Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Chick Corea
"In the Spirit of Mozart tour"
Palermo 15 luglio 2006, Teatro di Verdura
di
Antonio Terzo
foto di Franco Lannino / Studio Camera


Tim Garland - sax e flauto
Marcus Gilmore - batteria
Hans Glawischnig - contrabbasso
con la Bayerische Kammerphilharmonie

A distanza di tre anni torna a Palermo Armando Anthony "Chick" Corea, per la stagione estiva del Teatro Massimo, nell'ariosa sede del teatro di Verdura. E torna nell'anno delle celebrazioni dedicate a Wolfgang Amadeus Mozart, non a caso accompagnato dalla Bayerische Kammerphilharmonie, la Filarmonica da Camera Bavarese, per il suo In the Spirit of Mozart Tour. Musicalmente affezionato al compositore di Salisburgo, Corea già nel 1996 con l'album The Mozart Sessions si era cimentato insieme alla Saint Paul Chamber Orchestra diretta dall'amico Bobby McFerrin nel repertorio mozartiano, con buon apprezzamento da parte della critica.

In questo tour non mancano per questo a supportarlo in quartetto tre validi jazzisti, Tim Garland al sax e al flauto, il giovane Marcus Gilmore (nipote neppure ventenne del mitico Roy Haynes) alla batteria e Hans Glawischnig al contrabbasso, inizialmente mimetizzati fra le fila degli orchestrali. La performance prevede una prima parte ispirata al genio di Salisburgo, con la particolare interpretazione del "Piano concerto in Do minore" – eseguita lo scorso primo luglio in Austria (poco dopo il sessantacinquesimo compleanno del nostro) nell'ambito del Jazz Fest Wien all'Opera di Stato della capitale austriaca –, nonché Africa, il primo di cinque brani che costituiscono una suite dedicata ai cinque continenti, completata con gli altri quattro pezzi nella seconda parte.

Ma filo conduttore di tutta la serata è comunque la formula del piano concerto, con dialoghi diretti fra il titolare e la sezione orchestrale, all'interno dei quali trovano posto le sortite improvvisative dei membri del quartetto. Apre la prima parte una intro solitaria e riflessiva, poi il piano diviene più percussivo ad interloquire con ottoni e legni dell'orchestra, dall'interno della quale fuoriesce, con assolo scattante e nervoso, il sax di Garland. Dopo un nuovo intermezzo pianistico, è la sezione in leggio che prende in mano l'esecuzione del pezzo, mostrando di sapere tener dietro ai giochi d'istantaneismo del linguaggio jazzistico. Corea dal canto suo regge bene, si trova a proprio agio a seguire le parti scritte vincolato all'esecuzione "corale" – come del resto ci hanno abituato gli obbligati delle sue partiture (mitici quelli con Vitous e Haynes) –, preludio al finale solitario ad improvvisare variando sul tema, sincopato alla maniera jazz con ricchi accenti blues.

Si riprende la seconda parte con la presentazione della band, e il prosieguo della suite, Europa, dove prevedibili, anzi immancabili sono le sfumature spanish, accentuate dal "call-and-response" fra orchestra e jazzisti: tra questi il flauto del fiatista newyorkese, che dalla sezione di pertinenza si porta in zona solistica, al centro del palco, sciorinando una serie di frullanti scale che rimarcano il mood latino. Spassosi anche gli scambi fra batteria ed archi, quindi, caldeggiato dal pianista nordamericano, il contrappunto all'impronta dell'austriaco, frasi spezzate e narrazione tuttavia coerente. Seguono preceduti da brevi presentazioni da parte del leader, Australia, con ambientazione più misteriosa e sospesa, sugli archi tremuli le distese aperte del nuovissimo continente; America – "tutta, del Nord del Centro e del Sud" – musicalmente resa con una ritmata ballad, andamento cantabile sui passi di bossa e Garland al sax soprano, più rapido il suo fraseggio, pulito e preciso; Asia, con attacco di Corea da direttore, in piedi davanti all'organico, contrabbasso con archetto, una tonalità minore invero poco… asiatica. Infine Antarctica, con Garland che sfodera un pastoso e profondo clarinetto basso, frastagliata ma efficace la sua esposizione, sorretta da contrabbasso e sonori beat di batteria. Modale sul pedale di Glawischnig l'assolo del piano, rallenta fra gli acuti per scendere gocciolando lentamente fino al registro medio e ai bassi, agendo sulle corde pure dall'interno della cassa del piano. Chiude in ripresa l'ensemble di tutta l'orchestra. Sinceri gli applausi del pubblico, che, coinvolto nonostante la non immediatezza della proposta, chiede il rientro dei protagonisti.

E per il bis il quartetto si dispone tutto a centro pedana, dando ancora prova di notevole intesa, molto sciolto il timbro del tenore di Garland a percorrere tutta l'estensione dello strumento, pregevole l'interplay fra piano e contrabbasso, dotato di un finissimo pulse, poliritmico il giovane batterista al proprio turno. Quindi in coda Corea inserisce una figurazione che l'orchestra riconosce subito, assecondandolo nella riesecuzione parziale di uno dei brani d'apertura.

A parte qualche attimo di calo, fisiologico in un concept di questo tipo, il concerto coinvolge per l'equilibrio delle parti, e soprattutto perché Corea non calca la mano e non cade nella trappola del jazzista virtuoso che si cimenta in un ambito non proprio relegando l'orchestra ad un ruolo oleografico, ma al contrario dimostra molta umiltà e al contempo grande personalità, mettendo al servizio di questa sua nuova visione musicale tutta la sua esperienza di pianista e jazzista. La musica infatti è la sua e si sente, ed anzi riesce ad integrare gli interventi d'orchestra nel contesto dialettico tipico del jazz, ed inserire, contemporaneamente, i propri monologhi ed i contributi d'estemporaneità dei propri solisti nella struttura d'impronta fortemente classica delle composizioni. Ne viene fuori un complesso quanto ben riuscito sincretismo – non ibridismo – fra due generi che si dimostrano una volta di più così lontani e così vicini. E il merito è di un grande jazzista.





Articoli correlati:
17/11/2017

Roma Jazz Festival: I prossimi concerti della XLI Edizione del Roma Jazz Festival che, con il sottotitolo "Jazz is my religion" omaggia i grandi della storia del Jazz.

17/11/2017

Roma Jazz Festival: I prossimi concerti della XLI Edizione del Roma Jazz Festival che, con il sottotitolo "Jazz is my religion" omaggia i grandi della storia del Jazz.

04/11/2017

Al via la terza edizione di Giordano in Jazz: Chick Corea Inaugura lunedì 6 novembre poi Carla Bley, Dave Douglas, Steve Swallow, Matthew Withaker e molti altri

03/09/2017

Chick Corea e Bela Fleck: "...una fusione della tradizione folk e classica con il jazz ma la loro è una scelta chiara, quella di esplorare l'inesplorato, un dialogo musicale senza tempo o diversità musicali." (Viviana Falcioni)

24/06/2017

Sant'elpidio Jazz Festival,: Per la XVIII Edizione di Sant'elpidio Jazz Festival, Chick Corea & Bela Fleck Duo, Scott Henderson Trio, Greta Panettieri, Musica Nuda e Toquinho

20/07/2014

Südtirol Jazz Festival 2014: "Dedicato alla Francia, ha consentito di ascoltare una grande quantità di validissimi musicisti d'oltralpe, testimonianza di una scena vivace e artisticamente rilevante." (Vincenzo Fugaldi)

17/11/2013

Newport Jazz Festival - 59ma Edizione: 59ma Edizione di un festival caratterizzato dagli 80 anni di Wayne Shorter e che ha visto sul palco artisti come Chick Corea, Herbie Hancock, Marcus Miller, Esperanza Spalding, Terence Blanchard...(Cristiana Corrado)

27/10/2013

Umbria Jazz Clinics 2013: 16 anni, partecipare con emozione alle Clinics di Umbria Jazz e portarsi dentro qualcosa che costituirà un ricordo tangibile nel tempo. Racconto di un'esperienza attraverso gli occhi dell'allieva Alessandra Caradonio.

08/09/2013

Chick Corea, Saverio Tasca trio Mediterre: Un Chick Corea a "cordo di idee" che fa anche cantare il pubblico e l'interessante nuovo progetto Mediterre di Saverio Tasca. (Giovanni Greto)

12/01/2013

Bologna Jazz Festival 2012: La 4° dimensione di John Mclaughlin, il ricordo di Massimo Mutti da parte del Chick Corea Trio...(Eugenio Sibona)

09/09/2012

Chick Corea Stefano Bollani Piano Duo: Concerto di alta qualità musicale e di grande spettacolarità...(Andrea Gaggero)

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #1: Chick Corea, Stefano Bollani, Herbie Hancock, John Scofield, Joe Lovano, Esperanza Spalding, Al Jarreau, Paolo Fresu...(Pierfrancesco Falbo)

01/07/2012

L'"International Jazz Day" proclamato dall'Unesco: "Per la prima volta il jazz ha avuto un riconoscimento planetario: l'Italia aderisce allo spirito di quel lodevole consesso internazionale?" (Filippo Bianchi)

08/04/2012

Roy-Alty (Roy Haynes) - Alceste Ayroldi

16/01/2012

Orvieto (Chick Corea / Stefano Bollani) - Alceste Ayroldi

18/08/2011

Gent Jazz Festival - X edizione: Dieci candeline per il Gent Jazz Festival, la rassegna jazzistica che si tiene nel ridente borgo medievale a meno di 60Km da Bruxelles, in Belgio, nella sede rinnovata del Bijloke Music Centre. Michel Portal, Sonny Rollins, Al Foster, Dave Holland, Al Di Meola, B.B. King, Terence Blanchard, Chick Corea...Questa decima edizione conferma il Gent Jazz come festival che, pur muovendosi nel contesto del jazz americano ed internazionale, riesce a coglierne le molteplici sfaccettature, proponendo i migliori nomi presenti sulla scena. (Antonio Terzo)

08/05/2011

Bergamo Jazz - March'In Jazz - XXXIII Edizione: Bollani, Pieranunzi, Corea, Burton, Landgren, Klee, Gil, Albora Trio: "Il meglio del jazz parte sempre da Bergamo che manda agli archivi l'ultima edizione firmata artisticamente da Paolo Fresu con un ottimo riscontro in termine di gradimento e partecipazione. La prossima edizione vedrà la direzione artistica di Enrico Rava" (di Vittorio Pio)

06/02/2011

Sempre tutto esaurito al Blue Note di Tokyo per i trii di Vincent Gallo e del settantenne Chick Corea (Giovanni Greto)

15/11/2010

Live in Rome & Copenhagen 1969 (Miles Davis Quintet)- Giovanni Greto

10/10/2010

Chick Corea, Miroslav Vitous, Roy Haynes in "Now He Sings, Now He Sobs" al Festival Internazionale del Jazz della Spezia: "Magnifico interplay, a distanza di anni il trio ha confermato tutta la freschezza che si poteva apprezzare nel disco d'esordio. Il concerto è stato uno splendido crescendo...Incredibile il senso melodico che Corea riesce a dare ogni volta ai suoi assoli e la tranquillità con cui li esegue, con un perfetto timing." (Massimiliano Farinetti)

22/08/2010

L'alta qualità del trio Swallow - Talmor - Nussbaum, l'infaticabile Charles Lloyd col suo New Quartet, l'attesissimo duo Chick Corea - Stefano Bollani, l'Aznavour visto dal soprano Cristina Zavalloni e il country rarefatto del Bill Frisell trio al Verona Jazz 2010 (Giovanni Greto)

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

05/11/2009

Chick Corea, Roy Haynes e George Benson al Pescara Jazz Festival 2009: "Il festival pescarese compie quaranta anni tra mille affanni con un cartellone di tutto rispetto che lo rende festival "principe" dell'area centro sud, in buona compagnia con la lunga kermesse umbra, dalla quale attinge con soddisfazione. Un sodalizio empatico che vede anche dividere la presenza della band pop Simply Red, qui chiamata ad offrire una sorta di anteprima del festival abruzzese, il cui cartellone "audiotattile" si è snodato serratamente a distanza di pochi giorni."

17/08/2009

Fireworks for Stefano Bollani & Chick Corea. Gran pubblico per l'evento jazz dell'estate con due giganti del pianoforte contemporaneo incontratisi sul palcoscenico del Ravello Festival. (Olga Chieffi)

04/08/2009

Da Umbria Jazz 2009: Guinga "Dialetto Carioca" con Gabriele Mirabassi & Lula Galvao; Gianluca Petrella Cosmic Band con Paolo Fresu: cronaca di una rivoluzione Jazz; Chick Corea & Stefano Bollani Duet; Richard Galliano Quartet Feat. Gonzalo Rubalcaba, Richard Bona, Clarence Penn (Enrico Bianchi)

28/03/2009

La Five Peace Band di Chick Corea, John McLaughlin, Chris McBride, Vinnie Colaiuta e Kenny Garrett al Teatro Manzoni per Aperitivo in Concerto: "Questi cinque mostri sacri del jazz non hanno prodotto un risultato pari alla somma delle loro rispettive abilità, pur strabiliando, individualmente, per le innegabili ed indiscutibili capacità di ciascuno...." (Rossella De Grande)

08/03/2009

Intervista a Piero Bassini: "Ci sono tutti i presupposti perché il jazz sia ancora una musica di protesta; e questo perché il mondo non è migliorato...Da un lato il jazz ha avuto il riconoscimento culturale che gli spettava, ma dall'altro continua ad essere una musica fondamentalmente libera, una musica che ha in sé, fin dalla sua nascita, la rivendicazione di un diritto di resistenza, anche oggi. Al di là della vicenda storica degli afro-americani, a cui il jazz è comunque legato, questa attitudine alla protesta sopravvive, nonostante tutti i riconoscimenti culturali e accademici che ha ricevuto." (Giuseppe Rubinetti)

16/04/2008

Chick Corea & Gary Burton all'Auditorium di Roma: "...ciò che colpisce non sono tanto gli assoli, tutto sommato pochi e mai straripanti, bensì il feeling musicale tra i due...pianoforte e vibrafono confluiscono nel tema e si scambiano costantemente i ruoli, a tal punto che la musica scorre fluida, senza soluzione di continuità, come se fosse uno soltanto a suonare." (Dario Gentili)

18/09/2006

Brad Mehldau, Wayne Shorter, Chick Corea, Ron Carter: ad Umbria Jazz 2006 quattro concerti dove il jazz si è espresso ad altissimi livelli...(Alberto Francavilla)

14/07/2006

La gallery di Umbria Jazz 2006 di Alessia Scali.

16/04/2006

Piano, Piano (Anne Ducros)

03/07/2005

LEZIONI (Trascrizioni): Il grande solo di Chick Corea su Spain. (Marcello Zappatore)

02/07/2005

Charlap, D'Andrea, Mehldau, Rea, Corea...Il piano jazz in un nuovo spazio di fotografia a cura di Giorgio Alto

19/09/2003

Rendezvous in New York (Chick Corea)





Video:
Miles Davis and Friends in Paris 1991, Title: Jean-Pierre
Miles Davis Band, "La Grande Halle De La Villette", Paris, France, July 10, 1991 ,Miles Davis (tp) Bill Evans (ss) Kenny Garrett, Jackie McL...
inserito il 17/06/2011  da flink2009 - visualizzazioni: 2796
Corea, Berg, Gomez, Gadd - Sicily
1992 Lugano...
inserito il 04/12/2010  da darominu - visualizzazioni: 2409
Avishai Cohen - Smash
...
inserito il 19/08/2008  da luccabf - visualizzazioni: 3026
Bill Evans - "I Loves You Porgy" Solo - NYC 1969
...
inserito il 19/11/2007  da svsugvcarter - visualizzazioni: 3005
chick corea jeff ballard avishai cohen live in spain
...
inserito il 05/07/2007  da dliberg - visualizzazioni: 2520
Al di Meola Larry Coryell - Spain
Live Under The Sky 1986...
inserito il 20/12/2006  da 32emo42 - visualizzazioni: 2520
Rosenberg, Lagrene, Escoude - Spain
Stochelo Rosenberg, Bireli Lagrene, and Christian Escoude playing Chick Corea's Spain....
inserito il 01/11/2006  da adrianzaga - visualizzazioni: 2245
Freddie Hubbard - Straight Life
This is from the 1975 Downbeat Awards... Chick Corea, keys; Stanley Clarke, bass; Lenny White, drums; Airto, percussion... Hot clip!...
inserito il 09/10/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2212
Frank Gambale Playing the song High 5.
...
inserito il 06/08/2006  da sweepfast - visualizzazioni: 2587


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 6.766 volte
Data pubblicazione: 21/08/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti