Jazzitalia - Live: Jon Balke piano solo
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Jon Balke piano solo
Parma Jazz Frontiere - 11 febbraio 2013
di Nina Molica Franco

A Parma il jazz non smette di risuonare e con un'atmosfera tipicamente nordica accoglie Jon Balke, musicista di straordinario talento. Coincidenza o casualità, la città ha dato all'artista il suo benvenuto regalandogli un paesaggio che sa tanto di fiordi e di Norvegia. Jon Balke, dal canto suo, ha scaldato gli animi di coloro che, a dispetto della neve, hanno assistito al suo spettacolo.

Il progetto che ha presentato in questo suo tour attraverso l'Italia settentrionale e che ha visto Parma come meta finale, è ispirato all'album che, nel 2007, ha pubblicato per ECM, "Book of Velocities". Un concerto, alla Sala Concerti della Casa della Musica, che ha avuto qualcosa di intimo, di familiare, durante il quale Jon, oltre a mostrare la sua immensa bravura ha dato prova di quella grande umiltà che solo i veri artisti possiedono. Una performance in cui il sapore era quello della conversazione tra due vecchi amici che dopo molto tempo si ritrovano e chiacchierano tra loro.

Sul palco Jon Balke e un gran coda, ma chiudendo gli occhi potevi percepire i suoni di un'orchestra: le percussioni, le arpe e forse anche delle chitarre. Un uso eclettico del pianoforte, di cui ora venivano pigiati i tasti, ora pizzicate le corde e perfino percossi i martelletti. Jon ha dato prova di essere un grande pianista, ma probabilmente il suo estro sta più nella ricerca acustica che accompagna il suo modo di suonare. Una ricerca che accomuna un po' tutta la schiera di jazzisti norvegesi, ma che Jon Balke intensifica all'ennesima potenza. Una ricerca attraverso la quale egli ha esplorato tutte le potenzialità del suo strumento d'elezione, non tralasciando neanche una singola parte fisica del piano: tutto per Jon Balke produce suono, e il suo compito è quello di creare l'armonia tra questi suoni. Nessun artificio o strumento elettronico l'ha assistito in questo suo percorso acustico, ma solo le sue dita e qualche lattina ormai rotta che gli permetteva di creare un suono metallico, quasi come se fosse una chitarra resofonica, attraverso le vibrazioni che queste emettevano a contatto con le corde del pianoforte. Le sue due anime, quella del virtuoso pianista jazz e quella del percussionista folk, si sono unite lì sul palco per creare una valanga di suggestioni armoniche e ritmiche.






Articoli correlati:
30/01/2016

Il Jazz incontra il mondo dei cartoni: "...una proposta raffinata e accattivante insieme, un modo intelligente per avvicinare i bambini alla musica, un invito di grande valore per la qualità con cui è stato formulato." (Barbara Bianchi)

17/01/2016

Django Bates presenta Belovèd, personalissimo omaggio a Charlie Parker: "...un profondo lavoro musicale fatto di introspezione e consapevolezza." (Barbara Bianchi)

03/01/2016

Oregon: il fascino intramontabile della ricerca: "Complessi, raffinati, intensi, questo dopo tanti anni sono ancora oggi gli Oregon per la XX edizione di ParmaJazz Frontiere" (Barbara Bianchi)

27/12/2015

Mark Turner Quartet: "...un progetto che, pur navigando i mari della più classica tradizione d'oltreoceano, sa lasciarsi contaminare da colori e profumi del tutto anticonvenzionali." (Barbara Bianchi)

01/11/2015

Intervista con Roberto Bonati - ParmaJazz Frontiere: "Il jazz rischia di diventare un sistema di scale e accordi e una specie di gioco di abilità, chi suona più note nel percorso più difficile...L'esecutore diventa più importante della musica e non dovrebbe essere così... " (Nina Molica Franco)

20/09/2015

Midwest (Mathias Eick)- Alceste Ayroldi

11/01/2015

ParmaJazz Frontiere Festival: "...per il diciannovesimo anno consecutivo, si conferma come uno dei festival più interessanti d'Europa." (Andrea Grossi)

12/08/2009

Siwan (Jon Balke – Amina Alaoui) - Alceste Ayroldi

21/12/2008

Parma Jazz Frontiere: The Book is on the Table (Pietro Bandini)







Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 1.863 volte
Data pubblicazione: 10/03/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti