Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Edmar Castaneda Trio
Sovrano Festival 2006, Alberobello 18 agosto 2006
di Marco Losavio
foto di Michele Stallo

 


18 agosto 2006 - Edmar Castaneda Trio - Piazza del Trullo Sovrano, Alberobello (BA)

Il Sovrano Festival, giunto alla quarta edizione, con la direzione artistica di Michele Stallo, si presenta anche quest'anno con un cartellone nel quale predomina l'interazione tra stili e radici differenti. Pino Iodice, Naseer Shamma, Pietro Iodice, Francesco Angiuli, Tommy SmithNell'edizione 2005, l'incontro tra Pino Iodice e Naseer Shamma ha fornito gli elementi di una collaborazione che ha mostrato i suoi primi risultati nel concerto di apertura del 16 agosto. Pino Iodice con Francesco Angiuli al contrabbasso, Pietro Iodice alla batteria, il sassofonista scozzese Tommy Smith e, appunto, Naseer Shamma all'oud hanno offerto le prime quasi embrionali note del progetto Sinbad 9/11 che punta ad unire due orchestre, una occidentale ed una araba, per un musical nel quale si incontreranno tutte le arti. La freschezza dei brani originali composti per l'occasione dai vari membri della band, supportata da un rilevante spessore storico-culturale, ha fatto ascoltare qualcosa di nuovo o, quantomeno, un inizio verso qualcosa di nuovo, una commistione tra jazz mediterraneo e maqam iracheno affascinante che può portare nuova linfa alla musica di entrambe le due culture.

Il concerto che andremo a raccontare è l'ultimo previsto nel programma 2006. L'ospite, portato alla ribalta in Italia dallo staff di Umbria Jazz, si chiama Edmar Castaneda. E' un arpista colombiano oggi cittadino statunitense residente a New York. La sua versatilità musicale gli consente di partecipare a concerti molto differenti nello stile come l'omaggio a Paquito d'Rivera con la sua orchestra, le reunion con jazzisti del calibro di John Scofield e perfino session hip hop dell'underground newyorkese. Appena terminato il concerto proprio con Scofield, Edmar e i fedelissimi Gilkes e Silliman, si imbarcano con un volo dell'Airlines per giungere direttamente da New York ad Alberobello, straordinaria cittadina pugliese, scenario del Sovrano Festival...

Venerdì 18 agosto 2006, ore 9:45, il volo da New York giunge a Bari in orario e dopo un po' d'attesa Edmar Castaneda, Marshall Gilkes e David Silliman escono con i loro bagagli. L'arpa, ovviamente, spicca in modo particolare ma...un bagaglio, di Silliman, non è arrivato...fortunatamente non son ole sue percussioni! Dopo una estenuante procedura per la denuncia al Lost & Found ci incamminiamo verso Alberobello. Edmar, nonostante il fuso orario, si mostra loquace e curioso del paesaggio pugliese, attratto in particolare dagli inconfondibili ulivi secolari. Si parla della musica a 360°, del fatto che gli interessi tutto dal funk al jazz, dal latin all'hip hop, inclusa la musica tradizionale dei paesi latini come Argentina, Brasile, Cuba, Venezuela...
Giunti ad Alberobello, alla vista dei Trulli, Edmar esclama un "wow!" e dice che gli sembra un paesaggio da cartone animato...bisogna dire che lui come personaggio è perfetto...La direzione del Sovrano Festival ha riservato per loro un trullo esclusivo nel mezzo della città antica e posizionato su uno dei punti più alti. La cosa attrae molto il nostro simpaticissimo Edmar il quale, si rivelerà anche un eccellente ballerino di salsa!
Nel frattempo, nell'altra auto, Marshal Gilkes, che parla anche l'italiano, si confronta sulle ricette tipiche dato che è un amante della cucina ed un promettente cuoco!

La serata prevede un primo momento di solo guitar eseguito da Antonio Onorato e dedicato alla memoria di Gianpiero De Santis, assessore del comune di Alberobello e consigliere Provinciale, scomparso tragicamente a luglio e, insieme al direttore artistico Michele Stallo, principale sostenitore del Sovrano Festival sin dalla prima edizione. Esibizione intensa quella di Onorato che ha il merito di riuscire a tradurre in musica dei sentimenti dinanzi ai quali solo il silenzio può essere giustificato.

La tensione sale e la musica frizzante del trio di Edmar Castaneda è attesa oramai da tutti. Edmar, acclamato dai numerosi presenti, imbraccia la sua Teresita (è il nome che egli ha dato al suo fedele strumento) e da il via ad un vero e proprio uragano musicale...

Il primo brano è Cuarto de Colores, titolo anche dell'album presentato proprio in questa occasione, che si mostra subito come una corroborante salsa, con incedere ritmico e armonico tipicamente latini, break mozzafiato e infiammanti soli. Il clima già caldo di suo (ci sono 32 gradi...) diventa ora incandescente e il pubblico accoglie così con un fortissimo applauso il primo pezzo del piccolo Edmar e dei suoi fedelissimi compagni.

Edmar, che parla al pubblico in spagnolo, presenta il brano successivo, Terzius, traditional colombiano con un mix di jazz, amore, passione...Il calore della melodia in un tourbillon di volteggi ritmici fa di questa composizione un altro autentico generatore di energia pura. Marshall Gilkes ammorbidisce la dinamica con un solo caratterizzato da un suono rotondo, con un timbro lievemente ovattato, poi Castaneda agguanta il testimone ed esplode in un crescendo di arpeggi, rasgueados provenienti dall'amore per il flamenco, ma addirittura suoni stoppati con prontezza di riflessi impressionante e corde slappate...L'improvviso silenzio provocato da un perfetto finale all'unisono, si rompe immediatamente per l'applauso e le incitazioni del pubblico presente.

Gilkes e Silliman lasciano il palco al solo Edmar che presenta Quinta Anauco, un waltz pescato dalla tradizione venezuelana e dedicato con tutto il cuore a chi gli ha dato il dono di saper "toçar" questo magico strumento, Dio. In questo brano eseguito da solo, Edmar sfodera un controllo dinamico stupefacente modulando in modo millimetrico il tocco e il sustain di ogni singola corda, ottenendo i cromatismi grazie ad una rapida e precisissima pressione della base delle corde e producendo degli armonici con i quali si conclude questo toccante ed intenso brano.

Gilkes e Silliman rientrano ai propri posti per un brano proveniente dalla cultura colombiana e riadattato dallo stesso Edmar, manco a dirlo, con vigorosi momenti funk, bossa, samba...Al termine, mentre Edmar accorda Teresita, Marshall intrattiene i presenti parlando in un quasi perfetto italiano del ... vino primitivo ... tipico "nettare" pugliese, evidentemente apprezzato a pranzo in modo particolare. Dopo Looking for dello stesso Gilkes, si passa ad una versione di Autumn Leaves latin che ricordano la salsa di Michel Camilo e Chick Corea. Un solo di trombone, stacchi all'unisono di Castaneda e Silliman fino ad una emulazione del suono della cuica brasiliana in chiusura del brano.

E' il preludio a Spain di Chick Corea. Un intro di trombone seguito da una risposta dell'arpa, dolce, melodica, con sfondo di "rumori" percussivi provenienti dalla natura del mondo ottenuti da Silliman finchè si avvia il celebre tema con i tre che snocciolano ancora unisono, break micidiali per poi lanciarsi nei soli sempre molto ben equilibrati tra melodia, virtuosismo e cambi dinamici.

L'approvazione da parte della platea pervade la piccola e suggestiva piazza del Trullo Sovrano e più di 450 presenti ringraziano applaudendo, inneggiando questi tre formidabili musicisti trainati dalla verve senza pari del piccolo grande Edmar, sempre sorridente e riconoscente.

Ma non è finita, il Sovrano Festival volge al termine pertanto si rende necessaria una chiusura di festa ottenuta facendo salire sul palco Antonio Onorato, Pino Iodice, Luca Pirozzi e Aldo Bassi per una jam infuocata. Il brano concordato è Obsession. Pochi scambi sono sufficienti per porre tutti sulla stessa lunghezza d'onda. I musicisti italiani non si fanno attendere e così Pino Iodice si inerpica in lungo e in largo sulla tastiera del rhodes, Antonio Onorato piroetta sulla fedelissima 175 blu con lo sguardo stupito di Marshal Gilkes, Aldo Bassi afferra immediatamente i colori della salsa improvvisando con un suono squillante e potente e Luca Pirozzi si ritaglia il suo spazio riuscendo ad alternarsi con i metronomici bassi di Castaneda. I soli si avvicendano, la musica gira, permea ogni angolo della piazza e passa attraverso la gente che non si è fermata un attimo di muovere il proprio corpo al ritmo di salsa. Come è immaginabile, al termine di questi 8 ultimi minuti, tutti in piedi a ringraziare e omaggiare gli autori di un concerto che rimarrà sicuramente nella storia di questo straordinario festival il quale ha il grande merito di fondere le culture del mondo attraverso l'espressione musicale di artisti che basano la loro musica sulle radici della propria etnia.

Ora sì, è finita, sono tutti sorridenti, un po' esausti, ma felici, pubblico e musicisti, un concerto in cui la musica ha trasmesso sane emozioni. Edmar Castaneda è un grande talento che oltre a rivelarsi un musicista di classe e di spessore, ha saputo esternare simpatia, cordialità, senso della fratellanza.

Plauso anche a Silliman e Gilkes in grado di interpretare questa musica arricchendola con tutti gli elementi necessari. Finalmente uno sprazzo di novità, un qualcosa che offre la speranza che la musica possa prendere delle direzioni innovative piuttosto che rimanere stantia sui canoni finora acquisiti e ancora fortemente associati ai grandi del passato dai quali, crediamo, saranno difficilmente scindibili anche nel futuro.

P.S. Il bagaglio di Silliman è stato ritrovato, Gilkes ha potuto scambiare qualche ricetta e Castaneda, insieme ai suoi compagni, ha saputo trasformare il paesaggio da cartone animato in una bellissima favola...








Articoli correlati:
26/01/2015

Sonata per luna crescente (Giuliana Soscia & Pino Jodice Duet)- Nina Molica Franco

25/10/2009

Giunto alla 29a edizione il Roccella Jazz Festival sotto il titolo "Rumori Mediterranei" propone quest'anno trenta concerti in undici giorni con i più grandi artisti della scena internazionale. Una rassegna itinerante partita da Reggio Calabria e che, toccando diverse località, si è conclusa nella sua città natìa Roccella Jonica con i consueti quattro giorni di musica e appuntamenti collaterali. (Vincenzo Fugaldi)

04/10/2009

Joe Baione Sextet, con Jorge Castro, Marshall Gilkes, Toru Dodo, Marco Panascia e Aaron Walker all'Iridium Jazz Club di New York. (Roberta E. Zlokower)

12/09/2009

Cala Gonone Jazz Festival, XXII Edizione con Edmar Castaneda, la Sun Ra Arkestra e il quartetto di Ben Allison: "Giunto alla ventiduesima edizione, il festival dell'incantevole località marina del nuorese, uno dei siti più affascinanti per chi ama il mare, ha proposto tre serate nel parco di villa Ticca, palazzina liberty concessa dai proprietari per ospitare i concerti, e una serata di danza presso il Nuovo Teatro Arena appena restaurato." (Enzo Fugaldi)

08/03/2009

Latitango (Giuliana Soscia & Pino Jodice, Italian Tango Quartet)

14/02/2009

Gotha 17 (Lusi / Masciari Quartet)

13/08/2008

High Tension (PJ5et Special Project )

28/01/2007

Argentina: escenas en big band (Javier Girotto, PMJO Parco della Musica Jazz Orchestra)

01/09/2006

"Linguaggio Universale" , la gallery di Francesco Truono su Umbria Jazz 2006.

16/08/2006

Intervista ad Edmar Castaneda: "Sicuramente non è stato facile emergere, vincere lo scetticismo iniziale anche di molti colleghi, ma alla fine ce l'ho fatta. Per me è stato molto importante, inoltre, suonare in un ambiente stimolante come quello jazzistico, e contemporaneamente poter recuperare le mie origini." (Alberto Francavilla)

19/12/2005

Maurizio Giammarco & Megatones: "...la proposta di Giammarco risulta essere meritevole di attenzione e approfondimento. Dalle sue composizioni si coglie quel sottile "fil rouge" che in qualche modo lega i due elementi apparentemente inconciliabili..." (Bruno Gianquintieri)

18/12/2004

Intervista a Cinzia Tedesco: "...Faccio jazz a tempo pieno da una decina d'anni, ma i primi tempi sono stati anni di studio, di confronto e di crescita con molti musicisti..." (M. Lombardi)

15/04/2004

Suspended (Pino Iodice Project)

28/12/2002

New Steps (Pino Iodice Project)





Video:
EDMAR CASTANEDA TRIO "Jesus de Nazareth"(harp solo) Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle (Ba)
Edmar Castaneda Trio, in Jesus de Nazareth, brano contenuto nell'ultimo lavoro discografico del virtuoso arpista colombiano,"Entre Cuerdas" ...
inserito il 02/04/2010  da nicolacoviello - visualizzazioni: 2151
EDMAR CASTANEDA TRIO "Cuarto de Colores" - Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle (Ba)
Edmar Castaneda Trio, in Cuarto de Colores , contenuto nell'ultimo lavoro discografico "Entre Cuerdas" (Between the Strings) del virtuoso ar...
inserito il 01/04/2010  da nicolacoviello - visualizzazioni: 2104


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.830 volte
Data pubblicazione: 13/09/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti