Jazzitalia - Io C'ero: Herbie Hancock
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità


Festival "Aosta Classica"

Herbie Hancock
Teatro Tenda/Teatro Romano - 20 Luglio 2008
Testo di Rossella Del Grande
Foto di Fabrizio Airola e Rossella Del Grande

Aosta: domenica, tardo pomeriggio. Mi trovo di fronte al Teatro Romano. Il Teatro Tenda è situato a pochissimi metri di distanza. Ha appena smesso di piovere ma il colore predominante è ancora il grigio. E' presto e non si può ancora entrare. Vedo uscire Chris Potter per una breve pausa durante il sound-check e scambiamo due chiacchiere molto cordiali. Lo avevo intervistato tempo fa al Blue Note di Milano e questo mi facilita molto le cose, perché saltiamo i formalismi, e ci ritroviamo a parlare del più e del meno con rilassatezza. Mi dice che Herbie Hancock sta per arrivare.

C
i sono alcuni fans ad aspettarlo all'ingresso del teatro. Forse desiderano solo vederlo arrivare… L'impressione che provo è che sembri quasi irreale trovarci, da un momento all'altro, al cospetto di un mostro sacro del jazz come Herbie Hancock in un luogo così antico e tranquillo. Un luogo che non ci fa pensare minimamente all'atmosfera dei jazz club né agli auditorium delle grandi metropoli ai quali Hancock è abituato.

Sembra tutto così normale e quieto. Chris mi parla della trasferta dell'indomani a La Spezia. Mi chiede quante ore ci vorranno, visto che il loro furgone "va così piano". Conversazione più da turisti che altro. Si parla dei limiti di velocità in Italia e dell'etilometro. Ora Chris deve rientrare. Ed ecco che sopraggiunge un'auto da cui scende il "Grande Man".

Ci rendiamo conto, forse solo allora, di essere in procinto di assistere ad un evento che non capita di frequente. Una formazione colossale che riunisce i massimi esponenti del panorama jazzistico mondiale degli ultimi quarant'anni: Herbie Hancock, Vinnie Colaiuta, Dave Holland, Chris Potter, tutti riuniti sullo stesso palco. Loro sono gli artefici del progetto che ha fruttato a Herbie Hancock niente meno che un Grammy per il miglior disco dell'anno, nel 2007: l'album "River: The Joni letters".

L'album fu registrato con Wayne Shorter al sax, mentre ora, in tournée, abbiamo Chris Potter. Ma date le indiscusse capacità di questo artista, possiamo solo dire che il posto che ora occupa è meritatissimo.

Con loro, vi è il giovane chitarrista Lionel Loueke, nativo del Benin (solo pochissimi anni fa apriva i concerti di Herbie Hancock, dopo essersi trasferito dalla nativa Africa prima a Parigi poi negli Stati Uniti e lì diplomandosi presso il prestigioso Berklee ed il Thelonious Monk Institute of Jazz di Los Angeles.). Hancock è stato il suo mentore dal momento in cui lo ascoltò per la prima volta, restandone impressionato per la sua tecnica ed abilità.

Loueke è considerato uno dei nuovi talenti della chitarra jazz, un artista che sicuramente ha molte cose da dire. Ha già dimostrato di trovarsi a proprio agio nei contesti musicali più vari, spaziando agilmente dal jazz degli anni '60 al jazz elettrico, al funky ed alla fusion, così come si è cimentato in sperimentazioni vocali. Un musicista giovane ormai proiettato nello scenario del jazz mondiale, ma che ha anche mantenuto le proprie radici ben salde nel cuore della nativa Africa.

Alla formazione strumentale si uniscono anche due vocalists: la giovanissima Sonya Kitchell, bionda, in abito nero, ed Amy Keys, nera, in abito bianco.

Le due cantanti non sono le voci presenti nell'album "River: The Joni letters", ma in questa sede interpreteranno egregiamente alcuni dei brani del cd ed altri pezzi via via illustrati da Hancock.
Sonya Kitchell ha manifestato il proprio talento fin dalla primissima infanzia ed oltre che cantante è anche compositrice, chitarrista ed autrice di testi. Ha inciso il suo primo album a 17 anni. Per quanto appaia incredibile, ora Sonya ha soltanto 19 anni!

Amy Keys vanta innumerevoli collaborazioni, specialmente in ambito soul, funky e blues, ed ha un album al suo attivo. Ex Miss Maryland, partecipò nell'83 alle selezioni per Miss America. E' dotata di una voce tipicamente "black", dall'estensione veramente notevole.

Il grande palcoscenico è occupato al centro da un pianoforte Fazioli. La strumentazione elettronica, tutta attorno, è imponente, e sicuramente il service, durante questa tournée serratissima, ha avuto parecchio da fare! Nel prosieguo ci accorgeremo purtroppo che il suono non sarà sempre all'altezza dei protagonisti del concerto. Un peccato, ma questo piccolo neo non ha sicuramente offuscato questo magnifico evento.

Accanto al pianoforte, proprio di fronte al pubblico vi è un synth Korg, "OASYS", collocato a 90° rispetto al piano, per consentire a Hancock di passare rapidamente da uno strumento all'altro. Dietro, si intravede un controller Roland AX-7 al quale al momento nessuno bada particolarmente, ma che ci riserverà delle sorprese nel finale. Uno schermo è collocato sopra al pianoforte, al posto del leggìo. Hancock si avvale dell'interfaccia della MuseResearch, Inc. "Receptor".

Il lato destro del palco è occupato dalla batteria di Colaiuta. Vi è quindi, la postazione di Potter ed ultimo a destra Dave Holland, che alternerà il basso elettrico al contrabbasso.

Holland e Potter da diversi anni militano assieme nel grande quintetto del bassista inglese, insieme a Robin Eubanks, Steve Nelson e Nate Smith.
Lo stesso Potter ha sempre riconosciuto di aver ricevuto un grandissimo stimolo da parte di Dave Holland, con il quale ha maturato un'esperienza musicale veramente importante.

Ci siamo: gli artisti sono tutti davanti a noi, accolti da un boato del pubblico. Herbie Hancock presenta i musicisti e scherza. D'altra parte è quasi superflua ogni presentazione, visto di chi si tratta! Illustra i brani, fa qualche battuta simpatica e suona alternandosi rapidamente fra pianoforte e synth, con il quale crea tappeti sonori intersecati all'accompagnamento pianistico.
Vi sono da subito alcuni momenti improvvisativi, ma senza eccessi.


Questa tournée si basa principalmente sui brani che fanno parte degli album "River. The Joni letters" del 2007, e "Possibilities" del 2005, due progetti nei quali Herbie Hancock ha aperto ancor più che in passato le porte alla musica nel senso più vasto del termine, includendo situazioni non prettamente jazzistiche, ma anche pop, rock, hip-hop, soul.

Astute manovre commerciali? Forse, secondo alcuni. Geniale lungimiranza ed abilità incontrovertibile, secondo altri.

La maggior parte dei giudizi propende per la seconda ipotesi, perché si tratta di progetti interessanti e credibili, perché un artista come Hancock ha dedicato la propria vita a sperimentare veramente di tutto, senza barriere di nessun tipo, spinto dalla grandissima curiosità di trovare continuamente impasti nuovi, ritmi inconsueti, effetti elettronici, strumenti inusuali, derivanti dall'incontro ed alla fusione dei generi musicali più vari, ma sempre con grande attenzione alle radici africane del jazz, come si avverte molto tangibilmente in questo concerto. Come giustamente è stato osservato da altri critici, se Hancock si fosse trincerato sulle proprie posizioni di jazzista "puro", oggi avrebbe una platea affezionata sì, ma sicuramente più limitata, mentre con le scelte che ha operato negli anni, è riuscito a sensibilizzare e ad interessare un pubblico vastissimo. Ad ogni suo concerto presenziano mediamente un migliaio di persone che accorrono entusiaste ad ascoltarlo.

La sua ultima sperimentazione, appunto "River: The Joni letters", ha seguito una genesi insolita, differente da tutti i progetti precedenti: quella originata dalla magia del testo e della poesia. La parola è diventata fonte principale di ispirazione. I testi di Joni Mitchell sono molto suggestivi, sono immagini dirette, immagini che colpiscono. Pensieri rapidi e nitidi che ci fanno immediatamente trovare al centro delle situazioni descritte dall'autrice.
Vi suggerisco di dare un'occhiata a questo sito, che li contiene tutti, ordinati alfabeticamente: (http://jonimitchell.com/musician/alpha.cfm).

Bisogna riconoscere che tutti i progetti di Hancock, durante oltre 40 anni di carriera, hanno sempre riscosso un successo considerevole, soprattutto da parte del pubblico, cosa veramente notevole in un contesto oggettivamente elitario e "per pochi" come è considerata solitamente la musica jazz.

Successo di massa, a partire dalle sue incisioni con il quintetto di Miles Davis, agli Head Hunters degli anni '70 ed ai progetti successivi, ma anche al suo magico trio del '77 con Ron Carter e Tony Williams, per arrivare al piano solo ed alle sue produzioni più recenti con voci appartenenti al mondo della musica "leggera", pop e rock. Successo confermato anche in occasione dei suoi concerti dal vivo tenutisi negli ultimi anni, dove in una sola esibizione dimostrò di essere a proprio agio in tutti questi vari contesti musicali. Ricordiamo, uno per tutti, il riuscitissimo concerto del novembre 2006 all'Università di Berlino.

La sua attuale tournée europea, a mio parere, si avvicina molto a questa sua precedente performance.

Hancock è un artista che ha sempre affrontato le nuove esperienze musicali con entusiasmo, con gioia e freschezza quasi infantili, caratterizzate da quel suo sorriso realmente divertito mentre suona, quel sorriso di quando aveva poco più di 30 anni, come lo si vedeva anche nel celeberrimo film di Tavernier, Round Midnight. Lo stesso identico sorriso che ha ancora oggi, a 68 anni.

I primi due brani cantati sono "All I want" e "When love comes to town" la cui intro dal sapore blues è uno scambio di frasi fra chitarra e voce e strappa un grosso applauso per le doti vocali di Amy Keys, davvero notevoli nell'imitare e ripetere il fraseggio suggerito della chitarra di Loueke.

Poi ancora, ascoltiamo "River" con Sonya Kitchell, che duetta con Amy Keys.

Anche Sonya Kitchell dimostra grande grinta, in un bellissimo scambio con Hancock al piano, molto serrato, incalzante, che crea un crescendo di tensione emozionante e davvero coinvolgente e la soddisfazione la si legge anche sul volto compiaciuto di Hancock.

E' la volta di un brano composto da Lionel Loueke, che viene descritto da Hancock come un pezzo molto difficile da eseguire: "Seven Teens"...Viene da associare il titolo ai teen agers, ma Hancock ci spiega che gli adolescenti non c'entrano. Struttura difficilissima in 17/4, se rapportata ai consueti 4/4 o al massimo ai 3/4 ai quali siamo generalmente abituati. Potter, Holland e Colaiuta sono esemplari.

E' il momento di Dave Holland, completamente solo con il suo contrabbasso, in una lunga improvvisazione che incanta il pubblico, silenzioso ed attentissimo, dall'inizio alla fine del brano.

Rientra la band al completo. Sempre da "Possibilities" segue il celebre brano di Leon Russell, "A song for you", con la bella voce di Amy Keys. Herbie Hancock ricorda che questo pezzo fu interpretato e reso celebre da Donny Hathaway, nell'incisione del 1971.

L'interpretazione di Amy Keys è molto suggestiva ed emozionante e segue la bellissima introduzione di Herbie Hancock al pianoforte. Esposto il tema, ascoltiamo quindi l' improvvisazione, non solo vocale, ma "a due voci", fra la Keys e Potter al sax. Le loro frasi si inseguono e si intersecano magistralmente.
Amy Keys ha una voce nera da soul music, dotata di un'estensione più che notevole. Una voce possente, calda e piena, ma capace anche di diventare cristallina, sottile ed acutissima. E' capace di eseguire frasi lunghissime senza doversi interrompere per riprendere fiato, come farà nell'ultima parte del brano.
Sul finale a mio parere traspare maggiore tecnica e minore sentimento, rispetto alla prima parte del pezzo. Ma questa non è affatto una critica: Amy ha dimostrato in questo modo di possedere entrambi gli skills ed ottiene, meritatamente, un caloroso applauso.

Di nuovo il palco è tutto per Lionel Loueke, il quale ora con chitarra, voce e pedaliera, inventa un brano al momento. Come dice Hancock, si tratta di qualcosa di inedito. Tutto da scoprire. Chitarra sì, ma suonata in un modo insolito, parole, schiocchi fatti con la lingua, sonorità gutturali, incastri ritmici dove l'Africa fa da padrona. Lionel coinvolge il pubblico facendo battere le mani in sequenze di tre beats, e facendo pronunciare sillabe di una lingua purtroppo per noi sconosciuta, incastrando le due cose ad effetto, in un'abile performance che diverte il pubblico. Nel mentre rientra la band ed il brano prosegue ora a formazione completa. Il passaggio dalla chitarra sola al quintetto è avvenuto con estrema naturalezza.
Vinnie Colaiuta finalmente si fa sentire in modo deciso, in un bell'assolo che il pubblico stava senz'altro aspettando da un po' ed il lungo brano quindi si conclude.

Nei vari brani, in generale, si avverte un grande equilibrio, nessuno strumento prevarica, pur dando il meglio di sé, ma sempre in un discorso corale, dove ciascun musicista (nel ruolo di "accompagnatore") si adopera per dare il massimo sostegno ed il massimo spazio ai solisti o alle voci.
Si è preferita la formula di concedere ai solisti, nell'arco del concerto, uno spazio individuale, prima a Loueke, poi a Holland, ed ora a Hancock in una parentesi per piano solo che ci proietta nelle sonorità della musica classica contemporanea, dal sapore decisamente europeo. Un approccio virtuosistico, ma anche ironico. La conclusione del pezzo è infatti molto smitizzante e scherzosa.

Si colgono due note familiari, in mezzo a quella cascata di suoni, ma sono come un'apparizione fulminea, quasi un messaggio subliminale che comunque raggiunge la nostra mente. Ci rendiamo subito conto che in noi si è creata come una strana aspettativa latente.

Il grande Hancock continua nella sua performance libera, passando da attimi di silenzio solcati da poche note ben scelte, a volate virtuosistiche che toccano tutti i tasti del Fazioli. Poi ancora, ci offre poche note eteree, per poi scatenarsi e chiudere la propria performance da solista con quel brano completamente diverso rispetto al clima complessivo del concerto che appare invece molto più vicino all'Africa che non all'America, ed ancor meno all'Europa.

Eppure, … quelle due note…

Sì, si tratta proprio di Cantaloupe Island! Il teatro esplode in un applauso fragoroso. In fondo questo brano "è" Herbie Hancock. Ognuno di noi lo voleva ascoltare, in effetti! Dopo l'avvio consueto, solo un po' più dilatato nell'intro e con l'esposizione del tema eseguita da Potter al sax tenore, il brano incomincia a crescere. Aumenta la tensione. Variano le dinamiche. Potter strabilia. Hancock trasforma quel pezzo in qualcosa di nuovo e mai ascoltato prima, come del resto fa in ogni suo concerto dal vivo, dimostrando l'infinità di variazioni possibili su un brano armonicamente semplice com'è Cantaloupe Island.

Anche questa sera lo modifica, lo riarmonizza, creando sonorità ed atmosfere inedite e porta l'entusiasmo del pubblico ai massimi livelli. La band lo segue, sta al gioco.

Ma Hancock, da grande uomo di spettacolo qual è, lui che conosce bene il suo pubblico, non si accontenta di questo! Vuole ancora di più. Vuole un finale esplosivo. Il pubblico in piedi chiede un bis, due bis, tre bis. Hancock rientra in scena subito, e questa volta imbraccia il controller Roland bianco, l'AX-7, quello che avevamo notato sin dall'inizio, ma che avevamo quasi dimenticato di aver visto, incantati da due ore di grande musica.

E' il momento "elettrico", un ritorno agli anni 70: è il momento di Chameleon e degli Head Hunters!.

Nuova ovazione. L'entusiasmo del pubblico ora è incontenibile. Gli applausi aumentano esponenzialmente quando Hancock e Potter improvvisano dialogando fra di loro in maniera serratissima, creativa e grintosa, ma anche giocosa e divertita. Potter dà veramente il massimo di sé. Hancock appare veramente compiaciuto, i due si spronano a vicenda, difficile dire ora chi conduca il discorso. Potter è un uragano e Hancock gli risponde per le rime, sfoderando con quello strumento a tracolla una quantità infinita di idee, frasi, interventi ritmici, effetti.

Holland e Colaiuta a loro volta ridono, trasportati dal groove contagioso che si è creato.

E' un momento di grandissima gioia collettiva, che la formazione condivide con il grande Herbie e con tutto il pubblico presente.
Herbie Hancock ci regala di nuovo quel suo sorriso che non è mai cambiato e che ci riporta di colpo indietro di più di trent'anni: Siamo tutti di nuovo nel 1973 in compagnia del funky degli Head Hunters!

Anche il terzo bis è un funky elettrizzante eseguito in modo molto teso che porta l'entusiasmo al clou. Ora sì che Herbie è soddisfatto!

Si chiude così questo concerto memorabile. La tranquilla Aosta è letteralmente impazzita sotto alla struttura bianca del Teatro Tenda, in un'atmosfera arroventata. Dopo due ore di concerto in continuo crescendo ed un finale infuocato, il pubblico si placa ed ora sta scivolando lentamente fuori dalla grande struttura.

E' una notte fresca di montagna, silenziosa e quieta. Il cielo ora è finalmente terso, illuminato dalla luna che sbuca dal profilo frastagliato e nero dei monti in controluce.

Mi incammino lentamente per le vie antiche del centro di Aosta, mentre mi risuonano ancora nella mente i riffs tesissimi del basso elettrico di Dave Holland negli ultimi brani del concerto e penso fra me: "io c'ero, nel ''73…"

Ed ora, mentre scrivo, mi dico che c'ero anche in questa notte incredibile, 35 anni dopo…Certi appuntamenti non si possono proprio mancare.

Galleria Fotografica:
(by Fabrizio Airola)










Articoli correlati:
21/09/2014

Umbria Jazz 2014: "In quest'edizione non c'è stato spazio solo per il jazz, ma ogni serata è stata dedicata ad un genere diverso: Funk & Soul Night, Jazz & Brasil Night, Hip hop & Soul Night, New Orleans Night, Piano Night, Ladies night e persino una serata solo per la dance music." (Giusy Casanova)

07/09/2014

Roccella Jazz Festival 2014 - 'El Yaz Y Paco': Dave Holland, Sofia Rei, l'Elvin Jones project di Chico Freeman, Iberjazz 4et e la Sun Ra Arkestra per un'edizione ridottissima e la prospettiva di una ripresa invernale. (Vincenzo Fugaldi)

17/08/2014

Herbie Hancock e Wayne Shorter: "Un concerto costruito su un doppio binario in cui Hancock è riuscito a fare qualcosa di interessante grazie alla sua immensa tecnica, mentre Shorter dal canto suo è apparso non particolarmente in forma." (Nina Molica Franco)

20/07/2014

Il jazz frontiera - orizzonte: "Quali sono le frontiere del jazz oggi? Io mi sono sempre chiesto se il jazz non sia, piuttosto che una frontiera, un orizzonte: non qualcosa che chiude, ma qualcosa che apre..." (Filippo Bianchi)

22/06/2014

Pat Metheny Unity Group: "...un modo nuovo per Pat Metheny di forzare qualunque confine esistente nell'universo musicale e creare, insieme allo Unity Group, qualcosa di inedito e che toglie il fiato e obbliga i sensi ad abbandonarsi al piacere." (Nina Molica Franco)

06/04/2014

Intervista a Matteo Sabattini: "...bolognese, sassofonista, ci racconta la sua permanenza decennale negli States, il suo non facile rapporto con l'Italia, l'incisione dei suoi lavori discografici. Con tanta umiltà, rispetto per il jazz e immensa energia ancora da spendere. Ancora da ascoltare... " (Gianmichele Taormina)

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

17/11/2013

Newport Jazz Festival - 59ma Edizione: 59ma Edizione di un festival caratterizzato dagli 80 anni di Wayne Shorter e che ha visto sul palco artisti come Chick Corea, Herbie Hancock, Marcus Miller, Esperanza Spalding, Terence Blanchard...(Cristiana Corrado)

27/10/2013

Intervista a Gianluca Pellerito: "...con la batteria cerco di esprimere me stesso. Il suono è l'espressione dell'esecutore. Deve emergere questo. Quando suono rido, guardo i musicisti, ci incitiamo a vicenda, tiriamo fuori un drumming funky - fusion che fa paura, spingiamo tantissimo!" (Daniela Floris)

30/09/2013

Cross Culture (Joe Lovano Us Five)- Vincenzo Fugaldi

21/09/2013

Südtirol Jazz Festival 2013: "Doppiata la boa del trentennale, la storica manifestazione altoatesina prosegue nella meritoria iniziativa di portare in provincia di Bolzano i migliori suoni del jazz contemporaneo." (Vincenzo Fugaldi)

23/07/2013

Eggun (Omar Sosa)- Alceste Ayroldi

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #1: Chick Corea, Stefano Bollani, Herbie Hancock, John Scofield, Joe Lovano, Esperanza Spalding, Al Jarreau, Paolo Fresu...(Pierfrancesco Falbo)

01/07/2012

L'"International Jazz Day" proclamato dall'Unesco: "Per la prima volta il jazz ha avuto un riconoscimento planetario: l'Italia aderisce allo spirito di quel lodevole consesso internazionale?" (Filippo Bianchi)

28/04/2012

5th House (Dominic Miller) - Alceste Ayroldi

08/10/2011

51a Jazz a Juan, dedicata a Miles Davis: "Bitches Brew Beyond", una Allstar band con Wallace Roney alla tromba e formata tutta da grandiosi musicisti che hanno collaborato con Davis, "Tribute To Miles" di Marcus Miller con Herbie Hancock, Wayne Shoreter, Sean Jones e Sean Rickman e l'immarcescibile trio di Keith Jarrett, Gary Peacock e Jack De Johnette. (Gabriele Prevato)

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

18/08/2011

Gent Jazz Festival - X edizione: Dieci candeline per il Gent Jazz Festival, la rassegna jazzistica che si tiene nel ridente borgo medievale a meno di 60Km da Bruxelles, in Belgio, nella sede rinnovata del Bijloke Music Centre. Michel Portal, Sonny Rollins, Al Foster, Dave Holland, Al Di Meola, B.B. King, Terence Blanchard, Chick Corea...Questa decima edizione conferma il Gent Jazz come festival che, pur muovendosi nel contesto del jazz americano ed internazionale, riesce a coglierne le molteplici sfaccettature, proponendo i migliori nomi presenti sulla scena. (Antonio Terzo)

15/11/2010

Live in Rome & Copenhagen 1969 (Miles Davis Quintet)- Giovanni Greto

25/07/2010

A Night in Montecarlo (Marcus Miller)- Roberto Biasco

09/07/2010

In diretta da Umbria Jazz 2010. (Marcello Migliosi)

03/05/2010

Lost In A Dream (Paul Motian Trio)- Gianmichele Taormina

25/10/2009

Herbie Hancock e Lang Lang a Verona Jazz 2009: "Quando un concerto viene propagandato come un evento imperdibile, in grado di regalare sorprese e colpi di scena, se si cede alle lusinghe di ciò che si legge e si decide di assistere allo spettacolo, spesso si rimane delusi...è mancata l'imprevedibilità, che incuriosisce e può creare un legame forte tra chi esegue e chi ascolta." (Giovanni Greto)

20/06/2009

Indigo Red (Amana Melome')

10/04/2009

Bare Bones (Madeleine Peyroux)

28/03/2009

La Five Peace Band di Chick Corea, John McLaughlin, Chris McBride, Vinnie Colaiuta e Kenny Garrett al Teatro Manzoni per Aperitivo in Concerto: "Questi cinque mostri sacri del jazz non hanno prodotto un risultato pari alla somma delle loro rispettive abilità, pur strabiliando, individualmente, per le innegabili ed indiscutibili capacità di ciascuno...." (Rossella De Grande)

01/02/2009

Malene (Malene Mortensen)

25/01/2009

Herbie Hancock Sextet al Roma Jazz Festival: "La formazione si è mossa abilmente tra esecuzioni acustiche ed elettriche, tra strumenti acustici ed elettrici, a partire dallo stesso Hancock, che si è alternato al pianoforte e al sintetizzatore. Tutti musicisti di altissimo livello internazionale..." (Dario Gentili)

01/01/2009

Herbie Hancock al Bologna Jazz festival: "Quella di Hancock è una poetica della complessità, l'evocazione di un «villaggio globale» musicale che non si semplifica in un'assimilazione jazzistica di altri materiali, ma che muove piuttosto dalla ricerca di un terreno comune, dalla definizione di un orizzonte di intesa che si situa oltre le distinzioni di genere." (Giuseppe Rubinetti)

09/11/2008

Pass It On (Dave Holland Sextet)

26/10/2008

Venezia Jazz Festival e Veneto Jazz Summer: "Abbiamo notato come, in genere, i grandi nomi spesso deludano le aspettative e come certi progetti probabilmente siano forme studiate a tavolino da manager e produttori scaltri e navigati che cercano di spremere il nome consolidato, sicuri che egli sia capace ancora di radunare un folto pubblico." (Giovanni Greto)

21/07/2008

Speciale da Umbria Jazz 2008: «Continuità, stabilizzazione della struttura, mantenimento dei rapporti internazionali», sono questi gli imperativi su cui Regione dell'Umbria, Comune di Perugia e Umbria Jazz si impegneranno, sin dalla prossima edizione, per assicurare al Festival il giusto e sicuro futuro. (a cura di Marcello Migliosi)

25/03/2008

Anouar Brahem, John Surman, Dave Holland in "Thimar" all'Auditorium di Roma: "...una politica musicale assolutamente apprezzabile quella dell'Auditorium di Roma di non rincorrere soltanto le nuove uscite discografiche per strappare una data del tour che ne segue, ma di costruire il proprio calendario cercando di riproporre e rilanciare formazioni e progetti, i cui lavori non intercettano propriamente la più stretta attualità e che probabilmente non torneranno in sala di registrazione." (Dario Gentili)

23/02/2008

Mirror (Miles Okazaki)

02/11/2007

Il Dave Holland Quintet ad Etnafest 2007: "Nella musica del quintetto si mescolano, fino a trovare una sintesi densa di pregnante classicità, buona parte delle influenze che hanno interessato Holland come comprimario o protagonista nel corso della sua lunga carriera..." (Enzo Fugaldi)

09/04/2007

Padova Porsche Jazz festival: un Dave Holland Quintet che non decolla, una eccellente ma poco seguita serata con Claudio Fasoli e la Civica Big Band di Milano e un intraprendente Mino Cinelu polistrumentista in un bel concerto in solo che però non cattura l'attezione del pubblico. (Giovanni Greto)

14/01/2007

Cronaca e riflessioni sul concerto di Herbie Hancock al Jazzfest di Berlino: "...Le dita fluiscono in modo impercettibile e aereo, giocoso e rigoroso al tempo stesso. Questa è magia pura: questa, amici miei, è Musica Musica..." (C. Pustol - G. Aula)

14/01/2007

Possibilities (Herbie Hancock)

11/01/2007

Gallery dal London Jazz Festival di Thomas Van Der Aa e Nadia Guida.

29/10/2006

Intervista a Claudio Filippini: "Sono un grande amante del repertorio contemporaneo, quello che va da fine ‘800 in poi, come ad esempio Ravel e Debussy. Poi ovviamente tutta la storia del jazz ha fatto il resto, ma non vorrei tralasciare che sono un fanatico del rock inglese!" (Alberto Francavilla)

04/09/2006

Un grande concerto alla Carnegie Hall in onore di Toots Thielemans con Herbie Hancock, Oscar Castro-Neves, Eliane Elias, Ivan Lins, Joe Lovano, Paquito D'Rivera...(Roberta E. Zlokower)

02/09/2006

Chris Potter al Blue Note: "La mia esperienza con Dave Holland è stata molto significativa. Ora ho molta libertà con la mia band. Pur essendoci parecchi aspetti in comune con la musica di Holland, la mia musica di adesso è differente, per via del sound elettrico, per il tipo di struttura." (Rossella del Grande)

01/09/2006

"Linguaggio Universale" , la gallery di Francesco Truono su Umbria Jazz 2006.

27/08/2006

LEZIONI (Storia): Cinema e Jazz: Il film 'Round Midnight di Bernard Tavernier ... (Cinzia Villari)

26/02/2006

Nuova Gallery con le foro di Giuseppe Arcamone

12/02/2006

Jazz & Wine of Peace, 8a edizione del prestigioso festival di Cormons con, tra gli altri, artisti del calibro di Dave Holland, Dave Liebman, Omar Sosa, Dave Douglas... (Giovanni Greto)

30/01/2006

Nell'ambito del Ravenna JAzz Festival 2005, una serata dedicata ai contrabbassisti, con il Kush trio di Ben Allison ad aprire il concerto, seguito dall'attesissimo quintetto di Dave Holland. (Andrea Caliò)

28/01/2006

Il Dave Holland Quintet per Aperitivo in Concerto al Manzoni di Milano (Bruno Gianquintieri)

28/01/2006

Il Dave Holland Quintet al Manzoni di Milano: "Il teatro è letteralmente stipato. Dal palco si riesce ad abbracciare con lo sguardo tutta la platea e non si fa fatica a riconoscere anche i volti di molti jazzisti, in mezzo a quel pubblico così numeroso. Non si tratta di un concerto qualunque..." (Rossella Del Grande)

28/06/2005

Overtime (Dave Holland Big Band)

12/09/2004

Herbie Hancock, Wayne Shorter, Dave Holland, Brian Blade, il super gruppo più atteso dell'estate. Noi lo abbiamo seguito in tre differenti festival proponendo un reportage di quanto visto ed ascoltato. Una band che ha sfoderato una musica innovativa frutto di un'elaborazione ritmico-armonica che potrà probabilmente fare da precursore per il futuro.

22/04/2004

Dave Holland Quintet per il Roma Jazz Festival all'Auditorium: "...l'inconfondibile marchio sonoro, una originale miscela che unisce il più classico Post-Bop con l'avanguardia newyorkese del M-Base, che da anni caratterizza i lavori del quintetto..." (Dario Gentili)

29/02/2004

Dave Holland: discografia ragionata. Un'analisi dei "must" della sterminata discografia del contrabbassista inglese senza tralasciare la..."discografia mancata". (Gianmichele Taormina)





Video:
Jeff Ballard Trio w/ Lionel Loueke & Miguel Zenon (sax solo) Ueffilo Gioia del Colle - Ba (4/4)
Jeff Ballard Trio feat. Lionel Loueke & Miguel Zenon (sax solo) in concerto al Ueffilo Jazz Club di Gioia del Colle - Ba 16/05/10Jeff Ballard drum...
inserito il 17/05/2010  da nickingos - visualizzazioni: 2294
Jeff Ballard Trio w/ Lionel Loueke & Miguel Zenon (sax solo) Ueffilo Gioia del Colle - Ba (2/4)
Jeff Ballard Trio feat. Lionel Loueke & Miguel Zenon (sax solo) in concerto al Ueffilo Jazz Club di Gioia del Colle - Ba 16/05/10Jeff Ballard drum...
inserito il 17/05/2010  da nickingos - visualizzazioni: 1932
Jeff Ballard Trio "Body and Soul" w/ Lionel Loueke & Miguel Zenon - Ueffilo Gioia del Colle Ba (3/4)
Jeff Ballard Trio feat. Lionel Loueke & Miguel Zenon, in una bella interpretazione di Body and Soul (...il video non e' proprio da "premium&q...
inserito il 16/05/2010  da nickingos - visualizzazioni: 1874
Jeff Ballard Trio w/ Lionel Loueke & Miguel Zenon (sax solo) Ueffilo Gioia del Colle - Ba (1/4)
Jeff Ballard Trio feat. Lionel Loueke & Miguel Zenon ( sax solo) in concerto al Ueffilo Jazz Club - Gioia del Colle - Ba 16/05/10Jeff Ballard drum...
inserito il 16/05/2010  da nickingos - visualizzazioni: 1914
Herbie Hancock solo piano
Herbie Hancock solo piano...
inserito il 02/05/2010  da solosolos2010 - visualizzazioni: 1662
Fabrizio Bosso Live a B Side: "The Funk Phenomena" (Van Helden)
Archangel - Burial: http://www.deejay.it/dj/multimedia/dettaglio/type-V/idMedia-2684/-Archangel--...Rock It - Herbie Hancock: http://www.deejay.it/dj/...
inserito il 03/07/2009  da radiodeejay - visualizzazioni: 1591
Fabrizio Bosso Live a B Side: "Brown Paper Bag" (Roni Size)
Fabrizio Bosso improvvisa su "Brown Paper Bag" di Roni Size durante la diretta di B Side con Alessio Bertallot. Guarda tutti i live di Frabr...
inserito il 01/07/2009  da radiodeejay - visualizzazioni: 1708
Chris Potter trying a Borgani Lovano Model tenor saxophone
Chris was really nice to try out the different Borgani tenor saxophone models for us. He himself plays a beautiful Selmer Super Balanced Action, howev...
inserito il 19/05/2009  da amsterdamwinds - visualizzazioni: 1218
chris potter underground funk 1
live new morning paris 2008...
inserito il 30/11/2008  da bilbojazz - visualizzazioni: 1024
ARETHA AND GUESTS "ALL STAR TRIBUTE TO THE GIANTS OF JAZZ"
ARETHA AND GUESTS ALL STAR TRIBUTE TO THE GIANTS OF JAZZ....FEATURING HERBIE HANCOCK, RON CARTER, CLARK TERRY, ROY HAYNES, JAMES CARTER AND RUSSEL MAL...
inserito il 27/10/2008  da oneloveatatime - visualizzazioni: 1637
Herbie Hancock and Corinne Bailey Rae - River Live on Abbey Road
Download the mp3 of this performance: http://www.eezy.weebly.com, , Herbie Hancock and Corinne Bailey Rae - River live on Abbey Road featuring Wayne S...
inserito il 10/08/2008  da eezlewax2 - visualizzazioni: 1757
Herbie Hancock a Umbria Jazz 2008
Herbie Hancock a Umbria Jazz 2008...
inserito il 16/07/2008  da umbriajazz2008 - visualizzazioni: 1749
Oleo - Hancock,Brecker,McFerrin-part B
1988 Oleo comp:Sonny Rollins...
inserito il 30/04/2008  da darominu - visualizzazioni: 1746
Oleo - Hancock,Brecker,McFerrin-part A
1988 Munchen Oleo comp:Sonny Rollins...
inserito il 28/04/2008  da darominu - visualizzazioni: 1794
Herbie Hancock Quartet - Oleo (live)
Herbie Hancock Quartet Is:, Herbie Hancock - Piano, Branford Marsalis - Tenor Sax, Ron Carter - Bass, Tony Williams - Drums...
inserito il 25/01/2008  da LightningTrident - visualizzazioni: 1728
Fee Fi Fo Fum - Wayne Shorter
...
inserito il 13/01/2008  da Lot2learn - visualizzazioni: 1375
Fast Focus - Herbie Hancock 'River:The Joni Letters'
Herbie Hancock is one of the most influential American jazz pianists and composers of our time, a true icon of modern music. A musical visionary who c...
inserito il 29/10/2007  da fastfocustv - visualizzazioni: 1499
Dave Holland quintet - Chris Potter Solo
au parc floral de Vincennes, Paris, le 14 juillet 2007...
inserito il 27/09/2007  da cab88888 - visualizzazioni: 1404
Herbie Hancock and VSOP Reunion - Eye of The Hurricane 1986
This video was up here a while back but seems to be gone now so here it is again. This seems like some kind of V.S.O.P. reunion with Joe Hen on sax in...
inserito il 26/08/2007  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 1445
Joe Henderson & Herbie Hancock - Lush Life
June 18, 1993. From the 40th anniversary of the Newport Jazz Festival, held in a tent on the lawn of the White House....
inserito il 22/07/2007  da leoshephard - visualizzazioni: 1647
Dave Holland Quintet Metamorphos and interview 2002
Dave Holland Quintet Metamorphos and interview 2002 Newport jazz festival...
inserito il 14/06/2007  da markussiotube - visualizzazioni: 1392
Herbie Hancock - Chameleon
Herbie Hancock, Bill Evans (II), Darryl Jones - [1988] - Chameleon [Live in Montreux]...
inserito il 14/04/2007  da palanzana - visualizzazioni: 1904
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter -
Miles Davis - Herbie Hancock - Wayne Shorter - Ron Carter - tony williams Stockholm 1963...
inserito il 19/02/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 1802
Miles Davis - Wayne Shorter - Herbie Hancock - Ron Carter -
...
inserito il 25/01/2007  da moresco63 - visualizzazioni: 1638
Miles Davis: Walkin'
The Miles Davis Quintet digs into this classic on November 7, 1967 at the Stadthalle, Karlsruhe, Germany....
inserito il 20/12/2006  da pixaninny - visualizzazioni: 1761
Herbie Hancock jams with his Fairlight CMI
Herbie shows off while Quincy Jones looks on. Taken from VHS recording of 1984 documentary "I love Quincy" http://ftvdb.bfi.org.uk/sift/titl...
inserito il 07/12/2006  da froady - visualizzazioni: 1534
Freddie Hubbard & Joe Henderson - Maiden Voyage
This is from the Mt. Fuji jazz fest - August, 1986... Also with Herbie Hancock, Ron Carter, and Tony Williams. Sorry it cuts off at 10 minutes, but th...
inserito il 15/10/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 1423
herbie hancock cameleon live 1975
headhunters original 1975 soundstage san fransisco...
inserito il 08/10/2006  da milesdewey - visualizzazioni: 1179
Chris Potter Live with Dave Holland Quintet "Vicissitudes"
*sorry, but this is the only clip from the show I have*, , * this is from the MIDDLE of Chris' solo, leading the ignorant listener to believe that he ...
inserito il 04/08/2006  da thecosmicrain - visualizzazioni: 1327
Herbie Hancock - Jazz Fusion Cantelope Island
An amazing rendition of canteloupe island....
inserito il 01/08/2006  da jesuschristopher - visualizzazioni: 1315
jeff berlin, frank gambale, vinnie colaiuta
from jeff berlin's bass instructional video...
inserito il 24/06/2006  da jesuschristopher - visualizzazioni: 1159
Billy Cobham, Herbie Hancock, and Ron Carter
Jazz performance. Billy Cobham - drums; Herbie Hancock - piano; Ron Carter - double bass...
inserito il 22/02/2006  da McYaballow - visualizzazioni: 1456
Cantelope Island
One Night With Blue Note - DVD...
inserito il 08/01/2006  da drummer123 - visualizzazioni: 1928


Invia un commento


© 2000 - 2014 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 10.272 volte
Data pubblicazione: 16/09/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti