Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Dave Holland Quintet - Extended Play
Domenica 16 Ottobre 2005, Ore 11 - Teatro Manzoni - Milano
di Rossella Del Grande
foto di Bruno Gianquintieri

E' una bella domenica mattina di ottobre, soleggiata e quieta, per le vie di Milano. Eppure oggi il pubblico è quello degli eventi importanti. Il tram si svuota completamente, alla fermata di via Manzoni, davanti al teatro. L'enorme atrio non basta a contenere tutte le persone in fila alla biglietteria ed anche la grande galleria antistante è piena di persone che si salutano, si abbracciano, si ritrovano, in attesa di poter assistere a questo importante evento. Entriamo.

Il Teatro Manzoni è letteralmente stipato. Dal palco si riesce ad abbracciare con lo sguardo tutta la platea e non si fa fatica a riconoscere anche i volti di molti jazzisti, in mezzo a quel pubblico così numeroso. Non si tratta di un concerto qualunque.

Dave Holland rivolge un cordiale saluto a tutti e scherza sull'orario alquanto insolito per un concerto di jazz…

Il quintetto è quello di Extended Play, composto, oltre che dallo stesso Holland, da musicisti del calibro di Chris Potter, Robin Eubanks, Steve Nelson. Alla batteria c'è Nate Smith il più giovane del gruppo, che fu scoperto da Betty Carter e che collabora con Holland dal 2003.

Trascorre solo qualche secondo, la luce si attenua e ci troviamo avvolti da un'atmosfera letteralmente magica. Si ha la sensazione che non sia più mattina. La musica è estremamente raffinata, senza eccessi, con qualche concessione solo ai fiati, in particolare al sax di Potter, che riesce a comunicare emozioni fortissime. Colpisce la limpidezza del suono del contrabbasso di Holland. Le sue frasi sono di una chiarezza e di una luminosità timbrica sorprendenti. Tutto sempre senza strafare, con grandissimo gusto e senso della misura. Anche il vibrafono e la marimba di Steve Nelson sono suonati in punta di martelletti. Nelson si inserisce al momento giusto con puntualizzazioni armoniche molto raffinate e mai invadenti. Gli assolo che esegue sono rarefatti, a volte composti da frammenti tematici ripresi e ripetuti. Poche le concessioni al virtuosismo. E ancora una volta tanto, tanto gusto. Il trombone di Eubanks privilegia le note gravi, i sax tenore e soprano di Potter (grandissimo!) percorrono tutta la gamma delle sfumature timbriche possibili. Da note calde e sommesse, fino a delle incursioni furiose, per poi rientrare abilmente nella misura. E assoli di batteria da ovazione. 

I brani seguono fluidi. Easy Did It, assoli di Eubanks e Nelson con una trascinante impro collettiva al termine. Full Circle, con un assolo di sax da brividi seguito da un altrettanto grande solo per trombone, sax dal timbro roco sul finale. Poi tocca al vibrafono. Riprende il tema, questa volta a due voci sax/trombone. Bell'incastro ritmico di Smith, che all'inizio e alla fine del brano gioca con un tempo composto. Lucky Seven, tempo dispari, di grande effetto. Poi un brano di Steve Nelson, nel quale Holland suona con l'arco e Smith sfiora la batteria con le spazzole. Ma dopo un avvio ovattato, il brano esplode con un crescendo spettacolare e con un'improvvisazione vorticosa della marimba. Alla fine, un po' come il genio che torna nella lampada, tutti rientrano pacatamente, ed il brano si chiude con le stesse sonorità che aveva presentato all'inizio. Segue un brano dalle atmosfere "desertiche", molto suggestivo ed evocativo che infonde un profondo senso di calma.

Concerto impeccabile con grandissime dinamiche all'interno dei singoli brani, ma sempre caratterizzato da un gusto ed una raffinatezza magistrali. Al termine, si leva una vera ovazione da parte del pubblico che applaude in piedi e non sembra fermarsi più. Non amiamo giudizi né classifiche, ma non si può non rendersi conto di avere appena ascoltato uno dei migliori quintetti jazz al mondo. Forse il migliore, attualmente.

I musicisti si dimostrano pazienti e disponibili ad accontentare chiunque desideri avere un loro autografo e si soffermano a lungo sul palco a firmare, salutare, stringere mani. Riesco persino a scambiare qualche parola piena di emozione con Dave Holland e Chris Potter e li ringrazio per questo concerto che sicuramente ricorderò a lungo. Non vedo il batterista, sul palco, provo quindi ad attenderlo all'uscita degli artisti ed eccolo finalmente comparire, mentre fuori c'è già pronto il grande camion su cui dovranno caricare gli strumenti. Saluto nuovamente Holland che attraversa in quel momento il cortiletto, "scortando" personalmente la grossa custodia del suo contrabbasso, proprio fino al camion. Mi incammino anch'io verso l'uscita e solo allora mi accorgo...che c'è sempre il sole.

A mesi di distanza, la locandina con quei cinque autografi la sola prova che si è trattato di un evento reale, perché, in tutta sincerità, la sensazione che mi è rimasta addosso, ogni volta che ripenso a quel concerto, è di aver partecipato ad un sogno collettivo...






Articoli correlati:
11/05/2015

Destination Under Construction (Andrea Manzoni)- Enzo Fugaldi

29/11/2014

Dave Holland e Kenny Barron: "Straordinaria la perfetta coesione tra i due, assolutamente equilibrati nel procedere insieme, ma anche nel lasciarsi i giusti spazi per esprimersi al meglio..." (Nina Molica Franco)

07/09/2014

Roccella Jazz Festival 2014 - 'El Yaz Y Paco': Dave Holland, Sofia Rei, l'Elvin Jones project di Chico Freeman, Iberjazz 4et e la Sun Ra Arkestra per un'edizione ridottissima e la prospettiva di una ripresa invernale. (Vincenzo Fugaldi)

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

31/08/2013

Quattro chiacchiere con...Andrea Manzoni: "L'essenziale è poter creare, essere in movimento, sperimentare, nella musica come nella vita, nelle relazioni umane." (Alceste Ayroldi)

18/08/2011

Gent Jazz Festival - X edizione: Dieci candeline per il Gent Jazz Festival, la rassegna jazzistica che si tiene nel ridente borgo medievale a meno di 60Km da Bruxelles, in Belgio, nella sede rinnovata del Bijloke Music Centre. Michel Portal, Sonny Rollins, Al Foster, Dave Holland, Al Di Meola, B.B. King, Terence Blanchard, Chick Corea...Questa decima edizione conferma il Gent Jazz come festival che, pur muovendosi nel contesto del jazz americano ed internazionale, riesce a coglierne le molteplici sfaccettature, proponendo i migliori nomi presenti sulla scena. (Antonio Terzo)

19/01/2011

John Zorn: Masada Marathon, iPod Concert - The Book Of Angels. "John Zorn presenta in prima mondiale, attraverso un concerto maratona, le sue recenti composizioni ispirate al misticismo Merkavah e raccolte sotto il titolo The Book Of Angels (dedica ai 111 angeli caduti), simulando il contesto di una playlist di un immaginario iPod, un pedissequo intercalare di dodici formazioni, una piena emozionale senza uguali." (Daniele Camerlengo)

05/12/2010

Il Charlie Haden Quartet West apre la prestigionsa 26ma edizione di "Aperitivo in concerto" al Teatro Manzoni di Milano: "Charlie Haden mancava da otto anni da Milano, vi è tornato nel migliore dei modi e la platea gli ha tributato la giusta accoglienza....Haden disegna linee di basso come suo solito, un walkin' bass sempre molto pulito e cantabile, strepitoso nella sua capacità evocativa..." (Massimiliano Farinetti)

15/11/2010

Live in Rome & Copenhagen 1969 (Miles Davis Quintet)- Giovanni Greto

24/04/2010

Multitude (Characteristic Pitches featuring Robin Eubanks) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

23/04/2010

Il Mio Giardino (Toni Melillo)- Rosanna Perrone

28/03/2009

La Five Peace Band di Chick Corea, John McLaughlin, Chris McBride, Vinnie Colaiuta e Kenny Garrett al Teatro Manzoni per Aperitivo in Concerto: "Questi cinque mostri sacri del jazz non hanno prodotto un risultato pari alla somma delle loro rispettive abilità, pur strabiliando, individualmente, per le innegabili ed indiscutibili capacità di ciascuno...." (Rossella De Grande)

09/11/2008

Pass It On (Dave Holland Sextet)

26/10/2008

Venezia Jazz Festival e Veneto Jazz Summer: "Abbiamo notato come, in genere, i grandi nomi spesso deludano le aspettative e come certi progetti probabilmente siano forme studiate a tavolino da manager e produttori scaltri e navigati che cercano di spremere il nome consolidato, sicuri che egli sia capace ancora di radunare un folto pubblico." (Giovanni Greto)

16/09/2008

Herbie Hancock ad Aosta: "Hancock è un artista che ha sempre affrontato le nuove esperienze musicali con entusiasmo, con gioia e freschezza quasi infantili, caratterizzate da quel suo sorriso realmente divertito mentre suona, quel sorriso di quando aveva poco più di 30 anni, come lo si vedeva anche nel celeberrimo film di Tavernier, Round Midnight. Lo stesso identico sorriso che ha ancora oggi, a 68 anni..." (Rossella Del Grande)

25/03/2008

Anouar Brahem, John Surman, Dave Holland in "Thimar" all'Auditorium di Roma: "...una politica musicale assolutamente apprezzabile quella dell'Auditorium di Roma di non rincorrere soltanto le nuove uscite discografiche per strappare una data del tour che ne segue, ma di costruire il proprio calendario cercando di riproporre e rilanciare formazioni e progetti, i cui lavori non intercettano propriamente la più stretta attualità e che probabilmente non torneranno in sala di registrazione." (Dario Gentili)

16/03/2008

Transitions (Mauro Campobasso, Mauro Manzoni)

26/01/2008

Jack DeJohnette & The Ripple Effect with John Surman per Aperitivo in Concerto: "In due ore di musica non si conta un solo minuto di carenza di tensione o di feeling. I suoni e le idee coinvolgenti, assieme all'indiscutibile e riconfermato talento di questi grandi musicisti, hanno offerto al pubblico un evento difficilmente dimenticabile." (Achille Zoni)

02/11/2007

Il Dave Holland Quintet ad Etnafest 2007: "Nella musica del quintetto si mescolano, fino a trovare una sintesi densa di pregnante classicità, buona parte delle influenze che hanno interessato Holland come comprimario o protagonista nel corso della sua lunga carriera..." (Enzo Fugaldi)

09/04/2007

Padova Porsche Jazz festival: un Dave Holland Quintet che non decolla, una eccellente ma poco seguita serata con Claudio Fasoli e la Civica Big Band di Milano e un intraprendente Mino Cinelu polistrumentista in un bel concerto in solo che però non cattura l'attezione del pubblico. (Giovanni Greto)

11/01/2007

Gallery dal London Jazz Festival di Thomas Van Der Aa e Nadia Guida.

28/12/2006

Dave Douglas Quintet al Manzoni di Milano: "Si è trattato di un concerto molto equilibrato, piacevole e misurato, dove i musicisti hanno dimostrato grande gusto ed esperienza. Ottimo interplay. Ottima anche l'acustica del teatro Manzoni. Niente colpi di scena o effetti speciali. Forse chi si aspettava grosse sorprese è rimasto leggermente deluso, ma pur sempre soddisfatto dalla performance." (Rossella Del Grande)

07/12/2006

Lee Konitz Nonet ad Aperitivo in Concerto 2006-2007 (Daniela Crevena)

25/03/2006

Steve Khun Trio al Manzoni: "Sicuramente si è trattato di un concerto elegante, garbato, molto misurato e di buona fattura. Proprio quello che si vuole ascoltare per ripercorrere trenta o più anni di repertorio caro a tutti i jazzofili..." (Rossella Del Grande)

26/02/2006

Nuova Gallery con le foro di Giuseppe Arcamone

12/02/2006

Jazz & Wine of Peace, 8a edizione del prestigioso festival di Cormons con, tra gli altri, artisti del calibro di Dave Holland, Dave Liebman, Omar Sosa, Dave Douglas... (Giovanni Greto)

30/01/2006

Nell'ambito del Ravenna JAzz Festival 2005, una serata dedicata ai contrabbassisti, con il Kush trio di Ben Allison ad aprire il concerto, seguito dall'attesissimo quintetto di Dave Holland. (Andrea Caliò)

28/01/2006

Il Dave Holland Quintet per Aperitivo in Concerto al Manzoni di Milano (Bruno Gianquintieri)

28/06/2005

Overtime (Dave Holland Big Band)

28/05/2005

Punto Zero (Mauro Campobasso - Mauro Manzoni)

12/09/2004

Herbie Hancock, Wayne Shorter, Dave Holland, Brian Blade, il super gruppo più atteso dell'estate. Noi lo abbiamo seguito in tre differenti festival proponendo un reportage di quanto visto ed ascoltato. Una band che ha sfoderato una musica innovativa frutto di un'elaborazione ritmico-armonica che potrà probabilmente fare da precursore per il futuro.

22/04/2004

Dave Holland Quintet per il Roma Jazz Festival all'Auditorium: "...l'inconfondibile marchio sonoro, una originale miscela che unisce il più classico Post-Bop con l'avanguardia newyorkese del M-Base, che da anni caratterizza i lavori del quintetto..." (Dario Gentili)

29/02/2004

Dave Holland: discografia ragionata. Un'analisi dei "must" della sterminata discografia del contrabbassista inglese senza tralasciare la..."discografia mancata". (Gianmichele Taormina)

16/12/2003

Matt Munisteri & Brockmumford per Aperitivo Concerto: Un tentativo ben riuscito di ripercorrere i primi trent'anni di storia sociologica americana attraverso alcune song del tempo." (Paolo Treffiletti)

08/12/2003

Henry Grimes Trio per Aperitivo in Concerto: "...la musica non è mai apparsa scontata; i tre hanno saputo fare buon uso delle dinamiche, insistendo spesso sul pianissimo quasi a trasfigurare la vicenda umana di Grimes..." (Paolo Treffiletti)

26/11/2003

Sam Rivers per Aperitivo in Concerto: "...la maestria ed il grande senso musicale dei quattro ha saputo essere un valido collante consentendo al pubblico di poter godere dell'unità di intenti che accomuna le più variegate espressioni musicali: la comunicatività tra autore/esecutore e pubblico." (Paolo Treffiletti)

19/01/2002

Jim Hall & Paolo Fresu con la Milan (R)evolution Orchestra, Freddy Cole & Woody Herman Orchestra. Due concerti del ricco cartellone degli Aperitivo in Concerto 2001 al Teatro Manzoni.





Video:
Dave Holland quintet - Chris Potter Solo
au parc floral de Vincennes, Paris, le 14 juillet 2007...
inserito il 27/09/2007  da cab88888 - visualizzazioni: 2547
Dave Holland Quintet Metamorphos and interview 2002
Dave Holland Quintet Metamorphos and interview 2002 Newport jazz festival...
inserito il 14/06/2007  da markussiotube - visualizzazioni: 2575
Chris Potter Live with Dave Holland Quintet "Vicissitudes"
*sorry, but this is the only clip from the show I have*, , * this is from the MIDDLE of Chris' solo, leading the ignorant listener to believe that he ...
inserito il 04/08/2006  da thecosmicrain - visualizzazioni: 2118


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 9.498 volte
Data pubblicazione: 28/01/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti