Jazzitalia - Io C'ero: Massimo Nunzi Jazz istruzioni per l'uso Orchestra featuring Francesco Cafiso, Andrea Tofanelli
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Massimo Nunzi Jazz istruzioni per l'uso Orchestra featuring Francesco Cafiso, Andrea Tofanelli

"The Modern World / The Music Of Stan Kenton"
Sconfinando 2010. XIX Festival Internazionale di Musica & Suoni dal Mondo
Sarzana (La Spezia), Fortezza Firmafede, 16 luglio 2010
di Vincenzo Fugaldi

Un interessante e fecondo approccio divulgativo-didattico ha caratterizzato la nuova impresa musicale di Massimo Nunzi, attivissimo band leader autore di un recente volume per Laterza dal titolo Jazz istruzioni per l'uso. L'eclettico festival sarzanese, alla diciannovesima edizione, ha dato il battesimo in prima internazionale assoluta a questa nuova orchestra, che vedeva schierati sul palco alle trombe Andrea Tofanelli, Mike Applebaum, Francesco Lento e Mario Caporilli; ai tromboni Luca Giustozzi, Enzo De Rosa, Massimo Pirone e Rosario Liberti; ai sassofoni Massimiliano Filosi, Luigi Di Nunzio, Pedro Spallati, Alessandro Tomei e Marco Guidolotti, oltre a Marco Loddo al contrabbasso, Enrico Zanisi al pianoforte, Roberto Pistolesi alla batteria e la partecipazione straordinaria di Francesco Cafiso.

La scommessa di Nunzi – vinta pienamente visto il grande consenso ricevuto dal foltissimo pubblico presente – era quella di avvicinare gli ascoltatori al jazz facendo leva su quanto loro è più familiare in musica. E per il pubblico italiano il suono delle orchestre kentoniane è quanto mai noto attraverso le colonne sonore dei film americani e dei cartoni animati, ma soprattutto attraverso il sound dell'orchestra della RAI, per la quale il mondo orchestrale di Stan Kenton ha costituito, sin dagli anni '50, il principale riferimento. La visionarietà di Kenton, paragonata da Nunzi a quella di Frank Zappa e di Don Ellis, la sua caparbia follia, il suo estremismo musicale, il suo sforzo di inglobare sotto l'egida del jazz i ritmi cubani e le esperienze della musica contemporanea europea, lo rendono ancora oggi oggetto di studio per i musicisti più attenti e curiosi come Nunzi.

Le scelte di repertorio si sono rivolte ad alcuni notissimi cavalli di battaglia del band leader di Wichita, eseguiti con gli arrangiamenti originali, comparati con brani resi famosi dall'orchestra della RAI. Si sono ascoltati tra l'altro Machito, scritto da Pete Rugolo, esperimento sulla musica cubana contemporaneo a quelli condotti da Dizzy Gillespie, Autumn in New York arrangiata da Bill Russo, Cuban Carnival, Frankie Machine, soundtrack del film "L'uomo dal braccio d'oro" composta da Bernstein ed eseguita da membri dell'ambiente kentoniano, Carl di Bill Holman dedicato a Carl Fontana, The End of a Love Affair interpretata da Cafiso nell'arrangiamento di Lennie Niehaus, Intermission Riff, da sempre utilizzata come sigla di TV7, per arrivare al mondo della musica italiana con la splendida Brava di Bruno Canfora che ricordiamo nella virtuosistica interpretazione di Mina, qui arrangiata da Applebaum; All the things you are con gli assoli di Di Nunzio, Zanisi e Cafiso; una composizione di Nunzi intitolata Pete Rugolo, la sigla de "Il rischiatutto" composta da Mario Migliardi, per chiudere con il bis Dinaflow, composto da Kenton e Art Pepper.

La compagine orchestrale, diretta da Nunzi con assoluta professionalità, era perfetta in ogni sezione, nonostante la giovane età di molti dei componenti. Proprio tra questi si sono avute le maggiori sorprese: oltre naturalmente a Cafiso, che si è differenziato rispetto al sound comune per degli intriganti influssi dolphiani, altri componenti come il trombettista Francesco Lento, il pianista Enrico Zanisi, il baritonista Marco Guidolotti e il diciottenne sax alto napoletano Luigi Di Nunzio – nome questo da tener particolarmente d'occhio – si sono distinti in assolo almeno quanto i navigati Andrea Tofanelli, che ha sostenuto con ottima tecnica il difficile ruolo fergusoniano dei sovracuti, e il trombonista Massimo Pirone.

Intervista a Massimo Nunzi
Sarzana (La Spezia), 17 luglio 2010
di Vincenzo Fugaldi

Qual è la genesi del progetto su Stan Kenton che hai presentato in prima assoluta qui a Sarzana?

Jazz istruzioni per l'uso nasce con uno scopo preciso: quello di avvicinare le persone che sono interessate al jazz ma non hanno il coraggio né il tempo di approfondire l'argomento con dei concerti che possano rappresentare una guida, ma anche incuriosire e stimolare le persone che già conoscono questa musica. Ho avuto la fortuna di lavorare in tanti campi diversi, ho diretto l'orchestra della RAI, fatto musica da film, lavorato in Francia, dove poco tempo fa ho diretto l'Orchestra nazionale del Jazz a Parigi su una mia opera. Ho diretto anche orchestre sinfoniche, scritto per orchestra sinfonica, per balletto, per teatro. Questa capacità diciamo "multitasking" mi ha permesso di incontrare tanta gente, e ho trovato sempre un grande interesse nei confronti della musica più sofisticata e colta, ma anche una certa difficoltà a entrarci per motivi legati a una qualche forma di timidezza. Infatti la prima frase che mi dicono è sempre "io non mi sento all'altezza". Allora, utilizzando gli elementi che ho a disposizione, che sono storici, di costume, politici, sociali, costruisco un tessuto che permette alle persone di entrare nel jazz dalla porta principale, che è la loro esperienza, ciò che sanno. Per esempio, se racconto che Jacqueline Onassis è stata una delle più grandi committenti di opere - per esempio la Grande Messa di Bernstein è stata commissionata proprio da lei, ma anche tante altre cose, anche in campo jazzistico -, probabilmente attraggo anche un pubblico di persone che sa chi è Jacqueline Onassis ma non sa chi è Leonard Bernstein, o Duke Ellington.

Perché la scelta è ricaduta su Stan Kenton?

Perché Kenton, nel rapidissimo periodo di evoluzione del jazz, che ha visto passare sul suo palcoscenico tantissimi geni, è stato rapidamente epurato, per una serie di motivi anche legati al fatto che è stato accusato di essere fascista, di essere un musicista che non suonava mai con i neri, eccetera. Io ho un grande amico, Marvin Stamm, che ha suonato molto tempo con lui quand'era molto giovane, e ho una visione diversa di Kenton. Per esempio so che il problema dei bianchi e dei neri nelle orchestre era sentito anche da Woody Herman, o da Buddy Rich. Ma la verità era che semplicemente che i neri non potevano viaggiare insieme ai bianchi. Ad esempio Roy Eldridge in tournee con Artie Shaw lamentava di non riuscire a trovare un posto dove dormire se non a decine di chilometri dal luogo dove suonava l'orchestra, e questo rappresentava un enorme disagio, perdurato sino agli anni '70.

Probabilmente Kenton aveva simpatie politiche di destra ma sicuramente non è stato razzista.

No, infatti ha suonato con Charlie Parker, con Dizzy Gillespie. Certamente riconosceva la grandezza di Earl Hines, che era il suo mito.

Non possiamo applicare le nostre logiche politiche a quelle di sessanta anni fa negli Stati Uniti.

Certo, il conservatorismo americano è completamente diverso. Kenton sicuramente stimava moltissimo Benny Carter, ha copiato Don Redman, Jimmy Lunceford, infatti tutto quel suono puntuto dell'orchestra all'inizio, con gli staccati dei sassofoni era preso proprio da Lunceford.

Ma la scelta di Stan Kenton è una scelta estetica, nel senso che tu preferisci le musiche di Stan Kenton a quelle di Basie?

Io non amo Stan Kenton. Non lo amo per niente, lo trovo irritante per certi versi. Ma sono attratto dai visionari come lui, come Frank Zappa, Don Ellis. Sono curioso della musica, la rispetto e rispetto i musicisti anche se fanno scelte che non condivido. Credo che Kenton sia stato interessante per noi italiani perché l'orchestra della RAI del '58 formata da Armando Trovajoli era stata creata proprio con una tipica formazione kentoniana 5-5-5: tra le 5 trombe c'era Beppe Cuccaro, che faceva i fischi come Ferguson, e i musicisti che hanno lavorato in Italia nei primi anni '60 (ricordo Bill Gilmore al trombone, che aveva suonato con Chet e con Dino Piana, Bill Holman che aveva realizzato una colonna sonora per un film) avevano importato il suono e il sapore di Kenton. La televisione, che a quell'epoca quando non c'erano le trasmissioni aveva il monoscopio, spesso lo sonorizzava con il west coast jazz, poi ripreso anche dal sestetto italiano di Valdambrini-Piana, e tutto quel mondo del west coast veniva sempre dalla lezione di Kenton, che aveva con sé Lennie Niehaus, Lee Konitz, Bud Shank, Bob Cooper, Shelly Manne, Shorty Rogers. Kenton mi interessava come fenomeno musicale, per me è interessante musicologicamente. Sono come un chirurgo, studio gli arrangiamenti. Ho studiato con Pete Rugolo. Pete ha fatto delle cose francamente anche brutte, ma capisco il suo sforzo, e rispetto moltissimo questi musicisti. Come rispetto Bob Graettinger, che ha composto anche delle cose aberranti, che non si possono proprio suonare, però ne rispetto l'afflato verso la novità, verso il "moderno", che era una febbre che aveva preso tutti, e Kenton è stato sicuramente un visionario che ci ha rimesso di suo, ha speso tutti i suoi soldi, è andato al fallimento, ha avuto periodi di grave disagio psichico, come me d'altra parte [ride, n.d.r.], perché portare avanti un'orchestra non è mai stato facile.

Mi è piaciuto molto il tuo approccio divulgativo e didattico. È qualcosa che hai sempre fatto, o è una scelta legata a questa occasione?

Da quando ho scritto il libro Jazz istruzioni per l'uso, per la Laterza, e poi la serie sulla storia del jazz per l'Espresso-Repubblica, ho evoluto questo rapporto con una divulgazione popolare ma nello stesso tempo sofisticata. Ieri per esempio ho raccontato l'evoluzione della musica di Kenton non nel jazz, ma nella musica popolare, quindi l'influenza che ha avuto sulla musica da film, sui grandi media, sui cartoni animati. Tutte le musiche di quegli anni erano realizzate da orchestre in qualche modo kentoniane, anche la musica dei Flinstones, dove la prima tromba fa degli acuti imitando Ferguson.

Parliamo di questa big band che hai riunito per Sarzana. Ci sono dei giovani interessantissimi e anche dei "vecchi leoni" del jazz italiano.

Penso che, come diceva Italo Calvino nelle Lezioni americane (che ho ripreso tra l'altro come opera che ho scritto e suonato in Francia con l'Orchestra nazionale del jazz francese), la visibilità sarebbe stata la cosa più difficile da ottenere oggi, con tutta questa enorme massa di informazioni. Allora l'orchestra è ancora oggi uno spot essenziale per la popolarità di un giovane musicista, e soprattutto per farsi le ossa. Infatti i giovani mi ringraziano di questa opportunità, perché hanno la possibilità di suonare una musica che non conoscono, forgiandosi tecnicamente, perché suonare con l'orchestra è difficilissimo, richiede una grande attenzione. Per esempio Francesco Lento, questo prodigioso nuovo trombettista, o Luigi Di Nunzio, altista di Napoli che ha appena diciotto anni, erano in estasi, perché per loro dopo aver fatto un lavoro così attento, così preciso sulle partiture, alzarsi e fare un assolo sembra quasi come volare, perché non hai più quel blocco della parte, quella costrizione. D'altronde non è un caso che Lee Konitz e molti i grandi musicisti, anche Stan Getz abbiano suonato tanto in orchestra. È formativo.

Adesso tocchiamo un tasto dolente. In questa situazione di grave crisi economica, cosa significa vivere oggi in Italia il ruolo di band leader?

Io posso affermare ufficialmente che per portare avanti un'orchestra sono in totale remissione. Vivo facendo altre cose musicalmente parlando, faccio il compositore. Tutto quel che riguarda l'orchestra è in perdita. Ma è sempre stato così. È stato così per Quincy Jones, è stato così per Stan Kenton, per Ellington, che se non fosse stato per i diritti d'autore sarebbe naufragato dopo poco tempo.

È sempre stato così, però fino a qualche anno fa la RAI aveva tante orchestre e adesso non ne ha più nessuna.

Questo fa parte di un programma di smantellamento della cultura che credo sia evidente ma credo che sia ormai "accettato". Ecco, una cosa che io non sopporto, da parte anche dei miei colleghi e della critica jazzistica, e lo dico anche per creare se possibile un dibattito, è che non è sufficientemente compreso che se non si ricostituisce il pubblico siamo tutti fregati. Un lavoro come quello che ho fatto ieri a Sarzana può creare un grande interesse da parte di pubblici che non hanno nessuna dimestichezza col jazz. Infatti tantissimi mi hanno chiesto il libro che ho scritto, per approfondire. Invece l'atteggiamento di chiudersi dei jazzisti e dire "io me ne frego, faccio la mia musica" e magari anche criticare cose come quelle che faccio io (può succedere, dei colleghi lo hanno fatto) è una forma di autodistruzione. Spesso vedo molta rigidità nei musicisti, una chiusura, una specie di atteggiamento snobistico che dice: no, io non devo spiegare niente. Ma se non spieghiamo niente, alla fine ai concerti non verrà più nessuno. Perché quello che noto, nei festival e quando giro per il mondo (meno in Francia e in Germania), e anche in Italia, il pubblico medio del jazz ha un'età molto alta. Non ci sono giovani. Dunque quando non ci saranno più i vecchi non ci sarà nuovo pubblico. Dunque dobbiamo lavorare per ricostruire il pubblico, questo deve essere il nostro principale obiettivo.

Siamo pienamente d'accordo. Chiudiamo con una domanda sulla crisi italiana in rapporto alla crisi a livello internazionale.

La mia esperienza principale all'estero è in Francia, dove realizzerò adesso un disco per Harmonia Mundi della mia opera su Calvino con un tentetto composto da alcuni membri dell'Orchestra nazionale del jazz francese e da Fabrizio Sferra alla batteria. In Francia c'è una grandissima umiltà da parte dei musicisti, una collaborazione commovente. C'è un atteggiamento di comunanza d'intenti, e quindi anche di sacrificio, forse perché lì la crisi si sente più forte, e tutti dal primo all'ultimo si adoperano a dare il massimo. Noto che all'estero c'è più rispetto tra musicisti, c'è più afflato, molta più collaborazione e più apertura, per quello che ho visto io, almeno. Con me sono stati tutti estremamente generosi, anche fermandosi di più alle prove per fare una cosa perfetta, sacrificandosi anche se ci sono meno soldi. Tengono molto alla musica. Hanno anche programmi di divulgazione nelle scuole, dove anche io ho lavorato molto. Ho provato a farlo anche qui, ma in Italia è tutto troppo legato alle mutevoli decisioni degli amministratori. Credo che la crisi sia mondiale, ma nel nostro paese ancora secondo me non si sente per quello che è, perché qualcosa è rimasto in piedi. Tuttavia già dall'anno prossimo penso che si sentirà molto forte.


Intervista a Carmen Bertacchi
direttore artistico e organizzatore del festival "Sconfinando"
Sarzana, 17 luglio 2010
di Vincenzo Fugaldi

Il festival "Sconfinando" reca già nel nome la sua idea di base, che è quella di eludere i confini – pure esistenti – tra le musiche e le arti, e i confini geografici tra queste, realizzando, già da quasi vent'anni, delle proposte di estremo interesse che contribuiscono a una positiva connotazione del territorio sarzanese. Come è nata l'idea di realizzarlo?

Mi occupo da molti anni del Settore cultura e spettacolo del Comune di Sarzana. In precedenza ho vissuto a Firenze, in anni in cui il capoluogo toscano era molto vivo (gli anni '70-'80), e ho cominciato ad ascoltare musiche di un certo tipo, nella rassegna "Musica dei popoli", al FLOG, nei festival jazz a Boboli, dove si esibivano tutti i più grandi nomi. Tornando a Sarzana ho cominciato a pensare a un progetto, in anni in cui non c'erano ancora internet e google. Nel fossato della fortezza, non era ancora completamente restaurata, che abbiamo appositamente ripulito, abbiamo dato il via a "Sconfinando". In realtà la primissima edizione è stata fatta nel 1991 in due piccole piazzette del centro storico, e abbiamo realizzato in teatro un concerto di Jan Garbarek la prima volta che venne a suonare in Italia. Il senso è dunque quello di uno sconfinamento mentale, e il nome viene fuori dal fatto che siamo una terra di confine, questa bassa Lunigiana che confina con l'Emilia, La Liguria, la Toscana. Abbiamo un po' le caratteristiche di tutte queste regioni. E poi mi piaceva l'idea di mescolare… Quello che posso dire in tutta sincerità è che questo festival mi corrisponde molto, l'ho messo su con tanta passione, mettendo insieme il jazz, la classica, la prosa, le arti performative. Ho sempre cercato di dare voce e spazio a cose inconsuete, realizzando un percorso che all'inizio è stato un po' faticoso, perché sono stata la prima a fare un progetto di questo tipo in una realtà di provincia. Naturalmente "Musica dei popoli" ha ispirato tutti a proporre world music in tempi in cui questo genere aveva un senso, mentre adesso la fase è già superata. D'altronde non si può sempre star fermi su un genere, ma bisogna andare a cercare quello che c'è di nuovo, da oriente a occidente. Ho sempre realizzato progetti speciali, cercando di unire in maniera ideale mondi differenti, con religioni differenti. Il mio è un piccolo contributo personale per far passare delle proposte non omologate o incanalate in un contenitore televisivo e consumistico. È quasi una piccola missione, perché non abbiamo grandi finanziamenti, ed è difficile far passare questa cosa anche in un'amministrazione come Sarzana, dalla quale comunque io dipendo da un punto di vista amministrativo, che ha creduto nel progetto sin dall'inizio e mi ha permesso di portarlo avanti per vent'anni. Però all'inizio è stata dura, far capire qui cos'erano i monaci tibetani, il canto Höömij della Mongolia, chi era Joe Zawinul. Il pubblico locale era abituato ad artisti più conosciuti.

Affrontiamo l'aspetto del jazz nell'ambito di "Sconfinando". Ho visto dai programmi che negli anni ci sono stati vari eventi. Come ti regoli per le scelte in questo settore?

Mi rivolgo a un jazz "contaminato", per usare una parola abusata, per esempio Garbarek o Zawinul con Trilok Gurtu. La scelta parte dall'idea di cercare qualcosa di particolare, informandomi su ciò che avviene nel mondo della musica e tessendo una rete di relazioni con delle agenzie che credono nei progetti e realizzano produzioni originali. L'anno scorso abbiamo avuto un grande del jazz come Wynton Marsalis con la Lincoln Center Jazz Orchestra, con un impegno finanziario notevole per il nostro piccolo grande festival, piccolo soprattutto per il budget, ma che negli anni è riuscito ad avere anche dei grandi nomi del jazz, come è il caso del bellissimo progetto su Stan Kenton di Massimo Nunzi che ha abbracciato l'idea con grande generosità. Il jazz è una musica che a me piace molto, lo ascolto anche nella mia attività artistica. La musica mi piace tutta, però vedo il jazz come uno spazio libero, un linguaggio di assoluta libertà nonostante il fatto che chi lo suona abbia dei canoni spesso rigidi da osservare.






Articoli correlati:
29/07/2017

Vittoria Jazz Festival - X Edizione: "Per il decennale del festival della cittadina iblea, un programma ampio, rappresentativo di diverse realtà del jazz odierno: un ideale viaggio fra Francia, Stati Uniti e Italia, con gruppi ben rappresentativi di alcuni aspetti del jazz." (Vincenzo Fugaldi)

07/08/2016

Vittoria Jazz Festival: "Il festival diretto da Francesco Cafiso, giunto alla nona edizione, ha cambiato formula: nove giorni consecutivi presso la consueta cornice di Piazza Enriquez ma anche presso altri suggestivi spazi della cittadina in provincia di Ragusa." (Vincenzo Fugaldi)

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

09/08/2015

Vittoria Jazz Festival "Music & Cerasuolo Wine" 2015: "Edizione numero otto per il festival in provincia di Ragusa con grandi nomi internazionali e talenti italiani per un programma denso e calibrato..." (Vincenzo Fugaldi)

13/07/2014

Vittoria Jazz Festival 2014: "Settima edizione per il festival diretto da Francesco Cafiso che, con valide proposte artisiche unite a innumerevoli iniziative collaterali, riempie la splendida piazza Enriques in ogni serata..." (Vincenzo Fugaldi)

25/08/2013

Jazz Groove Parte 2: Joyce in 'Femina', Maurizio Brunod & Miroslav Vitous in 'Duets', Claudio Fasoli Four in 'Patchwork', Ambrosetti, Caine, Di Castri in 'From Bach to Miles and Trane' e l'omaggio a Lester Bowie di Enrico Rava & PMJL. (Giovanni Greto)

21/07/2013

Vittoria Jazz Festival Music & Cerasuolo Wine: Il festival diretto da Francesco Cafiso continua con determinazione a mantenere alta la fiamma del jazz di qualità in Sicilia, alternando star internazionali, nuove proposte europee e validissimi talenti isolani. (Vincenzo Fugaldi)

10/03/2013

Rava On The Dancefloor (Enrico Rava and The Parco della Musica Jazz Lab)- Alceste Ayroldi

24/06/2012

Buona musica e prodotti d'eccellenza del territorio: una formula premiata dall'afflusso del pubblico che ha riempito ogni sera la bella piazza Enriquez. (Vincenzo Fugaldi)

03/12/2011

Dear George (Flora Faja) - Alceste Ayroldi

20/11/2011

Moody'n (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

16/07/2011

Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "Alla quarta edizione, il festival di Vittoria si conferma come uno dei più importanti eventi musicali organizzati sul territorio siciliano. La formula prescelta dal direttore artistico è quella di dilatare nel tempo gli incontri musicali, concentrandoli in quattro fine settimana della tarda primavera, valorizzando uno dei quartieri più suggestivi della città, la restaurata Piazza Enriquez, e coinvolgendo, grazie a concerti e jam session notturne, una quantità di pubblico davvero rilevante, composto in parte da giovani e giovanissimi, portatori di un entusiasmo che fa davvero ben sperare sul futuro del jazz, almeno in questa parte della Sicilia." (Vincenzo Fugaldi)

23/04/2011

Piccole interviste visionarie: Il sorriso di Cafiso, i riflessi di Rubino. Cinquant'anni in due, e a vederli sembra anche meno..."A 16 anni suonavo in un'orchestra ed ero il "piccolo" del gruppo; quando improvvisamente arriva questo bambino di otto anni con un sassofono più grande di lui e mi ruba il primato. Da allora siamo diventati profondamente amici ed abbiamo diviso moltissime delle nostre esperienze musicali in varie formazioni, ma è senz'altro il duo la formula in cui uno dialoga e risponde musicalmente all'altro nel modo più intimo." (di Viviana Maxia)

20/03/2011

Intervista a Claudio Quartarone: "La musica per me è un bisogno primario, dopo il respirare...non è solo bellezza, è il sublime." (di Liliana Rosano)

19/12/2010

Travel Dialogues (Francesco Cafiso - Dino Rubino)- Alessandro Carabelli

27/11/2010

Earth Games 2012 (Nicola Ferro) - Marco Buttafuoco

23/10/2010

4 Out (Francesco Cafiso)- Alessandro Carabelli

19/09/2009

Intervista a Giovanni Mazzarino: "Tutto ciò che noi definiamo Arte in realtà è già presente in natura. L'artista non inventa nulla; scopre attraverso la sua opera giornaliera di studio (o in maniera fortuita) alcuni dei principi compositivi (questo vale per tutte le espressioni artistiche); la combinazione di tali principi compositivi, fa in modo che possano venir fuori eventi nuovi...l'invenzione "non inventata"." (Fabrizio Ciccarelli)

06/09/2009

A New Trip (Francesco Cafiso "Island Blue Quartet") - Alceste Ayroldi

16/08/2009

Piazza Jazz 2009 a Piazza Armerina, una realtà dove "cuore e passione sono il motore primo, e tutto il resto viene dopo...sotto la direzione artistica di Giovanni Mazzarino, Piazza Jazz per tre giorni ha fatto risuonare di musica e cultura la città dei mosaici, grazie pure a protagonisti di rilievo internazionale." (Antonio Terzo)

09/08/2009

My Shining Hour (Cinzia Roncelli) - Alceste Ayroldi

03/07/2009

Paolo Fresu Devil Quartet, Tom Harrell, Jerry Bergonzi al Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine, diretto da Francesco Cafiso: "...una manifestazione che vuole crescere, quest'anno la rassegna si internazionalizza, grazie alla presenza di musicisti molto apprezzati in Europa e nel mondo." (Antonio Terzo)

26/05/2009

Intervista a Francesco Cafiso: "...Senza tecnica non vai da nessuna parte, bisogna conoscere lo strumento e avere capacità strumentali notevoli. Se non hai la tecnica neanche la personalità dell'artista e la sua sensibilità possono emergere totalmente. Bisogna però farne un uso intelligente per far prevalere la musica, le emozioni e non la voglia di far vedere quanto si è bravi a muovere le dita." (Viola Martinini)

13/04/2009

Francesco Cafiso e Dino Rubino aprono la stagione 2009 di The entertainer: "Non sono mancati i momenti intensi e lirici che hanno una volta di più confermato quanto sia grande il talento di questo ragazzo. Un musicista che ha il jazz dentro la sua anima di artista, che vive emotivamente la musica che suona..." (Giuseppe Mavilla)

27/03/2009

La Grande Storia del Jazz (AA.VV.)

14/03/2009

Italian Songs (Flora Faja)

09/02/2009

Portrait In Black And White (Francesco Cafiso Sicilian Quartet)

29/06/2008

si è concluso il Vittoria Jazz Festival - Music & Cerasuolo Wine: "...una prima edizione ben riuscita, tanto sotto l'aspetto musicale che per il buon seguito di pubblico, giunto anche dalle province limitrofe, il cui successo ha indotto già le realtà organizzatrici, Comune di Vittoria in testa, a dare appuntamento all'anno prossimo per l'edizione numero due..." (Antonio Terzo)

22/03/2008

Francesco Cafiso, be bop, ma non solo!. "Il quartetto di Cafiso è apparso "solido" come non mai. Già dal primo brano (di Sonny Rollins) s'è capito che c'era qualche cosa in più rispetto all'ultima volta che l'avevamo sentito. Ma soprattutto nei brani firmati da lui Francesco ha dato prova di aver intrapreso la strada della "ricerca"." (Marcello Migliosi)

21/12/2006

Sacile 2006, Il Volo del Jazz (Luca D'Agostino)

16/05/2006

A Tribute to Charlie Parker (Francesco Cafiso & Strings)

05/03/2006

Umbria Jazz Winter #13: "Un festival importante, quello di quest'anno, dove hanno trovato spazio musicisti affermati come John Scofield e Bireli Lagrene, ma anche giovani promesse del jazz mondiale come il pianista americano Robert Glasper e gli inglesi Soweto Kinch..." (Marco De Masi)

05/03/2006

Gallery di Umbria Jazz Winter (Francesco Truono)

06/11/2005

Le foto dell'Enrico Rava Quintet a Jazz in Parco 2005. (Francesco Truono)

16/09/2005

Intervista a Francesco Cafiso, l'enfant prodige che vuole crescere: "...Fino ad adesso è stato tutto naturale, senza alcuna forzatura, sia musicalmente che per quanto riguarda la partecipazione ai festival: spero che proceda così..." (Antonio Terzo)

28/08/2005

"Ciò che la guerra ha distrutto la musica cerca di ricostruire, passando per il linguaggio, universale della musica...della musica nera! Umbria Jazz, balcanic windows against racism ha preso ufficialmente il via a Belgrado" (Marcello Migliosi)

03/07/2005

Intervista a Riccardo Arrighini: "...Sto approfondendo molto lo stile tradizionale, sto tornando al blues e alle improvvisazioni ricche di block chords e di blue notes, di stride piano. Secondo me è importante tornare indietro su cose che pensavi di aver già studiato a sufficienza..." (Michela Lombardi)

03/05/2005

Masterclass di Andrea Tofanelli: "...Nella splendida cornice del Palazzo Ducale di Martina Franca Andrea Tofanelli ha dato vita insieme ad una trentina di partecipanti provenienti dall'Umbria, Campania e ovviamente Puglia ad una "tre giorni" dedicata alla tromba..." (Mino Lacirignola)

02/05/2005

Francesco Cafiso per la rassegna Sintesi Jazz "...L'arte di "flautare" l'ancia appartiene a Cafiso, con venature fortemente bebop e mainstream. Ed è forse l'influsso dello swing e del ragtime, il vezzo e il limite – più che naturale data la giovane età, solo 16 anni – dell'altosassofonista di Vittoria..." (Marcello Migliosi)

20/06/2004

Intervista a Massimo Nunzi: "...Cerco preferibilmente di ascoltare chi mi da una emozione. Potrei definirmi "bulimico", cerco di nutrirmi di tutta la musica purchè mi trasmetta una esperienza positiva..." (Franco Giustino)

19/06/2004

Jazz: istruzioni per l'uso. La storia del Jazz in otto splendide serate in cui Massimo Nunzi e la sua Jazz Orchestra hanno trasmesso l'essenza del jazz ai numerosi spettatori.

21/04/2004

Casa Moderna (Massimo Nunzi)





Video:
FRANCESCO CAFISO 4 OUT @ BLUE NOTE 11/1/2011
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Stefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 16/02/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2810
Francescco Cafiso For Out - I hear a rapsody
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Sefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 14/02/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2484
Francesco Cafiso 4 out @ Blue Note 11 gennaio 2011 (BIS)
Francesco Cafiso, Dino Rubino, Stefano Bagnoli, Paolino Della Porta...
inserito il 11/01/2011  da tibet1962 - visualizzazioni: 2651
OJFESTIVAL2010-VASANELLO-CAFISO/RUBINO
ORTACCIO JAZZ FESTIVALVASANELLO 15/18 LUGLIO 2010...
inserito il 26/07/2010  da maracao - visualizzazioni: 2298
Cafiso - Rubino ...
ProveCheck Sound...
inserito il 06/04/2010  da MacertoVideo - visualizzazioni: 2378
Massimo Nunzi - Italian Jazz Graffiti XI
...
inserito il 26/02/2010  da Storieminime - visualizzazioni: 2173
Pablo (Dino Rubino, Francesco Cafiso and the Island Blue Quartet)
catania jazz, a new trip tour...
inserito il 20/01/2010  da fab2yeux - visualizzazioni: 2360
NOTTE BIANCA CATANIA 2009 FRANCESCO CAFISO DINO RUBINO SCUCCESS
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 02/11/2009  da tonicarbone - visualizzazioni: 2316
NOTTE BIANCA CATANIA 2009 FRANCESCO CAFISO DINO RUBINO SCUCCESS
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 02/11/2009  da tonicarbone - visualizzazioni: 2417
ALBERTA BRAVO CAFE E FRANCESCO 092FRANCESCO CAFISO THE GENIOUS!!!|!BOLOGNA OTTOBRE 2009
20 e 21 ottobre Bologna al Bravo Caffè Francesco Cafiso THE GENIUS !!!! grazie di darci una emozione che dai tempi di Coltraine o dei grandissimi...
inserito il 22/10/2009  da albertantonia - visualizzazioni: 2661
Gallarate Jazz Festival 2009 - Francesco Cafiso parte 1
Prima parte dell'intervento di Francesco Cafiso al Gallarate Jazz Festival 2009Leggi articolo:http://www.portaleassesempione.it/cultura/4580-g...
inserito il 12/10/2009  da Assesempione - visualizzazioni: 2381
Cafiso & Rubino in Concerto a Sant'Agata M.
Sant'Agata Militello (Me) - Nell'incantevole scenario del "Castello Gallego", Francesco Cafiso, il talento più recente ...
inserito il 25/07/2009  da cirosca3 - visualizzazioni: 2227
Calvino Reloaded - Cadoneghe (PD), 240609
...
inserito il 20/07/2009  da GershwinSpettacoli - visualizzazioni: 2804
Calvino Reloaded - Cadoneghe (PD), 240609
...
inserito il 20/07/2009  da GershwinSpettacoli - visualizzazioni: 2756
il moro cava de' tirreni-FRANCESCO CAFISO,DINO RUBINO,ALDO VIGORITO E AMEDEO ARIANO
Francesco Cafiso, Dario Rubino, Amedeo Ariano, Aldo VigoritoConcerto solo su prenotazione onlinePrenotazioni online chiuse. Telefonare al moro per inf...
inserito il 28/06/2009  da elchimico - visualizzazioni: 2213
Massimo Nunzi ed Elena Somarè parlano della grande storia del jazz
...
inserito il 29/05/2009  da esomare - visualizzazioni: 3295
Enrico Rava conferenza stampa
Enrico Rava...
inserito il 27/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3330
Jazz Istruzioni per l'uso roberto gatto
...
inserito il 14/05/2008  da esomare - visualizzazioni: 5394
Jazz istruzioni per l'uso paolo fresu
...
inserito il 14/05/2008  da esomare - visualizzazioni: 3704
Radio Roccella Intervista a Massimo Nunzi
...
inserito il 26/01/2008  da RadioRoccella - visualizzazioni: 2191


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 3.781 volte
Data pubblicazione: 11/09/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti