Jazzitalia - Io C'ero: Clayton Brother Quintet al Dizzy's Club, Coca-Cola
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Clayton Brothers Quintet al Dizzy's Club, Coca-Cola
- Jazz and Cabaret Corner

di Dr. Roberta E. Zlokower
New York - 12 gennaio 2008 

Click here to read the english version


Tony May's San Domenico NY
240 Central Park South
(59th St. & Broadway)
New York City, NY 10019
212.265.5959
sandomny@aol.com
www.sandomeniconewyork.com


Clayton Brothers Quintet
Featuring:
John Clayton
, bass
Jeff Clayton
, alto saxophone
Terrell Stafford
, trumpet
Gerald Clayton
, piano
Obed Calvaire
, drums

At
Frederick P. Rose Hall
Dizzy's Club Coca-Cola
Broadway at 60th Street
NY, NY
212.258.9595
http://www.jazzatlincolncenter.org/dccc/index.asp
Todd Barkan, Artistic Administrator
Scott Thompson, Press

Questa sera, al Dizzy's Club, Coca-Cola, sono stata affiancata da Marco Losavio, direttore di JazzItalia.net. Per Marco è stata un'opportunità per visitare il Jazz at Lincoln Center, dato che il suo rinomato magazine ha spesso pubblicato informazioni e recensioni di concerti e artisti che sono soliti essere qui presenti.

Al Dizzy's Club stasera è la volta del Clayton Brothers Quintet con John Clayton al contrabbasso, suo fratello Jeff Clayton, al sax alto, suo figlio Gerald Clayton, al piano, Terrell Stafford alla tromba e Obed Calvaire, un giovane delfino dei Clayton, alla batteria. Il quintetto non solo si è esibito mostrando una qualità ed una versatilità eccezionali, ma John e Jeff hanno dialogato col pubblico con calore e umorismo, raccontando anche aneddoti relativi al jazz e alla sfera personale della loro famiglia. Il set si è aperto con un'esplosione di fiati, che ha visto Jeff, John e Gerald - un affare di famiglia - protagonisti di un crescendo di swing, sostenuto dal solidissimo ritmo di Obed e Terrell immediatamente ha staccato con un entusiasmante riff, prima che Gerald abbia interpretato il tema in superba sintonia.

Nel brano successivo Terrell si è scatenato, ogni nota è stata sottolineata dal pubblico che ha approvato con entusiasmo, mentre il piano suonava gli accordi guida. John ha pizzicato il tema al contrabbasso e Obed si è unito utilizzando sia le spazzole che le bacchette creando un fantasioso ritmo sincopato. Il duo dei fiati, Terrell e Jeff, hanno aggiunto una brillante lucentezza musicale all'intero quintetto. Nella scaletta, è seguito "Bass Face" di Kenny Burrell. Terrell ha utilizzato la sordina, così come basso, spazzole e il soffice tocco di piano si sono tutti combinati fornendo un'impronta bluesy, melanconica, che ha messo in particolare rilievo lo straordinario talento di John Clayton: la musica fluttua nell'aria come un treno distante di cui si percepisce il silenzioso e morbido bisbiglìo del motore.

E' seguito un samba originale, aspro, risoluto, molto Rio, con batteria, sax, e lo scagliare delle note musicalmente un po' fuori tonalità di Terrell, fulmini che ruotano fondendosi nell'eco del solido accompagnamento di Gerald il quale poi esegue un riff molto ballabile portando questo samba ad ottenere così un enorme successo da parte dell'audience. Subito dopo, Gerald è invitato a suonare una sua composizione, "Sunny Day Go", insieme al fiero contrabbasso del papà John e ad Obed che lo accompagna con un morbido tocco di spazzole. La melodia suonata da Gerald è molto lirica e comunicativa, con una vena di malinconia e tristezza che va al di là dei suoi anni. Poi "That Night" di John Clayton è aperta da un solo di piano con John che utilizza sapientemente l'archetto per tesservi la melodia.

Infine, Jeff Clayton introduce "The Jones Brothers", composizione scritta per i fratelli Hank, Thad ed Elvin. Terrell è posto in risalto dalla luce di un faretto puntato su di lui quasi a rimarcare come possa essere considerato uno dei più raffinati trombettisti in circolazione, molto carismatico e possente. Gerald aggiunge un passaggio molto poetico che conduce, con particolare classe, alla chiusura del set.


Ascoltare i Clayton Brothers, nella incredibile e coinvolgente atmosfera del Dizzy's Club, Coca-Cola, mi ha ricordato come sia ancora (e sempre) possibile suonare questo jazz rimanendo attuali, senza ricorrere (e rincorrere) alcuna commistione con influenze di alcun tipo, senza "trucchi", solo tanta classe, energia, passione, forza d'animo che si riversa in tutta la musica suonata. E' davvero impressionante notare come questi musicisti riescano a suonare lasciando trasparire una semplicità che deriva dal poter eseguire il tutto con estrema naturalezza. La voce della tromba di Terrell Stafford ha davvero trafitto lo stomaco di tutta l'audience, così come la perfezione stilistica di Jeff "Cannonbal" Clayton, sempre sorridente, attento nel cogliere ogni minimo spunto di interplay, la classe di John Clayton, morbido, preciso, il cuore (in tutti i sensi) pulsante del quintet, l'adeguatezza di un giovane Gerald che riesce ad integrarsi con questi maestri riuescendo ad essere sempre lì, pronto, senza bisogno di particolari segnali, l'energia di Obed Clavaire che si pone al cospetto di simili veterani senza però rinunciare a momenti di protagonismo ogni volta i Clayton gliene hanno fornito l'occasione. Saper suonare in questo modo, saper stare sul palco divertendo, trasmettendo gioia, vero e proprio piacere dell'essere lì, è un grande pregio, un dono, e poterlo cogliere è una fortuna che consiglio vivamente a chiunque. Vorrei anche cogliere l'occasione per ringraziare Roberta Zlokower, tutto lo staff dell'eccellente ristorante San Domenico (se passate da NY, non potete non andarci!) nonchè la direzione del Dizzy's Club, Coca-Cola.
Marco Losavio


Video (wmv)


Columbus Circle - Dizzy's Club, Coca-Cola
Courtesy of Marco Losavio


John Clayton on Bass
Courtesy of Marco Losavio

Gerald Clayton on Piano
Courtesy of Marco Losavio



Terrell Stafford, Jeff Clayton, Gerald Clayton
Courtesy of Marco Losavio


John Clayton
Courtesy of Marco Losavio


Dizzy's Club, Coca-Cola Fans
Experience the Clayton Brothers Quintet
Courtesy of Marco Losavio


Obed Calvaire on Drums and John Clayton on Bass
Courtesy of Marco Losavio


John Clayton
Courtesy of Marco Losavio


Gerald Clayton, Obed Calvaire, John Clayton
Courtesy of Marco Losavio


Jeff Clayton Takes a Bow
Courtesy of Marco Losavio


Video (wmv)


Todd Barkan, Artistic Director, Dizzy's Club, Coca-Cola
Courtesy by Marco Losavio


Terrell Stafford and Jeff Clayton
Courtesy by Marco Losavio


Terrell Stafford on trumpet
Courtesy by Marco Losavio


Terrell Stafford on trumpet
Courtesy by Marco Losavio


Jeff Clayton on sax
Courtesy by Marco Losavio


Jeff and Gerald Clayton
Courtesy by Marco Losavio


John Clayton
Courtesy by Marco Losavio


Terrell Stafford, Jeff and Gerald Clayton
Courtesy by Marco Losavio


Jeff Clayton
Courtesy by Marco Losavio


John Clayton
Courtesy by Marco Losavio


Jeff Clayton, Gerald Clayton, John Clayton At Leisure
Courtesy of Roberta E. Zlokower


Jeff Clayton, Gerald Clayton, John Clayton At Leisure
Courtesy by Marco Losavio


Jeff Clayton, Gerald Clayton, John Clayton At Leisure
Courtesy by Marco Losavio


Wycliffe Gordon, Dizzy's Audience Guest
Courtesy of Roberta E. Zlokower






Articoli correlati:
27/12/2015

Mark Turner Quartet: "...un progetto che, pur navigando i mari della più classica tradizione d'oltreoceano, sa lasciarsi contaminare da colori e profumi del tutto anticonvenzionali." (Barbara Bianchi)

17/06/2011

Dawning (Matteo Sabattini (MSNYQ)) - Dario Gentili

07/05/2011

Alvester Garnett Artworks Ensemble suonano all'After Hours del Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York (Roberta E. Zlokower)

07/05/2011

Il Randy Weston "African Rhythms Sextet" al Dizzy's Club "Coca-Cola", "Il sestetto infiamma il pubblico evocando frasi musicali da tutto il mondo: Turchia, Africa, Cuba, Brasile e ovviamente dall'America." (Roberta E. Zlokower)

07/05/2011

Jazz al Lincoln Center Presenta: "La Musica di Kurt Weill", con Ute Lemper: "Con le espressioni del volto e i gesti ha saputo sottolineare e rafforzare il senso delle canzoni: una vera cantante da teatro-Miss Lemper ha cantato con gusto, sensualità, intelligenza, calore e i più amabili toni che io abbia ascoltato da anni." (Roberta E. Zlokower)

27/11/2010

Kenny Barron, uno dei tanti fenomeni della grande rassegna di Todd Barkan, ha fatto il pieno al Dizzy's Club di New York: musica intensa, trascinante ed eccitante. Per l'After Hours, si esibisce il pianista italiano Eugenio Macchia con il suo trio: una nuova possibilità per il Songbook Americano: i brani sono stati eseguiti con una intensità mozzafiato, in perfetto tono e senza orpelli. (Roberta E. Zlokower)

26/08/2010

Buster Williams' Spanish Sun, Flamenco Rising. Il contrabbassista, insieme a Eric Reed, Adam del Monte, Mark Gross e Ignacio Berroa all'Iridium Jazz Club di New York. (Roberta E. Zlokower)

20/06/2010

Jazzitalia compie 10 anni: "...il 20 giugno 2000, iniziava l'avventura di Jazzitalia. Oggi, a distanza di 10 anni, siamo ancora qui a rendere disponibile uno strumento utile per chiunque voglia far conoscere il proprio lavoro nell'ambito della musica Jazz, per chiunque voglia essere aggiornato sulle evoluzioni, le tendenze, le novità di questo mondo musicale..." (Marco Losavio)

01/06/2010

Green Factor (Ada Rovatti)- Roberto Biasco

17/01/2010

Tutti gli anni in dicembre, Ilene Glick Barkan, moglie di Todd Barkan, Direttore Artistico del Dizzy's Club Coca-Cola, e rinomato produttore discografico, celebra qui il suo compleanno con amici, parenti e i jazz fan del Club. Quest'anno Ilene e i suoi amici sono stati deliziati dalla musica vigorosa di Lucky Thompson...(Roberta E. Zlokower)

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

04/10/2009

Joe Baione Sextet, con Jorge Castro, Marshall Gilkes, Toru Dodo, Marco Panascia e Aaron Walker all'Iridium Jazz Club di New York. (Roberta E. Zlokower)

04/10/2009

John Patitucci, Joe Lovano e Brian Blade ospiti alla festa di compleanno del Direttore Artistico Todd Barkan al Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York. (Roberta E. Zlokower)

14/09/2009

"After Hours" al Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York con il Latin Jazz Quintet di Chembo Corniel (Roberta Zlokower)

14/09/2009

Eddie Palmieri and His Afro Caribbean Jazz Sextet at Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York (Roberta Zlokower)

17/07/2009

Charenée Wade con Oscar Perez and His Quartet in Swings into Spring, al concerto After Hours del Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York.(Roberta E. Zlokower)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

18/05/2008

Bergamo Jazz 2008, Arve Henriksen Trio e Roy Hargrove Quintet: "Giunto alla sua trentesima edizione, il longevo e felice Bergamo Jazz vede esibirsi sul palco, per la serata conclusiva, due fra i più eloquenti trombettisti attualmente in circolazione, in un concerto che sembra voler sondare le potenzialità espressive di questo strumento nei più diversi contesti, tradizionali o sperimentali." (Achille Zoni)

15/03/2008

Presso lo Studio 57 Fine Arts, sulla 57a West a New York, vicinissimo alla Carnegie Hall, agli show di Broadway, al Lincoln Center, vi sono delle uniche e rare litografie di Al Hirschfeld che ritraggono alcuni tra i più rinomati musicisti jazz... (R. Zlokower)

05/01/2008

Il trio di Danilo Rea e Roberto Gatto, con Joseph Lepore al contrabbasso, al Dizzy's Club Coca-Cola di New York: "...l trio ha presentato alcune arie tratte dalle opere italiane eseguite con arrangiamenti jazz, oltre a classici della musica americana di Bacharach e Lennon, e originali interpretazioni in chiave jazzistica di note canzoni italiane." (Roberta Zlokower)

16/12/2006

Easy To Love (Roberta Gambarini)





Video:
Ray Brown & John Clayton - Five O'Clock Whistle
Ray Brown & John Clayton - Five O'Clock Whistle à Cologne en 1994...
inserito il 21/07/2010  da savelonp - visualizzazioni: 2176


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.306 volte
Data pubblicazione: 27/01/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti