Jazzitalia - Io C'ero: Luciana Souza & Romero Lubambo 'Brazilian Duo'
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Luciana Souza & Romero Lubambo "Brazilian Duo"
Tokyo, Cotton Club:  1 – 3 Dicembre 2007
di Giovanni Greto

Assistiamo al primo set dell' 1 Dicembre 2007, di due musicisti brasiliani trasferitisi da tempo in America. Romero Lubambo lo ricordiamo presente in parecchi dischi di MPB (ndr Musica Popolare Brasiliana), forse perchè considerato un valido musicista da studio. Luciana Souza ci aveva favorevolmente colpito nell'unico disco ascoltato, il primo, del 1999, "An answer to your silence", affiancata da musicisti americani e da Ignacio Berroa, in gran forma, alla batteria. Eravamo dunque assai curiosi di ascoltarla dal vivo, speranzosi di trovare una conferma positiva ai nostri ricordi.

I
l concerto non ci ha deluso, ma speravamo di provare un maggiore entusiasmo. Probabilmente la formula così intima, adatta al contatto immediato con la platea, seduta in tavolini rettangolari, induce l'artista al dialogo, alla ricerca di una vicinanza col pubblico, e forse egli perde quella concentrazione necessaria perchè l'ispirazione diventi creativa. Comunque la Souza – che scopriremo poi dal suo sito, si è diplomata alla Berklee School in composizione jazz e ha ottenuto varie Nominations ai Grammy americani – è una vocalist coi fiocchi. Lo scat fluisce morbidamente, senza inciampi, anche a metronomi velocissimi. La voce è delicata, leggera, esile, ma non nasale. L' espressione del viso è spesso sognante. Sembra una bella persona, seria, professionale, che rifugge dal cantare solo per onorare gli impegni presi e che cerca di trasmettere quello che sente dentro a chi la ascolta. Quando canta, nonostante risulti linguisticamente padrona dell'idioma straniero, preferiamo sentirla articolare i fonemi del portoghese – brasiliano, piuttosto che quelli inglesi.

Il repertorio scelto – 13 brani, compreso il bis, per poco più di 75 minuti – privilegia (9 su 13) le composizioni brasiliane, ma attinge in parte dal repertorio dell'ultimo CD, inciso nel 2006, "The real Bossanova" (2 pezzi) e infine inserisce un paio di standard ("But not for me" e "You go to my head"). La Souza è sostenuta con attenzione e con calore da Romero Lubambo il quale, nonostante si trovi ad essere l'unico strumentista, riesce a tirar fuori dei frequenti e begli assolo. Ritmicamente impeccabile, a velocità sostenuta, "Baiao Medley – Romance", una serie di baiao nordestini che sfociano in una vecchia canzone di Djavan. E qui tanto di cappello a Luciana che si cimenta con successo con un autore tra i più insidiosi della MPB. Ancora più veloce, una vera prova di abilità per la chitarra e la voce, che è solo scat, "Chorinho pra ele" dell'estroso e incontenibile Hermeto Paschoal. Traiamo spunto da questi due titoli per dire che la Souza è anche una dignitosa percussionista. Nel primo dei due ha suonato il triangolo, mentre nel secondo un pandeiro a pelle naturale e con le rotelline metalliche molto stoppate, riuscendo contemporaneamente a cantare senza tentennamento alcuno.

Nella scaletta, i pezzi che ci hanno convinto di meno, riproposti in duo, sono una ballad di Michael McDonald dei Doobie Brothers, "I can let go now", e una di James Taylor "Never Day Young". Tra i brani brasiliani, oltre ai due citati ci sono piaciuti "So danço samba", con un inizio lento che si velocizza nel B, mantenendosi con lo stesso andamento sino alla fine, nel quale la Souza ci avvince con lo scat; una lentissima e sofferta "Chega De Saudade", insolita per la scelta delle armonie, che approviamo quando si rivisitano pezzi ultrainterpretati. Il bis è affidato alla celebre "Aguas de março", nella versione di Elis Regina e Tom Jobim, ma cantata in inglese "Waters of march", a parte una piccola coda finale che riprende la prima strofa portoghese. Un buon duo, dunque, ma l'aggiunta di un contrabbasso e di una swingante batteria avrebbe, presumibilmente, riservato maggiori sorprese ed emozioni.







Articoli correlati:
06/02/2011

Sempre tutto esaurito al Blue Note di Tokyo per i trii di Vincent Gallo e del settantenne Chick Corea (Giovanni Greto)

26/08/2010

Buster Williams' Spanish Sun, Flamenco Rising. Il contrabbassista, insieme a Eric Reed, Adam del Monte, Mark Gross e Ignacio Berroa all'Iridium Jazz Club di New York. (Roberta E. Zlokower)

10/04/2009

Bare Bones (Madeleine Peyroux)

15/03/2009

Lua e Sol (Mark Weinstein)

22/02/2009

"Tony Williams Lifetime Tribute" featuring Jack Bruce, Vernon Reid, John Medeski & Cindy Blackman al Blue Note di Tokyo: "L'idea di rendere omaggio ad un ensemble originalmente formato dal talentuoso batterista jazz nel 1969, dopo aver lasciato il quintetto di Miles Davis, da John Mclaughlin e da Larry Young, cui in seguito si sarebbe aggiunto Jack Bruce, parte da Vernon Reid, chitarrista inglese trasferito a Brooklyn, che nel 1984 creò i Living Colours." (Giovanni Greto)

01/01/2009

L'High Five Quintet al Blue Note di Tokyo: "Otto set in quattro giorni. Mai un minuto per il tempo libero. Però un successo crescente, che sfocerà in un DVD e in un CD che conterrà parte dei brani eseguiti nel prestigioso locale giapponese." (Giovanni Greto)

27/01/2008

Gonzalo Rubalcaba Quintet al Blue Note di Tokyo: "Rubalcaba rivela sempre una tecnica invidiabile ma, col trascorrere degli anni, è riuscito a staccarsi dalla tastiera, a selezionare meno note, il che giova all'equilibrio di ogni brano." (Giovanni Greto)

27/12/2006

Eventi Jazz 2006 a Busto Arsizio con Ignacio Berroa, Dado Moroni, Kenny Barron, Mike Stern. Sei serate di jazz nei vari teatri cittadini sempre gremiti di pubblico appassionato e intento ad ascoltare le varie proposte stilistiche previste dalla programmazione.







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 4.554 volte
Data pubblicazione: 25/02/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti