Jazzitalia - Live: Kurt Elling Quintet in Concert
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Kurt Elling Quintet in Concert
Lunedì 3 marzo 2014 Teatro Lauro Rossi - Macerata
di Viviana Falcioni
foto di Andrea Feliziani

Kurt Elling - voce
Gary Versace - pianoforte e tastiere
John Mclean - chitarre
Clark Sommers - contrabbasso
Kendrick Scott - batteria

Kurt Elling è tra i cantanti più popolari e importanti nel panorama jazzistico mondiale, un autentico pensiero musicale e una vera e propria "Star" oltre i confini del jazz. I suoi passi, nei maggiori palcoscenici del mondo sono sicuri e decisi, degni di un grande artista e showman. Ma osservando come si aggira tra i bar del centro di Macerata, soffermandosi a chiacchierare con cameriere e avventori, si coglie la sua estrema semplicità.

E pensare che la nostra "Star" americana proviene da un tutto esaurito da settimane al Ronnie Scott's, famosa mecca del jazz londinese, da un progetto articolato dal nome "Syntopicorn" con la Scottish National Jazz Orchestra per un concerto mozzafiato presso il "Queen Hall" di Edimburgo. E ancora le collaborazioni con l'arrangiatore e trombettista Guy Barker e l'impavido autore di testi e narrative Robert Ryan realizzando il "That Obscure Hurt" quale opera celebrativa per il centenario dalla nascita del compositore Benjamin Britten. Inoltre lo troviamo in tour con artisti incredibili quali Regina Carter, Helen Merrill, la Chicago Jazz Orchestra, Peter Erskine e Bob Mintzer e la lista sarebbe ben più lunga se non ci soffermassimo solo ad alcuni. La sua immagine musicale ha raggiunto una dimensione considerevole, basti pensare ai tanti riconoscimenti che lo vede illuminante trionfatore.

Kurt Elling deve in buona parte la vittoria come "Male Vocalist of the Year" del Downbeat Critics Poll 2013, premio prestigioso che vince per il quattordicesimo anno consecutivo, al suo ultimo album "The Bring Building – 1619 Broadway": il cd uscito per l'etichetta Concord è un omaggio al grattacielo newyorkese che ospitava negli anni Cinquanta/Sessanta gli uffici di importanti etichette discografiche intente a "sfornare" successi divenuti epocali nella storia del pop americano.

Tra le indimenticabili canzoni proposte per la serata maceratese spicca "Come Fly With Me" dove Elling indugia in ogni sillaba e la chitarra di John McLean sprigiona melodie articolate sostenendo ogni sua fuga improvvisatrice. "You Send Me" di Sam Cook, dove irradia prepotentemente le note lunghe e i picchi altissimi nella strabiliante naturalezza nel controllo delle quattro ottave! Si passa alla gettonatissima "On Broadway" arricchita da un intro metodico del contrabbassista Clark Sommers, musicista dalla presenza incrollabile. E si continua ancora nel pop con "I'm Satisfied" di Lou Rawls con i ritmi vertiginosi del "drum kit" di Kendrick Scott, e tutto intorno si avvolge di soul jazz e a questo punto si fa difficoltà a star fermi e seduti.

Kurt Elling, nell'intera serata, costruisce con fare meticoloso un rapporto con il pubblico. I brani sapientemente arrangiati, creano sottili atmosfere e ritmi inaspettati. Si ascoltano gustosi duetti chitarra/voce e ideali elementi di dialogo tra voce e tastiera Korg che Gary Versace, con la sua bravura, permea di un profondo senso del blues. Il vocalese di Kurt Elling è ricco di vitale creatività, le sue liriche a famosi "soli" strumentali e lo "scat" utilizzato in chiave ritmica e melodica, lo collocano vicino allo stile di un John Hendrix o Eddie Jefferson e ai fantasmagorici King Pleasure. Alle spalle del leader troviamo un gruppo di grande affiatamento, tra i musicisti rodati il già citato Gary Versace, nuovo entrato al posto del pianista e arrangiatore Laurence Hobgood, che è stato una figura importantissima al fianco di Kurt Elling da inizio di carriera fino a pochi mesi fa. Inoltre il cantante di Chigago ha in serbo per il futuro, collaborazioni con altri pianisti quali Xavier Davis e Gerald Clayton.

Tornando alla scaletta di brani, tra le proposte dal penultimo album "The Gate", campeggia una splendida "Samurai Cowboy", testo di Kurt Elling per il brano a firma di Marc Johnson (titolo originale Samurai Hee Haw). E i brani scivolano uno nell'altro con una naturalezza suggestiva come "Estate", cantata rigorosamente in italiano, un momento espressivo unico, dove il lirismo profondo e l'attenta interpretazione del brano, pervadono ad ogni angolo del teatro, quasi ad occupare quegli spazi lasciati vuoti. Un testo "difficile", dove non si ricorrono a tecniche rocambolesche ma le parole, gli sguardi che arrivano diretti al cuore dello spettatore. Succederà in ogni sua tappa, anche in Polonia sorprenderà tutti cantando in polacco!

La musica è per Elling veicolo per attingere ai sentimenti lasciandosi attraversare dalle emozioni, ma le sue incredibili capacità vocali lo spingono ad una sorta di spettacolarità nel suo approccio con il pubblico, questo gli consente di arrivare con facilità alla vetta più alta della notorietà. Ma forse ciò che rende un cantante veicolo di emozioni non è da ricercare nella spettacolarità, quanto nell'integrità del suo approccio artistico, cosa talvolta difficoltosa quando un "management" ha spesso troppa voce in capitolo.






Articoli correlati:
29/07/2017

Giulio Stermieri Stopping Sextet: "...un pianismo preciso e rigoroso, quello di Stermieri, che rifugge da meccanicità e ostentazione di abilità: è un musicista che si sta già confermando, nonostante la giovane età, un navigato capitano di vascello." (Aldo Gianolio)

11/05/2014

Ralph Alessi "Baida" Quartet: "...i quattro musicisti si sono integrati alla perfezione dando vita ad un jazz equilibrato, elegante e a tratti pensieroso..." (Viviana Falcioni)

13/04/2014

Freddy Cole Quartet: "Un concerto di classe ed eleganza, fuori dalle mode o tendenze, occasioni da non perdere per poter ascoltare i "grandi" della storia del Jazz." (Viviana Falcioni)

06/04/2014

Cristina Zavalloni e Radar Band: "Cristina Zavalloni ha la capacità di elaborare continuamente nuove concessioni alla creatività, compone musica, scrive testi e canta in varie lingue. Sul palco si muove con grande naturalezza esplorando il movimento corporeo in una gestualità che segue l'ispirazione del testo..." (Viviana Falcioni)

13/01/2014

Antonio Faraò American Quartet: "Faraò è l'artefice di invenzioni armoniche e melodiche di pregevole eleganza, i suoi brani, caratterizzati da uno swing permeante, lasciano arguire una ricerca volta al contemporaneo senza mai perdere di vista una personalità e coerenza ben definita." (Viviana Falcioni)

25/08/2013

Antonello Salis - Hamid Drake: "...un caleidoscopio di colori in cui spicca una sfavillante propensione al gioco dell'elettronica e il torrenziale flusso di poliritmie." (Viviana Falcioni)

12/05/2013

Fabrizio Bosso - Julian "Oliver" Mazzariello Duo: "Il duo ha un affiatamento encomiabile, pochi minuti per le prove di sound check e poi sarà l'atmosfera della preziosa location ad ispirare i musicisti, il palcoscenico, il pubblico attentissimo e generoso." (Viviana Falcioni)

07/10/2012

Kurt Elling & Charlie Hunter Trio : "scat" e "vocalese" come solo lui può fare, fraseggi e dinamiche virtuosistiche si alternano a piccole danze che apportano maggior stimolo alla performance. (Viviana Falcioni)

18/08/2011

Terence Blanchard Quintet per Veneto Jazz Summer 2011: "La tromba di Blanchard è un modello vintage dal suono squillante. Il compositore dimostra molta abilità e capacità di cambiare registro o ritmo, ma non c'è mai quel momento eccitante che trasforma un discreto concerto in uno imperdibile." (Giovanni Greto)

13/02/2011

Terence Blanchard Quintet al Jazz Standard di New York: "...un combo di "visionari", di musicisti che si muovono verso direzioni innovative offrendo un ascolto mutevole e trasmettendo la chiara percezione di una pagina voltata." (Marco Losavio)

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

20/09/2009

I poeti del vocalese (Giuppi Paone)- Franco Bergoglio

06/06/2009

Human Activity Suite (Brad Shepik)

25/01/2009

Herbie Hancock Sextet al Roma Jazz Festival: "La formazione si è mossa abilmente tra esecuzioni acustiche ed elettriche, tra strumenti acustici ed elettrici, a partire dallo stesso Hancock, che si è alternato al pianoforte e al sintetizzatore. Tutti musicisti di altissimo livello internazionale..." (Dario Gentili)

01/01/2009

Herbie Hancock al Bologna Jazz festival: "Quella di Hancock è una poetica della complessità, l'evocazione di un «villaggio globale» musicale che non si semplifica in un'assimilazione jazzistica di altri materiali, ma che muove piuttosto dalla ricerca di un terreno comune, dalla definizione di un orizzonte di intesa che si situa oltre le distinzioni di genere." (Giuseppe Rubinetti)

10/04/2005

Intervista e recensione del concerto del grande Kurt Elling al Blue Note "...Kurt Elling riesce ad incarnare alla perfezione il "Genio della Lampada": è l'uomo dai mille volti e dalle innumerevoli dimensioni e sfaccettature; sa eseguire una ballad facendo tornare alla mente i grandi miti del passato..." (Eva Simontacchi)

23/08/2003

Kurt Elling al Blue Note: "...si resta affascinati dalla padronanza ritmica, melodica, dalla semplicità e facilità con le quali Kurt si esprime, facendo delle cose che per un comune mortale sono quasi impensabili..." (Eva Simontacchi)

26/05/2003

Intervista ad Kurt Elling: "...Jazz è la libertà e la gioia e il rischio di una nuova musica che fa il suo ingresso nel mondo attraverso l'improvvisazione, accompagnata da una disciplina ferrea e una visione profetica.". (M. Losavio & C. Eramo)





Video:
Kurt Elling solo live in Camerino at MUSICAMDO Jazz Festival 2012
Kurt Elling performing solo at the end of his highly acclaimed live performance in Camerino (Italy) with Charlie Hunter and Derrek Phillips at MUSICAM...
inserito il 02/08/2012  da SECRETSOUNDSERVICEHD - visualizzazioni: 2371
Kurt Rosenwinkel Standards Trio - Darn that Dream (part 1)
29.04.2010 in Kraków (Lizard King) lineup: Kurt Rosenwinkel - g Eric Revis - b Kendrick Scott - dr...
inserito il 03/05/2010  da KurtVids - visualizzazioni: 2467
Kurt Rosenwinkel Standards Trio - Nica's Dream
29.04.2010 in Kraków (Lizard King)lineup: Kurt Rosenwinkel - g Eric Revis - b Kendrick Scott - drThe final chord is missing, sorry ;)...
inserito il 02/05/2010  da KurtVids - visualizzazioni: 2632
Kurt Rosenwinkel Standards Trio - Cheryl
29.04.2010 in Kraków (Lizard King) lineup: Kurt Rosenwinkel - g Eric Revis - b Kendrick Scott - dr...
inserito il 02/05/2010  da KurtVids - visualizzazioni: 2441
Sandy Muller - la grande stella
Presentazione del brano "la grande stella" al pubblico dello sferisterio....
inserito il 24/07/2008  da GRADUUS - visualizzazioni: 2277
Alice Claire Ranieri quartet - My Old Flame
Alice Claire Ranieri - vocals, Andrea Frascaroli - piano, Stefano Cesare - bass, Gianni Di Renzo - drums, Live at "Macerata Jazz Festival", ...
inserito il 20/02/2008  da frascaroliandrea - visualizzazioni: 1746


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 626 volte
Data pubblicazione: 23/03/2014

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti