Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
 


Jazz & Wine Of Peace
8^ Edizione

Cormons (Go) 28-29-30 ottobre 2005
di Giovanni Greto
foto di Luca d'Agostino - Phocus Agency

Cartellone molto ricco per questa tre giorni di jazz, ma non solo - 6 concerti serali, 2 mattutini, 4 afterhours.

Il programma serale era stato aperto dal quartetto TRIGON, formatosi nel 1992 a Chinisau, capitale della repubblica moldava, il cui stile, citiamo dalle note del programma ufficiale "è una fantasiosa miscela di danze popolari balcaniche, dolci ballate dell'area moldava, jazz moderno, fino ad arrivare ai Weather Report di 'Birdland'". A seguire, ha favorevolmente impressionato il quintetto di Dave Holland, contrabbassista e compositore inglese, che ha compiuto 59 anni proprio in ottobre e che da poco, sulla scia di altri musicisti importanti, ha fondato una etichetta propria, abbandonando la limpida ECM. Rispetto al consueto quintetto, una sola variazione, quella del batterista: al posto di Billy Kilson, c'è il più pesante, nel tocco, Nate Smith. Nel lungo set unico, in crescendo per intensità e fantasia dei singoli, hanno brillato Chris Potter, soprattutto al sax tenore, il trombonista Robin Eubanks e il vibrafonista e in certi casi marimbista Steve Nelson. Sempre misurato, ma efficace, sia l'accompagnamento che il fraseggio improvvisativo del leader, dal timbro caldo e dalla cavata sicura come sempre, che ci è parso più attento a bilanciare le varie personalità musicali, indirizzandole verso un punto d'incontro gradito a tutti. Applausi ai confini dell'ovazione, con ovvio e meritato bis.

La seconda serata, in un teatro Comunale ai limiti della capienza, si è aperta con l'affiatatissimo quartetto QUEST, guidato dal sassofonista tenore soprano Dave Liebman e completato dal pianista Richard Beirach, dal contrabbassista Ron Mcclure e dal batterista Billy Hart, che abbiamo ritrovato in gran forma a distanza di un mese dall'international jazz festival di Rotterdam. Il primo Quest fu fondato nel 1981 da Liebman e Beirach e comprendeva George Mraz al contrabbasso e Al Foster alla batteria. La formazione attuale, immutata dal 1984, evidenzia la massima confidenza e fiducia tra i 4 musicisti che danno il meglio di sé in souplesse, quasi stimolandosi a vicenda. Particolarmente efficaci i lunghi breaks tra il soprano di Liebman e la batteria di Hart. Quest'ultimo, esigente nell'accordatura, ci ha spiegato che quando suona su uno strumento non suo, non avendo calma e tempo per visionarlo a fondo, preferisce tirare le pelli, specie quella del rullante, al massimo. Il suo modo di suonare dà un grande risalto ai piatti, che percuote spesso per accentare la fine di una frase o il passaggio di battute nell'improvvisazione del sax o la fine dell'improvvisazione di uno strumento e l'inizio di un altro. Pur ricordando Elvin Jones, in special modo nel gioco tom-cassa che cresce di volume e velocità in un vulcanico climax, non usa però i piatti chiodati e non eccede nell'accompagnare i 4/4 con la scansione in 6/8. Ci è sembrato anche voglioso di suonare e ha spesso picchiato duro, soprattutto nelle fasi di accentazione, accennando anche un netto movimento con la testa. Beirach ha mostrato il suo valore, sia pianistico che compositivo - sua la lunga e diversificata 'Pendulum' iniziale - spesso non adeguatamente valutato dagli addetti ai lavori. Senza particolari afflati emozionali il lavoro di McClure, comunque puntuale e pronto ad assecondare le mutevoli improvvisazioni dei compagni. Due parole infine sul leader: un suono corposo, soprattutto al tenore, che a certi vecchi appassionati ha ricordato a tratti Coltrane, ma è da aggiungere che Liebman appare originale, sia alle prese col tenore, che col soprano, cui conferisce un timbro meno nasale di quello che si è abituati a sentire da questo sassofono verticale. Assai gradevoli, nella scaletta, sia la tradizionale 'Dark Eyes', introdotta da un piccolo flauto in legno, dai feltri di Hart, per poi svilupparsi in un lento 4/4 felicemente melodizzato dal tenore, che 'Redemption', un brano che ha dimostrato anche il percorso compositivo di Billy Hart, e davvero infuocati certi duetti di soli sax tenore e batteria, stavolta sì a ricordare i compianti Elvin Jones e John Coltrane.

Ovazioni ha suscitato l'esibizione del WORLD SAXOPHONE QUARTET, ascoltato anche 4 giorni dopo a Padova, nell'ambito della stagione del Centro D'Arte degli studenti dell'antica università. Da segnalare l'assenza a Cormons per altri impegni di Oliver Lake al sax contralto, cofondatore del quartetto, nato nel 1976 come The Real New York Saxophone Quartet, sostituito da Steve Potts. Quest'ultimo si è saputo inserire nelle trame sonore del gruppo, anche se la presenza di Lake ha forse dato qualcosa in più, per lo meno a livello di carisma. Ai 4 sassofonisti David Murray al tenore e al clarinetto basso, Hamiet Bluiett al baritono, Bruce Williams al soprano curvo e al contralto, oltre al citato Lake - si sono affiancati il trombonista Craig Harris, il bassista elettrico Jamaaladen Tacuma e il giovane batterista Lee Pearson. Il settetto ha proposto pressochè interamente, ma con improvvisazioni più lunghe, il disco 'Experienced', inciso nel 2003 e dedicato all'interpretazione di 8 pezzi dell'indimenticato chitarrista americano Jimi Hendrix. Rispetto al disco, non c'è il violino di Billy Bang, per altro presente in un solo brano, Tacuma ha sostituito Matthew Garrison mentre Pearson il più maturo Gene Lake. La versione dal vivo di 'Hey Joe' si è più avvicinata all'atmosfera originale, soprattutto nel giro di basso elettrico che in studio era stato fatto dal sax baritono. Buona l'intesa tra i fiati e ben congegnati gli arrangiamenti di Harris, specie in 'Freedom', nella quale si è anche ritagliata un'intensa improvvisazione. Sempre piacevoli e non eccessivi, quasi un contrassegno del gruppo, i suoni honky prodotti con una percussione particolare sulle ance. Ma soprattutto l'irruenza di David Murray, la puntualità e il colore di Bluiett, mentre anche Williams non ha demeritato né al controllo, né soprattutto al soprano curvo. Ancora acerbo e da riordinare il drumming di Pearson che si è esibito anche in momenti circensi durante un lungo unico assolo, che ha comunque strappato, più a Padova che a Cormons, consensi gridati nel pubblico. A Padova, forse per il fatto di essere il concerto di un unico gruppo, i 4 del WSQ hanno concesso un bis per soli fiati, ripieno di sonorità che hanno ricordato i versi di volatili e di animali da foresta, mentre Harris, seduto a terra, si è impegnato in un lungo bordone con il faticoso Didgeridoo, antico strumento ligneo degli aborigeni australiani.

Domenica mattina, risollevati dal ritorno dell'ora legale, abbiamo assistito, sempre al Comunale al progetto 'Inner Roads- Le vie interiori' del sassofonista sardo Enzo Favata, affiancato da Daniele Di Bonaventura al pianoforte e al bandoneon e dal batterista U.T.Gandhi, vera gloria locale, sempre più ricercato ed entrato di recente nel giro della prestigiosa etichetta tedesca ECM. Abbiamo ascoltato composizioni molto aperte, originali, nelle quali sia il leader che Gandhi hanno inserito con maestria episodi di live elctronics che hanno regalato sonorità diverse e, in Gandhi, tra l'altro, la fedele riproposizione del Berimbau, l'arco musicale brasiliano di provenienza africana.

L'ultimo doppio concerto, domenica sera, si è aperto con il recente progetto dell'instancabile trombettista e compositore americano Dave Douglas. Su commissione del Paramount Center for the Arts, Douglas ha scritto le musiche per i 'Silence Movie' di Roscoe "Fatty" Arbuckle per la casa di produzione cinematografica 'Keystone' dal cui nome è stato preso il titolo del progetto. Ex garzone di un idraulico, Fatty esordì nel cinema nel 1913 e, sfruttando il suo buffo aspetto di 'grassottello', divenne in breve tempo un divo recitando con i mitici Buster Keaton e Charlie Chaplin, fino a vedere interrotta la sua fulminea carriera a causa di una accusa non del tutto provata di molestie sessuali. Peccato non aver visto all'opera il quintetto contemporaneamente alla visione del film. Ma Douglas, da bravo selfmanager ha pubblicizzato il proprio website che indica anche il nome della sua propria etichetta discografica, assicurando la risata a tutti coloro che lo visiteranno. Buono anche così, comunque, il concerto con echi dal Miles Davis di 'Bitches Brew', con un funky non esasperato, ritmicamente mantenuto da Gene Lake alla batteria e Brad Jones al basso, l'amato Fender Rhodes maneggiato da Adam Benjamin, mentre il leader e Marcus Strickland al sax tenore e soprano, ricordavano a volte Miles Davis e Wayne Shorter. Non particolarmente "noised" il lavoro di DJ Olive al turntables e molto curate le dinamiche dei pezzi con volumi che sfumavano, per poi ricrescere con veemenza, segno di una vigile attenzione da parte dei musicisti. In buona forma Douglas, sia a tromba libera che con la sordina, da cui ha fatto uscire un suono acuto, ma estremamente compresso.

La grande delusione della tre giorni, infine, va assegnata al concerto conclusivo dell'OMAR SOSA QUINTET. Presentato nel programma come un "nuovo straordinario ambasciatore del pianismo contemporaneo", creatore di un "mix vincente di jazz, musica cubana e world music con forti radici africane", Omar Sosa è parso non saper bene che pesci pigliare. Pur disponendo di un bassista, Childo Thomas, dal Mozambico, che ha aperto il set con canti, percuotendo un piccolo pandeiro e suonando la kalimba o Sanza, ossia il cosiddetto piano a pollice, di un batterista di Brooklyne, Marque Gilmore, di un conghista e percussionista e di un sassofonista alto e tenore cubani - rispettivamente Miguel 'Anga' Diaz e Luis Depestre - dunque di diversi 'colori', il pianista, entrato in scena per ultimo come si conviene ad un leader, vestito di bianco, accendendo incensi e ornato di collanine, secondo il rituale yoruba, non ha proposto né una musica tradizionale cubana, o un latin jazz convincente e né un 'altrettanto credibile World o Ambient Misic. Sembrava tutto buttato là, con uno spreco soprattutto nelle percussioni - 5 congas, timbales e cajon che avrebbero dovuto far venir giù il teatro - sperando che in fase di esecuzione scendesse dall'alto un'idea felice…Invece… Complimenti comunque ha chi ha saputo produrre interesse per un artista che tutt'al più potrebbe accompagnare nomi più illustri. Tanto per essere comprensibili, tra i due cubani al momento più conosciuti nell'ambiente jazzistico, tanto di cappello per Gonzalo Rubalcaba, tecnicamente ineccepibile sia come pianista che come compositore.

Ci ha piacevolmente sorpreso durante i concerti la presenza di numerosi fotografi, che scattavano in continuazione senza subire nessun tipo di reprimenda, Questo va collegato probabilmente al workshop di fotografia musicale, svoltosi nei giorni del festival e diretto da Luciano Rossetti e Luca D'agostino, del quale si è potuta ammirare una piccola esposizione di scatti nella libreria spazioarte Rebus. 'Immagini in Movimento' per una persona che è anche appassionato di jazz, organizza concerti e produce dischi. Infine un ringraziamento a tecnici ed organizzatori che non hanno mai allontanato quanti volevano avvicinare i musicisti nel backstage, per parlare con loro, fotografarli o farsi firmare i CD. Per coloro i quali, leggendo queste righe, pensassero ad una visita a Cormons per la prossima edizione del festival, ecco alcune informazioni.

Organizzatore è il
Circolo Controtempo di Gorizia
www.controtempo.org
e-mail: info@controtempo.org
tel.:347-4421717; 348- 4466770






Articoli correlati:
29/11/2014

Dave Holland e Kenny Barron: "Straordinaria la perfetta coesione tra i due, assolutamente equilibrati nel procedere insieme, ma anche nel lasciarsi i giusti spazi per esprimersi al meglio..." (Nina Molica Franco)

07/09/2014

Roccella Jazz Festival 2014 - 'El Yaz Y Paco': Dave Holland, Sofia Rei, l'Elvin Jones project di Chico Freeman, Iberjazz 4et e la Sun Ra Arkestra per un'edizione ridottissima e la prospettiva di una ripresa invernale. (Vincenzo Fugaldi)

31/08/2014

Nadzuti (Ivan Mazuze)- Nicola Barin

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

23/07/2013

Eggun (Omar Sosa)- Alceste Ayroldi

12/05/2013

Jazz Groove Ia Parte : Lo "stile contrassegnato dal ritmo" di Omar Sosa, il "dissacrante" Marc Ribot Ceramic Dog, il "pianismo percussivo, a tratti free" del New Quintet di Giovanni Guidi. (Giovanni Greto)

30/04/2012

Due concerti per pianoforte e tromba completamente diversi nella rassegna dei comuni del miranese "Ubi Jazz". (Giovanni Greto)

06/11/2011

Calma (Omar Sosa)- Gianni Montano

18/08/2011

Gent Jazz Festival - X edizione: Dieci candeline per il Gent Jazz Festival, la rassegna jazzistica che si tiene nel ridente borgo medievale a meno di 60Km da Bruxelles, in Belgio, nella sede rinnovata del Bijloke Music Centre. Michel Portal, Sonny Rollins, Al Foster, Dave Holland, Al Di Meola, B.B. King, Terence Blanchard, Chick Corea...Questa decima edizione conferma il Gent Jazz come festival che, pur muovendosi nel contesto del jazz americano ed internazionale, riesce a coglierne le molteplici sfaccettature, proponendo i migliori nomi presenti sulla scena. (Antonio Terzo)

15/11/2010

Live in Rome & Copenhagen 1969 (Miles Davis Quintet)- Giovanni Greto

01/11/2010

Intervista con Omar Sosa: Pianista, percussionista e compositore cubano, intesse la filosofia sonora dei suoi ensemble e dei suoi piano-solo mutuati dalle radici africane, a quelle della sua terra di origine. In questo incontro: il "guru" Monk, il vino per il progetto con la Big Band, la religiosità afrocubana, la voglia di cambiare il mondo attraverso la propria musica, il suo rapporto con l'Italia...(Maria Giovanna Barletta)

22/08/2010

Omar Sosa, Paolo Fresu e Trilok Gurtu al Locus Festival 2010: "...un esperimento di word music ed ethnojazz molto ben riuscito...è sembrato che il paese si fosse fermato per qualche ora ad ascoltare il ritmo e i suoni del mondo. A Locorotondo è stata di scena la Musica senza confini." (Cristiano Ragone)

26/12/2009

Mulatos (Omar Sosa)- Gianni B. Montano

04/07/2009

Omar Sosa, "Musica ai Frari: "...il concerto fila via liscio per quasi ottanta minuti. Sosa esegue senza fermarsi dieci brani più due bis, prima dei quali dichiara che, fosse per lui, in un contesto simile e senza amplificazione di sorta, andrebbe avanti a suonare tutta la notte." (Giovanni Greto)

19/04/2009

Free [the] Jazz, intervista a Ellery Eskelin: "Per me "libertà" significa riuscire ad esprimere a pieno attraverso lo strumento quello che ho in mente...non fa differenza per me suonare standard o dedicarmi alla pura improvvisazione. In entrambi i casi un musicista deve essere in grado di esprimere a pieno tutto ciò che sta immaginando in quel preciso istante." (Stefano Ferrian)

05/04/2009

Liebman Meets Intra Live (Enrico Intra)

09/11/2008

Pass It On (Dave Holland Sextet)

26/10/2008

Venezia Jazz Festival e Veneto Jazz Summer: "Abbiamo notato come, in genere, i grandi nomi spesso deludano le aspettative e come certi progetti probabilmente siano forme studiate a tavolino da manager e produttori scaltri e navigati che cercano di spremere il nome consolidato, sicuri che egli sia capace ancora di radunare un folto pubblico." (Giovanni Greto)

16/09/2008

Herbie Hancock ad Aosta: "Hancock è un artista che ha sempre affrontato le nuove esperienze musicali con entusiasmo, con gioia e freschezza quasi infantili, caratterizzate da quel suo sorriso realmente divertito mentre suona, quel sorriso di quando aveva poco più di 30 anni, come lo si vedeva anche nel celeberrimo film di Tavernier, Round Midnight. Lo stesso identico sorriso che ha ancora oggi, a 68 anni..." (Rossella Del Grande)

06/04/2008

Jazz & Wine Of Piece: "La X edizione di Jazz & Wine ha confermato la buona qualità della manifestazione che ha spaziato dal jazz al folk fino alla world music, aprendo anche alla New Age." (Giovanni Greto)

25/03/2008

Anouar Brahem, John Surman, Dave Holland in "Thimar" all'Auditorium di Roma: "...una politica musicale assolutamente apprezzabile quella dell'Auditorium di Roma di non rincorrere soltanto le nuove uscite discografiche per strappare una data del tour che ne segue, ma di costruire il proprio calendario cercando di riproporre e rilanciare formazioni e progetti, i cui lavori non intercettano propriamente la più stretta attualità e che probabilmente non torneranno in sala di registrazione." (Dario Gentili)

24/03/2008

Dave Liebman Quartet ad Arezzo: "Assistere ad un concerto di Dave Liebman spesso equivale ad un privilegio raro...la band ha dimostrato un ineccepibile grado di affiatamento, oltre che di capacità strumentali ed esecutive." (Alessandro Tempi)

19/03/2008

Afreecanos (Omar Sosa)

25/01/2008

Masterclass di Dave Liebman: "Di fronte a una sessantina di studenti dei corsi avanzati del CDpM di Bergamo ed altri provenienti da città limitrofe, Dave Liebman ha tenuto un seminario sugli aspetti ritmici dell'improvvisazione." (Claudio Angeleri)

14/10/2007

Clusone Jazz 2007: "Clusone divenuta famosa grazie anche all'idea di Bennink, Moore e Reijseger, che diversi anni or sono decisero di dare al loro trio il nome di quel luogo magico in cui si era costituito, ma oggi vanta una fama internazionale per meriti propri: per il clima (tra artisti e organizzatori) e per la qualità della musica offerta, tanto, che gli organizzatori hanno deciso di esportare il loro sapere e conoscere altrove..." (Luca Vitali)

09/04/2007

Padova Porsche Jazz festival: un Dave Holland Quintet che non decolla, una eccellente ma poco seguita serata con Claudio Fasoli e la Civica Big Band di Milano e un intraprendente Mino Cinelu polistrumentista in un bel concerto in solo che però non cattura l'attezione del pubblico. (Giovanni Greto)

11/01/2007

Gallery dal London Jazz Festival di Thomas Van Der Aa e Nadia Guida.

29/10/2006

Omar Sosa, Favata - Di Bonaventura - Gandhi, Enrico Rava con la New Generation dal DiVino Jazz Festival (Francesco Truono)

26/02/2006

Nuova Gallery con le foro di Giuseppe Arcamone

02/02/2006

Nuova gallery con le foto tratte da Jazz and Wine of Peace 2005 di Cormòns (Eleonora Viviani)

30/01/2006

Nell'ambito del Ravenna JAzz Festival 2005, una serata dedicata ai contrabbassisti, con il Kush trio di Ben Allison ad aprire il concerto, seguito dall'attesissimo quintetto di Dave Holland. (Andrea Caliò)

28/01/2006

Il Dave Holland Quintet per Aperitivo in Concerto al Manzoni di Milano (Bruno Gianquintieri)

28/01/2006

Il Dave Holland Quintet al Manzoni di Milano: "Il teatro è letteralmente stipato. Dal palco si riesce ad abbracciare con lo sguardo tutta la platea e non si fa fatica a riconoscere anche i volti di molti jazzisti, in mezzo a quel pubblico così numeroso. Non si tratta di un concerto qualunque..." (Rossella Del Grande)

12/12/2005

Ritratti di Omar Sosa e Charlie Haden (Ziga Koritnik)

02/11/2005

Le foto da Jazz & Wine 2005 di Cormons (Elisa Caldana)

28/06/2005

Overtime (Dave Holland Big Band)

12/12/2004

Miroslav Vitous al Festival di Sant'Anna Arresi: "...In questi tre spettacoli siamo riusciti ad ammirare uno dei più grandi protagonisti del contrabbasso jazz degli ultimi 30 anni. Rimane il rammarico di non averlo visto alle prese con un suo progetto..." (Fabio Pibiri)

12/09/2004

Herbie Hancock, Wayne Shorter, Dave Holland, Brian Blade, il super gruppo più atteso dell'estate. Noi lo abbiamo seguito in tre differenti festival proponendo un reportage di quanto visto ed ascoltato. Una band che ha sfoderato una musica innovativa frutto di un'elaborazione ritmico-armonica che potrà probabilmente fare da precursore per il futuro.

22/04/2004

Dave Holland Quintet per il Roma Jazz Festival all'Auditorium: "...l'inconfondibile marchio sonoro, una originale miscela che unisce il più classico Post-Bop con l'avanguardia newyorkese del M-Base, che da anni caratterizza i lavori del quintetto..." (Dario Gentili)

29/02/2004

Dave Holland: discografia ragionata. Un'analisi dei "must" della sterminata discografia del contrabbassista inglese senza tralasciare la..."discografia mancata". (Gianmichele Taormina)

15/12/2003

Ringin' Bells (Quarte)

27/10/2003

Saxophone Summit: Michael Brecker, Dave Liebman e Joe Lovano: "...tre superbi esponenti del moderno tenorismo jazz, coadiuvati peraltro da una sezione ritmica di notevole spessore tecnico che ha reso ancora più godibile la performance." (Antonio Terzo)

25/07/2003

Pulsano Jazz, mercoledì da leoni: in quattromila per Liebman

27/03/2003

Dave Liebman ricorda il grande Bob Berg: "...è stato un gigante del sassofono, ha sempre dato tutto se stesso, sempre il massimo; un vero jazzman "lavoratore", che suonava sempre e dappertutto."

28/12/2002

Feel (Cues trio meets David Liebman)

06/07/2001

Il concerto di Dave Liebman a Turi, in una suggestiva cornice.





Video:
Dave Holland quintet - Chris Potter Solo
au parc floral de Vincennes, Paris, le 14 juillet 2007...
inserito il 27/09/2007  da cab88888 - visualizzazioni: 2550
Dave Holland Quintet Metamorphos and interview 2002
Dave Holland Quintet Metamorphos and interview 2002 Newport jazz festival...
inserito il 14/06/2007  da markussiotube - visualizzazioni: 2580
Chris Potter Live with Dave Holland Quintet "Vicissitudes"
*sorry, but this is the only clip from the show I have*, , * this is from the MIDDLE of Chris' solo, leading the ignorant listener to believe that he ...
inserito il 04/08/2006  da thecosmicrain - visualizzazioni: 2120


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 6.414 volte
Data pubblicazione: 12/02/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti