Jazzitalia - Io C'ero: Cedar Walton al Ronnie Scott's
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Cedar Walton al Ronnie Scott's
Londra, Ronnie Scott's - 11 settembre 2009
di Florindo Grillo

Questa sera l'ottima scusa per incravattarsi è il quartetto di Cedar Walton, una leggenda del jazz. E' curioso vedere chi tra i "vecchi miti", parte della storia del jazz, ha ancora il fuoco nelle mani e riesce a tenere alto un nome che ha significato molto per intere generazioni di musicisti.

Cedar Walton, classe ‘34, e' un settantacinquenne in strepitosa forma. Con l'eleganza che contraddistingue i jazzisti di un tempo, si avvicina al pianoforte e con voce chiara e decisa annuncia i componenti del suo quartetto. In questo viaggio transatlantico e' accompagnato dai fedeli Jean Toussaint al sax tenore, Dudley Phillips al contrabbasso e Alvin Queen alla batteria.

Nativo di Dallas, Walton arriva a NewYork nel ‘55, dopo aver frequentato l'universita' di Denver ed essersi fatto notare in diverse sessions after hours al Denver Club dai mostri sacri Charlie Parker e Dizzy Gillespie. Fa' preziose esperienze di gruppo con Sonny Rollins, Lou Donaldson e JJ Johnson, prima di essere ingaggiato da Kenny Dorham. Verso fine decennio si unisce al Jazztet di Art Farmer e Benny Golson e nel ‘59 e' il primo pianista a registrare la rivoluzionaria Giant Steps di John Coltrane.

Stasera Cedar Walton apre il set con un suo dinamico Newest blues. Da subito emerge tutta la sua classe: il pianista tesse una tela di armonizzazioni incredibili, liberando il sound coltraniano ma personale del bravo Toussaint ed il drumming potente e sicuro di Queen. A seguire Dear Ruth, una ballad complicata e dolce in onore della madre, accolta benissimo dal numeroso ed attento pubblico. Anche il terzo brano e' firmato dalla sapiente penna del capogruppo: il divertente shuffle In the kitchen, dedicato a chi ama la buona cucina, durante il quale il batterista Queen strappa diversi applausi durante un intenso assolo, facendo capire che lui in cucina non scherza!

Al Ronnie's si respira aria newyorkese grazie a questo quartetto veramente speciale. Anche l'arredamento del locale piu' famoso di Londra e' di stampo americano e rende il clima perfetto. L'unica differenza con NYC la si sente col pubblico, che purtroppo per la maggior parte e' ancora timido nell'applauso che talvolta scaturisce nei momenti sbagliati del giro armonico; inoltre si notano solo due persone che muovono la testa a ritmo di swing, in un capiente locale tutto esaurito. Chissa' quando riusciremo a liberarci in Europa di un ascolto troppo educato.

Sul palco intanto e' tempo di standards: si susseguono infatti una meravigliosa In A Sentimental Mood, una versione estasiante ed incredibilmente dinamica di Little sunflower, un omaggio a Monk con Rhythm-a-ning ed una rivisitazione ritmica molto avvincente della notissima Body And Soul.

Una vera lezione di storia del jazz, un hard bop che non ha eta' poiche' e' ancora estremamente attuale. Walton saluta il pubblico del primo set concludendo con un altro brano originale intitolato Holy Land, dopo il quale si accendono le luci senza bis, in vero stile newyorkese.






Articoli correlati:
07/04/2013

Cedar Walton presents Piero Odorici (Piero Odorici with Cedar Walton Trio)- Gianni Montano

29/11/2009

Pharoah Sanders Live al Ronnie Scotts di Londra: "Il concerto di Sanders e' una delle lezioni di jazz piu' pure ed impressionanti..." (Florindo Grillo)

01/01/2009

Cedar Walton al Bologna Jazz Festival: "L'hard bop di Walton oggi appare ricamato, edulcorato nei suoi contrasti. Qualunque sporgenza o dissonanza viene diluita in un'armonizzazione serena, sofisticata e, forse, un po' troppo ragionevole. Il suo stile, evoluto e inguaribilmente odierno, finisce per confezionare un jazz da cartolina, indubbiamente adatto alle esigenze degli ascoltatori più nostalgici." (Giuseppe Rubinetti)

08/07/2006

I musicisti, i teatri e l'atmosfera di questa quinta edizione del Rochester International Jazz Festival sono stati ancora una volta determinanti per ottenere un clamoroso successo. 170 concerti eseguiti da più di 600 musicisti, migliaia di spettatori, come Mr. Nugent dice: "Credo che in futuro qui avremo uno dei migliori eventi al mondo!" (John Coltelli)





Video:
Piero Odorici With the Cedar Walton Trio "Bolivia" - Cantina Bentivoglio - Bologna
Piero Odorici in Bolivia (Cedar Walton), sax solo short , with the Cedar Walton Trio , alla Cantina Bentivoglio - BolognaCedar Walton piano,Piero Odor...
inserito il 02/03/2013  da nickingos - visualizzazioni: 2624
Bobby Hutcherson & Cedar Walton Quartet
Bobby HutchersonCedar WaltonDavid WilliamsEddie MarshallSan Javier Jazz Festival 2010....
inserito il 01/11/2012  da JazzPianoGiants - visualizzazioni: 2556
Lush Life Cedar Walton
From Album: "Cedar Walton Trio Plays Billy StrayhornCedar Walton- Piano Andy Simpkins- BassBilly Higgins- Drums...
inserito il 23/08/2012  da ??? ???? - visualizzazioni: 2802
Cedar Walton / Satin Doll
100 GOLD FINGERS'95 (Live in Japan)Cedar Walton(p)Bob Cranshow(b)Grady Tate(ds)...
inserito il 09/06/2012  da hidesuke1948 - visualizzazioni: 2157
Art Blakey & The Jazz Messengers - Live Italy, Sanremo 23-03-1963
Drums: ART BLAKEY, Trumpet: FREDDIE HUBBARD, Sax: WAYNE SHORTER, Trombone: CURTIS FULLER, Piano: CEDAR WALTON, Contrabass: REGGIE WORKMAN....
inserito il 08/01/2012  da Greengrassmusic - visualizzazioni: 2242
Freddie Hubbard with Cedar Walton Trio / God Bless The Child (1992)
Freddie Hubbard : flhCedar Walton : pDavid Williams : bBilly Higgins : dsMt. Fuji Jazz Festival with Blue Note...
inserito il 31/07/2010  da paris0820 - visualizzazioni: 2642
Freddie Hubbard with Cedar Walton Trio / Misty (1986)
Freddie Hubbard : flhCedar Walton : pBuster Williams : bBilly Higgins : dsMt. Fuji Jazz Festival with Blue Note...
inserito il 19/07/2010  da paris0820 - visualizzazioni: 2320
Cedar Walton - Blue Monk
From a performance in 1976 at the Umbria Jazz Festival, here is Cedar Walton's solo on Blue Monk. Cedar Walton, piano, George Coleman, tenor sax, Sam ...
inserito il 11/11/2006  da jazzster123 - visualizzazioni: 2397
Freddie Hubbard & Art Blakey - Moanin'
CLASSIC FREDDIE! This is from 1962 with Art Blakey and the Jazz Messengers. The rest of the band is Wayne Shorter, Curtis Fuller, Cedar Walton, and Re...
inserito il 17/10/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2889
Freddie Hubbard - Fantasy In D
This is from the Village Vanguard, 1982 with Cedar Walton, Ron Carter, and Lenny White....
inserito il 11/09/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2803


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 2.138 volte
Data pubblicazione: 18/10/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti