Jazzitalia - Io C'ero: IAJE Annual Convention 2008
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


IAJE Annual Convention 2008

Toronto, Canada - gennaio 2008
Written by Jamie Baum, flutist/composer


Click here to read the english version

E' un vantaggio ed uno svantaggio al tempo stesso il fatto che all'Annual Convention dell'IAJE vi sono così tanti concerti, clinics, masterclasses a cui partecipare, persone da incontrare, strumenti da provare, stand da vedere e chiacchiere da fare…Decidere il da farsi e giungere in tempo alle mete prefissate, sono i due principali "problemi" da affrontare appena usciti dalla calda e accogliente stanza del proprio hotel per avventurarsi nelle numerose offerte.

D
ato che vivo a NYC e che spesso posso ascoltare molti dei musicisti che si esibiscono in queste occasioni, sia noti e consolidati che giovani promesse, mi piace cercare di seguire musicisti che non ho mai visto. Ovviamente non mi sono persa il principale evento di quest'anno, il concerto del sabato sera che prevedeva quattro top band canadesi. In competizione con la star della tromba Randy Brecker, il quale si esibiva presso il noto Rex Hotel Jazz & Blues Bar. I partecipati per questo evento presentato dal Canada Council for the Arts sono stati un po' ridotti. Iniziato con il Francois Houle Octet, seguito da Les Projectionists, Barry Bromberg's Random Access Large Ensemble e concluso con il Mainstream Icon Quintet. La musica ascoltata ha spaziato dallo straight-ahead modern jazz alla fusion intrisa di rock. Sebbene il set eseguito da ogni band fosse piuttosto lungo per una serata contenente quattro gruppi, il pubblico ha mostrato grande entusiasmo, gradendo i differenti stili proposti.

L'Inghilterra ha avuto una non usuale vasta presenza alla conferenza di quest'anno, supportata dall'Arts Council, etichette discografiche, radio e aziende del settore. Con un raduno di aziende e musicisti irlandesi, scozzesi e britannici che si sono esibiti o che hanno semplicemente partecipato al più grande stand della Industry Exposition. Il loro obiettivo era riassunto nel titolo del loro CD promozionale "Brit Jazz breaks Out". Due esibizioni che hanno particolarmente colpito hanno incluso il gruppo di "giovani leoni" Empirical, già vincitori dell'EBU European Jazz Competition 2007 e la sempre ispirante esibizione di Kenny Wheeler e Norma Winstone insieme alla Big Band dei Conservatori inglesi. Sebbene molta della musica proposta fosse interessante e ben suonata dal gruppo, il pubblico - me compresa - non ha gradito il fatto che gli artisti ospiti principali fossero stati fatti uscire solo per l'ultimo brano,in una performance durata un'ora.

Come compositore, cerco di prender parte tra I brani che sono seguiti annualmente alla Conference Opening General Session. Sponsorizzata da IAJE e ASCAP, questi premi sono assegnati sia ad un compositore famoso che ad un emergente per i risultati ottenuti riguardo le loro capacità compositive. Ogni musicista ha l'incarico di comporre un lavoro in onore di un artista scelto dal IAJE e, quest'anno, si è trattato di Frank Foster ad ottenere tale tributo.

Ad aggiudicarsi il riconoscimento come compositore noto è stato Tim Hagans, rinomato trombettista, compositore/arrangiatore che ha ottenuto anche una nomination ai Grammy per uno dei suoi numerosi album. "Per il brano Box of Canoli, ho composto quattro differenti episodi che erano apparentemente non correlati tra loro nella melodia, nell'armonia e nell'impatto sonoro in generale. Le differenze erano evidenti e ovvie, ma man mano che lavoravo sul materiale, similitudini, sottili e nascoste, diventavano ovvie. I tre minuti finali del brano combinano questi materiali per costituire come un quinto episodio. Mi piace molto lavorare in questo modo. Sebbene ho scritto 4 diversi momenti, nel subconscio ho inserito pochi elementi comuni sapendo che avrei poi provato a combinare tutti gli ingredienti per un compendio finale. Questa riuscita conclusione musicale offerta all'ascoltatore un senso di completezza e soddisfazione così come suonarla, fornisce ai musicisti una interessante esperienza. Vi sono anche alter influenze collaterali al brano oltre Frank Foster che si possono individuare in Dmitri Shostakovich, Einojuhani Rautavaara, Aaron Copland e Thad Jones."

La compositrice emergente Ayn Inserto ha ricevuto diversi premi per le sue composizioni ed è un'insegnante del Berklee College of Music. "Il mio brano, Vinifera, deriva dalla frase Vitis vinifera che è un tipo di uva commune da cui si ottengono molti vini. L'ispirazione per questo brano nasce dall'essere andata ad assaggiare il vino nella Napa Valley. Penso sia il pezzo più variegato che abbia mai scritto. Ho voluto comporre un brano che fosse energico, fuori dalle tonalità convenzionali ma comunque accessibile a molti. Spero di essere riuscita ad ottenere ciò scrivendo prevalentemente in chiave "minor" ed utilizzando molti più contrappunti di quanto ne abbia fatto uso nel passato. Nell'insieme, ho voluto semplicemente comporre un buon brano musicale che scorra in modo fluido e che possa essere gradito dall'ascoltatore."

Randy Brecker with Pat & Joe Labarbera @ The Rex


Empirical 1 - IAJE 2008 - Toronto






Articoli correlati:
05/11/2016

Symphonika (Glauco Venier - Michele Corcella)- Niccolò Lucarelli

13/12/2015

Disguise (Ada Rovatti)- Gianni Montano

02/06/2015

Black Orpheus (Nilson Matta's)- Alessandra Monaco

29/03/2015

Intervista ad Antonio Tarantino - San Severo Jazz Winter: "Il palco viene inteso come un luogo di incontro, scambio, crescita e sviluppo. Una percezione che mira alla riscoperta della curiosità e della bellezza." (Alceste Ayroldi)

29/03/2015

Redhorn Collection (Nils Landgren)- Alceste Ayroldi

18/03/2015

Intervista con Fabio Morgera: "...quando uno come Frank Lacy ti dice 'You're Black' mentre stai suonando con lui, beh, allora puoi dire di esserci veramente dentro." (Achille Brunazzi)

15/06/2014

Norma Winstone e il battito "naturale" delle parole: "La cosa importante è trovare l'essenza di una composizione ed eseguirla con rispetto." (Davide Ielmini)

29/12/2013

Six For Six (Kenny Wheeler)- Enzo Fugaldi

22/12/2012

Soul Blueprint (Gianni Bardaro Feat. R. Brecker)- Gianni Montano

08/12/2012

Kenny Werner feat. David Sanchez, Randy Brecker, Scott Colley e Antonio Sanchez: "Siamo una squadra talmente affiatata che ognuno è attento al modo di suonare dell'altro e lo completa." (Gaetano Petronio)

02/11/2012

Crystals (Alessandro Bertozzi)- Vincenzo Fugaldi

21/11/2010

Stories Yet To Tell (Norma Winstone)- Vincenzo Fugaldi

18/09/2010

Intervista a Gerardo Frisina, punto di riferimento per l'intera scena nu-jazz internazionale: "La musica è musica e l'emozione deve esser trasmessa dalla melodia, non dalle parole. Inoltre ciò che arriva alle orecchie della gente è spesso fasullo e la musica viene sporcata se non è sincera ed è fatta per mettersi in mostra." (Mario Melillo)

01/06/2010

Green Factor (Ada Rovatti)- Roberto Biasco

05/04/2010

Nal Tarahara (Bruno Marinucci Trio)- Rossella Del Grande

06/01/2010

Nineteen Plus One (Colours Jazz Orchestra & Kenny Wheeler) - Alceste Ayroldi

26/09/2009

Le radici siciliane di Frank Sinatra: La ricostruzione delle connessioni tra il più grande crooner e la Sicilia oltre ad un'analisi della sua "jazzità": "...si potrà discutere sulla percentuale del successo che spetti personalmente a Sinatra e su quella da riconoscere ai suoi arrangiatori, Nelson Riddle, Neal Hefti, Billy May, Quincy Jones, Don Costa ecc., veri registi occulti dei suoi successi, ma una cosa è assolutamente certa: senza quegli arrangiamenti "il Re sarebbe (un po') nudo"." (Claudio Lo Cascio)

17/09/2009

Big Neighborhood (Mike Stern) - Marco Losavio

03/07/2009

Why Stop Now! - Great Songs From The 20° Century (Minnie Minoprio)- Alceste Ayroldi

09/04/2009

Solace (Jamie Baum Septet )

21/02/2009

Festival ECM alla Casa del Jazz, con il trio di Norma Winstone, il trio Melos e il collettivo franco-norvegese Dans les arbres. "Una delle etichette discografiche che ha caratterizzato la storia del jazz europeo (e non solo), tanto da aver definito un suo peculiare "suono", una delle etichette più discusse, amata fino al feticismo per le sue confezioni e odiata talvolta solo per pregiudizio, la ECM di Manfred Eicher, compie quest'anno quarant'anni. Lo scorso dicembre, in nome di una ormai solida collaborazione, la Casa del Jazz di Roma ha voluto inaugurare i festeggiamenti con un piccolo festival di tre giorni." (Dario Gentili)

21/01/2009

Distances (Norma Winstone)

13/04/2008

Candido Camero: Hands on Fire" riceve il 2008 NEA Jazz Master Award all'IAJE Annual Convention 2008. "Il suo sound e il suo tocco hanno galvanizzato i presenti rendendo chiaro perchè egli sia un Jazz Master" (Jamie Baum)

16/03/2008

Airbop (Ada Rovatti)

15/11/2007

Hoarded Dreams (Graham Collier)

11/11/2007

Sightunheard (Jamie Baum )

11/11/2007

Moving forward, standing still (Jamie Baum Septet)

30/09/2007

Bari in Jazz 2007: "La rassegna, che si è avvalsa della direzione artistica di Roberto Ottaviano, si è sviluppata per il secondo anno consecutivo lungo gli affascinanti vicoli del Borgo Antico, permettendo ad un pubblico allargato di godere delle esibizioni dei musicisti chiamati in quest'occasione." (Alberto Francavilla)

24/04/2007

Still Waters (Kenny Wheeler - Brian Dickinson)

03/03/2007

A New York, si è svolta la 34a Annual Conference della IAJE. Come sempre, decine e decine di appuntamenti di ogni genere compresi i momenti più importanti come il NEA Jazz Masters. Quest'anno, inoltre, c'è stata una incredibile intervista di Greg Osby a Ornette Coleman per Downbeat...(Jamie Baum, Patrizia Scascitelli)

11/01/2007

Gallery dal London Jazz Festival di Thomas Van Der Aa e Nadia Guida.

10/11/2006

Nuova gallery direttamente dal Blue Note di Milano (Enrico Barberis)

26/03/2006

Kenny Wheeler Quartet al Padova Porsche Jazz Festival: "Un concerto eccezionale in un teatro con un'acustica incredibile...Applausi sentitissimi e la sensazione di essersi immersi in un morbido sogno, incredibilmente più bello della realtà." (Giovanni Greto)

28/01/2006

Ira Gitler intervista Sonny Rollins durante l'Annual Conference della IAJE: "Sin da giovane ho creduto ad una forza naturale che ci guida, ho uno spirito religioso, faccio yoga, ciò mi ha aiutato a vivere e a non farmi sopraffare dal materialismo..." (Patrizia Scascitelli)

31/12/2005

Ogni martedì sera, all'Iridium Jazz Club di New York, la Mingus Big Band, gestita da Sue Mingus, si esibisce all'insegna della musica del grande Charles ospitando artisti di fama sempre diversi come, in questo caso, è stato per Randy Brecker...(Roberta E. Zlokower)

14/02/2004

Jazzitalia intervista in esclusiva i Take 6 a New York: "...Amiamo tutta la musica, e abbiamo cantato praticamente tutti i generi musicali, inclusi jazz, gospel, doo-wop, latin, R&B, hip-hop, opera, pop, e persino country western." (Sandra Kimbrough)

19/05/2002

Intervista a Ray Brown: trarre il meglio da ogni chorus. Antonio Garcìa affronta con il grande contrabbassista gli inizi, la didattica e il senso del business.

17/01/2002

Intervista a Terence BLANCHARD: Gli Entusiasmanti Viaggi nel Jazz. Dalla vita, alla didattica, ai suoi lavori per il cinema fino al suo ultimo CD Let's Get Lost.

10/12/2001

Nuovo numero del magazine Jazz Educators Journal con un'esclusiva intervista a Dave Brubeck

23/10/2001

Jazzitalia avvia una collaborazione con l'IAJE la più importante associazione di insegnanti jazz al mondo.





Video:
Ada Rovatti - presenting DISGUISE
Ada Rovatti - DISGUISE, Available on JULY 22nd, 2014 - on Itunes, Amazon and stores !, Featuring : Randy Brecker, Dean Brown, Adam Rogers, Zach Brock,...
inserito il 23/09/2014  da birbat12345 - visualizzazioni: 3651
Clark Terry receives the Grammy 2010 Lifetime Achievement Award
Legendary Jazz Trumpet and Flugelhorn player, Clark Terry, receives the Grammy 2010 Lifetime Achievement Award on January 30th, 2010 in Los Angeles. D...
inserito il 02/02/2010  da bigeyezzzzzzz - visualizzazioni: 2512
Don Grolnick Quintet wt/ Joe Henderson - The Cost Of Living #1 [1991]
Messepalast, Jazzfest Wien/Austria 7th July 1991 , , Don Grolnick - Piano, Randy Brecker - Trumpet & Fluguelhorn, Joe Henderson - Tenor, Eddie Gom...
inserito il 20/06/2009  da nunoalpi - visualizzazioni: 2644
John Abercrombie/Kenny Wheeler Band
Kenny Wheeler Quintet_Kenny Wheeler,Trumpet/John Abercrombie,Guitar/Peter Erskine,Drums/John Taylor,Piano/Palle Danielsson,Bass, Baltica Festival...
inserito il 28/10/2008  da ohmproduct - visualizzazioni: 2596
Herbie Hancock jams with his Fairlight CMI
Herbie shows off while Quincy Jones looks on. Taken from VHS recording of 1984 documentary "I love Quincy" http://ftvdb.bfi.org.uk/sift/titl...
inserito il 07/12/2006  da froady - visualizzazioni: 2666
Mark Murphy Discusses Jazz Singing
Mark Murphy speaks at 2006 IAJE Conference regarding Jazz Singing. Clinicians also present are from R to L; Jay Clayton, Madeline Eastman, Mark Murph...
inserito il 23/07/2006  da Mischeaux61 - visualizzazioni: 3597


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.575 volte
Data pubblicazione: 13/04/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti