Jazzitalia - Io C'ero: Dave Liebman Quartet
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Dave Liebman Quartet
19 ottobre 2007 MAX THEATRE, Arezzo
di Alessandro Tempi

Dave Liebman sax tenore e soprano
Roberto Tarenzi
piano
Paolo Benedettini
contrabbasso
Tony Arco batteria

A
ssistere ad un concerto di Dave Liebman spesso equivale ad un privilegio raro e non solo per i trascorsi del sassofonista newyorkese, che sono comunque di alto lignaggio, la militanza giovanile con Elvin Jones, poi con Davis, le partnership con Corea e Holland. Liebman è a suo modo un protagonista del jazz degli ultimi trent'anni, la cui carriera si è sempre svolta nel solco di una ricerca di integrità e di libertà dai condizionamenti contingenti che spesso hanno gravato sulle estetiche di molti jazzisti statunitensi. La sua indipendenza di compositore e di solista, però, non è mai andata a scapito di un sano attaccamento alle fonti canoniche della musica afroamericana moderna, il ritmo, la modalità, l'improvvisazione, perfino in un'epoca in cui certi epigoni sembrano contare più dei maestri stessi.

Dave Liebman si è presentato al Max Theatre di Arezzo accompagnato da una ritmica tutta italiana, con la quale collabora da qualche anno, allo scopo di presentarne l'ultima produzione, un Cd dal titolo "Dream of Nite", che raccoglie esecuzioni live che risalgono al 2005. Il gusto e la capacità di interazione che si apprezza su disco è stato pienamente confermato dal concerto aretino, in cui la band ha dimostrato un ineccepibile grado di affiatamento, oltre che di capacità strumentali ed esecutive. Il pianismo di Roberto Tarenzi abbonda di sottigliezze armoniche e incontenibile forza dinamica; il drumming di Tony Arco è sempre stimolante; il contrabbassista Paolo Benedettini fornisce infine il necessario lubrificante a questa potente macchina musicale. Ne deriva, nell'insieme, una insospettata capacità di avventura non tanto in regioni inusitate della musica afroamericana, quanto in rivisitazioni di un patrimonio compositivo e più in generale linguistico che ancora oggi sembra non conoscere declini.







Articoli correlati:
21/05/2016

Fabio Giachino & Guests: "Un lungo viaggio nell'essenza del jazz, compiuto alternando omaggi a Davis e Coltrane a lunghe sessioni improvvisate..." (Niccolò Lucarelli)

05/01/2015

Hope (Giovanni Scasciamacchia Trio with Fabrizio Bosso)- Alessandra Monaco

23/06/2014

Other Digressions (Roberto Tarenzi)- Alceste Ayroldi

17/03/2012

Seven Steps To Hendrix (Claudio Angeleri)- Gianni Montano

06/11/2011

Res Nova (Mattia Cigalini) - Alceste Ayroldi

17/07/2011

Rather Odd… (Tony Arco Trio)- Nico Conversano

20/03/2011

Nice One (Nick The Nightfly)- Alessandro Carabelli

21/11/2010

Ehud Asherie Trio. Il pianista di origine israeliana, newyorkese d'adozione, è stato protagonista dal 25 al 27 Ottobre 2010 di una "tre giorni" presso l'Alexander Platz di Roma, accompagnato per l'occasione da Nicola Angelucci alla batteria e Paolo Benedettini al basso. (Laura Mancini)

04/10/2010

Castellana Music Festival: "Fresche serate di jazz nell'ultima settimana di agosto del sud-est barese. Si è appena concluso il Castellana Music Festival svoltosi nella città delle grotte che, già nella prima edizione ha visto un cartellone di tutto rispetto, ambientato nel caratteristico scenario delle piazze del borgo antico." (Angelo Ruggiero)

18/09/2010

The First One (Nicola Angelucci)- Vincenzo Fugaldi

24/04/2010

One Day I'll Fly Away (Roberto Tarenzi Trio)- Alessandro Carabelli

06/12/2009

Stefano Di Battista Quartet a Sacile per "Il Volo del Jazz": "...una esibizione in grado di lasciare una piacevole sensazione di musica viva e vitale." (Nico Furlan)

25/08/2009

Blue night (Guido Di Leone) - Giuseppe Andrea Liberti

19/04/2009

Free [the] Jazz, intervista a Ellery Eskelin: "Per me "libertà" significa riuscire ad esprimere a pieno attraverso lo strumento quello che ho in mente...non fa differenza per me suonare standard o dedicarmi alla pura improvvisazione. In entrambi i casi un musicista deve essere in grado di esprimere a pieno tutto ciò che sta immaginando in quel preciso istante." (Stefano Ferrian)

05/04/2009

Liebman Meets Intra Live (Enrico Intra)

02/11/2008

Appunti di Viaggio (Roberta Gambarini)

09/06/2008

Il "Day Off" di Soluzionimusicali, una serata di grande musica e di forte aggregazione: "Quando si dice "festa", si parla di gioia, di entusiasmo, del piacere di stare insieme a persone amiche con cui si condividono idee e passioni..." (Rossella Del Grande)

22/05/2008

Starry Eyed Again (Chet On Our Minds) (Michela Lombardi – Riccardo Arrighini Trio)

25/01/2008

Masterclass di Dave Liebman: "Di fronte a una sessantina di studenti dei corsi avanzati del CDpM di Bergamo ed altri provenienti da città limitrofe, Dave Liebman ha tenuto un seminario sugli aspetti ritmici dell'improvvisazione." (Claudio Angeleri)

14/10/2007

Clusone Jazz 2007: "Clusone divenuta famosa grazie anche all'idea di Bennink, Moore e Reijseger, che diversi anni or sono decisero di dare al loro trio il nome di quel luogo magico in cui si era costituito, ma oggi vanta una fama internazionale per meriti propri: per il clima (tra artisti e organizzatori) e per la qualità della musica offerta, tanto, che gli organizzatori hanno deciso di esportare il loro sapere e conoscere altrove..." (Luca Vitali)

29/11/2006

Too close for comfort (Smell Quintet)

12/03/2006

Intervista a Paolo Benedettini: "...per la creazione di questa musica, che al tempo stesso ti dà la possibilità di esprimere la tua individualità, è necessario il rispetto reciproco, questo le dà anche una certa valenza morale." (Michela Lombardi)

12/02/2006

Jazz & Wine of Peace, 8a edizione del prestigioso festival di Cormons con, tra gli altri, artisti del calibro di Dave Holland, Dave Liebman, Omar Sosa, Dave Douglas... (Giovanni Greto)

02/11/2005

Le foto da Jazz & Wine 2005 di Cormons (Elisa Caldana)

12/12/2004

Miroslav Vitous al Festival di Sant'Anna Arresi: "...In questi tre spettacoli siamo riusciti ad ammirare uno dei più grandi protagonisti del contrabbasso jazz degli ultimi 30 anni. Rimane il rammarico di non averlo visto alle prese con un suo progetto..." (Fabio Pibiri)

15/12/2003

Ringin' Bells (Quarte)

27/10/2003

Saxophone Summit: Michael Brecker, Dave Liebman e Joe Lovano: "...tre superbi esponenti del moderno tenorismo jazz, coadiuvati peraltro da una sezione ritmica di notevole spessore tecnico che ha reso ancora più godibile la performance." (Antonio Terzo)

25/07/2003

Pulsano Jazz, mercoledì da leoni: in quattromila per Liebman

27/03/2003

Dave Liebman ricorda il grande Bob Berg: "...è stato un gigante del sassofono, ha sempre dato tutto se stesso, sempre il massimo; un vero jazzman "lavoratore", che suonava sempre e dappertutto."

28/12/2002

Feel (Cues trio meets David Liebman)

06/07/2001

Il concerto di Dave Liebman a Turi, in una suggestiva cornice.







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.672 volte
Data pubblicazione: 24/03/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti