Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Così Carla e Carlo in nome della Liberta fanno "sviolinare" gli ottoni
di Fulvio La Cognata

Il 25 Marzo alle ore 0:10 il Canale TV di Arte ha mandato in onda il concerto Jazz della Liberation Music Orchestra svoltosi al Festival di Marciac. Un'orchestra molto impegnata politicamente, le cui esecuzioni sono dei veri e propri messaggi politici. Durante una performance di cinquanta minuti abbiamo ascoltato una metamorfosi dei brani - che chiamerei Inni popolari degli Stati Uniti in chiave free style - come: America the Beautiful, Through Out, Amazing Grace, This is not America, Going Home e Adagio.

Alla fine degli anni '60 Il bassista Charlie Haden e la pianista arrangiatrice Carla Bley assumono la direzione di una delle Big-Band tra le più famose del free-jazz si tratta della Liberation Music Orchestra.

L'ensemble si avvale di: Curtis Fawlkes -trombone a culisse-; Matt Wilson alla batteria-; Steve Cadenas alla chitarra-; Seneca Black alla tromba.

Avremmo voluto conoscere il nome di tutti i 12 componenti della Band, ma purtroppo non tutti sono andati in sovrimpressione, precipuamente quello della musicista di corno inglese, e dell'esecutore, emozionante-interprete dell'assolo con il basso-tuba in "America the Beautiful", una vera rarità in campo jazzistico.

Consideriamo i loro nomi mancanti due omissis di regìa.

Le incisioni dei magnifici "dodici" sono brani grandemente impegnativi sia dal punto del messaggio politico, che da quello strumentale. Quando pensiamo ai titoli delle loro copertine troviamo: About Vietnam, Che Guevara, C.I.A., George W.Bush, Salvador, Donald Reagan, African National Congress, Il popolo unito, mai sarà vinto!

Sono queste le copertine delle incisioni che possono farci comprendere quale sia l'altezza dell'impegno politico della "Liberation Music Orchestra", del bassista Charlie Haden il quale ha dichiarato nell'intervista: "la musica sarà sempre in evoluzione, perché cambiano i suoi interpreti, e fintanto che tengo il basso accanto a me sono a posto, ma quando non l'ho tra le braccia…beh, allora … sono preoccupato."

Parole che stigmatizzano l'importanza della musica come Liberazione dal Mondo dell'arroganza, dall'oppressione, dal libero arbitrio.

L'arrangiatrice pianista –Art conductor Carla Bley, dice nell'intervista rilasciata su Arte: "Ho scelto i brani più americani più significativi; come questo "America the Beautiful", brani tristi, dalle note acide, note di tristezza, non soltanto patriottiche, ma anche note antipatriottiche. Sono un'artista politicizzata non in pubblico, ma soltanto con il mio privato intellettuale."

Il messaggio sull'etica della Politica americana non poteva raggiungere mete più auspicabili, grazie alle esecuzioni delle partiture elaborate dalla esimia signora Bley, la quale è riuscita a dirci che anche gli ottoni possono diventare veri e propri violini, dipende soltanto dalla bravura dei musicisti, e dalle tecniche con cui vengono emessi i fiati nelle canne.

Trombe, Tromboni, sassofoni e persino il Tuba, lanciano il loro urlo di dolore!

Ci ha sorpresi in maniera magistrale l'assolo per Basso tuba nel primo brano tradizionale – Inno all'America -, dal titolo "America the Beautiful" eseguito da un ineffabile interprete. Per concludere Charlie Haden e Carla Bley hanno voluto dirci che la partitura free-americana della loro Band è portatrice dei valori più alti della politica intesa come Liberazione, che nel contempo aborrisce le disuguaglianze umanitarie, disumane di tutti gli scenari di guerra. Una musica la loro che è pura denuncia di tutte le scelte errate dei mercanti di cannoni.





Articoli correlati:
04/11/2017

Al via la terza edizione di Giordano in Jazz: Chick Corea Inaugura lunedì 6 novembre poi Carla Bley, Dave Douglas, Steve Swallow, Matthew Withaker e molti altri

23/04/2016

Gato Barbieri (1932-2016): Gato Barbieri (1932-2016): "...ci lascia una delle voci strumentali tra le più originali e passionali, infuocate vien da dire, degli anni d'oro del free post coltraniano." (Andrea Gaggero)

14/12/2014

The Swallow Quintet: "Il groove vintage e swingante del quintetto di Steve Swallow ha deliziato la platea patavina con un concerto che riprende in buona parte l'ultimo disco registrato per la ECM..." (Gabriele Prevato)

26/04/2014

Nero, free, di sinistra: introduzione: Il legame tra la musica jazz e la politica negli anni Sessanta. Perchè il jazz, in particolare quello etichettato come free, libero, funziona da pietra di paragone estetica per analizzare tout court l'arte del periodo? Perchè diventa uno degli emblemi riconosciuti dell'arte rivoluzionaria? (Franco Bergoglio)

29/09/2013

Steve Swallow Quintet : Gruppo rodato e swingante, merito dell'accoppiata Rossy-Swallow, da Carla Bley provengono gli stimoli e gli spunti originali e d'interesse, Swallow si conferma meraviglioso bassista. (Andrea Gaggero)

02/09/2012

LEZIONI (contrabbasso): Charlie Haden, un genio dalla creatività estemporanea insuperata in "Take my hand, my precious Lord" (Marcello Sebastiani)

26/06/2011

Live At Birdland (Konitz, Mehldau, Haden, Motian)- Giammichele Taormina

29/05/2011

Pursuit of radical rhapsody (Al Di Meola) - Alessandro Carabelli

06/03/2011

The shape of jazz to come (Ornette Coleman)- Giovanni Greto

05/12/2010

Il Charlie Haden Quartet West apre la prestigionsa 26ma edizione di "Aperitivo in concerto" al Teatro Manzoni di Milano: "Charlie Haden mancava da otto anni da Milano, vi è tornato nel migliore dei modi e la platea gli ha tributato la giusta accoglienza....Haden disegna linee di basso come suo solito, un walkin' bass sempre molto pulito e cantabile, strepitoso nella sua capacità evocativa..." (Massimiliano Farinetti)

22/08/2010

Jasmine (Keith Jarrett – Charlie Haden) - Alceste Ayroldi

17/08/2009

Ornette Coleman al Meltdown Jazz Festival di Londra: "Adesso che è universalmente adorato dopo anni di feroci contestazioni, Ornette Coleman sfoggia i suoi settantanove anni portati con invidiabile leggerezza, poggiandosi su nuovi entusiasmi. Con il suo fare ieratico e apparentemente distaccato da ogni cosa terrena, in virtù della piena consapevolezza del suo essere. Mr.Coleman forse non sperimenta più come un tempo, ma il suo carisma rimane intatto e nei momenti di grazia, sentirlo suonare sfiora l'incanto." (Vittorio Pio)

28/10/2007

Sotto la consueta direzione artistica di Paolo Damiani, si è tenuta la XXVII edizione di Roccella Jazz Festival 2007, intitolata "Al tempo che farà": "...un'edizione di "Rumori mediterranei" che certo resterà fra le migliori dell'intera storia del festival" (Enzo Fugaldi)

16/07/2007

Carla Bley "The Lost Chords" incontra Paolo Fresu: "...speriamo che l'insistenza con cui il pubblico ha richiesto inutilmente un ennesimo bis sia servita almeno a convincere la Bley e Fresu a non fare di questa collaborazione soltanto un episodio, seppur straordinario." (Dario Gentili)

30/06/2007

Guinga - Mirabassi Duo e Carla Bley & The Lost Chords find Paolo Fresu aprono la XII^ edizione di delle "New Conversations" di Vicenza Jazz 2007. (Giovanni Greto)

26/04/2007

LEZIONI (Trascrizioni): "Our Spanish Love Song" solo di Charlie Haden (Marcello Zappatore)

05/01/2007

JAZZin': a photografic story by Luca Buti

11/11/2006

Carla Bley Big Band a La Palma per il Roma Jazz Festival: "Esiste un isomorfismo fra la sua natura fisica e la musica che si ascoltava, fra il suo aspetto surreale e le composizioni dominate da una cifra parodistica verso la tradizione del jazz." (Daniele Mastrangelo)

17/04/2006

Nuova gallery con le foto di Barbara Rigon

12/12/2005

Ritratti di Omar Sosa e Charlie Haden (Ziga Koritnik)

27/06/2005

Charlie Haden apre Terniinjazz 2005 supportato dallo splendido scenario delle Cascate delle Marmore: "...Chi abbia mai ascoltato qualcosa di Charlie Haden saprà benissimo che nelle profondità curvilinee del suo ligneo contrabbasso, batte un cuore sensibile e appassionato..." (Antonio Terzo)

20/02/2005

Carla Bley, al teatro Curci di Barletta. Un viaggio breve ma intenso, attraverso l'anima musicale americana, arricchito da tinteggiature storiche ed interpretazioni atipiche. (Alceste Ayroldi)

11/09/2004

The Lost Chords (Carla Bley)

04/09/2004

Charlie Haden, Carla Bley, e la Liberation Music Orchestra: "Carla Bley è splendida nell'intonare l'Orchestra, nell'attribuire compiti e tempi...Haden è semplicemente magistrale..." (Alceste Ayroldi)

09/11/2003

Carla Bley: "Un concerto di gran classe, insomma, che ci ha presentato un'artista che, nonostante una carriera sempre inquieta, dimostra di non conoscere crisi d'ispirazione." (Dario Gentili)

12/01/2003

Jim Hall e Charlie Haden: "...musica allo stato puro; è suono approdato alla sua bella delicatezza dopo chissà quali complessi e tortuosi percorsi, è maestria senza presunzione alcuna." (Vito Mancino)

27/06/2002

Charlie Haden a Roma. "Siamo usciti dal teatro per raggiungere chi la sua moto chi l'auto blu con autista ma tutti con il desiderio di dire: «Grazie Charlie!».





Video:
Joe Henderson - Serenity
Joe Henderson - Serenity. An Evening with Joe Henderson, 1987. Henderson (ts); Charlie Haden (b); Al Foster (d)....
inserito il 29/12/2009  da Praguedive - visualizzazioni: 2557
Keith Jarrett, Charlie Haden & Paul Motian - Germany 1972
Keith Jarrett performing with his trio in the Hamburg Funkhaus, Germany, on June 14, 1972., , Keith Jarrett - p, Charlie Haden - b, Paul Motian - dr...
inserito il 13/12/2009  da OhNoxius - visualizzazioni: 2557
Carla Bley and Steve Swallow - Lawns
... beyond beauty ... such love between those two ... you can hear it ......
inserito il 29/12/2008  da thereisnoproblem - visualizzazioni: 2926
ornette coleman 4 tet 1987
in spain...
inserito il 19/11/2007  da dliberg - visualizzazioni: 2783


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 3.931 volte
Data ultima modifica: 05/01/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti