Jazzitalia - Io C'ero: Locomotive jazz festival 2006
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Locomotive jazz festival 2008
Binario X
4 - 7 agosto 2008, Sogliano Cavour (LE)
di Mariagiovanna Barletta

William Greco Trio
In una serata di torrido caldo, basta spostarsi di qualche chilometro nel Salento e respirare un'aria diversa. Diversa per la temperatura e l'atmosfera impeccabile pensata nei minimi dettagli rivolta ad accogliere il pubblico e tutti gli artisti che hanno aderito al "Locomotive Jazz Festival".
Ad aprire la serata è il giovanissimo pianista William Greco, accompagnato dal contrabbassista Attilio Zanchi e il batterista Massimo Manzi, da oltre venti anni in prima linea sulle scene del jazz.
"O Que Serà" di C.Buarque de Hollanda, stupisce al piano per il suono cristallino e misurato nella conduzione della melodia e per la scelta armonica sempre ricca di nuovi spunti.
In "Four August Blues", composta da William Greco, contrabbasso e batteria si incastrano perfettamente con le note ben scandite, suonate questa volta con il corpo, in stile percussivo.
"Funkallero" di B.Evans e "Cherokee" di R.Noble diventano il climax di tutto il concerto, riecheggiando le radici più afro della cultura jazzistica.
A ricreare l'atmosfera più intima è "Anastasia" composta da Stefano Di Battista in cui le note finali si perdono nei pennelli bagnati di colore dagli artisti i quali con le immagini "improvvisano" le loro emozioni suggerite dalla musica su giganteschi pannelli bianchi, che abbracciano il grande palco.

Sheila Jordan in Heart String Quartet
Sheila Jordan nasce a Detroit nel 1929, canta nei jazz club per necessità diventando in seguito una personalità di grande rilievo. Si esibisce con C.Parker, C. Mingus ed H. Nichols, collabora con Carla Bley, Steve Kuhn, B. Moses e H. Swartz, per citarne alcuni. Grande ospite quindi per il Locomotive Jazz Festival con Roberto Cipelli, Attilio Zanchi, Billy Drummond e Alborada 4tet come unico concerto in Italia. "Hum Drum Blues" di Oscar Brown jr riscalda subito la platea, mentre la voce di Sheila Jordan dal timbro suadente e negli arrangiamenti ricorda, sovente, Lady Day.
In "Confirmation" di C.Parker si lancia nel migliore scat della tradizione inseguendo il ritmo infiammato del be-bop e modulando la voce con grande eleganza e naturalezza dai toni più alti a quelli più bassi. In "Heart's Desire" di A.Broadbent e "Out to Sea (Sail Away)" di T.Harrell e C.Pyle, l'atmosfera ritorna intima, l'interpretazione di Sheila Jordan, quasi sommessa, si completa con la perfetta esecuzione degli Alborada 4tet, per la dinamica, per il suono, e per l'impeccabile sincronia ritmica.
Ad anticipare la chiusura, "The caterpillar song" di L. Gelb in cui gli archi lasciano spazio alla sezione ritmica e all'interpretazione vocale in stile afro e "Sheila's Blues" di Sheila Jordan dove gli archi ritornano in prima linea. La Jordan chiude così il suo concerto con "The Water is Wide" tratta dal repertorio tradizionale scozzese e arrangiata per l'occasione dal pianista Roberto Cipelli.
L'emozione indelebile è quella di aver avuto l'onore di ascoltare l'espressione vivente di una pagina importante della cultura afroamericana. Indimenticabile.

Raffaele Casarano e Locomotive "5 Anni" + Luca Aquino e ospite speciale: Franco Califano. Testi di Livio Romano
Il sassofonista e direttore artistico del festival Raffaele Casarano con Marco Bardoscia al contrabbasso, Alessandro Napolitano alla batteria, Ettore Carucci al piano ed il trombettista Luca Aquino festeggiano i cinque anni dalla nascita del progetto, presentando qualche brano del loro nuovo disco "Replay" non ancora pubblicato. Come ospite speciale della serata Franco Califano che sui testi curati dallo scrittore salentino Livio Romano, ha interpretato la sua "poetica in jazz". La sua voce rauca, scavata, crea la giusta atmosfera diventandone protagonista fuori campo.
Il jazz, quindi, catturato in una pagina e recitato da una voce che gli somiglia. Questo forse il motivo per aver scelto l'interpretazione del "personaggio" Franco Califano.
Una musica che ha accumunato vite sregolate, fatte di eccessi, ma che per fortuna come scrive il filosofo francese Cristian Béthune, (intervista su Musica jazz – Luglio 2008) «dobbiamo ricordare che la cultura afroamericana, senza la quale il jazz non è nemmeno pensabile, è una cultura partecipativa e non rappresentativa».

Francesco del Prete con la partecipazione di Sandra Caiulo, incontra Claudio Carboni
Francesco Del Prete, violinista di buona tecnica ed inventiva, presenta il suo progetto in anteprima per il Locomotive Jazz Festival. Con il suo violino elettrico a cinque corde, lavora molto utilizzando il Loop e le tracce musicali su cui vi suona e improvvisa; in questo modo il violino si trasforma in contrabbasso, chitarra elettrica e sezione ritmica.
Nei primi due brani "Altalena" e "Arpeggio di luna", di sua composizione, l'ottima padronanza tecnica si sposa perfettamente con il buono ed equilibrato utilizzo dell'elettronica. Nulla è lasciato al caso: i momenti di libera improvvisazione ed attivazione del corpo e quindi della musicalità, suggeriscono spunti mai banali per poi rientrare nel tema e quindi nella musica scritta oggetto di studio approfondito.
In "Rosso di tango", con la partecipazione di Claudio Carboni al sax soprano, il gusto stilistico del sassofonista, caratterizzato da un fraseggio dal suono secco e molto incisivo, riempie il ritmo cadenzato del tango insieme al violino che crea accompagnamento e melodia. I due strumenti sono indivisibili e si allontanano soltanto sull'ultima nota sussurrata nel pianissimo da entrambi.
Un viaggio in molti stili, ritmi sempre diversi, soprattutto quelli del Sud Italia con la partecipazione della cantante Sandra Caiulo, che chiude in bellezza rubando molti applausi ad un pubblico attento e sensibile alla sua personalissima interpretazione vocale sia timbrica che armonica. "Sogna fiore mio" tammurriata riarranggiata per violino e sax da Francesco Del Prete di Ambrogio Sparagna e "Un calore che verrà" a chiudere la magica atmosfera di tutta la serata.

Ettore Carucci Trio incontra Maria Pia De Vito: Tribute to D. Ellington e B. Strayhorn
Il pianista Ettore Carucci insieme al batterista salentino Marcello Nisi ed al contrabbassista Aldo Vigorito incontrano la voce di Maria Pia De Vito. Il concerto è dedicato alla reinterpretazione di famosi standards di D. Ellington e B. Strayhorn. "Purple gazelle" ad aprire la serata, in una versione infiammata dallo scat della tecnicissima Maria Pia De Vito. La voce sembra non avere limiti di registro vocale, con grande naturalezza e facilità di estensione l'interpretazione del brano è un continuo crescendo di adrenalina. In "Blues", la voce modulata sempre in stile scat, lascia più spazio al pianista Ettore Carucci ed al batterista Marcello Nisi, che in interplay chiudono il brano. E' la volta di "Azure" ballad rivisitata dal pianista il quale crea un'atmosfera rarefatta in perfetta sintonia con la voce che sembra accompagnare le note accarezzate sulla tastiera ricordando le armonie di Debussy.
"Cotton tail" sembra basata tutta sulla libera improvvisazione, il batterista Marcello Nisi padroneggia la scena spingendo sempre in avanti la cantante che modula libera, abbracciando spunti armonici sempre nuovi, sino ad un lungo assolo di batteria. A chiudere "Caravan" riarrangiata in stile rumba; qui la voce diventa più suadente catturando con grande carisma l'attenzione di tutto il pubblico, sino a giungere ad un raddoppio della batteria in stile swing. La voce della cantante Maria Pia De Vito diventa "strumento a percussione", fino alla chiusura con il rientro nel tema. Un buon lavoro, quindi, di rielaborazione del materiale tematico di compositori quali Ellington e Strayhorn, anche per la ricerca sonora ed improvvisativa.

Cuncordu e Tenore de Orosei with Nguyen Le
Progetto sperimentale e coraggioso pensato dal chitarrista franco-vietnamita Nguyen Le e dalle voci del Cuncordu e Tenore De Orosei. Il materiale sonoro della tradizione sarda detto a "cuncordu" in riferimento al canto sacro e a "tenore", per il canto profano, è stato sapientemente coniugato dalla mente aperta e dalla grande cultura del chitarrista Nguyen Le.
Un artista, quindi, che spazia dal rock al jazz, al funk, alle sonorità algerine; in grado di confrontarsi anche con i piagnistei eseguiti durante la settimana santa in Sardegna come "Gotzos" termine che nasce dallo Spagnolo e la bellissima "Ave Maria". Interpretazione per i Cuncordu e Tenore De Orosei, con Patrizio Mura, voche del tenore, Gian Luca Frau, cronta del tenore e del cuncordu, trunfa; Mario Siotto, basso del tenore e del cuncordu, Massimo Roych, voche del cuncordu.
Di particolare spessore, la formazione artistica, nata nella scuola della confraternita religiosa di Sas Animas, Santa Rughe e Su Rosariu e nei "tzillares" (bar) per il canto profano.
"Ballu brincu" e "Turturinu" riarrangiate anche con l'aiuto dell'elettronica e intervallate da momenti di silenzio in cui l'improvvisazione di Nguyen Le rielabora armonie che ricordano il suono del sitar e dell'oud. Un viaggio aperto, nato dall'incredibile tecnica del chitarrista Nguyen Le, dove anche il suo corpo diventa generatore di musica e parla il suo unico linguaggio che può unire, come in questo caso, popoli e culture tanto diverse.

Vincenzo Presta Trio incontra Bebo Ferra
Il Vincenzo Presta Trio composto da Vincenzo Presta al sax, Aldo Vigorito al contrabbasso e Pierluigi Villani alla batteria incontra il chitarrista Bebo Ferra. Presta, sassofonista, clarinettista e compositore, dopo aver approfondito lo studio del sax jazz con Maurizio Giammarco e Rosario Giuliani, ed essersi diplomato in clarinetto, ha collaborato con musicisti quali Paolo Di Sabatino, Fabrizio Bosso e Ettore Fioravanti.
Durante tutto il concerto, il trio dimostra di essere ben amalgamato nella conduzione armonica e improvvisativa del sassofonista Vincenzo Presta e nel groove del contrabbassista Aldo Vigorito e Pierluigi Villani alla batteria. Il batterista, in particolare, si distingue per musicalità e gusto stilistico (vicino al batterista Roberto Gatto) mostrando un valido interplay con il chitarrista Bebo Ferra, creando figurazioni ritmiche cariche di idee e di buona ricerca sonora.


Concerto evento Locomotive Percussion Orchestra
DIREZIONE MUSICALE: Giovanni Imparato
DIREZIONE ARTISTICA: Alessandro Monteduro
IN COLLABORAZIONE CON CLASSE DI STRUMENTI A PERCUSSIONE DEL CONSERVATORIO "TITO SCHIPA" DI LECCE DEL MAESTRO FULVIO PANICO.
Prodotto dal Locomotive Jazz Festival, in anteprima assoluta, si è esibita la Locomotive Percussion Orchestra, diretta da Giovanni Imparato, coordinata e ideata da Alessandro Monteduro, in collaborazione con la classe di strumenti a percussione del Conservatorio "Tito Schipa" di Lecce del maestro Fulvio Panico.
La prima parte del concerto "World Tribute" è un omaggio alla cultura afro-cubana e africana, con le voci di Mariachiara Ferrari, Maria Domenico Siciliano, Carla Casarano.
Nei primi due brani "Saluto a Elegua" canto dedicato alle divinità Ogun e Ochos e nel ritmo del Montuno che ha matrice afro-cubana eseguito sul canto delle divinità Yoruba, le voci di Mariachiara Ferrari, Maria Domenica Siciliano e Carla Casarano ci introducono ad un mondo "vicino alle forze della natura e della terra", come ci spiega il direttore Giovanni Imparato compositore di tutti gli arrangiamenti della sua orchestra. In "Merengue", brano che nasce dall'esigenza di esorcizzare la paura della morte, l'arrangiamento fonde insieme la cultura dominicana, cubana e brasiliana. In chiusura il "Palo" ritmo che ha origine in Congo, dall'ordine religioso Bantù e "Calypso" arrangiato in forma arcaica.
Nella seconda parte del concerto "Omaggio a Dizzy Gillespie" progetto nato da un'idea di Raffaele Casarano e Cesko degli Après La Classe; l'intento è di creare un unico filo conduttore tra rock, hip-hop, reggae e musica afro-cubana. La vita del grande trombettista viene così riproposta rielaborando le composizioni di Gillespie in chiave letteraria e musicale con la partecipazione della Locomotive Percussion Orchestra, il sassofonista Raffaele Casarano, i trombettisti Andrea Sabatino e Luca Aquino e l'arpista Angela Cosi.
Il risultato, sicuramente riuscitissimo, è la degna conclusione di tutta la kermèsse musicale.

..::Galleria Fotografica di Roberto Cifarelli::..

Locomotive - 11Locomotive - aquinoLocomotive - carla %casaranoLocomotive - del prete
Locomotive - il tuffo in un fiatoLocomotive - marco bardosciaLocomotive - r . casarano
Locomotive - r . casaranoLocomotive - sheilaLocomotive - Nguyen % Le
Locomotive - zLocomotive - 61
Locomotive - artiLocomotive - arti visive
Locomotive - festa finaleLocomotive - cuna
Locomotive - artiLocomotive - apres la classe
Locomotive - ballo del jazzLocomotive - ballo %del %jazz
Locomotive - califfo e LocomotiveLocomotive - califfo
Locomotive - carboni %ospite %del %preteLocomotive - carucci -de %vito
Locomotive - check %savinoLocomotive - check
Locomotive - dario %congedoLocomotive - greco
Locomotive - festa %festa %finaleLocomotive - festa %finale %
Locomotive - grecoLocomotive - guglielmo
Locomotive - imparatoLocomotive - locomotive %perc
Locomotive - locomotive %percussion %orchestraLocomotive - tenores %e % Nguyen
Locomotive - jamLocomotive - savino
Locomotive - presta -ferraLocomotive - sandra %caiulo
Locomotive - sheila Jordan e alboradaLocomotive - sheila % Jordan
Locomotive - tenores e LeLocomotive - tenores %e % Nguyen
Locomotive - tenoresLocomotive - z
Locomotive - varieLocomotive - varie
Locomotive - william %grecoLocomotive - z






Articoli correlati:
22/10/2017

Una Striscia di Terra Feconda: "XX Edizione per il Festival Franco-Italiano di Jazz e Musiche Improvvisate ideato da Paolo Damiani, che ne cura la direzione artistica insieme ad Armand Meignan" (Vincenzo Fugaldi)

14/07/2017

Luca Aquino annulla il suo Jazz Bike Tour: Purtroppo, una paresi facciale costringe il trombettista di Benevento a cancellare il suo 'Jazz Bike Tour' e la promozione del nuovo album 'Aqustico Volume 2'

26/04/2017

Petra (Luca Aquino & Jordanian National Orchestra)- Alceste Ayroldi

09/04/2017

Travel Music (Roberto Spadoni New project Jazz Orchestra)- Alceste Ayroldi

01/11/2016

Bea (Andrea Sabatino another 5et)- Niccolò Lucarelli

18/09/2016

Radio Interference (Forthyto)- Alceste Ayroldi

07/08/2016

Vittoria Jazz Festival: "Il festival diretto da Francesco Cafiso, giunto alla nona edizione, ha cambiato formula: nove giorni consecutivi presso la consueta cornice di Piazza Enriquez ma anche presso altri suggestivi spazi della cittadina in provincia di Ragusa." (Vincenzo Fugaldi)

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

04/06/2016

Solo (Carmine Ioanna)- Gianni Montano

15/05/2016

Give Me Five By Foot! (Tuk Music Antologico)- Alceste Ayroldi

02/05/2016

Jdid (Karim Ziad)- Enzo Fugaldi

25/10/2015

It Came to Broadcast the Yucatan (Niccolò Faraci)- Niccolò Lucarelli

19/09/2015

Roccella Jazz Festival - African Noises: "Edizione numero trentacinque per lo storico festival della provincia di Reggio Calabria, tornato a riempire le serate d'agosto dopo un'annata 2014 in versione ridotta." (Vincenzo Fugaldi)

14/06/2015

Celebrating The Dark Side of the Moon (Nguyen Le with Michael Gibbs & Ndr Bigband)- Alceste Ayroldi

10/05/2015

Red Note: il Jazz ad "Alli Due Buoi Rossi": "Il "rinato" Alessandria Jazz Club continua la programmazione cambiando location e impostazione: un concerto l'ultimo giovedì di ogni mese con formazioni di musicisti italiani - dal trio al quartetto: Inside 4et, Francesca Ajmar 4et e Fabio Giachino Trio" (Andrea Gaggero)

26/04/2015

Tricatiempo (Stefano Costanzo)- Gianni Montano

26/01/2015

Aurum (Piero Delle Monache)- Alceste Ayroldi

08/06/2014

Duo Art Creating Magic (AA. VV.)- Alceste Ayroldi

02/06/2014

Suoni dal carcere (Maria Pia De Vito, Silvia Bolognesi)- Alceste Ayroldi

01/06/2014

Torino Jazz Festival 2014: "...terza edizione, la seconda con la direzione artistica di Stefano Zenni ed è premiato ancora una volta da un lusinghiero successo di pubblico." (Gianni Montano)

28/10/2013

Perquantoviprego (La Costituente)- Gianni Montano

13/10/2013

Roccella Jazz Festival 2013: Trentatreesima edizione per il festival calabrese che, con una nuova direzione artistica, e' stato dedicato quest'anno alla tema della pace. (Vincenzo Fugaldi)

17/06/2013

Simply Marvellous (Tommaso Starace)- Francesco Favano

16/06/2013

Live 2012 (Area International Popular Group)- Gianni Montano

25/05/2013

Places (Eva Simontacchi)- Alceste Ayroldi

07/04/2013

'U Popole Mije (Gianni Cellamare & Taranto Quartet)- Matteo Mosca

24/02/2013

Sei domande a: L.Aquino, J.Mazzariello, A.Paternesi, E.Pietropaoli, M.Rabbia, F.Sigurtà, E.Zanisi: "L'insegnamento, gli spazi e i festival, il jazz europeo e americano, i media la discografia..." (Vincenzo Fugaldi)

10/02/2013

The Silver Lining (Maria Patti)- Matteo Mosca

09/02/2013

Atina Jazz Winter 2013: "...in collaborazione con CamJazz e Jando Music, tre giornate interamente dedicate ad alcune interessanti realtà del jazz italiano." (Vincenzo Fugaldi)

20/01/2013

Manu Katchè Quartet: "Un tentativo, tutto sommato riuscito, di rinnovare e ampliare la sua proposta jazzistica." (Dario Gentili)

31/12/2012

Intervista con Elisabetta Antonini: "Essere artista significa anche fare un certo tipo di vita, cercare un equilibrio, avere uno sguardo curioso verso il mondo..." (Vincenzo Fugaldi)

30/12/2012

Jazz&Wine of Peace Festival 2012: Ray Anderson-Marty Ehrlich Quartet e Manu Katche': una verve, una grinta, un groove, come ben poche volte capita di assistere per il primo, un repertorio non vario, senza picchi per il secondo. (Giovanni Greto)

30/12/2012

Distante (Jano 4tet) - Alceste Ayroldi

15/10/2012

If Not - Omaggio A Mario Schiano (Angelo Olivieri, Alipio C Neto, Doppio Trio Progetto Guzman)- Gianni Montano

07/10/2012

Genesi (Giovanni Francesca) - Alceste Ayroldi

18/08/2012

Chiaro (Luca Aquino)- Roberto Biasco

05/08/2012

Vagabond (Ulf Wakenius) - Alceste Ayroldi

12/05/2012

"...il parto di una mente raffinata, non succube della sua stessa tecnologia." (Matteo Mosca)

26/02/2012

Sempre per la attenta direzione artistica di Paolo Damiani, il festival ha portato nel profondo sud dell'Italia continentale una nutrita serie di validissimi musicisti. (Vincenzo Fugaldi)

03/12/2011

Stilita (Roberto Cipelli)- Eva Simontacchi

12/11/2011

Serravalle Jazz 20011: "...una kermesse ricca e gratuita. Nel numero consistente di appuntamenti organizzati non tutti sono stati all'altezza delle aspettative, ma la rassegna ha fornito un quadro abbastanza diversificato su quanto "gira" attualmente nel jazz o nei suoi dintorni." (G. Montano, A. Gaggero)

18/09/2011

Intervista con Filomena Campus: "L'amore per il jazz c'e' sempre stato, ma la spinta fu l'incontro con Paolo Fresu e Maria Pia De Vito ai seminari jazz di Nuoro. Capii immediatamente che il jazz era la mia strada, e la mia vita cambiò radicalmente." (Alceste Ayroldi)

28/07/2011

The Dreamer (Marco Bardoscia) - Alceste Ayroldi

26/06/2011

European Jazz Expo 2011: Cinquanta concerti in quattro giorni, stand di case discografiche e case editrici del settore ma anche di specialità alimentari tipiche, un bellissimo allestimento destinato ai bambini con percorsi didattici sulla musica e soprattutto circa 200 artisti in gioco per una kermesse che ha saputo spaziare tra Jazz, ma anche world music, e non solo, dando vita ad un'intensa manifestazione che ha illuminato di festa e cultura il Parco di Monte Claro.(D. Floris, D. Crevena)

02/04/2011

Anyway (Berardi Jazz Connection) - Luca Labrini

22/01/2011

Icaro Solo (Luca Aquino) - Alceste Ayroldi

24/12/2010

Ethos (Quartetto Alborada) - Alceste Ayroldi

21/11/2010

The Blue Note Years (Paolo Fresu)- Vincenzo Fugaldi

01/11/2010

Le tre trombe Enrico Rava, Paolo Fresu, Dave Douglas e il "Megalitico" di Gavino Murgia al festival Jazz di Nuoro. (Cinzia Guidetti)

17/10/2010

Tempus Transit (Pierluigi Villani Group)- Vincenzo Fugaldi

04/10/2010

Argento (Raffaele Casarano) - Alceste Ayroldi

20/08/2010

Amam (The Skopje Connection)- Pietro Scaramuzzo

16/08/2010

Igloo (Remo Anzovino)- Antonio Terzo

11/08/2010

Songlines / Night & Blue (Paolo Fresu Quintet) - Alceste Ayroldi

12/06/2010

Young Jazz Festival 10 con al direzione artistica di Gianluca Petrella: "La rassegna fulginate si distingue tra le iniziative italiane per il proposito di coinvolgere esperienze artistiche giovani con un'attenzione a proposte poco o per niente inflazionate, ma senza isolarle dall'esperienza dei maestri. Un punto di forza del jazz è la capacità di innovarsi grazie all'affermarsi di nuovi talenti, che nei casi più felici contribuiscono a perpetuarne la tradizione e ne determinano anche l'evoluzione e l'apertura." (Vincenzo Fugaldi)

06/06/2010

Terza edizione del Reggio Calabria Top Jazz Festival: "...il concerto memorabile è stato quello del quartetto "Tinissima", una delle opere più importanti del jazz europeo degli ultimi anni, e nella dimensione live raggiunge una compiutezza che la già notevole registrazione in studio faceva solo intuire. A supporto della musica, una serie di struggenti fotografie di Tina Modotti proiettate a cura di Antonio Vanni." (Vincenzo Fugaldi)

10/05/2010

Promemoria (Ars 3) - Marco Buttafuoco

22/03/2010

sings Cole Porter& the beat of yearning desire (Giuseppe Delre) - Cinzia Guidetti

13/02/2010

Celebration. Live at the Triad (Sheila Jordan + Cameron Brown)- Giovanni Greto

01/01/2010

Don't Forget (Tommaso Starace Quartet)- Alessandro Carabelli

08/11/2009

Metropolitan Prints (Fabrizio Savino Quintet) - Alceste Ayroldi

07/11/2009

Replay (Raffaele Casarano & Locomotive) - Alceste Ayroldi

13/09/2009

Lunaria (Luca Aquino) - Alceste Ayroldi

16/08/2009

Piazza Jazz 2009 a Piazza Armerina, una realtà dove "cuore e passione sono il motore primo, e tutto il resto viene dopo...sotto la direzione artistica di Giovanni Mazzarino, Piazza Jazz per tre giorni ha fatto risuonare di musica e cultura la città dei mosaici, grazie pure a protagonisti di rilievo internazionale." (Antonio Terzo)

16/08/2009

Il Multiculturita Summer Jazz Festival giunto quest'anno alla VII edizione, ha offerto ben sette eventi - di cui quattro del tutto gratuiti - affidando l'epilogo alle mani sapienti di un "guru" della musica a 360 gradi come Arturo Sandoval: "La sua unicità rimarrà nella storia di questo bel festival come pochi altri musicisti hanno saputo fare. Quando un concerto come questo termina e il silenzio torna li' dov'era un paio d'ore prima, ci si rende conto di aver assistito ad un evento che non si dimenticherà." (Marco Losavio)

04/07/2009

Reggio Top Jazz Festival, Seconda Edizione: "Nell'accogliente Teatro Cilea della città sullo Stretto, si sono alternati otto fra i vincitori della competizione, e due ospiti stranieri." (Vincenzo Fugaldi)

06/06/2009

The Peacocks (Daniela D'Ercole)

14/04/2009

Zapping (Furio Di Castri)

13/04/2009

Ethos (Quartetto Alborada)

02/01/2009

Intervista al giovane chitarrista russo Roman Matin: "Una nota per me è già tanto. Trovo che sia per me un compito molto importante dire qualsiasi cosa in modo molto conciso. Ho il timore di ripetere ciò che è già stato detto." (John Douglas)

16/11/2008

Sopra Le Nuvole (Luca Aquino)

24/03/2008

Pure Ecstasy (Eva Simontacchi)

19/03/2008

Sonata Islands Quintet con Roberto Cipelli: "Il concerto si è snodato in modo fluido; gli eccellenti musicisti hanno dato prova di sensibilità e perizia, eseguendo splendidamente brani non certo facili, la maggior parte dei quali tutti scritti con parti obbligate da insieme cameristico." (Eva Simontacchi)

05/01/2008

I Festival Piemontesi, II Tappa: "I viaggi sono costruiti attraverso ritorni, passaggi e paesaggi e possono diventare con il tempo frequentazioni; le novità sanno stupire presentandosi come eccezioni o consolidate esperienze e il jazz acquista nuovamente lo stimolo per attraversare e ri-attraversare il Piemonte dell'estate 2007." (Alessandro Armando)

22/12/2007

Imprinting (Francesco Chebat)

01/11/2007

Forward (Ettore Carucci Trio)

21/10/2007

Distanze (Castiglioni – Grossi – Zanchi )

08/07/2007

Rosso, Verde, Giallo e Blu (Paolo Fresu Quintet)

11/05/2007

Nuova gallery per le foto di Elena Venier

14/12/2006

Intervista a Rita Marcotulli: "Credo però anche che sia molto importante trovare una propria voce, raccontare la propria storia, non quella di qualcun altro, altrimenti si diventa solo dei grandi interpreti, come gli esecutori di musica classica. Non è poco, perchè non è facile interpretare qualcun altro. Però il jazz non è musica scritta come la musica classica: vale la pena dipingere il quadro di un altro pittore?" (Antonio Terzo)

26/11/2006

Pure Soul (Andrea Sabatino)

31/10/2006

Moon, stars and nights (Chrissie Carpenter Oppedisano)

19/08/2006

The Way I Like (Berardi Jazz Connection)

01/08/2006

ELB Trio, ovvero Peter Erskine, Nguyên Lê e Michel Benita: "Quando suoniamo, oltre ad ascoltarci molto, cerchiamo sempre il contatto visivo tra di noi..." (Massimiliano Cerreto)

09/04/2006

Walking On The Tiger's Tail (Nguyen Le Quartet)

19/03/2006

So Right (Maria Pia De Vito)

11/03/2006

Il Paolo Fresu Quintet alla Maison Musique

14/02/2006

Eventi Jazz 2005 a Busto Arsizio: "...un plauso all'amministrazione comunale, al direttore artistico, responsabile del jazz club "Art Blakey" e a tutte le persone che hanno contribuito alla realizzazione e al successo di questa bella rassegna itinerante nei cinque teatri cittadini." (Bruno Gianquintieri)

27/01/2006

Rita Marcotulli e Nguyen Le a Terni Winter #6, Palazzo Gazzoli - 21 gennaio 2006 (Francesco Truono)

25/11/2005

Sheila Jordan e l'E.S.P. Trio al Blue Note di Milano: "La sala del Blue Note è gremita di cantanti e vocalist, intervenute per ascoltare una grande cantante 'messaggera', come ama dire di sé, del 'bebop' e della musica jazz..." (Eva Simontacchi)

18/06/2005

Straight Ahead (Sheila Jordan & E.S.P. Trio (+ P. Fresu))

12/06/2005

Workshop di Maria Pia De Vito al CEMM di Bussero: "...Una giornata senza dubbio fruttuosa per tutti i presenti, che hanno avuto modo di attingere all'esperienza e al know-how di una docente di alto livello, grande preparazione e serietà, e chiara eloquenza nelle spiegazioni..." (Eva Simontacchi)

04/06/2005

Encanto (Attilio Zanchi - Naco - Bebbo Ferra)

22/05/2005

Sheila Jordan & E.S.P. Trio: "...Sheila Jordan, che ama definirsi 'messaggera della musica jazz e bebop' ha ancora una volta stupito il pubblico per la sua generosità, la sua intensità e la sua raffinata naturalezza..." (Eva Simontacchi)

11/12/2004

Intervista a Maria Pia De Vito: "...Io penso che per cantare oggi qualcosa che è stato scritto e cantato in maniera magistrale sessant'anni fa, ci voglia una grossa maturità..." (Cinzia Eramo)

30/07/2004

Tradotta in cirillico l'intervista di Jazzitalia a Sheila Jordan.

27/06/2004

Sheila Jordan si racconta in una lunga ed esclusiva intervista: "...Frequentavo gente come Charlie Parker, Thelonious Monk, Bud Powell...sono stata picchiata perchè la polizia non voleva vedere delle giovani ragazze bianche assieme a gente di colore, ma quelli erano i miei amici! Erano le sole persone a cui mi potevo rivolgere, erano i soli che capivano quello che stavo facendo, ciò che stavo ricercando. Si trattava di quella musica, della musica nera. Si trattava di bebop..." (Eva Simontacchi)

12/08/2003

Tumulti (Maria Pia De Vito)

09/07/2003

Maria Pia De Vito al Dolce Vita Jazz Festival: "L'ultima immagine del concerto è una processione di spettatori che fa la fila sotto il palco per ringraziare Maria Pia De Vito per le emozioni che ha fatto provare stasera." (Alessandro Marongiu)

31/08/2002

Nel Respiro (Maria Pia De Vito)





Video:
LUCA AQUINO & ROY HARGROVE
From Luca Aquino album: Lunaria - Universal Music 2009, , Luca Aquino - Roy Hargrove - Giovanni Francesca - Marco Bardoscia - Gianluca Brugnano...
inserito il 06/06/2009  da trumpetvanlaar - visualizzazioni: 2995
Paolo Fresu Quintet backstage 2007
Il backstage del Paolo Fresu Quintet al Vasto festival 2007...
inserito il 06/12/2007  da jazzconvention - visualizzazioni: 3425


Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 6.068 volte
Data pubblicazione: 05/10/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti