Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Don Byron Trio
1 Marzo 2006: Panic Jazzclub - Marostica (vi)
di Giovanni Greto
foto di Marco Bizzotto


Don Byron
- sax tenore, clarinetto
Jason Moran -
piano
Billy Hart - batteria

Abituati da lungo tempo a frequentare le sale da concerto, più o meno confortevoli e con acustiche più o meno accettabili e fuggendo dall'invivibilità dei palasport, siamo tornati per una sera a respirare l'atmosfera di un piccolo locale, che riesce ad ospitare spesso nomi di qualità, situato proprio a fianco della piazza centrale della cittadina veneta - conosciuta per la partita a scacchi viventi che si tiene ogni anno in estate - per assistere al concerto di Don Byron, impegnato in un tour europeo per promuovere il suo ultimo lavoro Ivey Divey, che prende ispirazione dal trio bassless di Lester Young con Nat King Cole al piano e Buddy Rich alla batteria, formatosi nell'immediato dopoguerra.

Byron, che si era liberato da poco dai suoi deadlocks, si è presentato con una capigliatura molto corta, sorprendendo, riteniamo, più di qualche ammiratore. Assieme ai suoi partners - Jason Moran, al piano, come nel disco e Billy Hart alla batteria, anziché Jack De Johnette - il musicista americano è sembrato poco concentrato e quasi infastidito di dover suonare in un club. Non ha presentato nemmeno uno dei brani eseguiti, limitandosi a citare il disco, a recitare la formazione alla fine di ognuno dei due lunghi set e senza concedere bis. Certo non è bello né per l'ascoltatore - nel caso di chi scrive - e probabilmente neanche per l'artista assistere ad un concerto disturbato dal continuo via vai dei camerieri tra i tavoli, dal rumore delle posate sui piatti di ceramica, dal tintinnio dei bicchieri, ma soprattutto non riusciamo a capire come, eccettuato per un manipolo di ascoltatori in prima fila, si possa mangiare con avidità e chiacchierare senza tregua, quasi che l'artista non fosse lì in sala ma avesse la funzione di un banale sottofondo registrato.

Passando al concerto, Byron ha suonato ancora una volta, secondo un'usanza degli ultimi 'live', per troppo tempo il sax tenore, non conseguendo risultati soddisfacenti, rispetto a quando soffia nel clarinetto. Il suo improvvisare lungo e senza pause, un suono sempre uguale e che manca di limpidezza, la non perfetta intonazione, danno l'impressione di un'esercitazione, togliendo l'emozione, il calore, l'energia che trapela, quando le note escono dal clarinetto.

Parecchi gli standard affrontati, da 'Body And Soul' a 'Love for sale', fino ad una interminabile versione di 'Giant Steps' di John Coltrane, che non ha per niente emozionato, a differenza che nell'interpretazione dell'autore. Molto bravo Jason Moran, sia nell'accompagnamento senza sbavature, che nelle lunghe, sognanti e avvincenti improvvisazioni. Ineccepibile, grintoso, delicato e calorosissimo Billy Hart, sempre poco contento di suonare uno strumento che non è in grado di accordare alla perfezione, come quelli di sua proprietà, per il poco tempo a disposizione, lui che è un musicista estremamente esigente e meticoloso. Entusiasmanti i suoi assolo, durante i quali ha spesso citato una frase famosa di Max Roach, l'ultimo decano dei batteristi ancora in vita, ma purtroppo non più in attività. Hart ha scelto ancora una volta un suono secco e tagliente per i toms, con poca cordiera per il rullante. Ha utilizzato piatti chiodati e non, spazzole, bacchette e mallets, ha ovviamente sopperito all'assenza di basso, scandendo di più i quarti con la cassa. Ma è sempre un maestro nelle frequenti frasi esplosive, a sottolineare la fine di un'impro, nei vigorosi breaks, nell'estrema fantasia frasistica nella composizione di un assolo, con un'indipendenza impeccabile e un vigore fisico che neanche per un secondo ci farebbe pensare che chi sta suonando è un signore di 65 anni.

Il concerto si è svolto in due set: 4 brani nel primo, 4 nel secondo per un totale di circa due ore. Il pezzo più lungo è stato il citato 'Giant Steps' nel quale Byron ha iniziato a suonare il clarinetto per poi imbracciare il sax tenore. Interessante uno swing latino ideato da Hart con il timpano usato come un surdo brasiliano.

RIFLESSIONI COL SENNO DI POI. Il concerto è sembrato una jam session più che la presentazione di un nuovo progetto. E questo è avvalorato anche dal brano conclusivo, una specie di blues che non decolla e non tiene inchiodato alla sedia, nonostante la bravura dei musicisti. E spesso, nell'ostinazione del fraseggio col tenore, Byron ha dato proprio l'impressione di voler cercare qualcosa, magari un'ispirazione che non veniva, oltre a cercar di capire come fare ad ottenere un suono gradevole ed interessante da uno strumento che per il momento non è in grado di padroneggiare allo stesso livello del clarinetto. Applausi tiepidi e timida richiesta di bis rimasta inevasa.






Articoli correlati:
08/06/2017

Find The Way (Aaron Parks - Ben Street - Billy Hart)- Alceste Ayroldi

08/11/2015

My Chet My Songs (Riccardo Del Fra)- Alceste Ayroldi

11/01/2015

Intervista a Paolo Fazioli: "Pezzi unici, accurata scelta dei materiali, tanta ricerca e esperimenti: Paolo Fazioli, a Roma per l'inaugurazione della Ciampi Luxury Piano Gallery, ci racconta la sua esperienza." (Nina Molica Franco)

07/12/2014

Jason Moran e Robert Glasper: "Due stili totalmente diversi generano sul palco qualcosa di inedito che, nella totale diversità degli elementi che lo compongono, si presenta come un unicum perfettamente coeso." (Nina Molica Franco)

06/04/2014

Alone (and) Together (Enrico Granafei)- Francesco Favano

15/02/2014

Hagar's Song (Charles Lloyd - Jason Moran)- Marco Losavio

13/01/2014

Antonio Faraò American Quartet: "Faraò è l'artefice di invenzioni armoniche e melodiche di pregevole eleganza, i suoi brani, caratterizzati da uno swing permeante, lasciano arguire una ricerca volta al contemporaneo senza mai perdere di vista una personalità e coerenza ben definita." (Viviana Falcioni)

07/04/2013

Believe (The Cookers)- Roberto Biasco

07/10/2012

Roy Hargrove & "The RH Factor": Un Roy Hargrove apparso svogliato finanche fisicamente debilitato, grazie alla sua band, offre una performance nel complesso accettabile. (Achille Brunazzi)

30/01/2011

Una gallery di oltre 60 scatti al New York Winter Jazz Fest 2011: Chico Hamilton, Don Byron, Geri Allen, JD Allen, Butch Morris, Steve Coleman Vernon Reid, Anat Cohen, Aaron Goldberg, Nasheet Waits, Abraham Burton, Eric McPherson...(Petra Cvelbar)

06/01/2011

Mirror (Charles Lloyd Quartet) - Alceste Ayroldi

19/12/2010

13ma edizione del Padova Jazz Festival: La musica e le immagini del Dave Douglas & Keystone, i New Quartet di Gary Burton - con Antonio Sanchez, Scott Colley e il giovane sorprendente talento Julian Lage - e del veterano Charles Lloyd con i solidissimi Jason Moran, Eric Harland e Reuben Rogers. Tre concerti di alto livello e molto apprezzati da un pubblico spesso in visibilio dinanzi alle performance di questi maestri.

26/09/2010

The Bright Mississipi (Allen Toussaint)- Roberto Biasco

05/09/2010

Roccella Jazz Festival 30a Edizione: "Trent'anni e non sentirli. Rumori Mediterranei oggi è patrimonio di una intera comunit? che aspetta i giorni del festival con tale entusiasmo e partecipazione, da far pensare a pochi altri riscontri". La soave e leggera Nicole Mitchell con il suo Indigo Trio, l'anteprima del film di Maresco su Tony Scott, la brillantezza del duo Pieranunzi & Baron, il flamenco di Diego Amador, il travolgente Roy Hargrove, il circo di Mirko Guerini, la classe di Steve Khun con Ravi Coltrane, il grande incontro di Salvatore Bonafede con Eddie Gomez e Billy Hart, l'avvincente Quartetto Trionfale di Fresu e Trovesi...il tutto sotto l'attenta, non convenzionale ma vincente direzione artistica di Paolo Damiani (Gianluca Diana, Vittorio Pio)

03/05/2010

Lost In A Dream (Paul Motian Trio)- Gianmichele Taormina

09/06/2009

Uri Caine Trio e Don Byron al Teatro Verdi di Pordenone nella loro dedica allo scrittore Paul Auster. Dopo un inizio in duo con Caine e Byron il trio lascia emergere una amalgama di grande livello attraverso originals e standard accuratamente selezionati... (Giovanni Greto)

02/11/2008

"Arkitekturae", la ventunesima edizione della rassegna "Time in jazz", creatura musicale sarda di Paolo Fresu, ha avuto come protagoniste le architetture nel senso più ampio del termine. (Viviana Maxia)

03/05/2008

Isole (Marco Tamburini)

06/04/2008

Jazz & Wine Of Piece: "La X edizione di Jazz & Wine ha confermato la buona qualità della manifestazione che ha spaziato dal jazz al folk fino alla world music, aprendo anche alla New Age." (Giovanni Greto)

17/03/2008

I Quest di David Liebman, Richie Beirach, Ron Mcclure e Billy Hart a Parma Jazz Frontiere: "Musica furente eppure sempre leggibile, un mix di rabbia e tenerezza, di ardori ritmici e delicati abbandoni lirici. Una musica fiammeggiante come un quadro di Pollock, scabra come una tela espressionista." (Marco Buttafuoco)

09/02/2007

Umbria Jazz Winter: "La quattordicesima edizione di Umbria Jazz Winter è stata contrassegnata dall'incontro tra il jazz e la canzone d'autore: un binomio che molti anni fa negli Stati Uniti ha prodotti quei famosissimi standards su cui i jazzisti di tutto il mondo continuano ancora oggi ad improvvisare. Questo "fenomeno" ha raggiunto ormai da anni anche nel nostro paese, ed ha contribuito a rafforzare un'identità troppo spesso condizionata dagli stereotipi d'oltre oceano." (Marco De Masi)

07/12/2006

Black Stars (Jason Moran)

11/08/2006

Il Blue Note Records Festival a Gand in Belgio, crocevia di artisti, suoni, ritmi per amanti della musica jazz e non solo. Un pubblico accorso da ogni parte del Belgio, dalla limitrofa Francia e dall'Olanda, un menù musicale di ampia scelta e qualità. (N. Guida & T. Van der Aa)

11/03/2006

Billy Harrt, Don Byron, Jason Moran dal Piacenza Jazz fest 2006





Video:
Michael Brecker, David Liebman, Joe Lovano - 1999
http://www.jazzvideoguy.tv presents the Saxophone Summit LIve at Birdland, December 18, 1999., , Michael Brecker, David Liebman, Joe Lovano - Saxophon...
inserito il 19/02/2009  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2763
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008...
inserito il 08/08/2008  da GabrielMihalache - visualizzazioni: 2098
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008
Charles Lloyd & Jason Moran @ Garana Jazz Festival 2008...
inserito il 08/08/2008  da GabrielMihalache - visualizzazioni: 2379
Jason Moran & the Bandwagon
Concert in Munich, Unterfahrt im Einstein...
inserito il 07/07/2008  da emipap24 - visualizzazioni: 2870
JASON MORAN (LIVE)
JM and the Bandwagon = Tarus Mateen - bass and Nasheet Waits - drums brilliant stuff...
inserito il 29/03/2007  da JAZZCAF - visualizzazioni: 2175
Jason Moran
Jason Moran talks about being affiliated with SESAC, the nation's fastest growing performing rights society. FOr more info visit www.sesac.com....
inserito il 26/01/2007  da SESAC1 - visualizzazioni: 1587


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 4.780 volte
Data pubblicazione: 01/05/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti