Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Eddie Lang Jazz Festival
I Bassisti
Marcus Miller - Richard Bona - Dario Deidda
Agosto 2005, Giardini Castello Pignatelli – Monteroduni
di Antonio Terzo
foto di Alessia Scali

Marcus Miller, Richard Bona e Dario Deidda: ben tre bassisti si sono alternati sul palco dell'Eddie Lang Jazz Festival 2005 di Monteroduni, giunto alla sua edizione numero quindici e quest'anno diretto da Gegè Telesforo. Nato per onorare la memoria di un grande chitarrista che pochi sanno essere oriundo italiano, la direzione artistica ha voluto quest'anno allargare al mondo delle quattro corde, che comunque tanto deve, in spunti e altro, anche ai maestri della chitarra jazz.

Si ferma ad aprire il festival l'1 agosto, nell'ultima tappa del proprio tour italiano, Marcus Miller, bassista afroamericano noto per aver influenzato non poco, con la propria conoscenza del sintetizzatore e delle tastiere, alcune delle ultime pubblicazioni di Miles Davis.

Avvio elettronico su cui pulsano i nitidi beats di Poogie Bell alla batteria, Michael "Patches" Stewart alla tromba elettronica, Miller entra in scena dopo la band e giusto per scaldarsi suona in "slap" un'eruzione di note, da solista, doppiato in risposta prima dalla chitarra elettrica di Dean Brown – unico bianco della compagine – quindi dal sax tenore di Keith Anderson: il brano è Bruce Lee, l'assolo del bassista di Brooklynn offre una buona sporta di spingente funky, frasi cantabili sul riff ellittico, pastoso il suono, duetta con il sax e le infra-pulsazioni affondano come pugni allo stomaco; sopra, il manto sonoro delle tastiere di Bobby Sparks. Felice la rivisitazione di Boogie on reggae woman di Stevie Wonder, stravolta dallo stile elettro-funky del bandleader che recita il tema sull'ottava alta del proprio strumento: ritornello all'unisono con chitarra – Brown fra tutti appare il più pop-rockettaro – mentre più funkeggiante invece è il sax tenore. Poderoso il pedale conclusivo del basso, un chorus intero per lo strumento synth di "Patches" [un EVI 1000, fiato dell'AKAI, la cui diteggiatura riproduce per posizioni quella della tromba, e che grazie ad un cursore girevole emula i differenti modi di emissione labiale e relativi salti di quinta, n.d.r.] e chiusura con break di Bell. Troppo lunga e di certo meno incisiva la Moonlight Sonata - "Sonata al chiaro di Luna" di Beethoven, una lettura soft funky anni '70 con tutti gli strumentisti che ne improvvisano almeno un brandello; mentre di gran lunga più riuscita è la riproposizione di Little Wings di Jimi Hendrix, suono fluido di Stewart al flicorno, tese le corde del bassista che, sul pompato timing di Bell, si porta alla consolle – sostituito momentaneamente al basso da Big Doug Epting – e comincia a dare di "scratch", passando poi ad un grandioso assolo, il più penetrante della serata, seguito da notevoli sezioni dei fiati a sostegno della chitarra. Polistrumentismo spinto sul 3/4 di Mad on my mind, note elettriche al piano su cui Miller imbocca il clarone, felpato e felino, per poi lasciare il turno al suadente tenorsax ed ai riverberi del flautato AKAI di Stewart, quindi il titolare adesso sul basso a cinque corde. Ancora un funky che il pubblico prende a ritmare seguendo l'elegante drumming di Bell, Miller sugli armonici e poi su stretti battiti di crome, tanto rapidi che sembra non toccare il manico del basso, poi il dialogo con la tromba sordinata, troppo tagliente per il tipo di brano, e sotto, il batterista rotola sempre di fino. Piuttosto blandizia la lettura di Caruso del nostro Dalla da parte di Stewart; e successivamente, predisposto un altro giro di basso, Miller si propone anche come cantante, voce "nasal-funky" ma per niente incisiva – lo preferiamo senz'altro come strumentista –, "Patches" lo asseconda al flicorno, nitido e tondo, infine il saxtenore, il cui crescendo è enfatizzato dalle tastiere.

Dal cd Sunrise, Frankenstein, ennesimo funky, il cui inciso trasporta tutti i musicisti fino all'ultimo brano della scaletta ufficiale, coreografato anche da un loro balletto ironico e scanzonato. Inevitabile che alla richiesta di Poogie Bell "Do you want more?" la platea risponda positivamente, scatenando il bis con Silver rain su cui il nostro si cimenta – ahinoi! – ancora alla voce (con cori purtroppo pure campionati): finale dunque poco consequenziale rispetto ad un concerto che con mestiere è stato strutturato su un solco funky, con giuste concessioni all'istantaneità jazzistica. Il pubblico d'altronde è rimasto soddisfatto dal movimentato groove che Miller, da vecchia volpe, ha saputo portare all'Eddie Lang Festival di Monteroduni.

Dal canto suo, ha perfettamente risposto alle attese il concerto del 4 agosto di Richard Bona, bassista e vocalist di nuova generazione, all'attivo già raggianti esperienze con il Syndicate di Zawinul ed il Pat Metheny Group, nel quale è succeduto a Mark Ledford e Pedro Aznar, mantenendo ed arricchendo il tipico sound "vocalistico" che caratterizza albums ormai "classici".

Fra i brani iniziali, un'accattivante Birdland, celebre successo dei Weather Report dello stesso Zawinul – nonché di altri nomi altrettanto altisonanti, quali Shorter e Pastorius – caratterizzata da un passo ritmico accelerato che mette immediatamente in luce le capacità strumentali dei giovani componenti della quartetto, non eccelse ma in perfetta coerenza sinergica con il concept del bassista: lo sfavillante Aaron Heick al sax, Etienne Stadwijk alle tastiere, Stephane Vera alla batteria ed il poliritmico Samuel Torres alle percussioni. Nonostante l'illustre citazione d'apertura, il concerto si attesta infatti sulle sonorità più proprie e tipiche del contrappuntista cameroonense, quelle cioè legate alle sue radici, ai griots della sua terra, i cantastorie della sua cultura, agli story-telling, le loro tradizionali narrazioni di vita, che se anche non si comprendono nell'espressione idiomatica – l douala – riescono comunque a condurre per mano l'ascoltatore ad una tradizione musicale così lontana ma nel contempo primigenia ed interiormente coinvolgente, semplicemente mediante spaccati sonori della sua Africa: Engingilaye, ed il soprano ne fa propria l'introduzione, vivacissima, fresca nei colori, delicata nei vocalizzi del nostro, che canta in alternanza a vigorosi stacchi di tastiera e del gruppo. Poi il disegno del basso, Bona comincia a ripetere giocandovi intorno con leggere variazioni, e su di esso le tastiere di Stadwijk che si producono in un poetico assolo, sopra le speziate percussioni di Torres, un portento nel suo numero con gli shakers, ed anche ai tom. Interessanti dinamiche emergono anche nei brani successivi, con pianissimo alternati a poderose ed improvvise irruzioni della tastiera e dell'ensemble tutto, fra cui si fa notare lo stile personale del sax soprano: in Bisso Baba il pubblico viene trascinato dalla simpatia del giovane bassista, dalle sue battute sul forte vento che imperversa sul palco (creando non pochi problemi ai microfonisti) e dal coinvolgimento nell'esecuzione in cui chiama in causa con differenti vocalismi – "mám-bó" – prima tutte le donne, poi solo quelle oltre i 40 anni – generando il più assoluto silenzio! – quindi gli uomini, e via così… Incantevole Ekwa Mwato, andamento rilassato che si trasforma in latin arricchito dai "montuno" della tastiera e da fiati sintetizzati che svisano su Qui sas, Qui sas, Qui sas, con ritmo frastagliato dalle sincopi di Vera. Episodio particolarmente emozionante DinaLam, voce quasi angelica, disturbata ancora dal vento, sax soprano stavolta troppo melenso, larghi i paesaggi percussivi di Torres, con basso-synth che suona quasi su un'onda sinusoidale. Ultimo pezzo, un funky "slappato" sul cinque corde – forse Djombwe – struttura leggera, metro energico e potente, sicuro e deciso per trascinare i presenti fino ai primi, fittizi, saluti.

Intirizziti dal freddo soffiato dal vento, si avviano a concludere il piacevolissimo concerto, con un bis a richiesta: un assaggio di Sweet Mary, con le poche parole che Bona ricorda, poi Dipita appena accennata, quindi un ritmo salsa dove spicca ancora un generoso intervento del sax, e la carica vitale del giovane Bona, trasfusa al resto dei compagni di scena. Un'esibizione che ha portato un campione di musica lontana, che per la grazia della voce di Bona e la profondità delle sonorità che essa riesce a creare, confermano il bassista africano come uno dei musicisti più interessanti della scena giovanile internazionale.

Unico appuntamento italiano sul palco centrale dei Giardini Castello Pignatelli, il bassista salernitano Dario Deidda presenta il suo ultimo lavoro discografico, con un variegato concerto che non si limita a sciorinarne asetticamente i titoli, ma lascia ampi spazi ad estemporanee trovate musicali e di spettacolo. Dopo l'introduzione di Gegè Telesforo, che lo saluta come uno dei più grandi bassisti contemporanei, Deidda entra da solo ed avvia al basso una tessitura che un sampler provvede a ripetere ciclicamente, sulla quale prende ad armonizzare per triadi, in modo così naturale da non apparire quel virtuoso di gran gusto che invece è, due qualità – gusto e virtuosismo – non facili da trovare in un unico musicista. E da quel disegno ritmico, percuotendo con le mani i pick-ups e controllando l'altezza del "rumore" attraverso lo sfregamento di un accendino sulle corde, creata in tal modo la base ritmo-armonica, improvvisarvi sopra è – per lui – semplice allenamento… Durante i tre minuti di assoluta solitudine i presenti lo seguono praticamente rapiti, e dopo un veloce richiamo alla beatlesiana Eleonor Rigby, è sempre il suo basso che immette nel vivo del successivo pezzo, Mr. Brown's Brownies, in omaggio a Ray Brownie, uno dei maestri della chitarra: un blues a striature funky cui prendono parte in un gradevole call-and-response il sax del fratello Alfonso Deidda, la chitarra di Fabio Zeppetella e la batteria di Marcello Surace, nel frattempo saliti sul palco. Interessanti i rimandi fra chitarra e basso, le cui corde, suonate nelle ottave più acute, sembrano non finire affatto dove cominciano quelle del compagno. Segue Tangario, con accenti inevitabilmente tangheri ed efficace infusione di ironia, fra sfumature jazz ed ombre mediterranee. Molto ben congegnata la tango-cadenza della batteria, luminoso il tracciato solistico di Deidda senior, che nonostante qualche sbavatura nel bilanciamento del volume del piano, regge da solo, fra bassi e armonia, tutto l'assolo della chitarra, anch'esso nitido per costruzione ed esecuzione. A seguire, il lento reggae eponimo del cd, tema dondolante "alla giamaicana" ma intriso di lirismo e d'un tocco di sensualità istillato dal piano: ed in linea, un seducente pizzicato del bassista sul registro più grave. Quindi Drugs Market Dance, 6/8 che coinvolge percussivamente chitarra, basso e marimbe sulla tastiera, quindi un tributo a Django Reinhardt con la celebre Nuages in un pregevole arrangiamento di Zeppetella, dove è ancora il periodare di Deidda a risultare quanto di più fine possa ottenersi da un basso, frutto della particolare combinazione fra il vecchio Fender e le corde artigianali ormai da tempo in dotazione al nostro.

Nella fase più spettacolare entra in scena Telesforo, cantando in vocalese The Sidewinder (dal primo album Gege & Boparazzi) scritta da Jon Hendricks e Lee Morgan, incontenibile il solo del "piccolo" Deidda, wha-wha sulla chitarra per Zeppetella, poi All small Blues, protagonista Dario Deidda in combutta con Gegè, prima quasi a sussurrare, poi ad estendere sempre più l'ampiezza e le scansioni del suo vocalizzo: ma è ancora nello spazio solistico del bassista salernitano che si assiste ad un fraseggio la cui puntualità ritmica e linearità di costrutto risultano davvero raffinate. Freedom jazz dance, Gegè – che per tutta l'esecuzione orchestra i colori delle dinamiche – canta funkeggiando, con obbligati all'unisono sax-basso-voce di inusitata sincronia, e cita nel suo assolo la milesiana Jean Pierre. Pressoché sul medesimo ritmo, a seguire lo scatter sorprende in Man and the Machine, brano vocalistico in cui contemporaneamente emula batteria e linea di basso, grazie all'ausilio di un "octaver" che sprofonda la sua voce all'ottava inferiore: e dall'ansimare a tempo del suo scat scaturisce un ironico "amplesso ritmico". Imprescindibile l'epilogo di bis, introdotto da un divertente racconto di Telesforo sul rientro del musicista nella sua camera d'albergo dopo lo spettacolo, e sullo sfondo parte Fever, voce quasi in falsetto, molto bluesy, accattivanti gli ammiccamenti sull'organo di Alfonso Deidda. Quindi Gegè introduce Carlo Atti, saxtenorista mattatore delle nottate post-concerto in piazza Municipio – in cotitolarità con il chitarrista Emanuele Basentini, in quintetto con Pietro Lussu al piano, Pietro Ciancaglini al contrabbasso, Lorenzo Tucci alla batteria – che insieme al vocalista ingaggia un irresistibile e gustoso Mumbles, tutto sviluppato su una specie di mugugno inventato da Clark Terry negli anni '50 e pur esso fissato nel già citato disco. E su questo ultimo pezzo, l'entusiasmo del pubblico è alle stelle.






Articoli correlati:
11/10/2015

Optics (Alice Ricciardi)- Alceste Ayroldi

14/06/2015

Intervista a Greta Panettieri : "...tutto parte dalla scoperta di una grandissima passione, perchè da lì ho iniziato a scoprire il jazz con la foga dell'adolescenza, a gran velocità." (Laura Scoteroni)

11/04/2015

Intervista a Max Ionata: "Improvvisare non vuol dire arrangiarsi. Improvvisare è una cosa molto seria, molto ben organizzata per poter uscire e scavalcare anche i problemi musicali in maniera agile." (Laura Scoteroni)

17/11/2013

Newport Jazz Festival - 59ma Edizione: 59ma Edizione di un festival caratterizzato dagli 80 anni di Wayne Shorter e che ha visto sul palco artisti come Chick Corea, Herbie Hancock, Marcus Miller, Esperanza Spalding, Terence Blanchard...(Cristiana Corrado)

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

10/03/2013

Rava On The Dancefloor (Enrico Rava and The Parco della Musica Jazz Lab)- Alceste Ayroldi

09/02/2013

XV Padova Jazz Festival: "Ad un deludente David Murray and The Black Saint Quartet si contrappone l'interessante e godibile Rava on the Dance Floor" (Giovanni Greto)

16/08/2012

"...la classe del chitarrista americano ha contagiato e resa attentissima la numerosa platea proponendo un sound totalmente coinvolgente." (Vincenzo Rizzo)

24/06/2012

Marcus Miller - Renaissance, all'Auditorium Parco della Musica. Il celebre bassista di Brooklyn, nel segno di Miles, si contorna di giovani straordinarie menti creative inserendo così una nuova linfa propulsiva alla musica e alle composizioni. (Daniele Camerlengo)

26/02/2012

Sempre per la attenta direzione artistica di Paolo Damiani, il festival ha portato nel profondo sud dell'Italia continentale una nutrita serie di validissimi musicisti. (Vincenzo Fugaldi)

08/10/2011

51a Jazz a Juan, dedicata a Miles Davis: "Bitches Brew Beyond", una Allstar band con Wallace Roney alla tromba e formata tutta da grandiosi musicisti che hanno collaborato con Davis, "Tribute To Miles" di Marcus Miller con Herbie Hancock, Wayne Shoreter, Sean Jones e Sean Rickman e l'immarcescibile trio di Keith Jarrett, Gary Peacock e Jack De Johnette. (Gabriele Prevato)

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

06/03/2011

Inspiration (Max Ionata Quartet Feat. Fabrizio Bosso) - Alceste Ayroldi

26/02/2011

Intervista a Marcus Miller durante l'ultima tappa del tour "Tutu Rivisited", omaggio a Miles Davis, al Blue Note di Milano (Eva Simontacchi)

17/10/2010

I grandi pianisti Jazz: Un mini festival per celebrare il jazz pianistico. Di sicuro si è sentita bella musica, molto varia, essendosi avvicendati sul palco due nuovi giovanissimi talenti (Vincenzo Danise ed Enrico Zanisi) e due solidi jazzisti (Dave Kikoski e Antonio Farao'). Prima della musica un'ardita introduzione del critico d'arte Vittorio Sgarbi con un parallelismo tra il jazz e una certa arte figurativa contemporanea passando dal cubismo per arrivare alla "action painting". (Daniela Floris)

26/09/2010

Afternonon Song (Sivia Manco) - Marco Buttafuoco

25/07/2010

A Night in Montecarlo (Marcus Miller)- Roberto Biasco

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

20/12/2009

European Jazz Expo. International Talent Showcase. "L'imperdibile appuntamento cagliaritano, in un novembre piacevolmente scaldato dal sole, presentava come ormai ogni anno dal 2004 i suoi numeri da sogno, con 9 sale, oltre 200 artisti coinvolti per più di 50 concerti, con il consueto grande e meritato successo di pubblico." (Enzo Fugaldi)

28/11/2009

Venezia Jazz Festival 2009: Ben Allison Quartet, Fabrizio Sotti trio, Giovanni Guidi Quartet, Wynton Marsalis e Jazz at Lincoln Center Orchestra, Richard Galliano All Star Band, Charles Lloyd Quartet, GNU Quartet, Trio Madeira Brasil, Paolo Conte e l'Orchestra Sinfonica di Venezia, diretta da Bruno Fontaine, Musica senza solfiti del Sigurt�-Casagrande Duo...(Giovanni Greto)

22/11/2009

Tall Stories (Jazzlife Sextet) - Marco Buttafuoco

14/11/2009

Richard Galliano Quartet con Gonzalo Rubalcaba, Richard Bona e Clarence Penn al Barletta Jazz Festival. "...una certa stanchezza espositiva ed un marcato accademismo, seppur dall'alto di una classe indiscutibile." (Alceste Ayroldi)

19/09/2009

Intervista a Raphael Gualazzi: "Credo che l'innovazione debba partire sempre e comunque dalla conoscenza della tradizione. Tradizione che può anche essere messa in discussione, ma solo dopo che la si conosce." (Fabrizio Ciccarelli)

17/09/2009

Big Neighborhood (Mike Stern) - Marco Losavio

27/07/2009

Two Parallel colours (Eddy Palermo Antonio Onorato)- Cinzia Guidetti

26/10/2008

Venezia Jazz Festival e Veneto Jazz Summer: "Abbiamo notato come, in genere, i grandi nomi spesso deludano le aspettative e come certi progetti probabilmente siano forme studiate a tavolino da manager e produttori scaltri e navigati che cercano di spremere il nome consolidato, sicuri che egli sia capace ancora di radunare un folto pubblico." (Giovanni Greto)

14/08/2008

Dallo swing al funk per la 6° edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival 2008 con l'intensità di Kekko Fornarelli insieme a Rosario Giuliani, la tranquilla andatura dei Manhattan Transfer, la scherzosa (e sacra...) musica di Lino Patruno e l'incendiaria forza di Marcus Miller: 4 serate all'insegna della musica di qualità con un pubblico che ha sempre riempito la piazza della Reale Basilica di Capurso. (Marco Losavio)

10/08/2008

Jazz in Parco XI Edizione "Oltre il Jazz": "Allargare gli orizzonti, spingere un po' più in là il confine costituito dalla consuetudine e della tradizione. Andare un passo oltre il Jazz più tradizionale nei colori e nel linguaggio, mantenendo però un altissimo livello musicale, di spettacolo e di arte...." (Luigi Spera)

23/02/2008

Love and other contraddictions (Gegè Telesforo Groovinators)

02/11/2007

Jazz a' Juan 2007: "Il programma interessante e variegato di proposte musicali interpretate da alcuni dei gruppi più degni di nota nel panorama mondiale ha suscitato apprezzamento e consenso tanto da garantire il "tutto esaurito" ogni serata..." (Bruno Gianquintieri)

08/07/2007

L'urklang della Salerno Jazz Orchestra: "La neo-nata formazione che ha debuttato al teatro Verdi mercoledì sera 9 maggio 2007, in assenza del sindaco Vincenzo De Luca, ha ricevuto la benedizione del contrabbassista Giovanni Tommaso." (Olga Chieffi)

09/12/2006

America Latina…el Vije (Grupo El Poncho Orquesta Chirimia)

07/12/2006

Daniele Scannapieco, Julian Oliver Mazzariello, Dario Deidda, Amedeo Ariano a Terni Jazz Winter 2006 (Francesco Truono)

01/09/2006

"Linguaggio Universale" , la gallery di Francesco Truono su Umbria Jazz 2006.

18/06/2006

Intervista a Gerardo Palumbo die Cuban Stories: "...la scuola salernitana di Jazz, Cuba, e un destino da musicista..." (Massimiliano Cerreto)

18/01/2006

3 From The Ghetto (Dario Deidda)

10/12/2005

Salerno Liberty City Band (Salerno Liberty City Band)

27/09/2005

I concerti dei Chitarristi dell'Eddie Lang Jazz Festival 2005: Biréli Lagrène, John Abercrombie e Eivind Aarset

16/09/2005

Intervista a Marcus Miller: "...Mi piace ascoltare una grande varietà di generi e stili diversi, e magari prendere un po' qui e un po' là, prendere un po' di tutto per vedere se posso contaminarlo con il jazz..." (Eva Simontacchi)

15/09/2005

Silver Rain (Marcus Miller)

06/09/2005

Intervista a Gegè Telesforo: "...credo che il jazz, a parte la crescita di alcuni musicisti americani, inglesi, italiani all'estero, viva però un momento di stallo creativo, sembra giri un po' su sé stesso..." (Antonio Terzo)

19/06/2005

Master Class di Marcus Miller al Blue Note: "...il 10 aprile 2005 si è tenuto presso il Blue Note di Milano il Master Class di un'icona del basso elettrico Marcus Miller. Il pomeriggio ha visto riunirsi intorno a questa grande occasione numerosissimi ragazzi e ragazze, la maggior parte con basso alla mano, ansiosi di vedere il nostro musicista all'opera accompagnato dalla propria sezione ritmica..." (Michelangelo Flammia)

11/03/2005

Cuban Stories (Cuban Stories)

21/01/2005

Mike Stern a Palermo per Jazz al Metropolitan: "...un concerto interpolato dal virtuosismo dei musicisti, sullo sfondo imprescindibile di una cifra spiccatamente fusion, nel senso ormai più "convenzionale" del termine..." (Antonio Terzo)





Video:
Miles Davis Interview (Italian TV 1989).wmv
Miles Davis interviewed by Gege' Telesforo for the Italian music TV show "DOC"...
inserito il 02/11/2011  da renato16able - visualizzazioni: 3178
Enrico Rava Quintet Standards "I'll Close My Eyes" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "I'll Close My Eyes" (Buddy Kaye / Billy Reid) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de&#...
inserito il 16/12/2010  da renato16able - visualizzazioni: 3510
Enrico Rava Quintet Standards "Autumn Leaves" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "Autumn Leaves" (Joseph Kosma) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnr...
inserito il 15/12/2010  da renato16able - visualizzazioni: 3466
Enrico Rava Quintet Standards "Doxy" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Doxy (Sonny Rollins) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico Rava trumpet,Din...
inserito il 05/12/2010  da renato16able - visualizzazioni: 3484
Enrico Rava Quintet Standards "Scrapple From The Apple" - Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Scrapple From The Apple (C. Parker) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico R...
inserito il 04/12/2010  da renato16able - visualizzazioni: 3561
Enrico Rava Quintet Standards "Poinciana" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "Poinciana" (Nat Simon - Buddy Bernier) excerpt, brano popolare, conosciuto in molte versioni, tra le indim...
inserito il 03/12/2010  da renato16able - visualizzazioni: 3405
Miles Davis - The Last Performance - Jazz à Vienne 1991 (Official)
Directed by : Patrick SaveyExclusive -- The last Miles Davis with his band filmed concert, on 1991 July 1st. Filmed at the Vienne Roman theater, feat ...
inserito il 29/11/2010  da Zycopolis - visualizzazioni: 2791
Alexander Platz Jazz Club
Fabio Zeppetella -guitarDario Deidda -bass Aruan Ortiz -piano Young Italian jazz talent Matteo Fraboni -drums...
inserito il 01/11/2009  da masmella - visualizzazioni: 2437
Marcus Miller - So What (Live)
Marcus Miller performs live playing a Miles Davis classic, So What....
inserito il 28/06/2008  da tonchi2a - visualizzazioni: 3000
Groovinators Umbria jazz 2006
Mother Tongue (Telesforo-Sidran-Peterson) Teatro Pavone di Perugia 13 luglio 2006, Gegè Telesforo vocal, Dario Deidda bass, Alfonso Deidda sax-ke...
inserito il 14/05/2008  da masaboba - visualizzazioni: 2657
Miles davis & Marcus miller - mr pastorius
video do miles davis & marcus miller - mr pastorius mtv jazz...
inserito il 18/07/2007  da masaboba - visualizzazioni: 3225
Marcus Miller - Scoop
Just a great video i got with Marcus Miller playing the tune Scoop. The great thing about it is that he playing it by himself, with no band. I love th...
inserito il 02/03/2007  da Messsiah25 - visualizzazioni: 2340


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 15.942 volte
Data pubblicazione: 02/10/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti