Jazzitalia - Live: Daniele di Bonaventura meets FORM (Orchestra Filarmonica Marchigiana)
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Daniele di Bonaventura
meets
FORM
Orchestra Filarmonica Marchigiana
Giovedì 18 aprile Teatro delle Api Porto Sant'Elpidio
di Viviana Falcioni
foto di Andrea Feliziani

Bandoneon e direzione - Daniele Di Bonaventura

Viaggio Mediterraneo
suite per bandoneon e orchestra

1. Maria e il mare – Canto – Danza Mediterranea
2. Con me – Preghiera – Tango
3. Corale – La regina delle api
4. Frank among the star – Sine nomine – Sanctus
5. La mia terra – Litania – Cum nomine

I musicisti dispongono i loro strumenti, si accordano gli archi, i legni e gli ottoni danno fiato ai loro strumenti poi silenzio: entra Daniele Di Bonaventura.

Classe 1966 Daniele Di Bonaventura nasce a Fermo, nelle Marche. Pianista di estrazione classica decide di abbandonare il suo strumento per abbracciare il bandoneon in quanto "stregato" dalla musica di Astor Piazzolla. Una forte propensione verso la musica improvvisata e un approccio eclettico alla musica, favoriscono le collaborazioni con musicisti di diversa estrazione musicale e di livello internazionale. Una discografia ben nutrita per il bandoneonista più acclamato d'Europa, molti gli album incisi con varie etichette discografiche.

Il sodalizio con la FORM, orchestra filarmonica marchigiana, inizia nel lontano 2003 con la "Suite per bandoneon e orchestra", opera compositiva a firma Daniele Di Buonaventura. A distanza di un decennio li ritroviamo di nuovo insieme grazie a Marche Jazz Network, rete marchigiana della musica creativa e del jazz, per presentare una nuova pagina compositiva. Quattro lunghe suite particolarmente congeniali all'impronta data dall'autore, "Viaggio Mediterraneo" è una nuova opera per bandoneon e orchestra dove il compositore è anche arrangiatore, esecutore e direttore d'orchestra.

Osservare Di Bonaventura dirigere gli orchestrali con il solo cenno del capo o con occhiate evasive mentre è intento al suono del bandoneon, è un vero spettacolo, una capacità di scomposizione ritmica e indipendenza delle mani splendida. Uno sgabello girevole offre la possibilità di avere la visione totale dello spazio muovendosi ora guardando i musicisti dell'orchestra ora verso la platea.

L'orchestra è composta da trentatré elementi tra archi, legni, ottoni e percussioni e Margherita all'arpa, quest'ultima artefice di una performance alquanto singolare a fine concerto, ma andiamo con ordine: introduzione di bandoneon sotto gli sguardi attenti dei maestri d'orchestra e le note dell'arpa, splendida ed elegiaca, ci accompagnano nel viaggio mediterraneo un po' nostalgico e fascinoso, pregno di sonorità incantatorie.

Un'orchestra alle prese con temi godibili, composizioni nuove scritte per l'occasione affiancano altre già composte in precedenza; quello che più colpisce sono i passaggi tra un movimento e l'altro, i suoni legnosi dei contrabbassi propagano note lunghissime creando una drammaticità profonda, l'ascoltatore viene stupito dai continui passaggi, ritmi che affievoliscono, si modificano e poi scompaiono, rinascendo come d'incanto nell'inizio del movimento successivo.

Le belle linee melodiche composte da Di Bonaventura hanno un'indubbia capacità evocativa, la cura degli arrangiamenti offre ad ogni sezione strumentale, la sua rilevanza. Il bandoneon, che ha funzione di strumento "leader", è perfettamente incastonato tra i preziosi strumenti ad ancia dell'orchestra sinfonica. Spesso associato alla musica Argentina e propriamente ai suoi splendidi tanghi il bandoneon, in questa opera originalissima, esplora vari stili: gli echi classicheggianti si fondono con squarci etnici estremamente colorati e percussivi, e ancora una sorta di minimalismo accompagnato dalle note "pizzicate" di viole e violoncelli fino ad arrivare a quegli spunti jazzistici maggiormente accentuati dallo strumento.

L'allenamento alla pratica compositiva è sinonimo di ricerca e studio continui e gli arrangiamenti di Viaggio Mediterraneo sprigionano una ventata di autentico lirismo ed una traboccante emotività. L'incontro tra i diversi linguaggi elabora un fascino espressivo di notevole classe ed eleganza, Di Bonaventura non è mai altèro nei suoi soli improntando un discorso musicale coerente inserito nella creatività delle composizioni.

Le pulsazioni dei contrabbassi, le note lunghe di viole e violoncelli evocano immagini surreali, le composizioni scritte nei minimi particolari, ci trascinano in nuovi territori sonori. Il bandoneon cesella note impervie mentre il fagotto rende una sospensione sonora di una drammaticità tesa, suoni elettronici e strumenti a percussione si tuffano in ritmi arabeggianti.

Non è facile mettere tutto insieme, un grande lavoro di composizione e la riconosciuta sapienza tecnica, un piccolo tesoro di musicalità e la capacità di creare un clima incantatorio. Daniele Di Bonaventura si concede in solo bandoneon nei bis, tra una chiacchierate e l'altra con un pubblico partecipativo si sente l'anima nelle improvvisazioni, ma soprattutto non smette mai di stupirti, anche quando chiede all'arpista Margherita di improvvisare!






Articoli correlati:
15/05/2016

Give Me Five By Foot! (Tuk Music Antologico)- Alceste Ayroldi

21/07/2014

Vinodentro (Paolo Fresu)- Alceste Ayroldi

18/05/2014

Unesco in Jazz Festival ad Alberobello (Ia Edizione): "Chiara Civello, Sarah Jane Morris e Paolo Fresu, per un festival capace di racchiudere in un'intensa tre giorni le diverse sfumature ed espressioni che declinano il nobile genere." (Alessandra V. Monaco)

15/08/2013

Adagio (Black Coffee Feat. Daniele Di Bonaventura)- Valeria Loprieno

20/01/2013

Musica ai Frari 2012 - Duets: La voglia di suonare di Gianluigi Trovesi & Gianni Coscia e l'unicità auditiva di Paolo Fresu & Daniele di Bonaventura ai Frari per la serie "Duets"

24/12/2010

Ethos (Quartetto Alborada) - Alceste Ayroldi

04/10/2010

Argento (Raffaele Casarano) - Alceste Ayroldi

28/08/2010

Venezia Jazz Festival 2010: In alcuni degli scenari più suggestivi al mondo, come Piazza san Marco, si sono alternati l'acclamatissimo Pat Metheny Group, la dolce e accattivante melodiosità di Norah Jones, le impeccabili dinamiche del Duck Baker trio, la tecnica strepitosa di Yamandù Costa, la sorprendente padronanza di Esperanza Spalding, l'intenso e spettacolare Paco De Lucia, la musica e la poetica di Paolo Fresu e Daniele Di Bonaventura nell'omaggio a Hugo Pratt sulle immagini di Pino Ninfa. (Giovanni Greto)

13/04/2009

Ethos (Quartetto Alborada)

27/12/2008

Ritus - Elegiaco (Daniele Di Bonaventura)

21/05/2007

Canto alla Terra (Daniele Di Bonaventura)

29/10/2006

Omar Sosa, Favata - Di Bonaventura - Gandhi, Enrico Rava con la New Generation dal DiVino Jazz Festival (Francesco Truono)

11/10/2006

Reportage fotografico dalla rassegna Musica sulle Bocche 2006 di Santa Teresa di Gallura (Ziga Koritnik)

04/05/2005

Recordando Gardel (Javier Girotto)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 650 volte
Data pubblicazione: 21/07/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti