Jazzitalia - Io C'ero: Bruce Forman Quartet
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Bruce Forman Quartet
Nonsolojazz, Foggia (FG), 24 febbraio 2007
www.nonsolojazzac.it
info@nonsolojazzac.it

di Stefano Piscopiello

Bruce Forman chitarra
Nico Menci pianoforte
Marco Marzola contrabbasso
Donato Cimaglia batteria

Davanti ad una sala straripante di gente Bruce Forman ha letteralmente incantato. Dotato di un talento eccezionale è, e rimarrà, un arrangiatore, un compositore, un guitar player fuori dal comune, e splendidamente tutte queste cose insieme, sotto l' aspetto di un cow-boy americano. Lirico e poetico nella sua semplicità disarmante ci ha condotto in un viaggio, durato circa tre ore, mano per mano, uno ad uno, nel bel mezzo di quello che si potrebbe definire un triangolo perfetto; storicamente si sta parlando di un luogo adagiato nel ventennio tra gli anni '50 e '60, nei quali il jazz risuonava e luccicava in tutte le sue forme: dal be-bop, alle grandi orchestre della "swing era", fino alle leggende della west coast ed al cool jazz.

Forman ha messo subito le carte in tavola, sin dalle prime battute: il suo è uno stile essenziale, immediato, fatto di idee che crescono nell'esecuzione ora con sapienti tocchi leggeri, ora con veementi affondi sonori, così come il contrasto cromatico nelle pennellate impressioniste creava l' opera d' arte.

In questo suo piccolo tour è accompagnato da un trio tutto italiano con il quale è entrato in sintonia perfetta; il merito più grande della band è stato quello di aver intuito e accolto questo modo di intendere il jazz e di averlo saputo supportare in maniera impeccabile. Capaci di costruire trame sonore sempre fresche, sempre nuove, sulle quali il leader dava libero sfogo alle sue "innocenti evasioni", si sono distinti per qualità e quantità dell' esecuzione che non è mai apparsa stancante o frettolosa, ma attenta e coinvolgente. Alla fine, tutti in piedi a battere forti le mani levandosi un virtuale cappello: serate che non dovrebbero finire mai. Thank you, Bruce!!!

Lo stile chitarristico di Bruce Forman ha caratterizzato la scena internazionale del jazz per più di due decenni.
Conosciuto per il suo inconfondibile fraseggio BeBop, l'inventiva per le armonizzazioni e la sua abilità a lavorare in una varietà di situazioni.
Nel 1971 si stabilisce a San Francisco dove segue i consigli del contrabbassista Ratso Harris e del pianista Smith Dobson.
Dopo il diploma acquisisce una solida esperienza suonando a lungo nella West Coast e sul finire degli anni Settanta coglie la sua grande opportunità facendosi notare come accompagnatore del pianista Rolland Hanna e del bassista Sam Jones dal sassofonista Richie Cole che lo scrittura seduta stante per il suo gruppo ALTO MADNESS, dove resta quattro anni.
Col celebre gruppo incide tre dischi di buon successo, Hollywood Madness, Alive at the Village Vanguard e Some things speak for themselves.
In seguito Bruce Forman è al fianco dei nomi più imponenti del jazz: Oscar Peterson, Hank Jones, Bobby Hutcherson, Gvover Washington, Freddie Hubbard, Elvin Jones, Eddie Jefferson e Clark Terry ed altri.
Gli anni Ottanta vedono l'espandersi della sua notorietà ed il consolidarsi del successo internazionale.
Più volte indicato come miglior chitarrista dell'anno nei vari referendum indetti dalle più prestigiose riviste specializzate (dalle americane Down Beat e Bill Board alla giapponese Swing Journal), Forman in questi ultimi anni ha curato sia l'attività in di registrazione pubblicando circa venti dischi, che quella concertistica partecipando a numerose manifestazioni e a parecchi importanti festivals in tutto il mondo accanto ad artisti prestigiosi.
Oltre ad essere noto per le doti tecniche e stilistiche espresse dalle corde della sua inimitabile "swing-bop-guitar", Forman è apprezzato anche come compositore, arrangiatore e insegnante. Ha di recente, infatti composto ed interpretato la colonna Sonora del film di Clint Eastwood "Milionar Dollar Baby".
"Tecnico compiuto, dalla gamma sonora estremamente eclettica, Bruce Forman è improvvisatore ispirato il cui discorso melodico scintillante, spesso audace (ama molto sovvertire le routine digitali del virtuosismo inventando sorprese e trabocchetti armonici) ma sempre perfettamente controllato, trae origine dall'estetica bop e mette in risalto una rara musicalità e uno swing intenso. Il suo fraseggio legato evoca indubbiamente quello dei sassofonisti che lo hanno ispirato benché non nasconda la sua ammirazione per chitarristi del calibro di Wes Montgomery, Joe Pass, George Benson, Kenny Burrell…. Ai quali sa ugualmente rendere omaggio nell'esercizio della sua arte"

Dictionnaire du jazz edito in Italia dalla Armando Curci editore.







Articoli correlati:
07/04/2013

The Song Is You (Chiara Pancaldi)- Valeria Loprieno

24/03/2013

Una serata in compagnia di Ed Cherry e il suo quartetto: "Ed Cherry ha saputo deliziare il pubblico calabrese grazie alle sue virtù di fuoriclasse e a una grinta davvero notevoli." (Francesco Favano)

09/05/2010

Live at the Otto Club (Sherman Irby Quartet)- Vincenzo Fugaldi

04/04/2010

Marco Marzola featuring Sherman Irby (Vol.1) (Marco Marzola) - Laura Mancini

26/12/2007

The Picture (Melissa Stott)

29/11/2006

Too close for comfort (Smell Quintet)

02/09/2006

Important life (Marco Marzola)

30/08/2006

Create (Marco Marzola feuturing Ed Cherry)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 4.172 volte
Data pubblicazione: 24/05/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti