Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

21a stagione concertistica del Brass Group di Trapani
(ottobre-dicembre 2005)
di Vincenzo Fugaldi

È iniziata sotto i migliori auspici la ventunesima stagione concertistica del Brass Group di Trapani, presso l'Auditorium Comunale (ex cinema Mazara) di Valderice, uno spazio funzionale per le dimensioni contenute e per la buona acustica. Simpatica è la consuetudine, ripresa dopo alcuni anni, di offrire al pubblico e ai musicisti alla fine del concerto una spaghettata accompagnata da buoni vini bianchi e rossi del trapanese.

L'ottimo avvio, il 12 ottobre, è stato affidato alla nuova formazione del pianista statunitense Kenny Werner, denominata "Cosmocentric". Werner ha alle spalle una carriera trentennale, al seguito di musicisti del livello di Tom Harrell e John Scofield, e da leader di proprie formazioni. I compagni di strada che al momento lo affiancano sono il veterano sax tenore Bill Drewes, già al fianco di Paul Motian, Scofield e Dave Douglas, il trombettista Matt Shulman, il contrabbassista Hans Glawishing e il batterista Dan Weiss, giovani ma già affermati talenti dell'area newyorkese. La proposta musicale del quintetto di Werner si muove nel solco di un hard bop aggiornato, che non lascia spazio a arditezze o sperimentalismi.

Il concerto è stato introdotto da uno standard, If I Should Lose You, venato da qualche incertezza, ma che ha ben rodato il quintetto per i successivi brani, tutti a firma del pianista. Il sax tenore di Bill Drewes ha mostrato per buona parte del concerto una sonorità morbida, e nel quintetto, insieme al leader, ha rivestito il ruolo di solista più tradizionale. Il contrabbassista non si è distinto particolarmente nel ruolo di accompagnatore, forse per problemi di amplificazione, ma è stato abbastanza convincente in assolo. Ma le vere sorprese sono venute da Shulman e Weiss, che danno al quintetto un prezioso contributo di freschezza e creatività. Il trombettista mostra una tecnica strepitosa, un fraseggio torrenziale e una sonorità complessa, che spazia dall'emissione di suoni cristallini all'uso di armonici e di suoni sporchi e modulati. Un talento di cui sentiremo parlare ancora. Lo stesso vale anche per il batterista Dan Weiss, che si è dimostrato finissimo accompagnatore, pronto a sottolineare il lavoro dei solisti con le sonorità più appropriate e con scansioni mai banali, e costruttore di un assolo di semplice ma perfetta geometria.

Werner non è solo ottimo pianista, ma anche valido compositore: tutti suoi dunque i lunghi brani eseguiti dopo l'iniziale standard: Big Unit, Balloons, con un'introduzione modale per piano solo, la sognante canzone Uncovered Heart dedicata alla figlia, il velocissimo Rhythm, introdotto dalla batteria e lo splendido brano eseguito come bis, Shivaya.

Il 27 ottobre è stata la volta di un quartetto composto dagli statunitensi Andy Gravish, trombettista, Steve Cantarano, contrabbassista, Roland Vazquez, batterista e dal pianista italiano Riccardo Fassi. Fassi è noto soprattutto quale leader della "Tankio Band", con la quale ha inciso un pregevole cd dedicato alle musiche di Frank Zappa, mentre Gravish è un musicista che ha alle spalle un lungo elenco di collaborazioni, tra cui quelle con prestigiose big band, e con numerosi musicisti americani e italiani; anche il contrabbassista ha già collaborato con Fassi in concerto e su disco, mentre il batterista ha suonato tra gli altri con musicisti provenienti dal gruppo di Zappa. I brani eseguiti, per lo più composizioni di Fassi contenute nei suoi più recenti cd, oltre allo sghembo tema di Blinks di Steve Lacy, non sono risultati costantemente coinvolgenti negli arrangiamenti e nelle esecuzioni, a tratti piuttosto scontate e di routine. I brani più riusciti sono stati Random Sequence, il lirico Compassion, colonna sonora di un film mai realizzato, con il pianoforte in primo piano, Mars, introdotto da un buon assolo di contrabbasso, Solar di Miles Davis e Bemsha Swing di Thelonious Monk.

Il 6 novembre si è esibito il quartetto di Maurizio Giammarco (sax tenore e soprano), Phil Markowitz (pianoforte), Piero Leveratto (contrabbasso) e Fabrizio Sferra (batteria). Il gruppo ha mostrato una coesione esemplare, poiché la collaborazione fra i quattro risale alla fine degli anni '90, periodo in cui hanno suonato a lungo insieme in concerto e inciso per l'etichetta francese "Night Bird" il cd 7+8. Giammarco è una delle grandi realtà del jazz italiano, un musicista che ha sempre mostrato creatività e rigore, vivendo molteplici esperienze musicali, senza mai poggiarsi su formule risapute; Markowitz è un pianista americano di notevole spessore, con un solismo ricco e suadente, affermatosi con Chet Baker alla fine degli anni '70, che ha collaborato con molti musicisti importanti, come Phil Woods, Miroslav Vitous, Bob Mintzer, Toots Thielemans e, per una lunga collaborazione, con Dave Liebman. Leveratto e Sferra costituiscono un'ottima sezione ritmica, viva e stimolante per il solista di turno, attenta a sottolineare opportunamente i frequenti cambiamenti di tempo e tutte le sfumature delle composizioni. I temi eseguiti sono stati Libra (con un intenso assolo del contrabbassista) e Son di Giammarco, 7+8 di Markowitz, arduo e spigoloso, il meditativo Wishes e Jigsaw, recenti composizioni del pianista, una intensa versione di Caravan, con Giammarco al soprano che esponeva il tema ellingtoniano con sapidi vibrati. L'immancabile bis, un'altrettanto intensa versione di 'Round Midnight di Thelonious Monk, ha chiuso nel migliore dei modi l'ottimo concerto. Il Sindaco di Valderice Lucia Blunda e il Presidente del Brass Group di Trapani Andrea Marchione, prima del concerto, hanno consegnato a Maurizio Giammarco il premio "Una vita per il jazz", giunto alla sesta edizione.

La sera del 20 novembre è stata la volta del gruppo della cantante statunitense Erin Bode, al suo secondo tour italiano, accompagnata da Adam Maness al pianoforte, Sydney Rodway al contrabbasso, Chris Higginbottom alla batteria, con la partecipazione speciale di Seamus Blake al sassofono tenore e alla chitarra. La giovane Erin, che ha inciso due cd a suo nome per l'etichetta Max Jazz – Don't Take Your Time, e il recentissimo Over and Over, ed ha collaborato con i pianisti Eric Reed e Peter Martin, attiva in particolare nella zona di S. Louis, non è una cantante di jazz: proviene piuttosto dalla popular music americana di qualità - quel filone abbastanza recente cui appartiene Norah Jones - e ha una voce elegante, senza grandi qualità di estensione e potenza, ma usata con buona tecnica; in concerto ha una presenza leggera e garbata, misurata e dolce, e propone un repertorio estremamente gradevole, costituito da brani originali, cover e classici del jazz, che interpreta con gusto, dando grande spazio ai musicisti che la affiancano. Verosimilmente la caratteristica migliore della musica di Erin Bode è l'approccio jazzistico a brani pop, l'innesto dell'improvvisazione di un gruppo jazz in canzoni che hanno strutture che sembrerebbero a prima vista non favorirla ma che, grazie agli arrangiamenti del pianista, diventano invece talvolta - proprio per il rischio che propongono - stimolanti e interessanti per i musicisti e per gli ascoltatori. La buona riuscita della proposta è legata alla competenza dei musicisti: mentre il contrabbassista si limita ad un accompagnamento essenziale e senza particolari slanci, il pianista si dimostra buon compositore, arrangiatore, accompagnatore e valido solista; altrettanto bene va detto del batterista, londinese che oggi vive negli Stati Uniti, del quale ritengo che sentiremo parlare ancora, che ha recentemente pubblicato il primo cd in quartetto a proprio nome (One, Basho Records), dove esegue anche alcuni brani di sua composizione, e che mostra un drive fresco ed efficace; ma la vera forza del gruppo è il sax tenore di Seamus Blake, uno dei nomi più interessanti oggi sulla scena newyorkese, radicato nella grande tradizione del suo strumento ma anche dotato di una cifra personale, che sa sostenere con pertinenza la voce della cantante e in ogni assolo edifica costruzioni sonore sempre diverse e perfette, piene del giusto pathos, con tecnica sublime, musicalità e controllo del suono probabilmente senza pari nel panorama attuale dei sassofonisti trentenni, negli standard come nei brani di matrice pop. Tra i brani eseguiti vi erano composizioni originali (Home Again, The Optimist, Over and Over, Don't Take Your Time, Sidney Come Down), ballad appartenenti alla storia del jazz (Once Upon A Summertime, una suggestiva versione di Everything Happens To Me, Over the rainbow) e cover pop (Graceland di Paul Simon, I Can't Help It di Stevie Wonder).

Il 25 novembre la serata è stata dedicata ad un trio di recente costituzione, composto dal pianista Salvatore Bonafede, dal contrabbassista Paolino Dalla Porta e dal sassofonista Javier Girotto. I tre hanno proposto una musica dal fascino inusuale, di forte valore evocativo, che sollecita l'immaginario cinematografico di chi ascolta. Il sostegno ritmico grava in buona parte su Dalla Porta, che svolge il suo ruolo con musicalità e pertinenza davvero notevoli, contribuendo a dare equilibrio ad una musica che a tratti non paventa di rischiare, collocandosi ben al di fuori dei sentieri consueti. Del resto, gli altri due musicisti in scena hanno storie e approcci musicali diversi e peculiari: Bonafede, musicista e compositore di livello internazionale, ha un pianismo personalissimo, con riferimenti sia nella musica colta europea che nel jazz; Girotto, argentino da anni stabilitosi in Italia, ha una sonorità e un fraseggio spesso distanti dal jazz e profondamente intrisi della sua matrice etnica. L'unione fra i tre è contraddistinta da una poetica inedita, straniante, ma non priva, in alcuni brani, di momenti non pienamente risolti, che necessitano probabilmente di una ulteriore messa a punto. Tutti i componenti del trio hanno presentato proprie composizioni, tra cui Leggenda metropolitana, Reputation and Character, Taceas, me spectes e Actor-Actress di Bonafede, Blu e Game 7 di Dalla Porta, Enero e El Cacerolazo di Girotto.

Fornire ancora una volta una prova della grande vitalità del jazz - una musica che sa costantemente rinnovarsi senza rinnegare la propria tradizione, con quello che senza dubbio è stato il miglior concerto di una rassegna il cui livello è stato quasi costantemente elevato – è quanto ha fatto il 3 dicembre il quartetto del batterista statunitense Ari Hoenig, con Seamus Blake al sax tenore, Jean Michel Pilc al pianoforte e Danton Boller al contrabbasso. Hoenig è già ben noto per far parte del trio di Kenny Werner, ma ha nel suo carnet un'impressionante serie di collaborazioni, da Chris Potter, a Joe Lovano, a Joshua Redman, solo per citarne alcune; dal 2004 è leader di un proprio quartetto, ed ha inciso un primo cd per l'etichetta "Smalls", The Painter. Grande è l'intesa, corroborata da una lunga collaborazione, con il pianista Jean Michel Pilc, che lo accoglie da anni nel suo trio. Pilc, parigino stabilitosi da un decennio a New York, è arrivato alla notorietà negli ultimi anni grazie ad un contratto con la francese Dreyfus Jazz (per la quale etichetta ha collaborato su disco anche con il nostro Rosario Giuliani). Di Seamus Blake si è già fatto cenno nelle note che riguardano il concerto di Erin Bode. Il nome meno noto era quello del contrabbassista Danton Boller, anch'egli attivo da tempo a New York come collaboratore di numerosi musicisti e come leader di una propria formazione. Descrivere la musica di questo quartetto non è semplice: il concerto è stato talmente riuscito e coinvolgente da rendere arduo persino trovare aggettivi non banali per raccontarlo. Innanzitutto il drumming di Hoenig: musicalissimo, intenso, ricco di fantasia, in prima linea nei momenti giusti ma pronto a mettersi in secondo piano per sottolineare con leggerissime sfumature il solista di turno. Un perfetto mix di tecnica e di cuore, e una concezione della musica come "comunicazione", che riesce a coinvolgere emotivamente gli ascoltatori. Poi il pianismo di Pilc, sulla medesima lunghezza d'onda, virtuosistico ma mai stucchevole, trascinante, capace di passare da travolgenti soli in fortissimo a delicatissimi, sussurrati fraseggi nelle ballad. Perfetti nell'equilibrio del quartetto gli altri due comprimari: Blake è un sax tenore ideale per tutti i contesti, ha un senso della forma nella costruzione degli assoli che oggi non ha pari tra i sassofonisti della sua generazione; Boller è un contrabbassista notevole, con una tecnica solidissima e un'ottima intesa con i partner. Il concerto si è basato su alcune belle composizioni del leader (l'iniziale Without Within, l'intensa ballad Dark News, la gioiosa The Painter, Green Spleen), una strepitosa versione di Giant Steps, un blues lento ricco d'atmosfera tutto dedicato ai tamburi di Hoenig percossi con le bacchette da timpano tirando le pelli per ottenere la giusta intonazione, per concludersi con il bis di Blue In Green, suonata con sobrio e meditativo rispetto dell'originale.

Ancora di elevata qualità l'ultimo concerto della rassegna, il 17 dicembre, con il trio composto da Bill Carrothers, Ben Street e Jim Black. Carrothers, pianista che ha al suo attivo una lunga carriera, con esibizioni nei principali festival internazionali, collaborazioni con grandi protagonisti del jazz come Bill Stewart, David King, Scott Colley, Dave Douglas, Curtis Fuller, Drew Gress, Billy Higgins, Gary Peacock, ha realizzato da leader una dozzina di incisioni discografiche, e mostra in pubblico una disincantata verve umoristica, come è intriso di simpatia e autoironia il suo strampalato sito web. Ben Street è un contrabbassista strepitoso, che ha collaborato tra gli altri con Kurt Rosenwinkel ed Ethan Iverson. Jim Black è un batterista attivo da molti anni a New York e richiestissimo da musicisti creativi come Dave Douglas (nel "Tiny Bell Trio"), Ellery Eskelin, Chris Speed, Tim Berne, Uri Caine, Laurie Anderson; ha anche un proprio quartetto che ha inciso per l'etichetta Winter & Winter. Il trio ha suonato con una empatia e un interplay che facevano pensare ad una collaborazione di lunga data: invece è costituito da pochissimo tempo, e non ha ancora pubblicato alcun cd. L'equilibrio è democraticamente ripartito fra i tre, che sembrano condividere la stessa idea della musica, sorniona, ironica, disincantata. La fantasia di Carrothers, capace di plasmare e rendere godibili e "nuovi" anche gli standard più ovvi, trova perfetta rispondenza nel drumming di Jim Black, creativo e imprevedibile, ardito e mai banale. Al centro della musica il contrabbasso di Ben Street, dalla sonorità possente e solidissima, eccellente anche in assolo. Il trio ha spaziato da celebri brani di Thelonious Monk (Evidence, Rhythm-A-Ning, Off minor) a canzoni della prima Joni Mitchell (For the Roses), all'ellingtoniana Caravan, tutti sottoposti ad una convincente rilettura.






Articoli correlati:
02/05/2016

Jdid (Karim Ziad)- Enzo Fugaldi

03/01/2016

Aglow: The Lyngor Project Volume 1 (Bjorn Solli)- Enzo Fugaldi

08/06/2013

Opus Five (A. Sipiagin, S. Blake, D. Kikoski, B. Kozlov, D. Edwards): "...una vera unità musicale, la condivisione del progetto fa emerge sia il piacere di suonare assieme che una forte componente comunicativa." (Viviana Falcioni)

28/04/2013

Casa Azul (Silvia Manco (feat. Maurizio Giammarco))- Francesco Favano

28/04/2013

Stray Horns (Alessandro Fabbri)- Nicola Barin

18/03/2012

Il jazz diventa un pretesto per improvvisare, il criterio per dialogare con gli altri strumenti è "la libertà in funzione della spontaneità". (Viviana Falcioni)

24/12/2011

Cieli Di Sicilia (Maurizio Giammarco & Orchestra Jazz del Mediterraneo) - Alceste Ayroldi

08/05/2011

Early Years (Federico Procopio) - Cinzia Guidetti

06/03/2011

As You Like (BANN (Blake, Anderson, Noy, Nussbaum)) - Alceste Ayroldi

05/12/2010

Charles & Joe (Gianluca Renzi All Stars Orchestra)- Elide Di Duca

21/11/2010

Vie di Jazz 2010 - VI Edizione: " Quando non c'è un testo che faccia riferimento alla realtà o un contenuto che costringa l'ascoltatore alle emozioni del compositore oppure ad un significato che è stato attribuito, allora la musica rende liberi..." (Lorella Marino)

24/10/2010

Il Benny Golson Quartet a Palermo per il Seacily Jazz Festival: La serata organizzata dal Brass Group di Palermo ha visto il grande sassofonista impegnato in due set, il primo con Massimo Farao' e Carmelo Leotta e il secondo con George Cables e John Webber. In entrambi, alla batteria Byron Landham: "C'è ben poco da aggiungere quando si parla di musicisti divenuti leggende del jazz...un quartetto di elevata fattura, che, leader in testa, ha ben meritato l'ovazione finale." (Antonio Terzo)

12/04/2010

Maurizio Giammarco, Flavio Boltro e la Parco della Musica Jazz Orchestra presentano "Expanding Miles '65-'68" all'Auditorium Parco della Musica: "Una serata dai toni intensi, una personale rilettura delle assolute esplorazioni musicali originate dall'ultimo insuperabile quintetto di Miles Davis..." (Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante)

06/03/2010

So Rise Up (The Rory Stuart Quartet)- Roberto Biasco

27/12/2009

Pietro Condorelli Quintet featuring Maurizio Giammarco in "Jazz Lag/Tassa di Residenza Napoli": "...una serata all'insegna della buona musica, senza colpi ad effetto, particolari debordanze ritmiche, in cui la sobrietà di Puccio Corona e la linearità del Pietro Condorelli Quintet featuring Maurizio Giammarco hanno dato forma ad un evento dalle sfumature pastello, dalle ambientazioni rilassate, dalle misurate tensioni ritmiche, molto gradite dagli appassionati intervenuti." (Francesco Peluso)

04/07/2009

Introducing (Joris Roelofs) - Luca Labrini

02/05/2009

Live in Italy (Seamus Blake Quartet)

11/02/2008

European Jazz Expo. International Talent Showcase, 25° Jazz in Sardegna: "Sono impressionanti i numeri dell'expo cagliaritana: 7 sale affollate in 4 giorni da oltre 400 artisti e oltre 20.000 spettatori, in una Città della musica allestita appositamente all'interno della Fiera internazionale della Sardegna. Quest'anno si festeggiavano i 25 anni dell'esistenza di questo celebre evento e...Orientarsi all'interno della pantagruelica offerta musicale cagliaritana è arduo." (Enzo Fugaldi)

02/12/2007

Siena Jazz Reunion, Trent'anni di Jazz in Italia: "Due intense giornate che hanno visto confluire musicisti, studiosi, critici, jazzofili provenienti da diverse zone d'Europa ed anche dagli Stati Uniti d'America. Una girandola perfettamente sincronizzata di convegni, presentazione di libri e concerti." (Alceste Ayroldi)

10/05/2007

Stagione invernale del Brass di Palermo: "Molto ricco, e davvero molto aperto è stato quest'anno il cartellone del Brass Group palermitano...altrettanto ricca è stata la rassegna intramuraria del Blue Brass presso il ridotto dello Spasimo..." (Antonio Terzo)

04/02/2007

Catanzaro Jazz fest 2006: "Si inizia con Adam Kolker accanto al celebre John Abercrombie, Dick Oatts assieme al nostrano Pietro Condorelli. L'ultima serata è invece dedicata proprio al pianoforte, ed è proprio una bella dedica: ad esibirsi è il trio di Jean Michel Pilc..." (Andrea Caliò)

19/12/2005

Maurizio Giammarco & Megatones: "...la proposta di Giammarco risulta essere meritevole di attenzione e approfondimento. Dalle sue composizioni si coglie quel sottile "fil rouge" che in qualche modo lega i due elementi apparentemente inconciliabili..." (Bruno Gianquintieri)

29/11/2005

Ari Hoenig Quartet per Terni in Jazz #6 (Francesco Truono)

01/11/2005

I concerti di Viggiano 2005: Aula, Vigorito e Zambrini con intervista, Zegna, Marcotulli, Bonvini, Giammarco e l'Orchestra Laboratorio diretta da Mario Raja... (Francesco Peluso)

05/06/2005

Punkromatic (Maurizio Giammarco & Megatones)

04/06/2005

Gianni Coscia & Gianluigi Trovesi per il Brass di Palermo: "...Due favolosi affabulatori di fiabe, suoni, fiati, tasti ed atmosfere… Ed anche di spettatori, attentissimi nel seguire le spiegazioni che di volta in volta introducono ogni brano prima dell'esecuzione..." (Antonio Terzo)

16/04/2005

Eumir Deodato dirige la Orchestra Jazz Siciliana: "...Bell'esperienza vedere all'opera quello che a ragione può essere considerato un pezzo di storia della musica che ha certamente caratterizzato la nostra epoca, ammirare come sia in grado di adattare a qualsiasi organico i brani che lo hanno reso famoso..." (Antonio Terzo)

06/04/2005

Maurizio Giammarco, nell'ambito di Terninjazz 2005: "...la notevole esperienza ed il caldo affiatamento del trio sono stati gli elementi aromatizzanti che hanno smussato sapientemente anche i sapori più aspri di alcune esecuzioni..." (Alceste Ayroldi)

09/02/2005

Mari Pintau e Megatones per Pinocchio Jazz: "...Mari Pintau funziona bene, e i quattro sul palco del Pinocchio lo hanno dimostrato...Meno trasparenze, musica concreta, urbana, a volte astratta ma comunque caratterizzata da un forte legame con la melodia per i Megatones..." (Paolo Carradori)

23/01/2005

Charles Mingus 2002 80th Anniversary: Il ricordo del contrabbassista al Brass Group di Palermo (Antonio Terzo)

09/01/2005

Proseguono gli appuntamenti del Blue Brass con il francese Jean-Loup Longnon e il chitarrista Gigi Cifarelli: "...confronto Francia-Italia al Blue Brass che vede vincitrice l'Italia per mano non soltanto del "Cifa" nazionale, ma anche della sezione ritmica, tutta locale..." (Antonio Terzo)

08/12/2004

Intervista a Jaques Morelenbaum: "...amo la musica, che è una necessità nella mia vita, e ritengo di essere molto fortunato di poter lavorare con qualcosa che amo davvero. La musica per me non ha senso se non si è davvero sinceri, davvero profondi..." (Antonio Terzo)

04/12/2004

Steve Kuhn Trio e Lynne Arriale Trio: "...parte sotto i migliori auspici "Blue Brass", la stagione invernale del Brass Group di Palermo...vero e proprio jazz club che per l'associazione palermitana costituisce quasi un ritorno alle origini..." (Antonio Terzo)

22/10/2004

Sempre attento pure alle tendenze più originali che lo spirito coevo esprime, anche quest'anno il Brass Group di Palermo - Associazione Siciliana per la Musica del Novecento ha proposto la propria stagione Musiche del nostro tempo - estate 2004. (Antonio Terzo)

17/07/2004

Una rassegna ricca e variegata, quella della stagione concertistica del Brass Group di Palermo, Musiche del nostro tempo 2003/2004, per qualcuno anche troppo, considerato che ha abbracciato dal dixie agli standard, passando per il latin-jazz e giungendo alla musica più moderna e contemporanea.(Antonio Terzo)

24/11/2003

Intervista a Paolo Fresu: "Per me è stato molto facile entrare nel cuore del mondo del jazz...vengo da un paese isolato, da una tradizione familiare assolutamente non di musicisti...a un certo punto mi sono ritrovato a vivere di musica senza neppure averlo deciso.". (Antonio Terzo)

06/09/2003

Archie Shepp: "...Con incedere lento, cappello grigio a tesa media e sax alla mano, guadagna il palco il mitico Archie Shepp, l'anima più nera del jazz dal sound R&B..." (Antonio Terzo)

06/07/2003

Stefano Di Battista Quartet: "...il quartetto del grande sassofonista accompagnato da un organico di circa trenta elementi infonde emozione a Palermo con il Round about Roma" (Antonio Terzo)

16/06/2003

Paolo Fresu e l'Orchestra Jazz Sicliana: " ...Abbarbicato su di una sedia, con le ginocchia intrecciate, chino a leggere gli spartiti stesi per terra sulla pedana, non si comprende come Fresu riesca ad alimentare di fiato il diaframma per sostenere quelle emissioni così sottili e leggere..." (Antonio Terzo)

01/06/2003

Giovanni Mazzarino Quintet a Palermo per la rassegna "Musiche del nostro tempo": "...Un jazz tradizionale, combinazione fra l'ortodossia bop e le influenze provenienti dalla musica colta di matrice europea, basato in prevalenza su intense composizioni originali." (AntonioTerzo)

17/05/2003

Esbjörn Svensson Trio (E.S.T.) per la rassegna "Musiche del nostro tempo" a Palermo. Un concerto molto gradito dal pubblico con escursioni che dal jazz arrivano al pop e persino alla musica classica, il tutto sviluppato grazie ad un consistente interplay tra i tre musicisti svedesi. (Antonio Terzo)

11/05/2003

Patricia Barber a Palermo per la rassegna "Musiche del nostro tempo": "...la pianista-cantante chicagoana si accomoda al piano e su un languido accordo di minore settima/nona prende a vocalizzare, misurando ancora l'acustica circolare della chiesa dello Spasimo e creando subito atmosfera." (AntonioTerzo)

03/05/2003

La rassegna "Musiche del nostro tempo" organizzata dal Brass Group di Palermo è stata inaugurata dalla suadente voce di Nnena Freelon in un omaggio alle musiche di Stevie Wonder. (Antonio Terzo)





Video:
Dave Douglas Brass Ecstasy: Tiny Desk Concert
A lot of talented artists pass by Bob Boilen's desk. But this was the first time that NPR Music was serenaded by a trumpet, trombone, French h...
inserito il 20/07/2009  da nprmusic - visualizzazioni: 2340
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Great Awakening"
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Great Awakening"...
inserito il 18/06/2009  da KOCHRECORDS - visualizzazioni: 2586
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Bowie"
Dave Douglas & Brass Ecstacy "Bowie"...
inserito il 18/06/2009  da KOCHRECORDS - visualizzazioni: 2472
Dave Douglas - The View From Blue Mountain
Track 3 from Dave Douglas & Brass Ecstasy, Spirit Moves. Available through Greenleaf Music -- http://www.greenleafmusic.com/store/l... .Video by ...
inserito il 12/05/2009  da GreenleafMusicHQ - visualizzazioni: 2447
Enrico Rava
Enrico Rava eâ?? senzâ??altro il più famoso musicista italiano nel mondo. Enrico, a quasi settanta anni, è ancora cons...
inserito il 26/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3819
brass trumpestra Mcferrin w Haredzie
MCferrin w piwnicy pod harenda...
inserito il 11/10/2008  da andrzejtrb - visualizzazioni: 2261
Jean Luc Ponty
Jean Luc Ponti Le Ciminiere di Catania per Unsolojazz...
inserito il 02/10/2007  da hornitos75 - visualizzazioni: 2655
Joey Baron - Masada Warsaw 1994
Sweet stuff...
inserito il 04/03/2006  da cozmo - visualizzazioni: 2771


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 6.951 volte
Data pubblicazione: 02/01/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti