Jazzitalia - Io C'ero: Dave Holland Quintet
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Catania, Etnafest 2007
Dave Holland Quintet
5 luglio 2007, Anfiteatro "Le Ciminiere"
di Enzo Fugaldi
foto di Antonino Siragusa

Dave Holland – contrabbasso
Robin Eubanks – trombone
Chris Potter - sax tenore e soprano
Steve Nelson – vibrafono, marimba
Nate Smith – batteria

Nella stracolma e ventilata sede all'aperto dell'Anfiteatro "Le Ciminiere" di Catania, ancora un capitolo della pregevole stagione concertistica di Etnafest 2007: il 5 luglio è stata la volta di uno dei gruppi jazz più noti del momento, il quintetto del contrabbassista Dave Holland.

Holland vanta una splendida carriera musicale: protagonista alla fine degli anni ‘60 al fianco di Davis, ha poi sviluppato una lunga teoria di collaborazioni e un gran numero di progetti a suo nome, da dischi per contrabbasso e violoncello solo, a formidabili trii, quartetti e quintetti, fino alle più recenti esperienze per quintetto e big band.

Il gruppo esibitosi a Catania ha la medesima formazione presente sul più recente cd, l'eccellente "Critical Mass". L'ultimo arrivato - già dal 2003 -, il batterista Nate Smith, ha innanzi a sé una sfida pesante: non far rimpiangere il suo predecessore, Billy Kilson, un vero fuoriclasse. Smith, scoperto da Betty Carter e attivo anche nel settore del rhythm & blues e della black music, dimostra un buon affiatamento con gli altri componenti, e una solida tecnica e fantasia che lo rendono idoneo ad affrontare la sfida. Potter mostra da tempo pienissima maturità musicale, e affianca validamente Eubanks - che si conferma ancora una volta solista torrenziale, una vera forza della natura - in trascinanti duetti. Nelson è elemento centrale nell'economia della formazione, sostenendo armonicamente le composizioni, suonando poco la marimba – usata quasi esclusivamente per accompagnare e fornire colore ai brani - ma esibendo come sempre al vibrafono il suo fraseggio asciutto ed esente da inutili barocchismi. Il leader sostiene da par suo il lavoro dei colleghi, e si ricava spazi preziosi, introduzioni e assoli, esibendo una pronuncia chiarissima e un profondo senso della melodia e della costruzione architettonica.

Nella musica del quintetto si mescolano, fino a trovare una sintesi densa di pregnante classicità, buona parte delle influenze che hanno interessato Holland come comprimario o protagonista nel corso della sua lunga carriera: dalla creatività davisiana, all'esperienza free con i Circle, quartetto con Braxton, Corea e Altschul, alle collaborazioni con Steve Coleman, al proprio fortunato quintetto degli anni '80. Dietro tutto si cela una concezione orchestrale della musica che non può che farsi risalire al grande modello mingusiano, e costituisce probabilmente la vera forza e la profonda motivazione del successo e della creatività del gruppo, insieme al peculiare gioco di sonorità che si innesta fra i fiati e il vibrafono, al perfetto equilibrio fra scrittura e improvvisazione, alla prassi di eseguire due o tre assoli in contemporanea.

Il repertorio affrontato durante il concerto dal quintetto è ben conosciuto: si va da Ebb & Flo, da "Dream of the Elders", che vede Potter lanciarsi in un assolo di carica inesauribile al tenore, e si conclude su una libera e frenetica improvvisazione collettiva sulla coda del brano, al fortemente ritmato How's Never, da "Homecoming" del trio Gateway, con spazi per Nelson, scarno ed essenziale, Eubanks, con un lungo assolo di trombone, ricco di fantasia e verve ritmico-armonica, e Smith, che sfoggia inventiva e tecnica; ancora da "Dream of the Elders" The Winding Way, introdotto da un duetto trombone-sax soprano sostenuto dalla ritmica, con Potter che mostra una sonorità piena e priva di vibrato, seguiti da un assolo di vibrafono meditativo e assorto, costituito soprattutto da accordi, da un assolo del leader caratterizzato dalle consuete essenzialità, pulizia e semplicità e da una coda, ancora per i due fiati; e ancora Full Circle, una composizione di Eubanks contenuta nel più recente cd del gruppo, "Critical Mass", con spazi per Nelson, per un Potter forte e lirico e per il trombone; Amator Silenti, di Nelson, dallo stesso disco, brano d'atmosfera lenta e meditativa, tutto per vibrafono, con un'apertura in solitudine, poi sostenuto dal contrabbasso con l'archetto, e infine dai fiati, sfocia in una movimentata improvvisazione collettiva, che si stempera nella finale esposizione del tema; il conclusivo Prime Directive, dal cd omonimo inciso nel 1998, introdotto da un assolo del leader pieno di forza, intensità e cristallina chiarezza, si sviluppa sull'improvvisazione dei due fiati, che si rincorrono una simbiotica chase senza accompagnamento, che lascia senza fiato per sublime intensità, e si chiude su una coda fatta di stacchetti improvvisati, all'insegna del puro divertissement musicale, che vede scatenarsi la fantasia ritmica del batterista. Immancabile bis, richiesto a gran voce dal pubblico entusiasta, è Easy Did It, ancora dall'ultimo cd, dedicato alla popolazione di New Orleans colpita dalla tragedia dell'inondazione, una splendida occasione per una ultima felicissima improvvisazione collettiva di fiati e vibrafono.

A margine va ricordato che Holland ha presentato ogni singolo brano prima di eseguirlo in un inglese chiarissimo, con una palese dimostrazione di garbo, signorilità, simpatia, profondo rispetto per il pubblico.

      






Articoli correlati:
26/04/2015

Imaginary Cities (Chris Potter)- Enzo Fugaldi

22/06/2014

Pat Metheny Unity Group: "...un modo nuovo per Pat Metheny di forzare qualunque confine esistente nell'universo musicale e creare, insieme allo Unity Group, qualcosa di inedito e che toglie il fiato e obbliga i sensi ad abbandonarsi al piacere." (Nina Molica Franco)

06/04/2014

Intervista a Matteo Sabattini: "...bolognese, sassofonista, ci racconta la sua permanenza decennale negli States, il suo non facile rapporto con l'Italia, l'incisione dei suoi lavori discografici. Con tanta umiltà, rispetto per il jazz e immensa energia ancora da spendere. Ancora da ascoltare... " (Gianmichele Taormina)

03/05/2010

Lost In A Dream (Paul Motian Trio)- Gianmichele Taormina

24/04/2010

Multitude (Characteristic Pitches featuring Robin Eubanks) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

01/02/2009

Malene (Malene Mortensen)

09/11/2008

Pass It On (Dave Holland Sextet)

16/09/2008

Herbie Hancock ad Aosta: "Hancock è un artista che ha sempre affrontato le nuove esperienze musicali con entusiasmo, con gioia e freschezza quasi infantili, caratterizzate da quel suo sorriso realmente divertito mentre suona, quel sorriso di quando aveva poco più di 30 anni, come lo si vedeva anche nel celeberrimo film di Tavernier, Round Midnight. Lo stesso identico sorriso che ha ancora oggi, a 68 anni..." (Rossella Del Grande)

18/05/2008

Etnafest 08 - Black Is Beautiful...e non Solo, Ben Allison "Man Size Safe": "La caratteristica principale della musica di Allison è la grande capacità di catturare l'ascoltatore, e non solo quello più avveduto jazzisticamente, attraverso l'uso di melodie efficaci, armonie ben riconoscibili, ritmi contagiosi, il tutto condito da un evidente e sincero piacere di suonare, che attira il pubblico e lo coinvolge pienamente." (Enzo Fugaldi)

05/04/2008

Etnafest 2008: "Quasi uno stato dell'arte della musica afroamericana, la cui salute è assolutamente eccellente, come testimoniato dai tre concerti qui descritti: Dave Burrell Db3 guest Leena Conquest, William Parker's Inside the Songs of Curtis Mayfield, Joshua Roseman & Constellations" (Enzo Fugaldi)

23/02/2008

Mirror (Miles Okazaki)

17/06/2007

Sibongile Khumalo & The Jack Dejohnette Group Intercontinental nell'ambito di Etnafest a Catania: "...lucidissima progettualità musicale del leader e totale versatilità della cantante, pronta a improvvisare a lungo con splendidi vocalizzi sulle sapide armonie di Perez e Harris, sui ritmi mai scontati della batteria, duettando con i fiati con tecnica e fantasia improvvisative sorprendenti, davvero inusuali in un'interprete lirica." (Enzo Fugaldi)

09/04/2007

Padova Porsche Jazz festival: un Dave Holland Quintet che non decolla, una eccellente ma poco seguita serata con Claudio Fasoli e la Civica Big Band di Milano e un intraprendente Mino Cinelu polistrumentista in un bel concerto in solo che però non cattura l'attezione del pubblico. (Giovanni Greto)

14/03/2007

I Bass Desires a Etnafest: "Grande musica grazie alla statura musicale dei componenti del gruppo ... ma rimane qualche piccola perplessità in chi credeva nella possibilità di ascoltare qualcosa di più della somma di quattro grandi protagonisti del jazz che si incontrano per il gusto di suonare insieme." (Enzo Fugaldi)

02/09/2006

Chris Potter al Blue Note: "La mia esperienza con Dave Holland è stata molto significativa. Ora ho molta libertà con la mia band. Pur essendoci parecchi aspetti in comune con la musica di Holland, la mia musica di adesso è differente, per via del sound elettrico, per il tipo di struttura." (Rossella del Grande)

28/01/2006

Il Dave Holland Quintet al Manzoni di Milano: "Il teatro è letteralmente stipato. Dal palco si riesce ad abbracciare con lo sguardo tutta la platea e non si fa fatica a riconoscere anche i volti di molti jazzisti, in mezzo a quel pubblico così numeroso. Non si tratta di un concerto qualunque..." (Rossella Del Grande)

10/08/2005

Gilberto Gil con il suo Electroacústico chiude Etnafest 2005: "...Gil ha attraversato la storia del suo paese, la sua cultura, la quale oggi si può ritenere abbia preso coscienza grazie a quel "movimento tropicalista" di cui lo stesso Gil è stato e rimane esponente..." (Antonio Terzo)

11/06/2005

Eric Alexander & The Real Thing: "...il piacere di aver sentito suonare "in carne e ossa" vere e proprie leggende del jazz di tutti i tempi, aver potuto assistere realmente alle movenze che le loro – sublimi – esecuzioni su disco lasciano solo immaginare..." (Antonio Terzo)

14/05/2005

Charles Lloyd Quartet a Etnafest 2005: "...Lloyd riesce senza dubbio a conglobare meravigliosamente le varie forme stilistiche fin'oggi concepite, riconducibili a questo favoloso grande dizionario che è la musica di matrice afro-americana..." (Antonio Terzo)

30/04/2005

Phil Woods in Bird with Strings...and more: "...Se c'è un contraltista accreditato come continuatore del verbo che fu di Charlie Parker, quegli è certamente Phil Woods. Basta ascoltarlo..." (Antonio Terzo)

26/03/2005

Bobby McFerrin, One Voice Show nell'ambito di Etnafest 2005: "...il pluripremiato artista afroamericano è molto più di un pop singer, ed anche di più di un jazz vocalist, concentratosi da sempre sull'aspetto comunicativo della propria musica, la trasmissione di interiori emozioni sonore, come un moderno "griot"...(Antonio Terzo)





Video:
Chris Potter trying a Borgani Lovano Model tenor saxophone
Chris was really nice to try out the different Borgani tenor saxophone models for us. He himself plays a beautiful Selmer Super Balanced Action, howev...
inserito il 19/05/2009  da amsterdamwinds - visualizzazioni: 2211
chris potter underground funk 1
live new morning paris 2008...
inserito il 30/11/2008  da bilbojazz - visualizzazioni: 1866
Dave Holland quintet - Chris Potter Solo
au parc floral de Vincennes, Paris, le 14 juillet 2007...
inserito il 27/09/2007  da cab88888 - visualizzazioni: 2550
Chris Potter Live with Dave Holland Quintet "Vicissitudes"
*sorry, but this is the only clip from the show I have*, , * this is from the MIDDLE of Chris' solo, leading the ignorant listener to believe that he ...
inserito il 04/08/2006  da thecosmicrain - visualizzazioni: 2120


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.852 volte
Data pubblicazione: 02/11/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti