Jazzitalia - Live: Jazz Groove Ia Parte
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Jazz Groove I^ Parte

(Gennaio-Marzo 2013)
Mestre (Ve), Auditorium del centro culturale Candiani
di Giovanni Greto

20 gennaio 2013
Omar Sosa Piano Solo
Omar Sosa - pianoforte

17 febbraio 2013
Marc Ribot Ceramic Dog
Marc Ribot - chitarre elettriche, voce
Shahzad Ismaily - basso elettrico, tastiere, voce
Ches Smith - batteria, elettronica, voce

24 Marzo 2013
Giovanni Guidi New Quintet
Shane Endsley - tromba
Dan Kinzelman - sax tenore
Giovanni Guidi - piano
Thomas Morgan - contrabbasso
Gerald Cleaver - batteria

Continua la programmazione jazz, ma non solo, del circolo Caligola, attento a cogliere al volo le proposte più interessanti, straniere o italiane non ha importanza, purché accomunate da gusto e qualità. Si è inoltre rivelata azzeccata la scelta di un orario tardo pomeridiano (le 18:00) e di un giorno, la domenica, che in questo modo trova una nuova linfa vitale.

Omar Sosa indossa sempre lunghi caffettani, si posiziona nella pedana portando una candela, un simbolo di spiritualità, mentre con una stoffa scaccia gli spiriti maligni. Inizia con un estratto di 30 minuti da ‘Miriam', una lunga suite eseguita di solito insieme ad una ballerina dello Zimbawe. Anche se si capisce che la presenza di una danzatrice – e Sosa stesso si è augurato di tornare insieme a lei al Candiani – potrebbe essere importante per cogliere il significato narrativo, immerso nell'oscurità alla luce di una candela, il suono del pianoforte acustico, le improvvisazioni e uno stile contrassegnato dal ritmo, Sosa attira ogni minuto di più l'attenzione della platea, che rimane, per così dire, affascinata. Nel repertorio ci sono anche brani di pop melodico con venature classicheggianti, forse a ricordare un'iniziale preparazione eurocolta. Ma sono le danze tradizionali Yoruba, come in "Engun", a trasportare in una cultura diversa, che attira l'ascoltatore occidentale. Convincente anche un episodio alla Kalimba o Sanza, il cosiddetto piano a pollice, in "Low Kalimba Restir", nel quale la religiosità si fa più evidente. E poi grazie ai delay e ai loop percussivi, non c'è bisogno di percussionisti in carne ed ossa in un brano come "Last Letter Y Rumba", che concluderebbe un intenso ed unico set. Ma l'ora non è ancora tarda, il pubblico si è scaldato, l'artista avverte le buone sensazioni e dunque regala tre bis, tra i quali "Brisa" del 1996, incisa per il primo LP di piano solo.

Di nuovo un tutto esaurito per il trio guidato dal chitarrista del New Jersey Marc Ribot. "Ceramic Dog", letteralmente "cane di ceramica" è un'espressione che sta a significare il gelo sotto il quale si cela l'emozione, il cane fotografato nel momento in cui gli si rizza il pelo prima di un combattimento, gli innamorati che si guardano fisso nel volto, assumendo un'espressione catatonica. Insieme da quasi cinque anni, i musicisti sono apparsi molto concentrati, attenti ai cambiamenti musicali e di atmosfera, dettati dal leader. Interessante la postura adottata da Ches Smith, spesso sorpreso a suonare stando all'inpiedi, un piatto della batteria in posizione altissima, abile nelle manipolazioni elettroniche e nel creare situazioni sonore di disturbo, memore forse di un'attrazione giovanile verso il punk. La musica rivela molteplici influenze. Si parte da un rock-punk che nell'evolversi del concerto pone attenzione al blues, alla musica cubana – Ribot anni addietro aveva licenziato due divertenti cd con "Los cubanos postizos"-, al funk, al jazz. Ma la caratteristica avvertita dall'orecchio è l'improvvisazione e un voler in qualche modo dissacrare, senza intenti blasfemi, sparando colpi al mainstream, l'espressione jazzistica tradizionale, come nell'originale e lunga versione di "Take Five", applauditissima, dove la chitarra esegue il tema spostandone le tonalità e ripetendo più volte frammenti di frasi, nella versione originale eseguiti un'unica volta, con uno stile chitarristico più vicino a quello dei vecchi Cream, piuttosto che all'algidità del sassofono contralto di Paul Desmond. C'è inoltre il piacere per i momenti ad altissimo volume, l'ossessione e la ripetizione di brevi frasi, i colpi superaccentati prima di uno stop, le pause silenziose utili a riflettere e a ripartire. Ribot si dedica anche al canto, dimostrando un'efficacia ed una genuinità che riscattano le imperfezioni. Ostinato il pulsare del basso elettrico di Shahzad Ismaily, anch'egli attentissimo ai mutamenti ritmici e in grado di alternare lo strumento a corde ad una piccola tastiera. Nella scaletta mestrina hanno trovato posto alcune tracce del nuovo Cd "Your Turn", appena uscito e stampato dall'etichetta tedesca Yellowbird.

E' cresciuto con il trascorrere del tempo il concerto del nuovo quintetto americano di Giovanni Guidi, apparso, nonostante la giovane età, capace di tenere in pugno i musicisti, lasciandoli liberi di improvvisare, anche se in realtà è lui ad indicare la strada da percorrere, brano dopo brano. Ci sono anche degli obbligati per i fiati, molto attenti, generosi, instancabili senza mai apparire ridondanti. Il contrabbasso ascolta, si inserisce in punta di piedi, ma quando si crea uno spazio, il brano sembra esplorare nuovi orizzonti. Ottimo Gerald Cleaver, dietro ai tamburi, percossi sia leggermente, soavemente, sia con vigore senza mai cadere in eccessi sonori e costruendo dei brevi, quanto efficaci assolo, optando per lo snare drum liberato dalla cordiera, forse per privilegiare il discorso melodico. Il set unico ha seguito una trama di brani originali, senza una scaletta, tra delicate ballads, accenni di calypso, atmosfere circensi e un pianismo percussivo, a tratti free. Straniante, nella concitazione generale, l'effetto di un tremendo colpo sulla tastiera, che ha troncato tutto allo scopo di ripartire con un altro tipo di espressione. Due i bis, entrambi riletture. Il primo, "Quizas, quizas, quizas" ha nobilitato una ballabile canzone popolare cubana, con eleganza di fraseggio e un volume sonoro quasi sussurrato. Il secondo ha fatto apparire ancor più morbida e sognante "By the river", una celebre composizione di Brian Eno.

Ma Jazz Groove non si esaurisce qui. A dispetto della crisi, il circolo Caligola ha annunciato altre cinque date, due in aprile e tre in maggio, tutte con orario serale.






Articoli correlati:
20/11/2017

Kon-tiki (Francesco Ponticelli)- Gianni Montano

09/10/2017

She Moves On (Youn Sun Nah)- Alceste Ayroldi

20/07/2017

Pomigliano Jazz in Campania: Si terrà dal 27 luglio al 6 agosto la XXII edizione del Pomigliano Jazz in Campania, nella ormai consueta formula itinerante che, oltre a Pomigliano d'Arco toccherà vari comuni del vesuviano e dell'alto nolano, coniugando musica, arte e valorizzazione del territorio.

26/06/2017

Ida Lupino (Giovanni Guidi, Gianluca Petrella, Louis Sclavis, Gerald Cleaver)- Vincenzo Fugaldi

01/11/2016

Gefion (Jakob Bro)- Alceste Ayroldi

18/09/2016

What Is This All About? (João Lencastre's Communion)- Niccolò Lucarelli

11/09/2016

Borderlands (William Tatge + Last Call)- Enzo Fugaldi

20/08/2016

Südtirol Jazz Festival Alto Adige 2016 - "New Sounds - Fresh Perspectives": "Il festival altoatesino prosegue nel suo lodevole intento di coinvolgere l'intero territorio della Provincia, dedicando l'edizione principalmente all'incontro fra musicisti della vicina Austria e musicisti italiani." (Vincenzo Fugaldi)

15/08/2016

This Is The Day (Giovanni Guidi Trio)- Enzo Fugaldi

21/05/2016

Tim Berne Snakeoil: "Un jazz per appassionati, ma che come pochi altri coglie le contaminazione fra la "musica del diavolo" e le altre esperienze artistiche." (Niccolò Lucarelli)

15/05/2016

Trentacinque (Simone Graziano)- Gianni Montano

02/11/2015

Mauro Ottolini Sousaphonix - Musica per una società senza pensieri: "Noi vogliamo una musica che aiuti ad ascoltare quello che è diverso da noi, con un atteggiamento di interesse e curiosità..." (Andrea Gaggero)

05/07/2015

Young Jazz Festival 15: "L'undicesima edizione del festival fulginate patrocinato da Umbria Jazz e diretto da Giovanni Guidi ha confermato l'ormai consueto taglio innovativo e la festosa partecipazione di numerosissimi giovani nel nuovo spazio dell'ex cinema Vittoria, oggi denominato Zut!" (Vincenzo Fugaldi)

24/05/2015

Jazz Ahead! 2015Jazz Ahead! 2015: "Vero tour de force per gli addetti ai lavori che la seguono, la fiera propone, nell'arco di tre giorni, una grandissima quantità di concerti divisi in sezioni..." (Vincenzo Fugaldi)

12/04/2015

Stonebreaker (Dan Kinzelman's Ghost)- Gianni Montano

21/12/2014

Enrico Rava & Parco della Musica Jazz Lab: "Se il nome è un pezzo sacro della storia del jazz italiano, le aspettative schizzano su alle stelle in un baleno. Il problema delle aspettative è che quando vengono tradite, l'amaro in bocca fatica ad andare via." (Nina Molica Franco)

31/08/2014

Nadzuti (Ivan Mazuze)- Nicola Barin

06/07/2014

Eponimus (Hobby Horse)- Alessandra Monaco

08/06/2014

Young Jazz Festival 14: "Dieci anni di Young Jazz a Foligno, celebrati con un'edizione densa di appuntamenti, che ha puntato a valorizzare il centro storico della cittadina umbra con una serie di momenti musicali di notevole spessore." (Vincenzo Fugaldi)

15/12/2013

Open World Jazz Festival 2013: "...giunto alla trentaquattresima edizione propone tre serate coerenti con la linea portata avanti dal Music Studio e dal direttore artistico Massimo Barbiero." (Gianni Montano)

03/11/2013

Il Bidone (Gianluca Petrella)- Alceste Ayroldi

28/10/2013

New Music For Trio (Ramberto Ciammarughi feat. Miroslav Vitous, Gerald Clever)- Alceste Ayroldi

25/08/2013

Jazz Groove Parte 2: Joyce in 'Femina', Maurizio Brunod & Miroslav Vitous in 'Duets', Claudio Fasoli Four in 'Patchwork', Ambrosetti, Caine, Di Castri in 'From Bach to Miles and Trane' e l'omaggio a Lester Bowie di Enrico Rava & PMJL. (Giovanni Greto)

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

23/07/2013

Eggun (Omar Sosa)- Alceste Ayroldi

16/06/2013

Young Jazz Festival 13: Artisti italiani della nuova frontiera jazz con una felice incursione norvegese e gran finale con la Liberorchestra, progetto di grande rilevanza sociale. (Vincenzo Fugaldi)

08/06/2013

Mauro Ottolini Sousaphonix: "Bix Factor": "Mauro Ottolini riesce a coniugare ricerca musicale, impegno artistico e capacità di divertire non solo il pubblico, ma anche e soprattutto sè stesso e la band che lo circonda." (Roberto Biasco)

02/06/2013

Open Jazz Festival d'Ivrea e Canavese 2013 : "...un festival che ha una lunga storia e vuol proseguire e crescere con opzioni ogni volta coraggiose e intriganti." (Gianni Montano)

10/03/2013

Rava On The Dancefloor (Enrico Rava and The Parco della Musica Jazz Lab)- Alceste Ayroldi

09/02/2013

XV Padova Jazz Festival: "Ad un deludente David Murray and The Black Saint Quartet si contrappone l'interessante e godibile Rava on the Dance Floor" (Giovanni Greto)

22/12/2012

Time (Jakob Bro) - Alceste Ayroldi

29/09/2012

European Jazz Expo #1: Stanley Jordan, Giovanni Guidi, Cristina Zavalloni, Livio Minafra, Javier Girotto, Enzo Pietropaoli, Claudio Filippini, Enrico Rava e il PM Lab (V. Fugaldi, F. Truono)

15/07/2012

The Path Here (Greg Burk) - Francesco Favano

13/05/2012

"Massimo Barbiero e soci confermano che le buone idee possono trovare gambe per marciare quando a sostenerle sono la passione e la capacità di organizzare e coordinare i vari eventi, anche in tempi di "vacche magre" come questi." (Gianni Montano)

01/05/2012

The Sky Above Braddock (Mauro Ottolini Sousaphonix)- Enzo Fugaldi

30/04/2012

Due concerti per pianoforte e tromba completamente diversi nella rassegna dei comuni del miranese "Ubi Jazz". (Giovanni Greto)

10/03/2012

Il quintetto del più famoso trombettista del panorama jazz italiano presenta al Ueffilo jazz Club il nuovo album inciso per la casa discografica tedesca ECM. (Vincenzo Rizzo)

10/03/2012

Tribe (Enrico Rava 5tet) - Alceste Ayroldi

06/11/2011

Calma (Omar Sosa)- Gianni Montano

27/08/2011

Umbria Jazz 2011: "I jazzisti italiani hanno reso omaggio alla celebrazione dei 150 anni dall'Unità di Italia eseguendo e reinterpretando l'Inno di Mameli che a seconda dei musicisti è stato reso malinconico e intenso, inconsueto, giocoso, dissacrante, swingante con armonizzazione libera, in "crescendo" drammatico, in forma iniziale d'intensa "ballad", in fascinosa progressione dinamica da "sospesa" a frenetica e swingante, jazzistico allo stato puro, destrutturato...Speriamo che questi "Inni nazionali in Jazz" siano pubblicati e non rimangano celati perchè vale davvero la pena ascoltarli e riascoltarli." (di Daniela Floris, foto di Daniela Crevena)

01/08/2011

We Don't Live Here Anymore (Giovanni Guidi Quintet feat. Gianluca Petrella) - Dario Gentili

11/07/2011

Newsreel (Ohad Talmor)- Enzo Fugaldi

04/07/2011

Young Jazz 2011: "Young Jazz si conferma una delle realtà più interessanti del panorama dei festival jazz italiani, grazie non solo alle felici scelte della direzione artistica affidata anche quest'anno a Gianluca Petrella, ma anche al profondo radicamento nel territorio, che coinvolge oltre alla città di Foligno altre vicine incantevoli località offrendo visite guidate a musei e monumenti di eccezionale bellezza, e da quest'anno una sezione speciale denominata Jazz Community, dedicata ai bambini, agli anziani e ai disabili." (di Vincenzo Fugaldi)

28/05/2011

Enrico Rava & Parco della Musica Jazz Lab "Gershwin & more": "Nonostante il repertorio di uno dei maggiori classici che il jazz possa annoverare, appare stimolante l'ascolto della grande abilità strumentale e l'eclettico universo musical-sperimentale dei giovani componenti della band, in una stupefacente "modernità". E Rava si conferma, ancora una volta, grande e storico scopritore di talenti..." (Viviana Falcioni)

15/05/2011

Enrico Rava Parco della Musica Jazz Lab a Linguaggi Jazz con il progetto "Gershwin & More" il quale ripropone alcuni noti standard del sommo compositore riarrangiati in maniera contemporanea. (Franco Bergoglio)

08/05/2011

A Mirano, nell'ambito di Ubi Jazz 2011, Giovanni Guidi in una performance di solo piano: "...il pianista e compositore di Foligno, nonostante la giovane età ha mostrato la propria tendenza narrativa in un unico set di 75 minuti." (Giovanni Greto)

23/02/2011

The Rub And Spare Change (Michael Formanek)- Enzo Fugaldi

29/01/2011

Giovanni Guidi & The Unknown Rebel Band feat. Gianluca Petrella: "Un'interessante progetto proposto da una band che si impone a giusto merito come una delle realtà più gradite ed originali del panorama jazzistico italiano. Eccellente il lavoro del giovane leader nella guida dell'ensemble e nella costruzione delle strutture armoniche, dimostrando di avere tutte le carte in regola per poter diventare, in un futuro potenzialmente prossimo, un jazzista di livello internazionale." (Andrea Valiante e Francesco Tromba)

19/01/2011

John Zorn: Masada Marathon, iPod Concert - The Book Of Angels. "John Zorn presenta in prima mondiale, attraverso un concerto maratona, le sue recenti composizioni ispirate al misticismo Merkavah e raccolte sotto il titolo The Book Of Angels (dedica ai 111 angeli caduti), simulando il contesto di una playlist di un immaginario iPod, un pedissequo intercalare di dodici formazioni, una piena emozionale senza uguali." (Daniele Camerlengo)

01/01/2011

Reunited (The Jazz Passengers) - Alceste Ayroldi

01/11/2010

Intervista con Omar Sosa: Pianista, percussionista e compositore cubano, intesse la filosofia sonora dei suoi ensemble e dei suoi piano-solo mutuati dalle radici africane, a quelle della sua terra di origine. In questo incontro: il "guru" Monk, il vino per il progetto con la Big Band, la religiosità afrocubana, la voglia di cambiare il mondo attraverso la propria musica, il suo rapporto con l'Italia...(Maria Giovanna Barletta)

04/10/2010

Enrico Rava New Quintet special guest Daniel Binelli. In occasione del Festival Buenos Aires Tango, in svolgimento all'Auditorium Parco della Musica di Roma, Enrico Rava incontra insieme al suo New Quintet il maestro argentino Daniel Binelli, bandoneonista di fama internazionale: "Un concerto dai toni cangianti, dove jazz contemporaneo e musica popolare argentina si mescolano in un affresco tipico dei nostri giorni, in cui la contaminazione stilistica e culturale diviene un presupposto determinante per crescere e progredire nella ricerca musicale." (Marco De Masi)

26/09/2010

The Bright Mississipi (Allen Toussaint)- Roberto Biasco

22/08/2010

Omar Sosa, Paolo Fresu e Trilok Gurtu al Locus Festival 2010: "...un esperimento di word music ed ethnojazz molto ben riuscito...è sembrato che il paese si fosse fermato per qualche ora ad ascoltare il ritmo e i suoni del mondo. A Locorotondo è stata di scena la Musica senza confini." (Cristiano Ragone)

15/08/2010

Südtirol Jazz Festival Altoadige: "Il festival altoatesino prosegue nella sua tendenza all'ampliamento territoriale e quest'anno, oltre al capoluogo Bolzano, ha portato le note del jazz in rifugi e cantine, nelle banche, a Bressanone, Brunico, Merano e in Val Venosta. Uno dei maggiori pregi di questa mastodontica iniziativa, che coinvolge in dieci intense giornate centinaia di artisti, è quello, importantissimo, di far conoscere in Italia nuovi talenti europei. La posizione di frontiera e il bilinguismo rendono l'Altoadige il luogo ideale per svolgere questo fondamentale servizio..." (Vincenzo Fugaldi)

06/06/2010

Terza edizione del Reggio Calabria Top Jazz Festival: "...il concerto memorabile è stato quello del quartetto "Tinissima", una delle opere più importanti del jazz europeo degli ultimi anni, e nella dimensione live raggiunge una compiutezza che la già notevole registrazione in studio faceva solo intuire. A supporto della musica, una serie di struggenti fotografie di Tina Modotti proiettate a cura di Antonio Vanni." (Vincenzo Fugaldi)

24/04/2010

Open (Tommaso Cappellato)- Gianni B. Montano

05/01/2010

Off-Site Meetings (Giulio Corini Libero Motu) - Enzo Fugaldi

26/12/2009

Mulatos (Omar Sosa)- Gianni B. Montano

12/12/2009

Coming Tomorrow (Gianluca Petrella Cosmic Band) - Alceste Ayroldi

28/11/2009

Venezia Jazz Festival 2009: Ben Allison Quartet, Fabrizio Sotti trio, Giovanni Guidi Quartet, Wynton Marsalis e Jazz at Lincoln Center Orchestra, Richard Galliano All Star Band, Charles Lloyd Quartet, GNU Quartet, Trio Madeira Brasil, Paolo Conte e l'Orchestra Sinfonica di Venezia, diretta da Bruno Fontaine, Musica senza solfiti del Sigurt�-Casagrande Duo...(Giovanni Greto)

14/11/2009

Wait Till You See Her (John Abercrombie Quartet) - Giuseppe Mavilla

01/11/2009

The Unknown Rebel Band (Giovanni Guidi) - Vincenzo Fugaldi

25/10/2009

Remembering Weather Report (Miroslav Vitous Group w/Michel Portal) - Dario Gentili

08/08/2009

Doppio concerto inaugurale per "Luglio suona bene 2009" con l'Ornette Coleman Quartet seguito dall'Enrico Rava Quintet. (Roberto Biasco)

19/07/2009

Migratory Birds (Sarah - Jane Morris) - Marco Buttafuoco

04/07/2009

Omar Sosa, "Musica ai Frari: "...il concerto fila via liscio per quasi ottanta minuti. Sosa esegue senza fermarsi dieci brani più due bis, prima dei quali dichiara che, fosse per lui, in un contesto simile e senza amplificazione di sorta, andrebbe avanti a suonare tutta la notte." (Giovanni Greto)

04/07/2009

Muse (Yaron Herman Trio) - Fabrizio Ciccarelli

21/06/2009

Bologna, Ravenna, Imola, Correggio, Piacenza, Russi: questi ed altri ancora sono i luoghi che negli ultimi tre mesi hanno ospitato Croassroads, festival itinerante di musica jazz, che ha attraversato in lungo e in largo l'Emilia Romagna. Giunto alla decima edizione, Crossroads ha ospitato nomi della scena musicale italiana ed internazionale, giovani musicisti e leggende viventi, jazzisti ortodossi e impenitenti sperimentatori... (Giuseppe Rubinetti)

14/04/2009

The Dharma Bums (I Tangheri (A.K.A. Bumpkins) With Marc Ribot)

09/04/2009

Solace (Jamie Baum Septet )

23/11/2008

The House Behind This One (Giovanni Guidi Quartet)

25/08/2008

Liquid Places (Mauro Negri Quartet)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

19/03/2008

Afreecanos (Omar Sosa)

24/01/2008

John Zorn "Complete Masada" al Roma Jazz Festival 2007: "Con buona probabilità si è trattato dell'avvenimento più importante dell'edizione estiva del Roma Jazz Festival 2007, tant'è vero che ha aperto l'intera rassegna; stiamo parlando di Complete Masada, mini festival di tre giorni tenutosi all'Auditorium di Roma." (Dario Gentili)

08/07/2007

Indian Summer (Giovanni Guidi)

06/07/2007

Marc Ribot al Baluardo della cittadella (Mo) il 9 giugno 2007. (Sergio Cimmino)

15/04/2007

Enrico Pieranunzi & Rosario Giuliani duo in "Fellini Jazz" per la rassegna "Jazz Groove around Rota": "...una musica sapientemente reinterpretata, unita ad una narrazione così confidenziale..." (Giovanni Greto)

19/03/2007

Mauro Negri Quartet al Paprika di Dalmine: "Si ha la netta sensazione che il gruppo abbia una forte identità e voglia creare un proprio sound che si discosta dai deja-vu del quartetto classico..." (William Cigarini)

29/10/2006

Omar Sosa, Favata - Di Bonaventura - Gandhi, Enrico Rava con la New Generation dal DiVino Jazz Festival (Francesco Truono)

12/02/2006

Jazz & Wine of Peace, 8a edizione del prestigioso festival di Cormons con, tra gli altri, artisti del calibro di Dave Holland, Dave Liebman, Omar Sosa, Dave Douglas... (Giovanni Greto)

02/02/2006

Nuova gallery con le foto tratte da Jazz and Wine of Peace 2005 di Cormòns (Eleonora Viviani)

12/12/2005

Ritratti di Omar Sosa e Charlie Haden (Ziga Koritnik)

08/07/2005

Jazz folk e free jazz: I Tangheri featuring Marc Ribot, i WARM con Workman, akLaff, Rivers, Mitchell: "...Anche in questo caso la serata mette insieme due situazioni musicali "antipodiche", una prima leggera ed alla portata di tutte le orecchie, la seconda, invece, più inoltrata fra le pieghe delle enciclopedie storiche del jazz..." (Antonio Terzo)





Video:
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi, Massimo Moriconi, Lee Pearson @ Eddie Lang Jazz Festival 2011
Lonnie Liston Smith w/Alessio Menconi (guitar) Massimo Moriconi (bass) & Lee Pearson (drums) @ Eddie Lang Jazz Festival 2011http://www.eddielang.o...
inserito il 23/08/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3613
Enrico Rava "Rapsodia in Blu" PM Jazz Lab Tentet con Petrella & Trovesi - Umbria Jazz Winter 17(2/2)
Enrico Rava "Parco della Musica" Jazz Lab Tentet ed il suo ultimo progetto, che lo porta a rileggere le partiture di George Gershwin. Lo fa ...
inserito il 09/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 3789
Enrico Rava "Rapsodia in Blu" PM Jazz Lab Tentet con Petrella & Trovesi - Umbria Jazz Winter 17(1/2)
Enrico Rava "Parco della Musica" Jazz Lab Tentet ed il suo ultimo progetto, che lo porta a rileggere le partiture di George Gershwin. Lo fa ...
inserito il 08/01/2010  da nickingos - visualizzazioni: 3385
Enrico Rava
Enrico Rava eâ?? senzâ??altro il più famoso musicista italiano nel mondo. Enrico, a quasi settanta anni, è ancora cons...
inserito il 26/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3823


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 5.681 volte
Data pubblicazione: 12/05/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti