Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Diagonal Jazz 2006 Summer Edition
Gianluca Renzi Sextet
Catanzaro, 9 agosto 2006
di Andrea Caliò

L' edizione estiva del Diagonal Jazz chiude i battenti il 10 agosto ospitando a "Il Blu" di Copanello di Stalettì, sulla costa ionica catanzarese, il Gianluca Renzi Sextet. I sei talentuosi musicisti italiani possono finalmente esibirsi, dopo aver dovuto rinunciare al set del giorno precedente, causa pioggia.

Il gruppo, guidato dal giovane contrabbassista Gianluca Renzi, già nel 2004 presente al Diagonal Jazz, ha cambiato fisionomia in questi anni: la frontline, prima composta da sax-tromba-trombone, ora vede ai sax Jerry Popolo (tenore e soprano) e Daniele Tittarelli (contralto e soprano) e il riconfermato Raffaele Carotenuto al trombone; al piano il fidato Pietro Lussu, mentre alla batteria Roberto Desiderio ha preso il posto di Pietro Iodice.

La serata di jazz inizia con quasi un'ora di ritardo, spesa attendendo che il locale si riempia. "Il Blu" è un raffinato night-club all'aperto, a ridosso del mare, e lo spettacolo delle scogliere illuminate dalla luna è estremamente suggestivo; non è tuttavia un luogo ideale per i concerti: pochi i posti a sedere, e anche da lì, per via della conformazione del locale, non sempre è facile per il pubblico scorgere la band (e per la band scorgere il pubblico: "ma dove siete? Non vi vedo!" ha scherzato Gianluca Renzi dal palco).

Ne viene fuori comunque un concerto piacevole, incentrato sui brani dei due album del sestetto, "Looking for the right line" e l'ultimo "Don't stop your mind".

Il set inizia con l'intrigante "My dear hill", per poi salire di tono con "Should be a blues" e "Yesterdays" (lo standard, rivisitato): su cd la musica di Renzi e ariosa e ritmata, e dal vivo mantiene la stessa impronta stilistica, mentre le composizioni si dilatano nel tempo trasformandosi in mini-suite, con lunghi momenti solistici.

La quarta composizione è "The preacher" di Horace Silver, che Renzi ha riarrangiato solo qualche giorno prima e fa qui la sua prima apparizione nel repertorio del sestetto. Una lunga introduzione dei fiati senza base ritmica dà l'input ad uno stacco solistico di Desiderio alla batteria, prima che il brano si sviluppi definitivamente, dimostrandosi swingante e allegro, dai tipici sapori dixieland, che ci riporta ai fasti del jazz dei tempi che furono.

Le melodie nascono spesso da un riff di contrabbasso, su cui si sviluppano gli assoli. Non mancano i cambi di tempo che favoriscono l'alternanza fra le voci solistiche, le cui differenze sono evidenti soprattutto fra i due sax: Jerry Popolo, che ormai non è più una sorpresa, non tradisce la sua fama di virtuoso dello strumento, furoreggiando sui tempi veloci con lunghe frasi e scariche di note, anche a costo di eccedere; Daniele Tittarelli, giovane promessa del jazz italiano, si dimostra in questa esibizione più riflessivo del compagno d'ancia, privilegiando tempi lenti, rifuggendo dall'uso dei patterns e regalando assoli delicati e asciutti, forse carenti di un pizzico di grinta. E' interessante comunque ascoltare le due ance che si sfidano a duello ai sax soprani su "Anna & Sevy", mettendo in luce il loro diverso approccio all'improvvisazione.

Uno dei brani più lunghi è senz'altro "Don't stop your mind", di quasi mezz'ora. E' una composizione che Gianluca Renzi dedica alla vita metropolitana, ed in effetti porta con sé i frutti delle novità musicali maturati nelle grandi e pulsanti città degli Stati Uniti: una spruzzata di M-Base, ampio uso del synth piano (Pietro Lussu lo utilizza con profitto anche altrove nel set), riflette tutta la modernità della musica del contrabbassista italiano.

Il leader del sestetto è in effetti in gran forma, accompagna e improvvisa con fervore e gusto del ritmo: l'assolo in apertura di "Anna & Sevy" è una dimostrazione di perizia tecnica e sensibilità, gli arrangiamenti riflettono l'equilibrio e la ricercatezza che Renzi sa imprimere alla sua musica, sintesi artistica della tradizione di Mingus e della ricerca contemporanea di Dave Holland.

A chiudere il set "ufficiale" è "In my soul", ispirata dai gospel ascoltati nelle chiese protestanti degli USA: melodia semplice, cadenzata e coinvolgente, proprio come le musiche da cui trae ispirazione.

Un pubblico un po' distratto lesina gli applausi ai bravi strumentisti, i quali concedono ugualmente il bis, con un brano che strizza l'occhio al movimento free degli anni '60 e mette in evidenza l'affiatamento del gruppo, fondamentale nell'esecuzione di pezzi di questo tipo: "Five points if no helmet".

Infine, nuovamente invitati sul palco dall'organizzatore, Riccardo Maria Mottola, ripropongono di nuovo "My dear hill", da "Looking for the right line": esecuzione ordinata e piacevole, è la conclusione di una serata musicale felice, trascorsa sotto le stelle.






Articoli correlati:
09/10/2017

La Stanza Dei Colori (Amanda Desidery)- Alceste Ayroldi

19/09/2017

Intervista con Yesim Pekiner e Francesca De Palo: "BAU Jazz Academy è il dipartimento che a Istanbul si occupa di jazz e che, dal 2017-2018 lancia un programma internazionale nelle sedi BAU di Roma, Berlino e Washington DC." (Alceste Ayroldi)

12/03/2017

Seven Sketches In Music (Paolo Damiani Double Trio)- Enzo Fugaldi

04/05/2016

Ctrl Z (Fabio Morgera & NYCats)- Enzo Fugaldi

21/02/2016

Roccella Jazz Festival - II Edizione Jazzy Christmas: L'evento più importante del festival calabrese è stato il concerto del trio di Ches Smith con Mat Maneri e Craig Taborn...composizioni di intensa bellezza, complesse e articolate, che nelle mani di questo trio danno risultati eccelsi..." (Vincenzo Fugaldi)

11/10/2015

Optics (Alice Ricciardi)- Alceste Ayroldi

18/03/2015

Intervista con Fabio Morgera: "...quando uno come Frank Lacy ti dice 'You're Black' mentre stai suonando con lui, beh, allora puoi dire di esserci veramente dentro." (Achille Brunazzi)

05/01/2015

The Apple (Marco Valeri Quartet)- Francesco Favano

21/12/2014

Enrico Rava & Parco della Musica Jazz Lab: "Se il nome è un pezzo sacro della storia del jazz italiano, le aspettative schizzano su alle stelle in un baleno. Il problema delle aspettative è che quando vengono tradite, l'amaro in bocca fatica ad andare via." (Nina Molica Franco)

12/10/2014

Ipso Facto (Edge)- Nina Molica Franco

24/08/2014

Prestazione (Daniele Tittarelli, Fresh Fish, Francesco Lento)- Alceste Ayroldi

09/08/2014

Our Portraites (Nicola Di Tommaso Quartet)- Francesco Favano

17/03/2014

Different Ways (Aldo Farias)- Francesco Favano

23/12/2013

Viva V.E.R.D.I. (Giovanni Mirabassi Trio & Strings)- Francesco Favano

08/12/2013

Yiddish Melodies In Jazz (Gabriele Coen Jewish Experience)- Gianni Montano

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

14/04/2013

Piani Diversi (Susanna Stivali)- Marco Losavio

10/03/2013

Rava On The Dancefloor (Enrico Rava and The Parco della Musica Jazz Lab)- Alceste Ayroldi

03/03/2013

Joyful (Flavio Boltro 5tet)- Alceste Ayroldi

09/02/2013

XV Padova Jazz Festival: "Ad un deludente David Murray and The Black Saint Quartet si contrappone l'interessante e godibile Rava on the Dance Floor" (Giovanni Greto)

09/07/2012

The 4 One (Pierluigi Villani)- Gennaro Pasquariello

20/11/2011

La Scalata (Corrado Cirillo Grùp)- Alessandro Carabelli

28/05/2011

Enrico Rava & Parco della Musica Jazz Lab "Gershwin & more": "Nonostante il repertorio di uno dei maggiori classici che il jazz possa annoverare, appare stimolante l'ascolto della grande abilità strumentale e l'eclettico universo musical-sperimentale dei giovani componenti della band, in una stupefacente "modernità". E Rava si conferma, ancora una volta, grande e storico scopritore di talenti..." (Viviana Falcioni)

10/04/2011

Basentini/Hoffman Quintet alla Casa del Jazz: "Gli arrangiamenti sono ridotti al minimo così come introduzioni e code ma il senso di tutto ciò sta nella prevalenza della pura facoltà improvvisativa, nella ricerca di continui gesti estemporanei. Ogni chorus è diverso dall'altro e la sensazione - a volte - è che Basentini potrebbe continuare a soleggiare all'infinito per la grande varietà di soluzioni lessicali di cui è capace." (Paolo Incani)

06/03/2011

White Room (Andrea Rea)- Gianni Montano

06/02/2011

Fabiana Martone con i Soundflowers e l'"Organ...izzato" di Jerry Popolo al Teano Jazz Winter 2010 - VI Edizione: "Nella magia riverberante della location di San Pietro in Acquariis, una Chiesa sconsacrata si è svolta la VI Edizione del Teano Jazz Winter, una kermesse divenuta fiore all'occhiello nel panorama festivaliero italiano." (Daniele Camerlengo)

29/01/2011

Giovanni Guidi & The Unknown Rebel Band feat. Gianluca Petrella: "Un'interessante progetto proposto da una band che si impone a giusto merito come una delle realtà più gradite ed originali del panorama jazzistico italiano. Eccellente il lavoro del giovane leader nella guida dell'ensemble e nella costruzione delle strutture armoniche, dimostrando di avere tutte le carte in regola per poter diventare, in un futuro potenzialmente prossimo, un jazzista di livello internazionale." (Andrea Valiante e Francesco Tromba)

05/12/2010

Charles & Joe (Gianluca Renzi All Stars Orchestra)- Elide Di Duca

05/12/2010

Awakening (Gabriele Coen Jewish Experience)- Vincenzo Fugaldi

21/11/2010

Vie di Jazz 2010 - VI Edizione: " Quando non c'è un testo che faccia riferimento alla realtà o un contenuto che costringa l'ascoltatore alle emozioni del compositore oppure ad un significato che è stato attribuito, allora la musica rende liberi..." (Lorella Marino)

26/09/2010

Afternonon Song (Sivia Manco) - Marco Buttafuoco

31/07/2010

Directly From Heart (Massimo Pirone) - Marco Buttafuoco

18/05/2010

Bye Bye Lazybird (Gerardo Bartoccini) - Alceste Ayroldi

12/04/2010

Maurizio Giammarco, Flavio Boltro e la Parco della Musica Jazz Orchestra presentano "Expanding Miles '65-'68" all'Auditorium Parco della Musica: "Una serata dai toni intensi, una personale rilettura delle assolute esplorazioni musicali originate dall'ultimo insuperabile quintetto di Miles Davis..." (Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante)

05/04/2010

Neapolitan Heart (Fabio Morgera)- Roberto Biasco

05/04/2010

Green Moon (Rino Vernizzi)- Marco Buttafuoco

29/11/2009

Italian Jazz Days a New York: "Il jazz italiano sbarca a New York in occasione del mese dedicato a Cristoforo Colombo e rende omaggio non solo alla grande tradizione jazzistica ma anche al jazz contemporaneo. Molti gli artisti italiani, e non solo, che hanno preso parte all'Italian Jazz Days, la kermesse musicale che si è tenuta al Jazz Lincoln Center e all'Istituto Italiano di Cultura." (Liliana Rosano)

03/11/2009

"Capri Jazz Bar" Trio and Friends (Carmine Cataldo)- Alessandra De Vita

01/11/2009

The Unknown Rebel Band (Giovanni Guidi) - Vincenzo Fugaldi

25/10/2009

Fires 'n Pyres (Federica Zammarchi) - Luca Labrini

11/10/2009

Blog (Antonello Sorrentino s.t. Quintet) - Giuseppe Mavilla

04/10/2009

Reincarnation Of a Lovebird (Pietro Ciancaglini) - Alceste Ayroldi

03/08/2009

Out of track (Giovanni Mirabassi) - Cinzia Guidetti

19/07/2009

Golem (Gabriele Coen Jewishexperience)- Gianni B. Montano

16/11/2008

Fine Herbs (Michael Lösch Quartet)

02/11/2008

Strange Energies (Charles Blenzig, Gianluca Renzi, Pierluigi Villani)

30/10/2008

Panta Rei (Roberto Spadoni Nine )

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

15/08/2008

Jass & Jazz & More (Marcello Rosa)

10/08/2008

Jazz in Parco XI Edizione "Oltre il Jazz": "Allargare gli orizzonti, spingere un po' più in là il confine costituito dalla consuetudine e della tradizione. Andare un passo oltre il Jazz più tradizionale nei colori e nel linguaggio, mantenendo però un altissimo livello musicale, di spettacolo e di arte...." (Luigi Spera)

24/12/2007

Bindi in Jazz (Cristiana Polegri)

15/09/2007

La quinta stagione (Roberto Giglio)

08/07/2007

L'urklang della Salerno Jazz Orchestra: "La neo-nata formazione che ha debuttato al teatro Verdi mercoledì sera 9 maggio 2007, in assenza del sindaco Vincenzo De Luca, ha ricevuto la benedizione del contrabbassista Giovanni Tommaso." (Olga Chieffi)

07/07/2007

Tjololo (Enrico Bracco)

16/06/2007

Alhambra (Gabriele Coen Atlante Sonoro)

17/03/2007

Things I See (Mino Lanzieri)

17/12/2006

L'Adamo Quartet di Daniele Tittarelli alla Casa del Jazz: "Fra le qualità della musica quella che ha catturato maggiormente l'attenzione è stata la fantasia, la continua invenzione melodica..." (Daniele Mastrangelo)

27/10/2006

Muzzola (Sergio Di Natale)

03/05/2006

Don't Stop You Mind (Gianluca Renzi)

19/12/2005

Maurizio Giammarco & Megatones: "...la proposta di Giammarco risulta essere meritevole di attenzione e approfondimento. Dalle sue composizioni si coglie quel sottile "fil rouge" che in qualche modo lega i due elementi apparentemente inconciliabili..." (Bruno Gianquintieri)

05/06/2005

Punkromatic (Maurizio Giammarco & Megatones)

02/01/2005

Diagonal Jazz 2004 a Catanzaro: "Per il decimo anno consecutivo Catanzaro ospita il Diagonal Jazz, manifestazione musicale che nelle sue ultime edizioni ha cominciato a proporre alcune delle voci nuove e meno tradizionali del jazz, spingendosi spesso nella vera e propria esplorazione delle produzioni d'avanguardia..." (Andrea Caliò)

28/11/2004

Gianluca Renzi Sextet presenta il suo ultimo lavoro a La Palma: "Gianluca Renzi, con questa formazione, ha realmente trovato la "quadratura del cerchio". Esistono quelle affinità che rendono certi incontri determinanti, e questo lo è." (Franco Giustino)

23/11/2004

Edward Simon Trio, "...Musicalmente la serata al Pinocchio, va detto subito, non ha momenti particolarmente forti...Ci piace sottolineare invece la maiuscola prova di Renzi..." (Paolo Carradori)

07/11/2004

Intervista a Gianluca Renzi: "...Chi inizia deve essere spinto da una grande passione, veramente molto forte, altrimenti rischia di cedere. Come in tutti i lavori artistici, prima di vedere i risultati devi fare una grande fatica. Bisogna vedere poi quanto durano questi risultati, non puoi permetterti di mollare, neppure per un attimo, verresti cancellato." (Franco Giustino)

24/04/2004

Looking for the right line (Gianluca Renzi)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 4.872 volte
Data pubblicazione: 01/10/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti