Jazzitalia - Io C'ero: Cassandra Wilson
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Cassandra Wilson
Genova - Arena del mare- Rassegna "Just like a woman", 21 luglio 2011
di Gianni Montano


foto di Riccardo Crimi
(Umbria Jazz 2008)


Cassandra Wilson - voce e chitarra
Marvin Sewell - Chitarra
Jon Cowherd - Piano
Reginald Veal - Contrabbasso
Gregoire Maret - armonica
John Davis - batteria
Lekan Babalola - Percussioni

Cassandra Wilson calca le scene da più di venticinque anni. Ha esordito con gruppi di jazz avanzato attraverso la collaborazione con M-base di Steve Coleman o il trio "Air" di Henry Threadgill. Dopo un percorso vario e piuttosto articolato, oggi si colloca su un versante nobilmente più classico, dove sembra aver trovato una posizione stabile e per lei soddisfacente. Si esibisce a Genova, all'interno di una breve tournèe italiana, con un gruppo di ottimi strumentisti, cementato da una forte intesa e a cui la cantante concede parecchio spazio.
 
John Davis
e Lekan Babaloca alle percussioni sono in grado di costruire un tappeto ritmico adeguato sia nei tempi più mossi che nelle ballads, esaltandosi con le cadenze funky. Reginald Veal ha un suono possente con il contrabbasso. Assesta colpi precisi con l'archetto, quando occorre o lavora pizzicando le corde dal registro acuto a quello più grave con una padronanza completa dello strumento.  Marvin Sewell alla chitarra sa essere riflessivo e moderato in acustico, quanto far alzare la tensione con un timbro più duro e deciso nelle sequenze più agitate. E' duttile e ispirato in ogni circostanza. John Cowherd collega le iniziative dei partners con un pianismo discorsivo. Non si erge a protagonista, ma sa ascoltare I compagni, uscendo poi in assoli sempre accorti e misurati. La sorpresa della serata viene, però, da Gregoire Maret, giovane armonicista, capace di rendere assoluto protagonista il suo stumento, rivelando una competenza e un gusto rari.

Cassandra Wilson interviene con parsimonia in un contesto ritmico e melodico già molto ricco e definito, inglobando la sua voce calda e sinuosa al suono complessivo del gruppo. Introduce, infatti, il suo contributo in un meccanismo ben oliato, non per capovolgere il clima creato dai compagni di viaggio, al massimo per precisarne I termini, per instradare la musica verso uno sbocco melodico evidenziato dai testi delle canzoni. La sua interpretazione, in sostanza, si distacca da quella delle grandi voci quali Dee Dee Bridgewater o Rachel Ferrell, per fare due nomi, dotate di una tecnica prodigiosa di cui fanno sfoggio nei concerti o nei dischi. Canta, però, con il giusto trasporto, scegliendo gli accenti e le sfumature adeguate per rendere al meglio il repertorio selezionato. Si impegna anche in alcune improvvisazioni "scat", ma si tratta di brevi intermezzi.

Il concerto inizia con "Lay lady lay" di Bob Dylan aperta da una lunga introduzione in cui, dalle percussioni agli altri strumenti melodici, tutti ci mettono del loro per nascondere il motivo che viene esplicitato dall'entrata in scena della Wilson, molto attenta a rendere l'atmosfera del pezzo. Segue una versione di "The man I love" piuttosto sottotraccia, morbida e aggraziata. Si succedono, quindi, diversi brani estratti dal suo ultimo disco "Silver Pony". Si avverte, in queste interpretazioni, ancora, una cura notevole per le dinamiche e per la valorizzazione del particolare significativo.

La conclusione è affidata ad una versione malinconica, ma conciliante di "Time after time" di Cindy Lauper, cavallo di battaglia del Davis elettrico dell'ultima parte della sua carriera. Tra l'altro al celebre trombettista Cassandra Wilson ha dedicato uno dei suoi album più riusciti. "Traveling Miles", uscito nel 1999.

Il concerto è stato molto applaudito dal pubblico presente. La cantante ha dimostrato di avere le radici ben piantate nel jazz, ma l'approccio al repertorio scelto è, per qualche verso, "pop", tanto da consentirle di "arrivare" ad un uditorio più vasto, anche di diversa inclinazione stilistica.






Articoli correlati:
11/05/2017

Blue Note Jazz Festival 2017 di New York: Pat Metheny, Dr. John, Robert Glasper Experiment, The Isley Brothers, Laura Mvula e molti altri per 100 eventi in 10 differenti teatri e club

23/07/2013

Eggun (Omar Sosa)- Alceste Ayroldi

21/10/2012

Brian Blade and The Fellowship Band: "...piena manifestazione di classe e gusto infiniti, che è riuscita a mantenere inalterato per l'intera serata il proprio potere suggestivo." (Vincenzo Rizzo)

25/01/2009

Herbie Hancock Sextet al Roma Jazz Festival: "La formazione si è mossa abilmente tra esecuzioni acustiche ed elettriche, tra strumenti acustici ed elettrici, a partire dallo stesso Hancock, che si è alternato al pianoforte e al sintetizzatore. Tutti musicisti di altissimo livello internazionale..." (Dario Gentili)

01/01/2009

Herbie Hancock al Bologna Jazz festival: "Quella di Hancock è una poetica della complessità, l'evocazione di un «villaggio globale» musicale che non si semplifica in un'assimilazione jazzistica di altri materiali, ma che muove piuttosto dalla ricerca di un terreno comune, dalla definizione di un orizzonte di intesa che si situa oltre le distinzioni di genere." (Giuseppe Rubinetti)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

11/01/2007

Gallery dal London Jazz Festival di Thomas Van Der Aa e Nadia Guida.

30/06/2006

Thunderbird (Cassandra Wilson)

01/09/2005

Cassandra Wilson e Terence Blanchard a Umbria Jazz 2005: "Fra i concerti più attesi dell'intera rassegna perugina, è stato anche quello più provato dal maltempo ..." (Antonio Terzo)





Video:
Cassandra Wilson - 'Round Midnight
Cassandra Wilson - 'Round Midnight...
inserito il 04/11/2007  da chamesrichalds - visualizzazioni: 2067


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.758 volte
Data pubblicazione: 04/09/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti