Jazzitalia - Live: Donny McCaslin 'Fast Future' Quartet
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Donny McCaslin "Fast Future" Quartet
Ferrara - Torrione Jazz Club - 19 marzo 2016
di Niccolò Lucarelli


Donny McCaslin - sax tenore
Jason Lindner - pianoforte e tastiere
Matt Closey - basso elettrico
Nate Wood - batteria

C'è una sottile linea di fuoco che unisce un taxi che strattona nel traffico di Manhattan alle calde periferie delle metropoli nordamericane, il chiaro di luna sull'Hudson al nastro d'asfalto di un'autostrada del Michigan. Una linea sottile di rabbia, ambizioni, fantasia, sofferenza, che, come un romanziere di razza, Donny Mccaslin intercetta e immette nel suo jazz a tinte forti, specchio di un'America vitale ma insofferente. Un'America cui non manca il saper guardare le stelle, che per magia si avvicinano negli omaggi a David Bowie (con cui McCaslin ha collaborato in Blackstar). Da queste premesse, scaturiscono due set dove il sax di McCaslin si muove su virtuosismi urbani, a riprodurre lo stridio del traffico, le sirene della polizia, per poi elevarsi verso le luci dei grattacieli, su e giù lungo il registro acuto toccando lievi distorsioni. Un sax che è un'elegia urbana modulata su eccitazione e sentimento, a metà fra The Howl di Ginsberg e i paragrafi allucinati di Ellis, un'elegia che scalda il sangue nelle vene e aumenta il battito cardiaco, sviluppando una tensione latente anche grazie ai frequenti dialoghi con l'elettronica di Lindner, che aggiunge elementi di ruvida concretezza dell'architettura urbana. La batteria di Wood è il cuore pulsante dell'America contemporanea, costantemente affiancata dal basso elettrico di Closey.

L'atmosfera non è però scontata, perché So angry è introdotta da una romantica linea di pianoforte, cui si affianca il meditato sax di McCaslin che avanza sul registro grave; si torna alla consueta concretezza urbana, quando il pianoforte prende corpo, e la batteria passa a un dinamico 3/4. Queste inflessione poetiche dei brani, apportano alla serata momenti di straniante sospensione, atmosfere simili ai voli delle api di Salvador Dalì. Perché il jazz è arte, è colore, e Nate Wood alla batteria sembra impugnare le bacchette come Rothko impugnava il pennello, spandendo nell'aria metaforiche campiture rosse e gialle.

Worse Hour
è aperta da un dialogo di sax ed elettronica dalle oscure atmosfere preraffaellite, quasi un'elegia per un suicidio nei boschi del New England, quando la campagna di metà ottobre brilla per il rosseggiare degli aceri campestri. Wood sostituisce una spatola a una delle bacchette, e pizzica le percussioni con metallica dolcezza. Nella seconda parte, il brano subisce un'accelerazione: Lindner al pianoforte spazia su tutto il registro cromatico, mentre il sax è un volo di rondine sugli Adirondack.

"Con questa roba, ti ci puoi fare un'overdose". Sembra quasi di sentirli, Jean-Michel Basquiat e Charles Bukowski che si scambiano un parere nell'intervallo, mentre ad occhi chiusi ripensano le note di questo jazz contemporaneo strutturato come un romanzo che include la tenerezza di David Foster Wallace, l'allucinatezza urbana di Bret Easton Ellis, la sofferenza di Tennesee Williams, la rabbia di Allen Ginsberg, e che non sarebbe dispiaciuto a Pier Vittorio Tondelli, leggendario cantore della Bassa degli anni Ottanta.

Il secondo set è introdotto da 54 Cymru Beats, cover da Aphex Twin, è caratterizzata in apertura da un a solo di sax sullo stile "sregolato" di Coleman Hawkins, inserito però nelle atmosfere progressive già immaginate da Twin. Domina l'aggressività della batteria, accompagnata nota per nota dall'elettronica, mentre il sax rientra nei ranghi con passaggi minimalisti.
Ma a caratterizzare la seconda parte della serata, i due omaggi a David Bowie, ancora senza un titolo ufficiale, ma splendidamente intensi per le emozioni che suscitano. Due brani leggermente influenzati dal pop, comunque non scevri di spigolosità urbana, e caratterizzati da intensi dialoghi fra la batteria e l'elettronica, mentre il sax interviene quasi in punta di piedi.

In chiusura, Midnight Light, il cui titolo è stato ideato dalla figlia settenne di McCaslin; un brano lunare, meditativo, caratterizzato da un sax sui toni gravi, supportato da un caldo pianoforte minimalista ma efficace, e da una batteria cadenzata, incentrata sulle percussioni. Un brano che contrasta fortemente con i precedenti, ideale chiusura di un concerto fortemente coinvolgente, all'insegna di un jazz innovativo, specchio di un'epoca e di una Nazione, intriso di rabbia e di poesia, di commovente bellezza e di nostalgia.






Articoli correlati:
14/03/2017

Ben Wendel Group: "...un jazz elegante, capace di proporre interessanti soluzioni melodiche e ritmiche, con incursioni nel rock e nell'indie, senza tralasciare l'America Latina..." (Niccolò Lucarelli)

13/12/2015

Bennie Maupin Quartet: "Il jazz di Maupin è un libro aperto su una varietà di culture e suggestioni, oscillando dalle radici afroamericane al free, dal bebop all'hard bop." (Niccolò Lucarelli)

21/12/2014

Alessandria Jazz Club - Rassegna Musica Jazz dedicata a Piero Brancolini: "Una più che discreta rassegna con una punta di eccellenza e l'apprezzabilissima volontà di dare spazio a promesse locali." (Andrea Gaggero)

20/07/2014

Südtirol Jazz Festival 2014: "Dedicato alla Francia, ha consentito di ascoltare una grande quantità di validissimi musicisti d'oltralpe, testimonianza di una scena vivace e artisticamente rilevante." (Vincenzo Fugaldi)

07/01/2014

The Framers (Phil Mer, Andrea Lombardini)- Enzo Fugaldi

16/03/2013

New Life (Antonio Sanchez)- Vincenzo Fugaldi

04/06/2012

"Un suono caldo ed espressivo, oltre che una tecnica improvvisativa imprevedibile e articolata, segno di un pensiero musicale agile e estremamente maturo." (Gabriele Prevato)

06/05/2012

"...la musica scorre fluida e a volte si ha l'impressione di ascoltare un'orchestra...un disegno compositivo estremamente raffinato che spazia nelle molteplici influenze..." (Viviana Falcioni)

02/04/2011

Omer Avital, Jason Lindner, Jeff Ballard trio: "Le introduzioni avanguardiste del trio, creano atmosfere sospese: corde pizzicate del piano, il frusciare dei fogli sui martelletti, note "stirate" del contrabbasso, il suono di piccoli strumentini, un tamburello e il vibrato dei suoi cimbali suona aggrappato allo Hi-Hat per poi esaurire il suo compito. Ogni strumento ha modo di sperimentare trame armoniche e sonorità originali, tante idee del piano per un supporto stilistico estremamente moderno." (Viviana Falcioni)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 745 volte
Data pubblicazione: 16/04/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti