Jazzitalia - Io C'ero: Joey Baron & Killer Joey
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Joey Baron & Killer Joey
Marghera (Ve) – Teatro Aurora 18 febbraio 2008
di Giovanni Greto

Brad Shepik - chitarre
Steve Cardenas - chitarre
Tony Scheer - contrabbasso
Joey Baron - batteria

F
are musica con gusto. Ricercare il divertimento, la gioia. E soprattutto suonare in assoluta rilassatezza. Queste le riflessioni a caldo sul bel concerto del gruppo guidato da Joey Baron, che ha contagiato il pubblico di un teatro Aurora, ancora una volta vicino all'esaurito. Sembrava quasi una jam session il lungo set unico – circa 100 minuti – nel quale si sono messi in mostra pariteticamente tutti i musicisti e non solo il leader, sempre molto attento a non sovrastare i colleghi. I quattro dunque si sono spartiti equamente il tempo degli assolo, proponendo parecchi standard – AABA swinganti come il brano di partenza, che giocava sulle armonie di "Stella By Starlight", ballad come "You've changed", alla memoria di una indimenticabile Billie Holiday, gustosi calypso, lunghi blues dalle strutture semplici, che consentivano di sbizzarrirsi sia ai chitarristi, sia a Baron, che, parallelamente a sperimentare figurazioni elementari sui tamburi con la mano sinistra, manteneva con la destra il 4/4 sul piatto. Baron si è davvero superato. Ha suonato – bene – senza alcun timore di sbagliare e soprattutto assecondando le idee degli altri quando questi non capivano certe creazioni improvvise. Ha reso omaggio ad un maestro scomparso lo scorso anno, il grande Max Roach, rievocato mediante un frammento di assolo da "The drum also waltz", reinterpretato alla propria maniera. Ha usato molto spesso le mani per percuotere i tamburi, secondo uno stile che sta affermandosi in molti batteristi. Ha alternato bacchette, spazzole e battenti con il feltro all'estremità superiore, sempre sorridente, alla ricerca di un dialogo stimolante con i compagni.

In veste di leader, pur privo di microfono, ha presentato il gruppo, finendo per sbagliare lo strumento di Shepik – la batteria al posto della chitarra -, autopunendosi con una inaspettata ironia: "Il mio nome è Milford Graves". Lunghi assolo per tutti, lirici quelli di Scheer, spesso con l'utilizzo del wah–wah quelli di Shepik, più sognanti e meditativi quelli di Cardenas. Applausi calorosi, premiati da un bis affidato, inusualmente, ad una languida ma suadente ballad.






Articoli correlati:
19/09/2015

Corinaldo Jazz 2015: "...scelte di alto livello artistico, pur non possedendo i crismi di spettacolarità." (Viviana Falcioni)

10/08/2015

Now This (Gary Peacock Trio)- Alceste Ayroldi

14/12/2014

The Swallow Quintet: "Il groove vintage e swingante del quintetto di Steve Swallow ha deliziato la platea patavina con un concerto che riprende in buona parte l'ultimo disco registrato per la ECM..." (Gabriele Prevato)

14/12/2014

Joe Lovano & Dave Douglas Sound Prints: "...una coppia perfetta per condurre per mano il pubblico in un percorso di immagini sonore in cui la figura di Wayne Shorter è sempre e costantemente palapabile." (Nina Molica Franco)

29/09/2013

Steve Swallow Quintet : Gruppo rodato e swingante, merito dell'accoppiata Rossy-Swallow, da Carla Bley provengono gli stimoli e gli spunti originali e d'interesse, Swallow si conferma meraviglioso bassista. (Andrea Gaggero)

19/01/2011

John Zorn: Masada Marathon, iPod Concert - The Book Of Angels. "John Zorn presenta in prima mondiale, attraverso un concerto maratona, le sue recenti composizioni ispirate al misticismo Merkavah e raccolte sotto il titolo The Book Of Angels (dedica ai 111 angeli caduti), simulando il contesto di una playlist di un immaginario iPod, un pedissequo intercalare di dodici formazioni, una piena emozionale senza uguali." (Daniele Camerlengo)

05/09/2010

Roccella Jazz Festival 30a Edizione: "Trent'anni e non sentirli. Rumori Mediterranei oggi è patrimonio di una intera comunit? che aspetta i giorni del festival con tale entusiasmo e partecipazione, da far pensare a pochi altri riscontri". La soave e leggera Nicole Mitchell con il suo Indigo Trio, l'anteprima del film di Maresco su Tony Scott, la brillantezza del duo Pieranunzi & Baron, il flamenco di Diego Amador, il travolgente Roy Hargrove, il circo di Mirko Guerini, la classe di Steve Khun con Ravi Coltrane, il grande incontro di Salvatore Bonafede con Eddie Gomez e Billy Hart, l'avvincente Quartetto Trionfale di Fresu e Trovesi...il tutto sotto l'attenta, non convenzionale ma vincente direzione artistica di Paolo Damiani (Gianluca Diana, Vittorio Pio)

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

14/11/2009

Wait Till You See Her (John Abercrombie Quartet) - Giuseppe Mavilla

28/10/2009

Mostly Coltrane (Steve Kuhn Trio with Joe Lovano) - Dario Gentili

06/06/2009

Dream Dance (Pieranunzi Johnson Baron)

06/06/2009

Human Activity Suite (Brad Shepik)

13/08/2008

The Big Gundown (John Zorn)

18/05/2008

Etnafest 08 - Black Is Beautiful...e non Solo, Ben Allison "Man Size Safe": "La caratteristica principale della musica di Allison è la grande capacità di catturare l'ascoltatore, e non solo quello più avveduto jazzisticamente, attraverso l'uso di melodie efficaci, armonie ben riconoscibili, ritmi contagiosi, il tutto condito da un evidente e sincero piacere di suonare, che attira il pubblico e lo coinvolge pienamente." (Enzo Fugaldi)

17/03/2007

Ballads (Pieranunzi – Johnson – Baron)

16/12/2006

Enrico Rava, Aldo Romano, Joey Baron, Henri Texier, Dado Moroni...dalla rassegna Jazz&Wine of Peace 2006 (Luca D'Agostino - Phocus Agency)

16/10/2005

Dietro le quinte del Beat Onto Jazz Festival Edizione 2005: "Siamo abituati a vedere festival, rassegne musicali e concerti da una posizione comoda, tranquilla che pensiamo privilegiata. Molte volte non abbiamo giusta contezza di quello che si vive - più o meno freneticamente - per regalare delle emozioni ed anche per regalarsene..." (Alceste Ayroldi)





Video:
John Zorn - Masada Sextet live 1/6
John Zorn's Masada Sextet live in Marciac, 2008 // a film by Samuel Thiebaut // John Zorn - saxophone / Dave Douglas - trumpet / Uri Caine - p...
inserito il 01/01/2010  da BibiAudiofil - visualizzazioni: 3456
JIM HALL & BILL FRISEL "Owed to Freddie Green" w/ SCOTT COLLEY JOEY BARON - Umbria Jazz Winter #17
JIM HALL - BILL FRISELL QUARTET, feat. SCOTT COLLEY & JOEY BARON in "Owed to Freddie Green", tratto dall'album Hemispheres . Il titolo d...
inserito il 31/12/2009  da nickingos - visualizzazioni: 3574


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.293 volte
Data pubblicazione: 05/05/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti