Jazzitalia - Live: Joel Holmes Trio
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Joel Holmes Trio
BluesHouse, Milano – 27 settembre 2012
di: Eva Simontacchi
Foto di Antonella Cappo

La sala di uno dei templi del Blues di Milano si è trasformata, per l'occasione, in un jazz club, con tanto di tavolini predisposti per la musica d'ascolto per l'unica data a Milano del pianista statunitense Joel Holmes, considerato un vero prodigio del pianoforte. Non ancora trentenne, si è già conquistato un ruolo di primo piano nel mondo del jazz americano ed internazionale. Ha studiato alla prestigiosa "Baltimore School for the Arts" e si è laureato in Jazz Performance al Conservatorio "Peabody Institute" dell'Università John Hopkins.

Il suo talento, apprezzato e conosciuto in molte parti del mondo, dall'Europa all'Asia, dagli Usa all'America Latina, lo ha portato a ricevere premi e riconoscimenti importanti e a collaborare con grandi artisti come Roy Hargrove, Nenna Freelon e molti altri. Ha all'attivo due album, "Eternal Vision" e "African Skies" (grazie ai quali ha ricevuto due nomination per i Grammy Awards) e altri in uscita, uno dei quali, "Loose" in Italia con il sassofonista Gianluca Lusi, prodotto dall'etichetta discografica Tosky Records di Roma.

Sul palco Joel Holmes si siede alla tastiera e da inizio al suo concerto dopo una breve presentazione e i saluti in italiano. Le prime note vengono accolte da una sala attenta e silenziosa. Già nel brano di apertura il musicista statunitense trasmette una penetrante sensibilità, sorprendendo l'ascoltatore con sonorità squisitamente personali, frutto di un connubio tra influenze musicali diverse che spaziano dal jazz tradizionale, al classico, al contemporaneo. Si avvertono chiare anche influenze gospel e rhythm & blues.
Nel momento iniziale di piano solo della sua performance esegue "Solar" (Miles Davis), "Have You Met Miss Jones" (Richard Rodgers). Lo raggiungono sul palco il batterista padovano Pietro Valente e il contrabbassista torinese Luca Curcio. La serata prosegue in trio, alternando momenti di raffinata delicatezza ed emozionanti tensioni con il brano originale "Holy Spirit" (Joel Holmes), "The Cool Life" (Joel Holmes), "Blue Monk" (Thelonious Monk), Nahima's Love Song" (John Hicks) eseguita piano solo, riprendendo poi ancora in trio con "There Is No Greater Love" (Isham Jones), "Polkadots and Moonbeams", "Body And Soul" (Johnny Green), e una entusiasmante esecuzione uptempo di "Four" (Miles Davis). Termina il concerto con una toccante versione piano solo arrangiata da Holmes di "Nuovo Cinema Paradiso".

Una serata all'insegna della musica jazz, ma non solo, con un leader che attraverso la musica trasmette la propria indipendenza e libertà spirituale, il proprio linguaggio personale e convoglia energia e vibrazioni avvolgentemente positive. Ottimo il responso del pubblico in sala, che ha ascoltato con grande attenzione dall'inizio alla fine e non ha risparmiato applausi e ovazioni.






Articoli correlati:
01/11/2016

Accordi Disaccordi (Swing Avenue)- Giusy Casanova

11/05/2015

Destination Under Construction (Andrea Manzoni)- Enzo Fugaldi

02/04/2011

Tales From The Far East (Pietro Valente)- Enzo Fugaldi







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.374 volte
Data pubblicazione: 20/01/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti