Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Aperitivo in Concerto
Joe Lovano & Hank Jones Duo
Joyous Encounter
Teatro Manzoni – Milano, 15 gennaio 2006
di Patrizio Gianquintieri
foto di Bruno Gianquintieri

Il 4^ Fratello
T
RE FRATELLI, TRE UNIVERSI, UN SOLO SOLE: IL JAZZ. Inizialmente è stato proprio questo che mi ha spinto maggiormente ad essere presente lo scorso
15 gennaio all'evento programmato per Aperitivo in Concerto al Manzoni di Milano: Joe Lovano & Hank Jones Duo in "Joyous Encounter" (l'ultimo lavoro fatto assieme). Hank, l'ultimo della stirpe Jones e Lovano? Che Joe possa essere il 4^ fratello?

A quale universo appartiene Hank?

Lui, l'ultimo rimasto di un trio che alla musica hanno dedicato l'anima e l'intera vita lasciando un segno indelebile, forse troppo tardi (sono 87 anni) gli sono stati riconosciuti gli onori ed i meriti propri del suo grande talento. Forse la "straordinarietà" (insostituibile per Trane) di Elvin ha 'offuscato', fintanto che era in vita, la grandezza sia di Thad che di Hank.

Eppure Hank è stato compagno di giochi di Ella Fitzgerald, di Bird, di Lester Young, e in qualche maniera ispiratore anche del grande Bill Evans.

Sentirlo è come sfogliare un libro di storia. Non aspettarti la "modernità" da lui, ma senza ombra di dubbio, chiudendo gli occhi, potrai sentirti in uno di quei locali della 52^ dove è stata fatta la storia del jazz: all'Onyx dove nel '44 si affiancò la tromba di ‘Hot Lips' Page, proprio di fronte al Three Deuces dove duettava per il puro gusto di stare assieme con Bird o con Coleman Hawkins, a volte anche senza pubblico, ore ed ore…"...posti magici. L'ispirazione traboccava e brillava come un diamante: ognuno di noi ascoltava i sogni dell'altro e gli rispondeva con i suoi" (L'Express Parigi – giugno 2004).

Qui si è per ascoltare la tradizione del jazz, suonato nel suo stile più puro.

E questo Duo allora?: 1918-1952 - un delta di 34 anni! Cosa li lega?

Chi conosce Lovano sa bene che l'influenza ricevuta dal padre Tony 'Big T', valente sassofonista anche lui, è stata enorme. Come lui stesso ha dichiarato a più riprese ciò che all'ossessione gli ripeteva il padre era di non fermarsi mai. Dotato di una conoscenza universale del jazz (sempre grazie alla guida paterna che lo portava ad ascoltare di tutto), in possesso di una tecnica sopraffina (a 4 anni già soffiava in un contralto), in lui si è sviluppata con una naturalezza "istintiva", come quella dei bambini, la capacità di globalizzare (scusate il termine ma si usa molto..) tutte le esperienze accumulate per riesaminarle e innovarle secondo i suoi canoni, le sue necessità, la sua espressività.

A mio parere è stata questa la chiave dell'evento: "l'Universalità" nel jazz.

Da una parte 60 anni di storia ‘vissuta' – dall'altra la conoscenza e capacità di esprimere quei 60 anni non vissuti con estrema duttilità e naturalezza in quanto facenti parte della propria cultura.

Pianoforte e sax – Solo loro due e la loro 'universalità' nel jazz quindi.

Il 'Grande Vecchio' che seguiva con compiacimento e grande interesse le evoluzioni del 4^ Fratello! Sissignore, perché sembrava proprio così.

Hank seguiva Lovano con lo sguardo, con la mente, come il fratello maggiore segue il fratello minore; da una parte per sostenerlo se necessario ma anche con l'ansia, la curiosità di vedere cosa, una mente, un'anima di 34 anni più giovane, possa ancora fargli scoprire.

Lo stile di Hank non è stato mai sopraffatto dalla 'modernità' di Joe.

Il connubbio è stato perfetto. Uno splendido Hank, tanto straordinario quanto umile, disponibile e semplice nella sua grandezza; un duttile, energico, sopraffino Lovano che a diverse riprese lasciava ampi spazi a Jones per seguirlo con grande ammirazione.

C'è stato un momento in cui Lovano ha lasciato il palco a Jones che ha deliziato con alcune 'ballad' il pubblico. Io ero dietro le quinte. A non più di cinque metri Lovano seduto su una sedia al buio ed in braccio il suo tenore. Lo sguardo fisso su Jones, la bocca semichiusa, oscillava la testa come per dire "...incredibile…". – Ecco questo per riassumere il clima che ha aleggiato.

E alla fine, dopo applausi e 'standing ovation' Mr. Lovano prende sottobraccio un incredulo Mr. Jones (come al solito a sentir lui il merito è solo del buon pianoforte messogli a disposizione) ed entrambi spariscono lentamente dietro le quinte.






Articoli correlati:
30/09/2017

Seconda Edizione del Festival JAZZMI: JAZZMI al Blue Note Milano con Stacey Kent, Al di Meola, Mike Stern & Dave Weckl Band, Joe Lovano Classic Quartet, Maria Gadu', Kneebody

09/08/2017

Joe Lovano Plays John Coltrane: A Palermo il sassofonista americano, accompagnato dal trio di Salvatore Bonafede, eseguirà alcune delle composizioni più memorabili di Coltrane. Lo spettacolo sarà introdotto dal regista Franco Maresco.

27/08/2016

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei XXXVI: ""Sisong. Una canzone per Siso" il titolo dell'edizione 2016 dello storico festival calabrese, il primo senza la presenza del senatore Sisinio Zito, fondatore del festival deceduto dopo lunga malattia il 6 luglio scorso." (Vincenzo Fugaldi)

14/12/2014

Joe Lovano & Dave Douglas Sound Prints: "...una coppia perfetta per condurre per mano il pubblico in un percorso di immagini sonore in cui la figura di Wayne Shorter è sempre e costantemente palapabile." (Nina Molica Franco)

12/10/2014

Intervista con Roberta Gambarini : "...a me interessa il pubblico, altrimenti resterei a casa, mi interessa portare questa musica agli altri perchè se la musica non la porti agli altri muore lì." (Laura Scoteroni)

02/03/2014

Evan (Antonio Faraò American 4tet)- Alceste Ayroldi

13/01/2014

Antonio Faraò American Quartet: "Faraò è l'artefice di invenzioni armoniche e melodiche di pregevole eleganza, i suoi brani, caratterizzati da uno swing permeante, lasciano arguire una ricerca volta al contemporaneo senza mai perdere di vista una personalità e coerenza ben definita." (Viviana Falcioni)

20/10/2013

Quattro chiacchiere con...Attilio Berni: Una collezione di sax unica al mondo: ogni strumento vintage è "vittima" della propria evoluzione ed è plasmato dall'alito vitale insufflato al suo interno da chi lo ha posseduto. (Alceste Ayroldi)

30/09/2013

Cross Culture (Joe Lovano Us Five)- Vincenzo Fugaldi

02/09/2012

LEZIONI (contrabbasso): Charlie Haden, un genio dalla creatività estemporanea insuperata in "Take my hand, my precious Lord" (Marcello Sebastiani)

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #1: Chick Corea, Stefano Bollani, Herbie Hancock, John Scofield, Joe Lovano, Esperanza Spalding, Al Jarreau, Paolo Fresu...(Pierfrancesco Falbo)

13/02/2011

Joe Lovano "US Five" al Village Vanguard di New York: "Lovano presenta con Esperanza Spalding e il suo quintet un progetto interamente dedicato alla musica del grande Parker: come scrivere qualcos'altro sul bebop considerato dai più "muffa" o con un sentito trito e ritrito." (Marco Losavio)

19/01/2011

John Zorn: Masada Marathon, iPod Concert - The Book Of Angels. "John Zorn presenta in prima mondiale, attraverso un concerto maratona, le sue recenti composizioni ispirate al misticismo Merkavah e raccolte sotto il titolo The Book Of Angels (dedica ai 111 angeli caduti), simulando il contesto di una playlist di un immaginario iPod, un pedissequo intercalare di dodici formazioni, una piena emozionale senza uguali." (Daniele Camerlengo)

06/12/2009

Eventi in Jazz 2009: la perla d'autunno. "Una manifestazione che è cresciuta nel tempo soprattutto dal punto di vista qualitativo e che è riuscita ad uscire dai confini del territorio, diventando una tradizione da non perdere e una rassegna che per costanza, qualità e importanza dei musicisti invitati, si piazza tra i più interessanti festival europei." (Alessandro Carabelli)

28/10/2009

Mostly Coltrane (Steve Kuhn Trio with Joe Lovano) - Dario Gentili

04/10/2009

John Patitucci, Joe Lovano e Brian Blade ospiti alla festa di compleanno del Direttore Artistico Todd Barkan al Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York. (Roberta E. Zlokower)

18/08/2008

McCoy Tyner - Joe Lovano Quartet all'Auditorium Parco della Musica di Roma: "Il maestro ha prosciugato il suo stile, sottraendo quanto di superfluo e ridondante potesse apparire negli anni giovanili, arrivando ad una forma espressiva in cui la sensazione di "potenza" è comunque presente, non declamata, ma sottintesa, accennata, stemperata in una sensibilità lirica affinata nel tempo." (Roberto Biasco)

03/01/2008

Umbria Jazz Winter #15, l'anno del Jazz Made in Italy: "Oltre 60 concerti a pagamento e circa 50 ad ingresso libero, 12 mila le presenze paganti, 165 mila euro gli incassi ai botteghini, 65 mila le presenze complessive, 180 artisti, 80 persone di staff, 25 tecnici, 50 unità di servizio e 210 le persone direttamente impegnate nella organizzazione del festival..." (Marcello Migliosi)

28/10/2007

Sotto la consueta direzione artistica di Paolo Damiani, si è tenuta la XXVII edizione di Roccella Jazz Festival 2007, intitolata "Al tempo che farà": "...un'edizione di "Rumori mediterranei" che certo resterà fra le migliori dell'intera storia del festival" (Enzo Fugaldi)

14/10/2007

Pescara Jazz 2007: "Giunto alla 35^ edizione, e in ottima salute, il Festival pescarese ha proposto cinque eccellenti formazioni, con i loro accattivanti progetti, e due gustosi fuori programma: il concerto della splendida Nathalie Cole (quasi un antipasto al luculliano pranzo che Pescara Jazz ha offerto al suo pubblico), e la bella iniziativa del Jazz in Città (una passerella dei migliori gruppi dell'area metropolitana pescarese)." (Dino Plasmati)

11/05/2007

Nuova gallery per le foto di Elena Venier

17/11/2006

For the time being (Salvatore Bonafede)

04/09/2006

Un grande concerto alla Carnegie Hall in onore di Toots Thielemans con Herbie Hancock, Oscar Castro-Neves, Eliane Elias, Ivan Lins, Joe Lovano, Paquito D'Rivera...(Roberta E. Zlokower)

10/08/2006

"Hicks Time", Memorial Celebration in onore di John Hicks a New York, presso la St. Peter Church: "John Hicks, il musicista, e John Hicks, l'uomo, mancheranno molto alla comunità jazz internazionale..." (Roberta Zlokower)

15/07/2006

Hank Jones & Roberta Gambarini Quartet a Jazz In Parco 2006 (Francesco Truono)

14/07/2006

La gallery di Umbria Jazz 2006 di Alessia Scali.

11/07/2006

La gallery di Umbria Jazz 2006 di Giorgio Alto.

10/08/2005

I Have The Room Above Her (Paul Motian Trio)

16/12/2003

Matt Munisteri & Brockmumford per Aperitivo Concerto: Un tentativo ben riuscito di ripercorrere i primi trent'anni di storia sociologica americana attraverso alcune song del tempo." (Paolo Treffiletti)

08/12/2003

Henry Grimes Trio per Aperitivo in Concerto: "...la musica non è mai apparsa scontata; i tre hanno saputo fare buon uso delle dinamiche, insistendo spesso sul pianissimo quasi a trasfigurare la vicenda umana di Grimes..." (Paolo Treffiletti)

26/11/2003

Sam Rivers per Aperitivo in Concerto: "...la maestria ed il grande senso musicale dei quattro ha saputo essere un valido collante consentendo al pubblico di poter godere dell'unità di intenti che accomuna le più variegate espressioni musicali: la comunicatività tra autore/esecutore e pubblico." (Paolo Treffiletti)

17/11/2003

The Mingus Orchestra per Aperitivo in Concerto: "la musica di Mingus è forse una delle più inusuali nel jazz, strettamente legata alla personalità stessa dell'autore, piena di sfaccettature, di richiami strettamente personali, eppure così universale proprio per la schiettezza e l'immediatezza con cui si lascia ascoltare." (Paolo Treffiletti)





Video:
NPR Live at the Village Vanguard Webcast: Joe Lovano - January 12
On January 12th, celebrate the release of Joe Lovano's new Blue Note Recording, "Bird Songs" with a live webcast from the Village Va...
inserito il 09/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 3739
Joe Lovano - Bird Songs
Joe Lovano's new Blue Note recording, "Bird Songs," an exploration of the music of Charlie Parker featuring Us Five, drops January 1...
inserito il 09/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 4253
Lester Young Centennial Celebration
This collection celebrates the mature Lester Young of the 1950s, a reminder of a time when he would blow into town for a week performing with a local ...
inserito il 03/10/2009  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 3020
Michael Brecker, David Liebman, Joe Lovano - 1999
http://www.jazzvideoguy.tv presents the Saxophone Summit LIve at Birdland, December 18, 1999., , Michael Brecker, David Liebman, Joe Lovano - Saxophon...
inserito il 19/02/2009  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2768
Bird, Bean, and Prez, et al (1950) - 2 of 2
Personnel:1. Ad Lib: Hank Jones (p), Ray Brown (b), Buddy Rich (d)2. Pennies From Heaven (unrecognizable): Bill Harris (tb), Lester Young (ts), Jones ...
inserito il 14/12/2008  da kenjames64 - visualizzazioni: 3609
Paul Motian Quintet ~ How Deep Is The Ocean
July 8, 1995 Umbria Jazz Festival, Italy, Paul Motian-Drums, Marc Johnson-Bass,, Lee Konitz-Alto Sax, Joe Lovano-Tenor Sax, Bill Frisell-Guitar...
inserito il 26/05/2008  da bathoshue - visualizzazioni: 2699
John Hicks with Joe Lovano Nonet
from the Joe Lovano Nonet: The Paris Concert - New Morning...
inserito il 20/01/2007  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 2231
Broadway Music - How Deep Is the Ocean
Paul Motian's Broadway Music Band performing "How Deep Is the Ocean" in Pori, Finland in 1995. The band members are Lee Konitz (alto sax), J...
inserito il 26/11/2006  da migmarfin - visualizzazioni: 2436


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.822 volte
Data pubblicazione: 11/03/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti