Jazzitalia - Io C'ero: Danza Multietnica di Paul MC Candless e Antonio Calogero
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

The Enterteiner
Danza Multietnica di Paul MC Candless e Antonio Calogero
25 novembre 2007, Scicli
di Giuseppe Mavilla
foto by docStudio

Non era nel programma ufficiale della stagione invernale di The Entertainer il concerto che domenica 25 novembre 2007 si è svolto presso la Cripta della Chiesa del Carmine a Scicli. In scena Paul MC Candless e Antonio Calogero con la loro Danza Multietnica, un'altra opportunità colta al volo dall'Associazione, di cui è Direttore artistico Mariolina Marino, che va sottolineata ed evidenziata anche se ormai è da anni che The Entertainer ci ha abituato a spettacoli di primo piano che hanno portato sui palcoscenici iblei musicisti di levatura internazionale.

Q
uello che dispiace al cronista musicale è che non sempre la risposta del pubblico è adeguata all'evento proposto per cui spesso ci si ritrova in poche decine di unità ad assistere a concerti che invece meriterebbero presenze più cospicue. Da queste parti nel passato ci si lamentava dell'esigua ricorrenza di concerti di qualità e oggi che un'associazione come The Entertainer si prodiga tra mille difficoltà per assicurare agli appassionati la presenza in questo territorio di nomi importanti ecco che la risposta non premia l'impegno profuso. E non si può peraltro imputare il mancato riscontro ad un deficit promozionale perché l'ufficio stampa di The Entertainer lavora sempre alacremente per promuovere l'evento di turno. Eppure i numeri delle presenze, è vero, sono altri nel periodo estivo, in seno al Festival Note di Notte, ma è inutile nascondere che in quel caso questo genere di eventi vengono anche vissuti con spirito mondano.

Ma veniamo alla Danza Multietnica di Paul McCandless e Antonio Calogero, due musicisti che a vederli insieme sull'improvvisato palchetto della Cripta viene da chiedersi ma come fanno due musicisti apparentemente così diversi nelle loro esperienze artistiche e nel loro background musicale a vivere un'esperienza artistica in comune? Mai un cronista di jazz che si rispetti avrebbe dovuto porsi un quesito così banale, sono attimi di amnesia in cui ci si dimentica che il jazz nel suo grande porto aperto ad ogni espressione libera e non convenzionale può fare questo ed altro senza scandalizzare o stupire più di tanto. Un binomio già collaudato, quello tra Calogero e McCandless, arrivato peraltro solo nel pomeriggio dalla Germania, i due hanno già suonato insieme oltreoceano incantando il pubblico americano, cosa assolutamente normale per un musicista come McCandless che con gli Oregon ha già ampiamente dimostrato le sue qualità artistiche, mentre Calogero è arrivato in America nel 1996 dopo aver suonato in tutta Europa. Nato a Messina, vanta un diploma presso il Conservatorio Santa Cecilia di Roma e una grande stima da parte di chi in America nutre passione per la buona musica. Ha al suo attivo due album già pubblicati "Caleidoscopio" e "La rosa del Deserto", mentre un altro album "Danza Multietnica" è già pronto ma non si conosce ancora la data per la sua pubblicazione. E del concerto di Domenica 25 novembre Antonio Calogero è stato il protagonista principale. Un musicista dallo stile apparentemente accademico almeno da come imbraccia il suo strumento, di cui fra l'altro dimostra di preferire la versione classica. Infatti esordisce sulla scena con una chitarra classica e dalle prime note del brano di apertura "La Festa del Vento" si ha subito la certezza di trovarsi di fronte ad un musicista di grandi doti con una visione musicale ampia a dispetto delle apparenze anche se particolarmente rivolta al filone etnico, proposto in una dimensione sonora che si muove però in punta di piedi, senza eccessivo fragore, privilegiando di contro l'essenza vera e propria di questa musica attraverso le influenze di altri linguaggi come, appunto, la classica il jazz e perfino il folk, l'altro aspetto molto evidente nel modo di esprimersi, attraverso lo strumento, del musicista siciliano. E in questo Paul McCandless si trova perfettamente a suo agio, nelle vesti non solo di musicista ma anche, come mi piace sempre definirlo, di architetto del suono, così preciso negli inserimenti, nel fraseggio, con il suo set di strumenti a fiato: sax soprano, oboe e clarinetto basso, disposto accanto a lui, strumenti che alterna con scelta maniacale nei vari brani mentre si mostra orgoglioso e complice di questo giovane musicista con il quale dialoga da par suo.

I brani si susseguono uno dopo l'altro, quasi tutti di durata breve, mai i due si dilungano in un esercizio di improvvisazione che potrebbe farli cadere nel virtuosismo fine a se stesso, date le loro qualità di strumentisti. E questo consente ai presenti di non distrarsi durante l'ascolto come ovviamente desidera Antonio Calogero che presenta ogni brano annunciandone il titolo. Racconta poi di una tarantella, Antonio, che ha per titolo, L'attacco Saraceno, composto su sollecitazione di McCandless visto che l'esecuzione di questo genere di musica ha fatto presa sul pubblico americano, il tocco alla chitarra che ne scandisce il ritmo impressiona per la sua precisione. E poi Pandereta, A life theme, Unexpected summer, The endless gift, May or mai, Untitled e Honduras tutte composizioni firmate dallo stesso Calogero che fa un'eccezione solo per un brano di Annibal Augusto Sardinha (Garoto) che si intitola Lamentos do morro e che lui esegue da solo naturalmente alla chitarra. Nel finale arriva Danza Multietnica che da il nome non solo allo spettacolo ma anche al suo prossimo cd già pronto e sulla cui pubblicazione, mi rivela Calogero a fine concerto, si stanno ancora vagliando strategie e opportunità. Attendiamo allora la pubblicazione di questo cd, che ci auguriamo di poter recensire, proprio per approfondire l'analisi di questo musicista che va conosciuto e apprezzato per le grandi qualità non solo di strumentista ma anche di compositore sperando che non ceda totalmente alle lusinghe degli appassionati d'oltreoceano.









Articoli correlati:
03/01/2016

Oregon: il fascino intramontabile della ricerca: "Complessi, raffinati, intensi, questo dopo tanti anni sono ancora oggi gli Oregon per la XX edizione di ParmaJazz Frontiere" (Barbara Bianchi)

12/04/2015

Only Light Blue (Rosalba Bentivoglio)- Nicola Barin

28/04/2013

Blue From Heaven (Pierluigi Balducci)- Gianni Montano

02/01/2011

In stride (Oregon)- Alessandro Carabelli

02/12/2009

Elisabetta Antonini presenta il suo album "Un minuto dopo" all'Alexander Platz di Roma insieme a Gabriele Coen, Alessandro Gwis e Paul McCandless. (Laura Mancini)

25/10/2009

Un minuto dopo (Elisabetta Antonini)- Andrea Gaggero

06/06/2009

Danza Multietnica (Antonio Calogero )

13/04/2009

Francesco Cafiso e Dino Rubino aprono la stagione 2009 di The entertainer: "Non sono mancati i momenti intensi e lirici che hanno una volta di più confermato quanto sia grande il talento di questo ragazzo. Un musicista che ha il jazz dentro la sua anima di artista, che vive emotivamente la musica che suona..." (Giuseppe Mavilla)

10/11/2008

Intervista ad Antonio Calogero: "L'altro significato che, secondo me, si potrebbe dare al termine world music è quella di una musica che, filtrata attraverso la sensibilità del compositore, ingloba influenze che vengono, non dico da ogni parte del mondo, ma da tutte quelle che il musicista ha in qualche modo assimilato in trenta anni di studio." (Giuseppe Mavilla)

15/08/2008

Il sole di un attimo (Ada Montellanico)

14/08/2008

en plein air (Fabularasa)

14/06/2008

Giovanni Allevi in concerto a Modica per la stagione invernale di The Entertainer: "Quando è apparso sulla scena è sembrato che qualcuno lo avesse spinto di forza sulla ribalta. Timido come sempre ed impacciato come gli succede quando non è seduto accanto al suo pianoforte..." (Giuseppe Mavilla)

02/03/2007

Anna Maria Castelli e Vicky Schaetzinger aprono con Tango a Due la stagione 2007 di The Entertainer: "Anche questa volta Anna Maria Castelli ha fatto centro, grazie alle sue gestualità, alla sua espressività, a quella sua propensione ad interpretare, esclusivamente secondo il suo senso artistico, quello che sceglie di proporre al suo pubblico." (Giuseppe Mavilla)

26/01/2007

Salvatore Bonafede al Lumiére in un omaggio a Nino Rota: "...in questo nostro Sud vedo che non è cambiato ancora niente. Da una parte c'è il richiamo perché è una terra ridente, fortunata...Però con l'altra metà della bocca siamo sempre tristi, siamo in difficoltà, siamo malinconici, ci manca sempre qualcosa, siamo piagnucoloni..." (Giuseppe Mavilla)

11/01/2007

Oscar Del Barba Trio Special Guest Javier Girotto: "Ascoltare il trio di Oscar Del Barba con Javier Girotto era un'occasione da non perdere anche per constatare lo stato di grazia in cui versa il jazz italiano..." (Giuseppe Mavilla)

09/04/2006

Walking On The Tiger's Tail (Nguyen Le Quartet)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 4.010 volte
Data pubblicazione: 23/02/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti