Jazzitalia - Live: John Patitucci - Rosetta Jazz Club
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


John Patitucci

Rosetta Jazz Club
Matera, 22 luglio 2019
di Marco Losavio

John Patitucci - Rosetta Jazz ClubJohn Patitucci - Rosetta Jazz Club
click sulle foto per ingrandire

Un nuovo jazz club, in una città straordinaria come Matera, non può che essere una bella notizia. Il Rosetta Jazz Club è gestito da un gruppo di persone amanti del jazz, capitanate dal contrabbassista Giuseppe Venezia il quale si nota subito che è a suo agio nel ruolo di pigmalione di questo spazio piccolo ma sufficientemente ampio per la musica e il suo pubblico.

Inaugurato il 15 luglio con il sassofonista Jerry Weldon, per la serata del 22 luglio il Rosetta ha colto l'opportunità di ospitare sul suo palco, in solo, una vera e propria leggenda del contrabbasso e del basso, John Patitucci. L'artista, nonostante la sua sconfinata carriera, risultava visibilmente emozionato poichè, come è noto, quando si suona in club piccoli a così stretto contatto con il pubblico, ogni sfumatura è colta, percepita e, pertanto, l'artista avverte una maggiore pressione. In più, il contrabbassista di Brooklyn ma originario del piccolo comune cosentino Torano Castello, ha appena pubblicato un album in solo ("Soul of the bass", Three Faces Records) che è il tema presentato nella serata del Rosetta Jazz Club.

Patitucci svela come sia giunto ad incidere un album in solo e racconta di quando rimase letteralmente esterrefatto dall'ascolto dell'album "Emerald Tears" di Dave Holland (ECM, 1978) e di essere giunto solo oggi, dopo quarantanove anni di carriera, a registrare un album in solo poiché intimorito dall'idea e, presumibilmente, non psicologicamente o artisticamente pronto forse anche per un possibile confronto.



L'artista quindi, "armatosi" del suo contrabbasso ha affidato l'apertura della serata alle note di "Whisper not", storico standard firmato da Benny Golson, in cui, grazie all'abilità di giostrare tra dinamiche, ritmi, contrappunti, non è stato difficile con l'immaginazione avvertire il brano come se fosse eseguito da un trio. In alcuni momenti, anche il respiro è diventato un elemento che ha contribuito alla linea ritmica.

Patitucci ha dialogato molto col pubblico ed ha introdotto ogni brano: la sound track del nuovo album "Soul of the bass" è stata composta pensando ad un parallelo tra l'acacia, albero africano considerato il più robusto, e il contrabbasso che è l'albero più possente in un trio. Il brano si è sviluppato come un canto solitario che ha introdotto in modo ideale lo spiritual "Morning Train", tributo al gospel, musica che ha ispirato Patitucci a "cantare sul basso" e che è riuscito a trasmettere pathos, intensità, come farebbe un blues singer rivolgendosi al suo dio.

L'innico "Seeds of change", introdotto pensando alla rivoluzione di cui è capace l'amore e il coltraniano "Mistery of the soul" attraverso il quale Patitucci, richiamando le sue origini del sud, ha rimarcato la capacità della musica di tenere uniti i popoli, hanno completato il viaggio nelle tracce del nuovo album del contrabbassista newyorkese il quale ha utilizzato l'archetto con delicatezza incantevole come hanno incantato i suoni e le melodie emesse.

La serata si è conclusa con tre tributi ad altrettanti artisti che hanno segnato la formazione di Patitucci: il primo è stato l'immancabile Ray Brown al quale ha dedicato "Ray's Idea": "Ray Brown è uno dei miei eroi e questo brano mi riporta ai tempi in cui tutti questi eroi mi cominciarono ad adottare quando iniziavo". Impeccabile swing e poderosi slide enfatizzati goliardicamente come a voler richiamare il suono di un trombone hanno lasciato poi il posto al 6-string bass con il quale Patitucci ha effettuato un tributo a Pergolesi e ad un brano, "Nina", ascoltato da Pavarotti; la chiusura è stata nuovamente al contrabbasso per un bis dedicato questa volta a Paul Chambers, altro suo eroe.

Sessanta minuti che sono volati e che hanno consentito di conoscere questo nuovo luogo in cui la musica jazz potrà incontrare i suoi appassionati. Nonostante il club sia ancora in "rodaggio", vi è già una nutrita programmazione i cui dettagli sono disponibili sul sito e sulla loro pagina Facebook: https://www.facebook.com/RosettaJazzClub/.







Articoli correlati:
24/08/2019

Umbria Jazz 2019 - Wake Up! Music Will Save The Planet!: "...grande qualità e grande varietà di proposte musicali...trecento concerti, per la maggior parte gratuiti, in dodici diversi luoghi...quasi cinquecento musicisti coinvolti e un'attenzione all'ambiente..." (Aldo Gianolio)

23/07/2019

Il Peperoncino Jazz Festival diventa maggiorenne. Apre il sipario in esclusiva per il Sud Italia, la all-star band del pluripremiato batterista americano Steve Gadd.

20/07/2019

John Patitucci a Matera: ​Rosetta Jazz Club, il primo jazz club a Matera, ospita la Masterclass e il concerto di John Patitucci per un evento unico.

29/07/2018

Multiculturita Summer Jazz Festival 2018: Grande successo di pubblico per la XVI edizione che ha visto in scena Tosca, Mauro Ottolini Ottovolante e Peppino Di Capri con tre eccellenti jazzisti di fama internazionale.

23/07/2017

Umbria Jazz 2017: "...una inversione di tendenza rispetto alle ultime edizioni: meno rock e pop e più jazz e, con Shorter, abbiamo assistito ad uno dei concerti più belli della storia del festival e probabilmente una delle punte più alte della musica afro-americana (jazz e accademica) contemporanea." (Aldo Gianolio)

11/05/2015

Voyage (Giovanni Cafaro Quintet with Strings)- Alessandra Monaco

04/05/2015

Intervista a Giuseppe Venezia - BasiliJazz (Basilicata Jazz Festival): "...credo che la politica Italiana sia del tutto disinteressata alla cultura e soprattutto al jazz. I pochi segnali che arrivano dallo Stato sono davvero pochi e le risorse, come al solito, destinate ai pochi noti." (Alceste Ayroldi)

01/02/2015

Volevo essere Bill Evans. Storie di Jazz (Sergio Pasquandrea)- Alceste Ayroldi

12/01/2015

Infinity (Emmet Cohen, Giuseppe Venezia, Elio Coppola)- Nina Molica Franco

16/03/2014

BasiliJazz: Masterclass d'autore con Enrico Rava e Alceste Ayroldi: Per BasiliJazz a gennaio interessante seminario "Marketing e Legislazione dello Spettacolo", intensa e proficua master class di Enrico Rava e concerto serale nella suggestiva Casa Cava di Matera. (Marco Losavio)

24/02/2014

Intervista con Emmet Cohen, Giuseppe Venezia ed Elio Coppola: "...seguiamo un nostro stile personale scaturito dalle nostre varie esperienze di vita. Conoscere musica per noi è molto importante, è quella la nostra grande influenza." (Francesco Favano)

01/12/2013

Intervista con Peter Bernstein: "...se sei con le persone giuste, non m'importa se si sta suonando un blues, è importante solo che stai suonando, sei dentro la musica che si sta costruendo: è così che avverto che mi sto evolvendo." (Marco Losavio)

30/09/2013

Without a net (Wayne Shorter)- Vincenzo Fugaldi

22/09/2013

Quattro chiacchiere con...Giuseppe Venezia: "Per quanto tu possa provare ad allontanarti e a cercare di fare altro, non puoi fare a meno di dare voce a quell'istinto quasi fisiologico che ti porta a pensare, parlare e quindi agire nella direzione della musica." (Alceste Ayroldi)

31/08/2013

Wayne Shorter Quartet feat. Brian Blade, John Patitucci, Danilo Pérez: "Shorter, inossidabile, suona ancora come un ragazzino di vent'anni, e dopo più di mezzo secolo di musica e storia riesce ancora a rinnovarsi..." (Valeria Loprieno)

10/02/2013

Let The Jazz Flow (Giuseppe Venezia)- Alceste Ayroldi

02/11/2012

Crystals (Alessandro Bertozzi)- Vincenzo Fugaldi

08/04/2012

Monk's Mind (Biagio Coppa, Gabriele Orsi, Francesco Di Lenge Feat. John Patitucci)- Rossella del Grande

12/02/2012

Al teatro Verdi di Padova, Benny Golson, classe 1929, si presenta in splendida forma: elegante e spiritoso, rilassato conduce la sua band lungo un percorso musicale a tratti scontato e al tempo stesso piacevole e stimolante. (Gabriele Prevato)

04/12/2011

Wayne Shorter Quartet: Wayne Shorter, Danilo Pèrez, John Patitucci, Brian Blade. "La breve tournèe italiana del Wayne Shorter Quartet (tre date) fa tappa all'Auditorium di Roma per impreziosire l'edizione di quest'anno del Roma Jazz Festival. Nei suoi dieci anni di attività, il quartetto di Shorter ha già diverse volte calcato il palco romano ma ogni volta, a giusto titolo, si parla di evento." (Dario Gentili)

25/09/2011

John Patitucci Roots Quartet: "..uno dei concerti più belli dei ben 41 che quest'anno hanno contribuito a formare il nutritissimo cartellone del "Peperoncino Jazz Festival", una manifestazione divenuta in pochi anni una tra le più importanti del settore." (Vincenzo Rizzo)

07/11/2010

The Hour of Separation (Joseph Tawadros) - Alceste Ayroldi

24/10/2010

Il Benny Golson Quartet a Palermo per il Seacily Jazz Festival: La serata organizzata dal Brass Group di Palermo ha visto il grande sassofonista impegnato in due set, il primo con Massimo Farao' e Carmelo Leotta e il secondo con George Cables e John Webber. In entrambi, alla batteria Byron Landham: "C'è ben poco da aggiungere quando si parla di musicisti divenuti leggende del jazz...un quartetto di elevata fattura, che, leader in testa, ha ben meritato l'ovazione finale." (Antonio Terzo)

31/07/2010

Everybody digs Bill Evans (Bill Evans)- Giovanni Greto

31/07/2010

Stuff Smith & Oscar Peterson (Stuff Smith & Oscar Peterson)- Giovanni Greto

27/06/2010

Oscar Sings - The Vocal Styling Of Oscar Peterson (Oscar Peterson) - Alceste Ayroldi

13/06/2010

Ella Fitzgerald Sings The Cole Porter Song Book (Ella Fitzgerald) - Alceste Ayroldi

11/04/2010

The Complete Legendary Sessions (Chet Baker/Bill Evans) - Alceste Ayroldi

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

05/11/2009

Chick Corea, Roy Haynes e George Benson al Pescara Jazz Festival 2009: "Il festival pescarese compie quaranta anni tra mille affanni con un cartellone di tutto rispetto che lo rende festival "principe" dell'area centro sud, in buona compagnia con la lunga kermesse umbra, dalla quale attinge con soddisfazione. Un sodalizio empatico che vede anche dividere la presenza della band pop Simply Red, qui chiamata ad offrire una sorta di anteprima del festival abruzzese, il cui cartellone "audiotattile" si è snodato serratamente a distanza di pochi giorni."

04/10/2009

John Patitucci, Joe Lovano e Brian Blade ospiti alla festa di compleanno del Direttore Artistico Todd Barkan al Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York. (Roberta E. Zlokower)

03/05/2009

Wayne Shorter Quartet all'Auditorium di Roma: "...una musica che definire semplicemente "jazz" può essere riduttivo o, forse esagero, addirittura offensivo. Si tratta di grande musica improvvisata e basta. Una magia che non può ripetersi facilmente, richiede un livello di rapporto umano, oltre che artistico, che raramente si riesce a raggiungere." (Roberto Biasco)

04/01/2009

LEZIONI (contrabbasso): Le "ghost notes" attraverso frasi di contrabbassisti celebri (Marcello Sebastiani)

19/10/2008

Kind Of Blue (50th Anniversary De Luxe Edition) (Miles Davis)

13/09/2008

LEZIONI (contrabbasso): You Look Good To Me as played by Ray Brown (Marcello Sebastiani)

11/01/2008

Benny Golson Quartet a Sansepolcro: "...un artista dallo stile personalissimo e inalterato, che ha saputo attraversare le variegate stagioni del jazz del dopoguerra da protagonista..." (Alessandro Tempi)

14/01/2007

Possibilities (Herbie Hancock)

17/12/2006

Dum 'n' voice 2 (Billy Cobham)

17/12/2006

Wayne Shorter Quartet all'Auditorium di Roma: "Repentini sbalzi delle dinamiche, dolci linee melodiche rotte da articolazioni cromatiche singhiozzanti, atmosfere cameristiche seguite da dirompenti eruzioni, accelerazioni e pause improvvise sono le caratteristiche primarie delle esibizioni dal vivo di questo straordinario gruppo..." (Marco De Masi)

10/11/2006

Nuova gallery direttamente dal Blue Note di Milano (Enrico Barberis)

24/09/2006

XVII Rassegna Jazz d'Autore ad Orsara tra concerti, seminari e jam session: "...suonare insieme diventa allora un'esperienza creativa ed esplosiva, in grado di muovere energie e mettere in comunicazione le singole sensibilità in un'avventura creativa non ordinaria..." (Michele Ferrara)

22/08/2006

Il Benny Golson quartet al Ronciglione Jazz Festival: "Per una sera Ronciglione ha fatto rivivere le gloriose stagioni di un tempo mettendo in scena la classicità del jazz: una eleganza senza tempo, un grande sfoggio di classe e virtuosismo..." (Franco Giustino)

12/08/2006

The Green Field (Steve Khan Trio)

06/07/2006

Tuck & Patti e il John Patitucci Trio per Jazz al Metropolitan di Palermo: "...la strumentalità della voce di Patti...la complementarietà dell'accompagnamento di Tuck, mai invasivo...Sempre intrigante il tocco energico e pimpante del contrappuntista d'origini calabre..." (Antonio Terzo)

11/03/2006

Jack De Johnette Quartet all'Auditorium di Roma: "...DeJohnette ha offerto una performance che ha entusiasmato soprattutto gli amanti del jazz, coloro che riconoscono in DeJohnette un batterista che ha segnato gli ultimi quarant'anni di storia del jazz..." (Dario Gentili)

04/02/2006

Note a margine, intervista parallela a quattro contrabbassisti: Pietro Leveratto, Paolino Dalla Porta, Ferruccio Spinetti, John Patitucci (Antonio Terzo)

21/01/2006

Intervista a John Patitucci: "...Secondo me, Jaco Pastorius ha dato un grosso contribuito come compositore. Era "normalmente grande" come musicista, ma ritengo che il suo modo di comporre fosse bello, la sua musica mi toccava, profondamente..." (Antonio Terzo)

15/11/2003

John Patitucci Quartet per Jazz al Metropolitan: "Virtuoso del contrappuntismo contemporaneo, capace di alternarsi con disinvoltura al basso acustico e all'omologo elettrico, preciso all'archetto come nel walking-bass, John Patitucci è oggi uno dei bassisti più rinomati e richiesti anche in ambiti diversi dal panorama jazz." (Antonio Terzo)

19/05/2002

Intervista a Ray Brown: trarre il meglio da ogni chorus. Antonio Garcìa affronta con il grande contrabbassista gli inizi, la didattica e il senso del business.





Video:
Ray Brown & John Clayton - Five O'Clock Whistle
Ray Brown & John Clayton - Five O'Clock Whistle à Cologne en 1994...
inserito il 21/07/2010  da savelonp - visualizzazioni: 2707
Patitucci - Bach
Cello suite n.1 in G on the six-string bass...
inserito il 28/11/2009  da ekkeccakkio - visualizzazioni: 2609
Patitucci - Bach
Cello suite n.1 in G on the six-string bass...
inserito il 28/11/2009  da ekkeccakkio - visualizzazioni: 2754
Oscar Peterson Trio - You Look Good to Me @ Amsterdam
The Oscar Peterson Trio performing the piece You Look Good to Me at Het Concertgebouw in Amsterdam, the Netherlands. I don't think the Oscar Peterson ...
inserito il 03/01/2009  da boasdubbelman - visualizzazioni: 3813
Bird, Bean, and Prez, et al (1950) - 2 of 2
Personnel:1. Ad Lib: Hank Jones (p), Ray Brown (b), Buddy Rich (d)2. Pennies From Heaven (unrecognizable): Bill Harris (tb), Lester Young (ts), Jones ...
inserito il 14/12/2008  da kenjames64 - visualizzazioni: 4316
Art Farmer & Benny Golson Quintet
Playboy Jazz Festival 1982...
inserito il 07/12/2008  da jaybeearr - visualizzazioni: 2251
Stan Getz: Out Of Nowhere
Stan Getz leads his quartet into somewhere else. Recorded in Dusseldorf, March 28, 1960 with Jan Johansson (piano), Ray Brown (bass) and Ed Thigpen (d...
inserito il 22/11/2008  da pixaninny - visualizzazioni: 3912
Oscar Peterson and N.H.Ø.P. - Just Friends
duo live 1974...
inserito il 14/11/2008  da luccabf - visualizzazioni: 2370
Wayne Shorter Fiesole 1 of 2
...
inserito il 19/07/2008  da pieroborri - visualizzazioni: 3162
Wayne Shorter Fiesole 2 of 2
...
inserito il 19/07/2008  da pieroborri - visualizzazioni: 3268
WAYNE SHORTER QUARTET
...
inserito il 18/07/2008  da mastjazz - visualizzazioni: 3273
Ow! - Dizzy Gillespie/James Moody/Gene Harris/Ray Brown/Grady Tate
Jazzfestival Bern, Switzerland 1985, Dizzy Gillespie (tp), James Moody (ts), Gene Harris (p), Ray Brown (b), Grady Tate (d)Ow!first 20 seconds look a...
inserito il 26/01/2008  da lininho - visualizzazioni: 3347
Whisper Not - B.Golson quintet 1987
Benny Golson(ts) Freddie Hubbard(tp,fh) Mugrew Miller(p) Ron Carter(b) Marvin Smitty Smith(ds)...
inserito il 13/01/2008  da imesan - visualizzazioni: 2456
Wayne Shorter Quartet - Masqualero
...
inserito il 10/11/2007  da jazzster123 - visualizzazioni: 3483
Wayne Shorter Quartet - Over Shadow Hill Way
...
inserito il 22/05/2007  da benenunes - visualizzazioni: 3479
Wayne Shorter live Milan 23/4/2007 a
...
inserito il 28/04/2007  da alemok - visualizzazioni: 3068
Oscar Peterson Trio - Live in Italy 1961 - Part 1
With Ray Brown - bass & Ed Thigpen - drums....
inserito il 27/11/2006  da fopstra - visualizzazioni: 2561
Oscar Peterson Trio - A Gal In Gallico (1958)
Oscar Peterson Trio (with Ray Brown & Herb Ellis) - A Gal In Gallico (1958)...
inserito il 14/10/2006  da cralik - visualizzazioni: 2344
Freddie Hubbard - Stablemates
In Bern, 1989 with Benny Golson, James Williams, Peter Washington, and Tony Reedus....
inserito il 11/09/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2555
John Coltrane w/ Wynton Kelly Trio VERY RARE
John Coltrane, Wynton Kelly, Paul Chambers, Jimmy Cobb-- RARE!...
inserito il 21/07/2006  da jazzclassic - visualizzazioni: 3567
Oscar Peterson Trio Live at Newport
Ray Brown + Ed Thigpen...
inserito il 21/07/2006  da jazzclassic - visualizzazioni: 2546
Oscar Peterson - You Look Good To Me
An unusual trio, Oscar Peterson on piano, Ray Brown & Niels Pedersen both on double bass, perform "You Look Good To Me" at the Montreux ...
inserito il 05/06/2006  da doogit - visualizzazioni: 2428


Inserisci un commento


© 2000 - 2019 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 132 volte
Data pubblicazione: 31/08/2019

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti