/02/2012

La sua lotta per i diritti civili durante l'amministrazione Obama, l'esperienza alla Los Angeles Philarmonic Association, dove ha imparato il ruolo di amministratore musicale, fino al ruolo di leader nella Big Band. (Eugenio Sibona)

16/01/2012

Orvieto (Chick Corea / Stefano Bollani) - Alceste Ayroldi

08/01/2012

Al Bologna Jazz Festival, la ritmica del Pat Metheny Trio si racconta. Bill Stewart: una persona istintiva, sempre alla ricerca di cose nuove. Larry Grenadier: come apprezzare la vita e farsi apprezzare dal pubblico. (Eugenio Sibona)

18/12/2011

Bologna Jazz Festival 2011: L'estasi nietzscheana della prima dei Manhattan Transfer, il momento clou nel sogno di rivedere Pat Metheny e il suo trio con Larry Grenadier e Bill Stewart, l'energia di Christian McBride con il suo giovane trio, la pregevole musica di Fahir Atakoglu insieme ai grandi Horacio "El Negro" Hernandez e Alain Caron, la chiusura con lo Charlot del Jazz, Stefano Bollani, che insieme ai fedelissimi Jesper Bodilsen e Morten Lund ha fatto calare il sipario su un'edizione lunga undici giorni dove grandi nomi sono stati affiancati da giovani promesse. (Eugenio Sibona)

04/12/2011

Wayne Shorter Quartet: Wayne Shorter, Danilo Pèrez, John Patitucci, Brian Blade. "La breve tournèe italiana del Wayne Shorter Quartet (tre date) fa tappa all'Auditorium di Roma per impreziosire l'edizione di quest'anno del Roma Jazz Festival. Nei suoi dieci anni di attività, il quartetto di Shorter ha già diverse volte calcato il palco romano ma ogni volta, a giusto titolo, si parla di evento." (Dario Gentili)

18/08/2011

Gent Jazz Festival - X edizione: Dieci candeline per il Gent Jazz Festival, la rassegna jazzistica che si tiene nel ridente borgo medievale a meno di 60Km da Bruxelles, in Belgio, nella sede rinnovata del Bijloke Music Centre. Michel Portal, Sonny Rollins, Al Foster, Dave Holland, Al Di Meola, B.B. King, Terence Blanchard, Chick Corea...Questa decima edizione conferma il Gent Jazz come festival che, pur muovendosi nel contesto del jazz americano ed internazionale, riesce a coglierne le molteplici sfaccettature, proponendo i migliori nomi presenti sulla scena. (Antonio Terzo)

23/05/2011

LEZIONI (chitarra): Fusion Bebop Hotline (Francesco Bonfanti)

08/05/2011

Bergamo Jazz - March'In Jazz - XXXIII Edizione: Bollani, Pieranunzi, Corea, Burton, Landgren, Klee, Gil, Albora Trio: "Il meglio del jazz parte sempre da Bergamo che manda agli archivi l'ultima edizione firmata artisticamente da Paolo Fresu con un ottimo riscontro in termine di gradimento e partecipazione. La prossima edizione vedrà la direzione artistica di Enrico Rava" (di Vittorio Pio)

02/04/2011

Omer Avital, Jason Lindner, Jeff Ballard trio: "Le introduzioni avanguardiste del trio, creano atmosfere sospese: corde pizzicate del piano, il frusciare dei fogli sui martelletti, note "stirate" del contrabbasso, il suono di piccoli strumentini, un tamburello e il vibrato dei suoi cimbali suona aggrappato allo Hi-Hat per poi esaurire il suo compito. Ogni strumento ha modo di sperimentare trame armoniche e sonorità originali, tante idee del piano per un supporto stilistico estremamente moderno." (Viviana Falcioni)

20/03/2011

I 3 Cohen al Teatro Lauro Rossi di Macerata: "E' davvero incredibile la musicalità che sprigionano questi giovani ma già affermati musicisti, riescono a travolgerti con il loro entusiasmo, sembrano rincorrersi tra loro con le note come nei giochi d'infanzia." (Viviana Falcioni)

06/02/2011

Sempre tutto esaurito al Blue Note di Tokyo per i trii di Vincent Gallo e del settantenne Chick Corea (Giovanni Greto)

15/11/2010

Live in Rome & Copenhagen 1969 (Miles Davis Quintet)- Giovanni Greto

10/10/2010

Chick Corea, Miroslav Vitous, Roy Haynes in "Now He Sings, Now He Sobs" al Festival Internazionale del Jazz della Spezia: "Magnifico interplay, a distanza di anni il trio ha confermato tutta la freschezza che si poteva apprezzare nel disco d'esordio. Il concerto è stato uno splendido crescendo...Incredibile il senso melodico che Corea riesce a dare ogni volta ai suoi assoli e la tranquillità con cui li esegue, con un perfetto timing." (Massimiliano Farinetti)

22/08/2010

L'alta qualità del trio Swallow - Talmor - Nussbaum, l'infaticabile Charles Lloyd col suo New Quartet, l'attesissimo duo Chick Corea - Stefano Bollani, l'Aznavour visto dal soprano Cristina Zavalloni e il country rarefatto del Bill Frisell trio al Verona Jazz 2010 (Giovanni Greto)

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

06/12/2009

LEZIONI (chitarra): John McLaughlin - Wayne's Way (Francesco Bonfanti)

05/11/2009

Chick Corea, Roy Haynes e George Benson al Pescara Jazz Festival 2009: "Il festival pescarese compie quaranta anni tra mille affanni con un cartellone di tutto rispetto che lo rende festival "principe" dell'area centro sud, in buona compagnia con la lunga kermesse umbra, dalla quale attinge con soddisfazione. Un sodalizio empatico che vede anche dividere la presenza della band pop Simply Red, qui chiamata ad offrire una sorta di anteprima del festival abruzzese, il cui cartellone "audiotattile" si è snodato serratamente a distanza di pochi giorni."

04/10/2009

John Patitucci, Joe Lovano e Brian Blade ospiti alla festa di compleanno del Direttore Artistico Todd Barkan al Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York. (Roberta E. Zlokower)

17/08/2009

Fireworks for Stefano Bollani & Chick Corea. Gran pubblico per l'evento jazz dell'estate con due giganti del pianoforte contemporaneo incontratisi sul palcoscenico del Ravello Festival. (Olga Chieffi)

08/08/2009

"Influenze etniche e non solo, standard jazz e sperimentazione. C'è questo ed altro nella musica di Omer Avital, contrabbassista, compositore e arrangiatore israeliano ospite insieme alla sua "Band of the East" per l'ultimo appuntamento di "Jazz, Dine & Wine" allo Sheraton di Catania". (Liliana Rosano)

04/08/2009

Da Umbria Jazz 2009: Guinga "Dialetto Carioca" con Gabriele Mirabassi & Lula Galvao; Gianluca Petrella Cosmic Band con Paolo Fresu: cronaca di una rivoluzione Jazz; Chick Corea & Stefano Bollani Duet; Richard Galliano Quartet Feat. Gonzalo Rubalcaba, Richard Bona, Clarence Penn (Enrico Bianchi)

03/05/2009

Wayne Shorter Quartet all'Auditorium di Roma: "...una musica che definire semplicemente "jazz" può essere riduttivo o, forse esagero, addirittura offensivo. Si tratta di grande musica improvvisata e basta. Una magia che non può ripetersi facilmente, richiede un livello di rapporto umano, oltre che artistico, che raramente si riesce a raggiungere." (Roberto Biasco)

28/03/2009

La Five Peace Band di Chick Corea, John McLaughlin, Chris McBride, Vinnie Colaiuta e Kenny Garrett al Teatro Manzoni per Aperitivo in Concerto: "Questi cinque mostri sacri del jazz non hanno prodotto un risultato pari alla somma delle loro rispettive abilità, pur strabiliando, individualmente, per le innegabili ed indiscutibili capacità di ciascuno...." (Rossella De Grande)

08/03/2009

Intervista a Piero Bassini: "Ci sono tutti i presupposti perché il jazz sia ancora una musica di protesta; e questo perché il mondo non è migliorato...Da un lato il jazz ha avuto il riconoscimento culturale che gli spettava, ma dall'altro continua ad essere una musica fondamentalmente libera, una musica che ha in sé, fin dalla sua nascita, la rivendicazione di un diritto di resistenza, anche oggi. Al di là della vicenda storica degli afro-americani, a cui il jazz è comunque legato, questa attitudine alla protesta sopravvive, nonostante tutti i riconoscimenti culturali e accademici che ha ricevuto." (Giuseppe Rubinetti)

01/01/2009

Cedar Walton al Bologna Jazz Festival: "L'hard bop di Walton oggi appare ricamato, edulcorato nei suoi contrasti. Qualunque sporgenza o dissonanza viene diluita in un'armonizzazione serena, sofisticata e, forse, un po' troppo ragionevole. Il suo stile, evoluto e inguaribilmente odierno, finisce per confezionare un jazz da cartolina, indubbiamente adatto alle esigenze degli ascoltatori più nostalgici." (Giuseppe Rubinetti)

01/01/2009

Herbie Hancock al Bologna Jazz festival: "Quella di Hancock è una poetica della complessità, l'evocazione di un «villaggio globale» musicale che non si semplifica in un'assimilazione jazzistica di altri materiali, ma che muove piuttosto dalla ricerca di un terreno comune, dalla definizione di un orizzonte di intesa che si situa oltre le distinzioni di genere." (Giuseppe Rubinetti)

16/04/2008

Chick Corea & Gary Burton all'Auditorium di Roma: "...ciò che colpisce non sono tanto gli assoli, tutto sommato pochi e mai straripanti, bensì il feeling musicale tra i due...pianoforte e vibrafono confluiscono nel tema e si scambiano costantemente i ruoli, a tal punto che la musica scorre fluida, senza soluzione di continuità, come se fosse uno soltanto a suonare." (Dario Gentili)

17/12/2006

Wayne Shorter Quartet all'Auditorium di Roma: "Repentini sbalzi delle dinamiche, dolci linee melodiche rotte da articolazioni cromatiche singhiozzanti, atmosfere cameristiche seguite da dirompenti eruzioni, accelerazioni e pause improvvise sono le caratteristiche primarie delle esibizioni dal vivo di questo straordinario gruppo..." (Marco De Masi)

04/12/2006

All the Way (Francesca Leone)

18/09/2006

Brad Mehldau, Wayne Shorter, Chick Corea, Ron Carter: ad Umbria Jazz 2006 quattro concerti dove il jazz si è espresso ad altissimi livelli...(Alberto Francavilla)

21/08/2006

Chick Corea a Palermo con 'In the Spirit of Mozart tour': "...Corea dimostra molta umiltà e al contempo grande personalità, mettendo al servizio di questa sua nuova visione musicale tutta la sua esperienza di pianista e jazzista." (Antonio Terzo)

14/07/2006

La gallery di Umbria Jazz 2006 di Alessia Scali.

16/04/2006

Piano, Piano (Anne Ducros)

04/02/2006

Aaron Goldberg, Ali Jackson e Omer Avital dal Roundmidnight di Fisciano (Francesco Truono)

03/07/2005

LEZIONI (Trascrizioni): Il grande solo di Chick Corea su Spain. (Marcello Zappatore)

02/07/2005

Charlap, D'Andrea, Mehldau, Rea, Corea...Il piano jazz in un nuovo spazio di fotografia a cura di Giorgio Alto

07/01/2005

Air, Love & Vitamins (Muthspiel, Johnson, Blade)

19/09/2003

Rendezvous in New York (Chick Corea)





Video:
Al Di Meola & Peo Alfonsi @ World Music Project 2011 - Mediterranean Sundance (HD video)
Al Di Meola & Paolo "Peo" Alfonsi live in Frosolone (Italy) @ World Music Project IV Edition - August 14, 2011World Music Project (Art D...
inserito il 18/08/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3265
Miles Davis and Friends in Paris 1991, Title: Jean-Pierre
Miles Davis Band, "La Grande Halle De La Villette", Paris, France, July 10, 1991 ,Miles Davis (tp) Bill Evans (ss) Kenny Garrett, Jackie McL...
inserito il 17/06/2011  da flink2009 - visualizzazioni: 2801
Corea, Berg, Gomez, Gadd - Sicily
1992 Lugano...
inserito il 04/12/2010  da darominu - visualizzazioni: 2413
Avishai Cohen - Smash
...
inserito il 19/08/2008  da luccabf - visualizzazioni: 3031
Brian Blade with the Wayne Shorter Quartet!
...
inserito il 12/08/2008  da Lassesteff - visualizzazioni: 2467
Joshua Redman - My One and Only Love 2 of 2 (Montreux Jazz Festival 1997)
Joshua Redman live in Montreux Jazz Festival 1997, Pesonal, Joshua Redman(Tenor Saxophone), Peter Bernstein(Eelectric Guitar), Brian Blade(Drums), Ch...
inserito il 27/07/2008  da kamiyasax - visualizzazioni: 2565
Wayne Shorter Fiesole 1 of 2
...
inserito il 19/07/2008  da pieroborri - visualizzazioni: 2621
Wayne Shorter Fiesole 2 of 2
...
inserito il 19/07/2008  da pieroborri - visualizzazioni: 2601
WAYNE SHORTER QUARTET
...
inserito il 18/07/2008  da mastjazz - visualizzazioni: 2608
Bill Evans - "I Loves You Porgy" Solo - NYC 1969
...
inserito il 19/11/2007  da svsugvcarter - visualizzazioni: 3009
Wayne Shorter Quartet - Masqualero
...
inserito il 10/11/2007  da jazzster123 - visualizzazioni: 2856
joshua redman 4 tet brian blade eric reed c. mc bride
french tv...
inserito il 01/10/2007  da dliberg - visualizzazioni: 2942
chick corea jeff ballard avishai cohen live in spain
...
inserito il 05/07/2007  da dliberg - visualizzazioni: 2522
brian blade with joshua redman
brad mehldau chris mc bride joshua redman...
inserito il 27/05/2007  da dliberg - visualizzazioni: 2282
Wayne Shorter Quartet - Over Shadow Hill Way
...
inserito il 22/05/2007  da benenunes - visualizzazioni: 2845
Wayne Shorter live Milan 23/4/2007 a
...
inserito il 28/04/2007  da alemok - visualizzazioni: 2560
John McLaughlin & Paco DeLucia, Spain
John McLaughlin & Paco DeLucia, playing Chic Corea's Spain....
inserito il 22/12/2006  da brianl420 - visualizzazioni: 1801
Al di Meola Larry Coryell - Spain
Live Under The Sky 1986...
inserito il 20/12/2006  da 32emo42 - visualizzazioni: 2523
Rosenberg, Lagrene, Escoude - Spain
Stochelo Rosenberg, Bireli Lagrene, and Christian Escoude playing Chick Corea's Spain....
inserito il 01/11/2006  da adrianzaga - visualizzazioni: 2249
Freddie Hubbard - Straight Life
This is from the 1975 Downbeat Awards... Chick Corea, keys; Stanley Clarke, bass; Lenny White, drums; Airto, percussion... Hot clip!...
inserito il 09/10/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2213
Frank Gambale Playing the song High 5.
...
inserito il 06/08/2006  da sweepfast - visualizzazioni: 2591


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.650 volte
Data pubblicazione: 12/01/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti