Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Presentazione del disco di Pietro Condorelli
Napoli, 14 novembre 2005 - La Feltrinelli
Testo e foto di Massimiliano Cerreto

Ma perché chiamare un disco "Easy"? In un primo momento, mi è sono venute alla mente le provocazioni di Frank Zappa, che intitolò uno dei suoi tantissimi album "Strictly commercial", e quella della rock band degli U2, che diedero alle stampe "Discoteque". Che l'autore di "Quasimodo" (Red Records, 2001) e il direttore dell'Orchestra Jazz del Conservatorio 1 - L'ufficio stampa Stefano Piedimonte introduce Pietro Condorelli al pubblicoSan Pietro a Majella di Napoli (e titolare della Cattedra di Jazz), solo per citare due delle sue esperienze più recenti, abbia realmente cambiare rotta in modo radicale? E se in quel "facile" ci fosse, invece, solo l'intenzione di comunicare ad un pubblico più ampio di quello degli appassionati di jazz? Un po' come quello rappresentato dalle tantissime persone intervenute alla recente presentazione del disco alla Feltrinelli di Napoli.

"La scelta del titolo è stata fatta a posteriori", ha spiegato Pietro Condorelli. "E' nata, infatti, dopo l'ascolto del master consegnatomi da Piero De Asmundis. 2 - Un momento dell'intervento di Filippo D'AllioLa prima sensazione che ho avuto è quella della sua facilità d'ascolto. Questo è dovuto, soprattutto, al modo in cui sono stati pensati gli arrangiamenti, ovvero alla semplicità melodica e al grande spazio dato al groove e agli incastri ritmici".

Premesso che è opinione di chi scrive che riuscire a restituire all'ascoltatore un'idea di semplicità, è una delle cose più complicate per un musicista, soprattutto un musicista jazz, c'è un'altra domanda che merita una risposta: cosa è cambiato da "Quasimodo" a "Easy"?

3 - Il duo Pietro Condorelli - Francesco Nastro"Innanzitutto la band. Al quintetto composto, oltre che da me, da Fabrizio Bosso (tromba flicorno), Francesco Nastro (pianoforte), Pietro Ciancaglini (contrabbasso) e Pietro Iodice (batteria), si sono aggiunti Daniele Scannapieco (sax tenore e alto), Jerry Popolo (sax tenore e alto) e Roberto Schiano (trombone). Una scelta dovuta non solo alla mia recente esperienza con la big band del Conservatorio, ma anche e soprattutto alla volontà di arricchire il suono di nuove sfumature. Senza dimenticare il talento di ciascun musicista". (Pietro Condorelli)

4 - Un momento del solo di Pietro CondorelliVi è stato, poi, l'intervento Filippo D'allio, chitarrista e autore degli arrangiamenti di "Full House" e di "M.L. Samba". Prima, però, un simpatico aneddoto relativo al titolo di questo brano. "La regola, in generale, è quella di dedicare i brani che uno compone alla propria donna, ad eventi particolarmente piacevoli, o anche infausti. E' importante, secondo me, essere sempre capaci di scherzare con la propria arte, di prendersi un po' in giro. Così, M.L sta per Mascalzone Latino. In altre parole, ho voluto dedicare questo brano ad una barca, che poi, diciamocela tutta, è anche un po' sfortunata….". (Pietro Condorelli)

5 - Francesco NastroEd ecco le parole di Filippo D'Allio: "Quando Pietro Condorelli mi ha chiesto di collaborare agli arrangiamenti del suo disco stentavo a crederci. Devo moltissimo a lui e lo ringrazio per la fiducia che mi concesso. Ammetto che avevo qualche perplessità nel mettere le mani su questo lavoro. La musica, in realtà, è più facile rovinarla che farla bene!".

Terminato l'ascolto di due brani, il già citato "M.L. Samba" e "Red Apple Jam", traccia originale che racchiude il meglio della tradizione afro-americana e che rivela anche un'attenzione nei confronti delle sonorità latine, è stata la volta di un paio di brani eseguiti dal vivo: solo chitarra e pianoforte. Ad accompagnare Pietro Condorelli c'era, infatti, Francesco Nastro. Inutile aggiungere che gli applausi che ne sono seguiti sono stati davvero numerosi.

Prima dei saluti finali, alcune battute del giornalista Stefano De Stefano, che, tra l'altro, ha giustamente ricordato l'esperienza dei Sonora Art Quartet. Con tale ensemble, diretto da Marco Sannini, Pietro Condorelli realizzò, nel 1989, un breve tour negli USA (su richiesta dell'Istituto Italiano di Cultura di New York) e registrò un album con la partecipazione di Jerry Bergonzi.

Quando torno a casa, devo assolutamente ascoltare questo disco. Ecco cosa penso mentre cerco di raggiungere Pietro Condorelli, divincolandomi tra i presenti che si sono tutti stretti intorno a lui. Il suo autografo recita semplicemente così: Con swing!

6 - Dal punto di vista del pubblico7 - Ecco il momento deli applausi8 - L'intervento del giornalista Stefano De Stefano






Articoli correlati:
21/07/2014

Storie d'amore non troppo riuscite (Claudia Cantisani)- Francesco Favano

08/04/2012

East Side (Vito Di Modugno Organ Combo)- Gianni Montano

02/05/2010

What's New (Sergio Di Natale & a.s.s.o) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

27/12/2009

Pietro Condorelli Quintet featuring Maurizio Giammarco in "Jazz Lag/Tassa di Residenza Napoli": "...una serata all'insegna della buona musica, senza colpi ad effetto, particolari debordanze ritmiche, in cui la sobrietà di Puccio Corona e la linearità del Pietro Condorelli Quintet featuring Maurizio Giammarco hanno dato forma ad un evento dalle sfumature pastello, dalle ambientazioni rilassate, dalle misurate tensioni ritmiche, molto gradite dagli appassionati intervenuti." (Francesco Peluso)

09/04/2008

Organ Trio Plus Guests (Vito Di Modugno)

25/01/2008

Divino Jazz 2007, Musica, danza, vino ed altro per palati raffinati: "...il Jazz ha ricoperto il ruolo primario con una trasversalità di contenuti ed atmosfere, che hanno sempre mantenuto alta l'attenzione ed il gradimento dell'uditorio. Il programma, infatti, ha presentato un alternarsi di accezioni espressive che sono apparsi più nelle loro significative peculiarità, che negli evidenti contrasti stilistici." (Francesco Peluso)

04/02/2007

Catanzaro Jazz fest 2006: "Si inizia con Adam Kolker accanto al celebre John Abercrombie, Dick Oatts assieme al nostrano Pietro Condorelli. L'ultima serata è invece dedicata proprio al pianoforte, ed è proprio una bella dedica: ad esibirsi è il trio di Jean Michel Pilc..." (Andrea Caliò)

29/06/2006

Pietro Condorelli Quintet e il trio formato da Roberto Gatto, Daniele Scannapieco e Julian Oliver Mazzariello allo Ueffilo Jazz Club: "Due grandi eventi in meno di una settimana: in totale, 8 tra i migliori musicisti attualmente presenti nel circuito nazionale..." (Alberto Francavilla)

14/12/2005

Easy (Pietro Condorelli)

12/08/2005

Four Brothers (Contemporary Jazz Guitars)

12/08/2005

Intervista a Pietro Condorelli: "...Mi considero troppo cerebrale... che è il difetto di chi studia troppo! Vorrei diventare più melodico...continuare sulla strada della cantabilità..." (Claudio Lombardi)

15/01/2005

Presentazione del libro "Il Jazz a Napoli" e conceerto de L'Orchestra Jazz del Conservatorio San Pietro a Majella diretta da Pietro Condorelli. (Massimiliano Cerreto)

20/09/2003

Contemporary Jazz Guitar con Aldo Farias, Pietro Condorelli, Antonio Onorato: "...si è notato come tutti e tre siano giunti ad un momento importante della maturazione artistica, infatti la loro musica esplora sonorità nuove, non tralasciando mai le radici propriamente jazz..." (Salvatore Esposito)

31/08/2003

"Nella suggestiva cornice del Trullo Sovrano, grazie all'impegno dell'assessorato alla cultura e del direttore artistico Michele Stallo, il comune di Alberobello ha ospitato dei concerti di rilievo tra cui quello del trio di chitarre composto da Pietro Condorelli, Aldo Farias e Antonio Onorato." (Marco Losavio)

22/06/2002

Hand down jazz in Naples. I 3 chitarristi partenopei Pietro Condorelli, Antonio Onorato e Aldo Farias propongono un eccellente ensemble

02/12/2000

Quasimodo l'attesissimo nuovo CD di Pietro Condorelli

08/10/2000

Pietro Condorelli (chitarra)

12/07/2000

Recensioni: On My Browser - Pietro Condorelli







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 6.991 volte
Data pubblicazione: 19/02/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti