Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Michel Portal trio
Jazz all'Ambra
Teatro Ambra Jovinelli – 23 febbraio 2004
di Dario Gentili
foto di Daniele Molajoli


Michel Portal
– sassofono alto, clarinetti, bandoneon
Bojan Zulfikarpasic – piano
Bruno Chevillon – contrabbasso

«Amo andare sul palco senza sapere quello che suonerò. È fantastico, è veramente l'unica volta in cui ti puoi divertire. Devi essere libero. Ho bisogno di musicisti che hanno lasciato il loro ego dietro le spalle. Veri improvvisatori, che non smettono mai di sorprenderti quando suoni con loro.»; questa dichiarazione di Michel Portal può benissimo valere da scaletta per il concerto di questa sera all'Ambra Jovinelli. Infatti, l'improvvisazione è stata la caratteristica dominante dell'esibizione del trio guidato da Portal. Quanto ai musicisti che lo accompagnano, Bojan Zulfikarpasic al piano e Bruno Chevillon al contrabbasso, che hanno già lavorato con Portal nel suo Dockings (Label Bleu, 1998), si sono dimostrati compagni ideali nel seguire l'inquieta ispirazione di Portal, che li ha condotti lungo i variegati e diversi territori della sua quasi enciclopedica cultura musicale; eppure, in nessun momento il concerto di stasera ha perduto quel gusto per il gioco e il divertimento che è il sale stesso dell'improvvisazione.

Dalla musica classica al jazz più ortodosso all'avanguardia più radicale: la capacità live più sorprendente di Portal è di mescolare tali stili e generi anche in uno stesso brano, che spesso si compone di momenti tra loro anche molto diversi come in una sinfonia. Introdotto il tema, spesso semplice e immediato, il trio presto lo lascia risuonare solo nella memoria dell'ascoltatore e s'avventura in brevi siparietti d'improvvisazione tra loro slegati e chiusi in se stessi e, quando ormai sembra che il trio abbia intrapreso ritmi e toni troppo diversi, ecco che torna quasi in modo beffardo il tema iniziale a ricordare che, in fondo, si tratta pur sempre di quel brano di venti minuti prima. Effettivamente è la sorpresa il leit motiv del concerto: quasi subito si intuisce che a ogni cambio di strumento da parte di Portal (sassofono alto, clarinetto, clarinetto basso, bandoneon) corrisponde un'ispirazione e uno stile diverso: dentro il più canonico post-bop può esserci un tango e dentro un tango alla Piazzolla il free. Non si può intuire mai prima quali e quante sorprese può nascondere un'improvvisazione di Portal, a volte si susseguono rapide e senza soluzioni di continuità come in una sorta di impressionismo sonoro. Non sono certo mancati, da parte di ognuno dei tre musicisti, momenti di virtuosismo creativo; Portal ha esplorato praticamente tutte le possibilità polifoniche del clarinetto e del sax, ma ha anche "inventato" sonorità assurde, come quando ha suonato il suo sax praticamente tra le corde del pianoforte, facendole vibrare mentre Zulfikarpasic ne accompagnava l'improvvisazione.

Dopo una indefinita serie di "cosa s'inventerà adesso", il concerto termina al secondo bis con un classico tango argentino, quasi cantato da Portal, a ribadire, semmai non si fosse già capito dalla passione con cui ne ha sempre accompagnato l'esecuzione, la sintonia musicale ed emotiva con le sue atmosfere, che non traspare soltanto quando imbraccia il bandoneon.





Articoli correlati:
23/09/2017

Talos Festival 2017: "Un esempio virtuoso di politica culturale che trae la propria forza dalla competenza, dalla volontà e dalla passione del direttore artistico..." (Vincenzo Fugaldi)

18/08/2011

Gent Jazz Festival - X edizione: Dieci candeline per il Gent Jazz Festival, la rassegna jazzistica che si tiene nel ridente borgo medievale a meno di 60Km da Bruxelles, in Belgio, nella sede rinnovata del Bijloke Music Centre. Michel Portal, Sonny Rollins, Al Foster, Dave Holland, Al Di Meola, B.B. King, Terence Blanchard, Chick Corea...Questa decima edizione conferma il Gent Jazz come festival che, pur muovendosi nel contesto del jazz americano ed internazionale, riesce a coglierne le molteplici sfaccettature, proponendo i migliori nomi presenti sulla scena. (Antonio Terzo)

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

25/10/2009

Remembering Weather Report (Miroslav Vitous Group w/Michel Portal) - Dario Gentili

30/09/2007

Bari in Jazz 2007: "La rassegna, che si è avvalsa della direzione artistica di Roberto Ottaviano, si è sviluppata per il secondo anno consecutivo lungo gli affascinanti vicoli del Borgo Antico, permettendo ad un pubblico allargato di godere delle esibizioni dei musicisti chiamati in quest'occasione." (Alberto Francavilla)

21/04/2006

Michel Portal e Bojan-Z duo per Musicus Concentus: "...un duo che coniuga mirabilmente avanguardia e tradizione, impegno e grande comunicatività, palpabile gioia di suonare insieme e grande amore e rispetto per chi ascolta." (Enzo Fugaldi)

26/03/2006

Michel Portal Quartet feat. Louis Sclavis allo IUC di Roma: "...da un lato l'ascoltatore viene catturato dall'estasi di una poliritmia che rimanda all'Africa e dall'altro è invitato a seguire il corso di melodie suadenti cullanti..." (Daniele Mastrangelo)

13/08/2005

Concerts (Michel Portal – Richard Galliano)

02/04/2004

Gianluigi Trovesi Ottetto special guest Louis Sclavis: "...la contaminazione tra generi musicali così diversi non diventa mai provocazione sonora, anzi ogni brano sembra costruito in modo che l'amalgama non risulti mai forzata, né tanto meno kitsch..." (Dario Gentili)

29/02/2004

Guarda che luna, spettacolo in cui "...il jazz presta la propria naturale attitudine a mettersi in gioco, a sconfinare, a metabolizzare altri linguaggi..." (Francesco Lombardo)

23/04/2003

Michel Camilo Trio: "...Di Michel è veramente difficile descriverne l'impeto scaricato sulla tastiera del suo pianoforte ed altrettanto complicato è immaginarlo in situazioni intimistiche dall'intensità davvero straziante." (Marco Puntiero)







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 6.596 volte
Data pubblicazione: 13/04/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti