Jazzitalia - Io C'ero: Jan Garbarek Quartet
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Jan Garbarek Quartet
8 maggio 2007- Venezia – teatro la Fenice
di Giovanni Greto

Jan Garbarek - sax tenore e soprano ricurvo
Rainer Bruninghaus - tastiere
Yuri Daniel - basso elettrico
Trilok Gurtu - percussioni

Deludente, e lo diciamo dispiaciuti, l'esibizione del sassofonista norvegese nel celebre teatro veneziano, per la seconda edizione di "Jazz at Fenice". Non c'era l'esaurito, anzi la platea presentava parecchi spazi vuoti. Garbarek si presenta con il suo quartetto più collaudato senza però il bassista Eberhard Weber, sostituito all'ultimo istante, sembra per improvvisi problemi di salute. In forma, desideroso di esibirsi in un ambiente così accogliente, anche se maestoso, Garbarek andrà avanti, senza intervallo, per quasi due ore e un quarto, chissà, forse pensando che la quantità temporale possa coprire il vuoto creato da una apparente mancanza di idee. La musica ascoltata purtroppo non ci indica alcuna direzione, appare come un assemblaggio di generi non approfonditi, accennati. Inoltre il leader concede troppo spazio ai solo dei suoi comprimari, con l'effetto di renderli degli episodi a sé stanti. Peccato, perché la sua sonorità originale, acutamente nasale sia al tenore che al soprano ricurvo, in certi momenti introduce nel teatro il senso del sacro. Ma il concerto non decolla e spesso sembra cadere nella routine.

Bruninghaus è andato anche bene quando con le tastiere creava un tappeto in cui si inserivano con facilità i sassofoni. ma nel momento dei solo, inseriti nel concerto forse anche per concedere pause ad ognuno, è emerso, soprattutto al pianoforte, un jarrettianesimo risultato però alquanto inespressivo. Yuri Daniel dimostra di possedere una valida tecnica sia al basso elettrico a quattro corde, che al fretless a 5 corde. Ma il lungo assolo all'interno del concerto, assume un significato di un intervento a mo', ci si conceda il termine calcistico, di melina? E infine eccoci di nuovo a chiederci le motivazioni sulla scelta di Trilok Gurtu, quale elemento percussivo. Il musicista indiano se nelle apparizioni di inizio carriera sembrava voler comunicare qualche cosa di nuovo, sorprendendo soprattutto per la costruzione di un set indo-occidentale, suonato seduto per terra, utilizzando speciali pedaliere e che per qualche periodo raccolse diversi seguaci tra i giovani percussionisti che assistevano alle sue esibizioni, adesso, criticato dai suoi compatrioti, pur continuando a circondarsi delle tabla, suonate sempre meno "indianamente" e mettendosi in posizione batteristica rispetto allo strumento, indulge in un funky che non convince, con una scelta timbrica in molte parti decisamente infelice. Pensiamo al bass drum, la gran cassa, iper stoppato da cui fuoriesce un suono soffocato, o allo snare drum, il rullante, secco e tirato a tal punto da zittire la cordiera. Stilisticamente, accenta talmente tanto sui tamburi e sui piatti e li fa risuonare spessissimo, che viene meno l'effetto causato da un'accentazione ben graduata che ci si aspettava. L'unico bel piatto è il pesante ride di accompagnamento, che non ha mai abbandonato nel corso degli anni. Il suo assolo di circa un quarto d'ora, mescola un funky "scolastico" a sillabazioni tipiche della musica indiana, a diteggiature alle tabla. A un certo punto Garbarek gli si affianca, soffiando su di un flauto cilindrico ligneo, per un momento di folklore, presto abbandonato, a favore di una ripartenza in stile jazz rock, con il basso, le tastiere e il sax che ricorda i Weather Report.

Tra i brani, Garbarek esegue "Milagre dos peixes", bellissima nella versione originale del cantautore brasiliano Milton Nascimento e che in questo contesto diventa un episodio "popular" privo d'interesse, appesantito dal consueto drumming funk di un Gurtu con un suono che risulta sempre più ingovernabile e insopportabile. Garbarek però è contento. Il pubblico lo applaude e lui abbandona la glacialità, abbozzando dei sorrisi.






Articoli correlati:
31/05/2015

Vicenza Jazz New Conversations - XX Edizione: "Venti anni di passione e consapevolezza per un festival al servizio della città e dei tanti artisti che gravitano nel suo comprensorio, con una partecipazione mai registrata in precedenza." (Vittorio Pio)

04/05/2014

Trilok Gurtu Band 'Spellbound': "...una musica aperta al mondo che abbraccia il mondo intero, un'abilità strabiliante senza mai indugiare nella spettacolarizzazione." (Viviana Falcioni)

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

22/09/2013

Ute Lemper sings Brecht and Weill: "Ciò che si avverte dalle prime note, è la sua capacità di vivere sul palcoscenico per un tempo indefinito con naturalezza, amando il proprio lavoro e mettendo una grande passione in tutto quello che canta." (Giovanni Greto)

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

10/02/2013

Philip Glass - "An evening of chamber music": "Un concerto tenero, intenso e stimolante. La musica sia la più antica, sia la più moderna, non è apparsa per nulla datata." (Giovanni Greto)

27/11/2010

Officium Novum (Jan Garbarek – The Hilliard Ensemble) - Dario Gentili

22/08/2010

Omar Sosa, Paolo Fresu e Trilok Gurtu al Locus Festival 2010: "...un esperimento di word music ed ethnojazz molto ben riuscito...è sembrato che il paese si fosse fermato per qualche ora ad ascoltare il ritmo e i suoni del mondo. A Locorotondo è stata di scena la Musica senza confini." (Cristiano Ragone)

07/12/2009

Dresden (Jan Garbarek Group) - Alceste Ayroldi

01/11/2009

New Conversations Vicenza Jazz 2009, "Il Jazz che venne dal freddo" con John Zorn e Uri Caine, Jan Garbarek & l'Hilliard Ensemble, Pete Churchill in "solo Performance" e la Mingus Dynasty con "Mingus Ah Um". (Giovanni Greto)

25/10/2009

Giunto alla 29a edizione il Roccella Jazz Festival sotto il titolo "Rumori Mediterranei" propone quest'anno trenta concerti in undici giorni con i più grandi artisti della scena internazionale. Una rassegna itinerante partita da Reggio Calabria e che, toccando diverse località, si è conclusa nella sua città natìa Roccella Jonica con i consueti quattro giorni di musica e appuntamenti collaterali. (Vincenzo Fugaldi)

19/09/2009

XXII Edizione del Festival Internazionale Time in Jazz dedicata all'Acqua: "Forse, mai come stavolta, si è percepito tra i cultori del jazz e delle sue variabili una simbiosi tra musica e luoghi intesi come mondo in cui vivere. Nei giorni del festival, ogni artista, ogni singola nota, ogni messaggio ha ribadito che anche attraverso la musica si può - anzi, si deve - offrire il proprio contributo per tenere in vita nel miglior modo possibile per noi e per coloro che arriveranno, un mondo che oggi appare offeso e trascurato nelle sue risorse essenziali: tra queste l'acqua, nelle sue forme e mutazioni in parallelo con le infinite combinazioni musicali." (Viviana Maxia)

05/01/2009

XXIIIa Edizione di "Ai Confini tra Sardegna e Jazz" a Sant'Anna Arresi: "Dedicata alla suggestiva figura ed all'indiscutibile genialità musicale di Don Cherry, la manifestazione sarda, giunta oramai alla sua ventitreesima edizione, ha offerto diversificate sfaccettature del caleidoscopico animo artistico impresso nel tempo dal grande trombettista di Oklahoma City." (Gianmichele Taormina)

15/11/2008

No Border, il trio di Franco D'Andrea con Fabrizio Bosso e Trilok Gurtu al 52° Festival Internazionale di Musica Contemporanea. A completare la serata, due gruppi provenienti dalla Sardegna: i "Cantadores a chitarra de Deris, de Oe e de Sempre" e i "Concordu di Castelsardo". (Giovanni Greto)

20/08/2008

Südtirol Jazzfestival Alto Adige 2008: "Nove giorni di festival itinerante in Alto Adige, curati dall'infaticabile Klaus Widmann e da un gruppo di ottimi collaboratori. Musica, spesso ottima; paesaggi e località incantevoli; buona accoglienza, grandi vini e cibi locali. Un insieme delizioso, disturbato solo da alcune fastidiose bizze atmosferiche, che hanno costretto gli organizzatori a spostare alcuni concerti in spazi all'interno." (Enzo Fugaldi)

05/07/2008

Jazz! Appunti e Note del Secolo Breve. (Franco Bergoglio )

18/03/2008

Caetano Veloso, Cê ao vivo al Teatro La Fenice di Venezia: "...il pubblico quasi trattiene il respiro, quando Caetano si esibisce da solo alla chitarra acustica in "Coraçao Vagabundo" e "Cucurrucucù Paloma" e alla sola voce in "Tonada de luna llena"..." (Giovanni Greto)

30/09/2007

Bari in Jazz 2007: "La rassegna, che si è avvalsa della direzione artistica di Roberto Ottaviano, si è sviluppata per il secondo anno consecutivo lungo gli affascinanti vicoli del Borgo Antico, permettendo ad un pubblico allargato di godere delle esibizioni dei musicisti chiamati in quest'occasione." (Alberto Francavilla)

18/12/2004

In Praise of Dreams (Jan Garbarek)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.469 volte
Data pubblicazione: 18/08/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti